Gravity Race 2011: la prima tappa

Gravity Race 2011: la prima tappa

21/03/2011
Whatsapp
21/03/2011
[Comunicato Stampa] Partiti! Il Gravity Race 2011 inizia dall’ottimo tracciato della Hell’sValley. La pineta secolare ha fatto da scenario alla pista tirata a lucido per l’occasione dagli organizzatori della tappa, Tuttociclo Racing Team (www.tuttocicloracingteam.it). Il tranquillo paesino di Vallerotonda (FR)  è stato pacificamente assediato dai molti bikers presenti, accorsi da tutta Italia per darsi battaglia durante il primo dei sei appuntamenti del Circuito. Il paddock è stato allestito nella piazzetta principale dove hanno sede il palazzo Comunale, la scuola e la palestra (quest’ultima messa a disposizione dall’amministrazione ai giudici di gara e agli organizzatori per rielaborare le classifiche finali e, a fine gara, per la consueta cerimonia di premiazione). La giornata di sabato è iniziata presto: mentre i team ritardatari sistemavano i propri gazebo, i primi arrivati iniziavano gia le risalite per testare il percorso. Le piogge torrenziali dei giorni precedenti non hanno minimamente inficiato la tenuta del single track che, a detta di molti, risultava perfetta.
Dislocati lungo il tracciato e pronti ad intervenire in caso di necessita, c’erano i volontari della croce rossa di Cassino, che con molta pazienza hanno atteso il termine delle prove prima di abbandonare il percorso. La giornata è trascorsa per tutti alla ricerca delle linee migliori da percorrere in gara per limare secondi preziosi al cronometro. Il tempo buono ha permesso a tutti di “tirare” fino alle 16:30, ora di partenza dell’ultima risalita, e di intrattenersi per qualche foto posata.
Nei pressi della piazza, decentrata rispetto al centro abitato, arroccato a quota 900 metri con il suo campanile ben in vista, è stato permesso ai riders arrivati in camper di trascorrere li la notte.
Arrivati la mattina presto, la domenica di gara gli atleti, dopo i controlli di rito all’assetto delle proprie bike e ai necessari controlli di sicurezza da parte dei giudici di gara, sono stati subito trasportati sul tracciato per completare le due prove, obbligatorie come da regolamento federale, prima della partenza della gara. Lungo il percorso hanno trovato nuovamente i volontari della croce rossa accompagnati dalla protezione civile di Cassino che ha provveduto al ponte radio tra partenza e arrivo. Dopo le due prove c’è stato un breve stop per riorganizzarsi prima della partenza e per permettere ai fotografi e al pubblico di sistemarsi nei punti strategici e maggiormente spettacolari del fettucciato di gara.
Alle 12:30 e dopo l’apripista, sono le donne a iniziare le danze. Seguono, uno dopo l’altro a 30 secondi di distanza e a 1 minuto tra le diverse categorie, tutti i 111 iscritti. 1,8 km e 3 minuti più a valle della partenza, tutti i partecipanti hanno tagliato il traguardo senza nessun problema rilevante, a parte qualche scivolata e le solite forature. Ad attenderli pronti i furgoni dell’organizzazione che hanno immediatamente riportato tutti su ad attendere la seconda manche, partita circa mezzora dopo  l’ultimo concorrente della prima.
Durante la seconda prova molti tempi sono calati, qualcuno è aumentato, qualcuno, per problemi tecnici, si è dovuto accontentare della prima prestazione. Stanchi ma tutti visibilmente soddisfatti si sono ritrovati nella palestra adiacente i paddock in attesa delle classifiche finali. Dopo mezzora, e in presenza del Sindaco e dell’Assessore allo sport sono iniziate le premiazioni. I primi riconoscimenti sono andati agli atleti che durante l’edizione 2010 si sono distinti per gli ottimi risultati ottenuti, tra questi ha spiccato sicuramente Francesco Petrucci, vincitore della passata edizione del Gravity Race e migliore assoluto di questa tappa di Vallerotonda che, con un tempo di 2:50.64 firma in modo indelebile la gara alla Hell’s Valley. Il resto della cerimonia ha visto protagonisti tutti gli atleti che si sono impegnati con ottimi risultati generali.
Una due giorni che, seppur con qualche problema, si è rivelata sicuramente una esperienza positiva per il Gravity Race, per gli atleti intervenuti e soprattutto, come ci ha tenuto a specificare il sindaco durante il suo breve saluto, a tutta la comunità di Vallerotonda che si auspica non solo la ripetizione dell’evento, ma una sempre maggiore frequentazione dei suoi percorsi da parte degli appassionati della disciplina.
Arrivederci al 3 Aprile in quel di Macerata con la “7° downhill San Lorenzo di Treia”, secondo appuntamento imperdibile del Gravity Race!!