Il CAI di Belluno contro le mountain bike

396

L’articolo inizia con un promettente “Il Club Alpino Italiano sostiene il cicloturismo, anche in quota”. Poi si scatena: “Ad una condizione: che percorra tracciati dedicati.”

Le parole sono di Renato Frigo, presidente regionale del CAI. Fa riferimento alla famosa legge veneta secondo cui tutti i percorsi in quota sono vietati alle MTB, e secondo lui i comuni dovrebbero far rispettare la legge.

Si continua con:

L’abuso viene perpetrato soprattutto dagli ultimi arrivati, che si cimentano con l’e-bike sul primo sentiero che incontrano. Magari senza sapere che è tra quelli vietati dalla legge regionale. «I sentieri alpini Cai, per essere inseriti nei percorsi cicloescursionistici autorizzabili», ricorda Frigo, «devono soddisfare le seguenti condizioni tecniche: larghezza minima del fondo viabile, sull’intero tratto interessato, di 1,5 metri; pendenza massima del 20% calcolata su un tratto di 2,5-10 m di lunghezza; mantenimento dell’uso promiscuo in sicurezza del sentiero alpino; ridotta velocità da parte dei ciclisti; specifica segnaletica rivolta agli utenti. Sono queste le condizioni degli itinerari dove gli escursionisti incrociano i bikers? Assolutamente no, nella maggior parte dei casi».

Dopo uno sproloquio che mostra chiaramente che non conosce il tema di cui parla (freeride, downhill, chi più ne ha più ne metta), conclude con: «Noi del Cai», conclude il presidente, «vogliamo dar voce a chi pratica la mountain-bike con spirito escursionistico, con genuina passione per la natura. Vogliamo dar voce a chi è abituato a muoversi in silenzio, a chi ama la sana fatica, a chi non considera l’ambiente montano come un luna-park. Difendiamo la montagna da chi la usa male».

Secondo Frigo, dunque, il cicloescursionismo del CAI deve tenersi sugli argini del Piave, sempre che siano larghi abbastanza? Oppure dovremmo andare sulle strade montane trafficate da lui e i suoi adepti che raggiungono le località di montagna per farsi l’escursione della domenica, dando fastidio anche lì perché devono rallentare?

Viene anche spontaneo chiedersi se il dare voce “a chi non considera l’ambiente montano come un luna-park” si riferisce anche a tutti i pedoni che prendono le funivie per andare in quota a mangiare polenta sovrapprezzo e soprattutto a tutti quegli sciatori che con il turismo invernale tengono viva l’economia montana.

 

Commenti

  1. Io sono tesserato CAI unicamente xchè organizzano belle uscite in MTB e se sei rispettoso di chi incontri mai avuto problemi , vero che qualche maleducato pensa che il ciclista ha la precedenza ma non è così x me la montagna è di tutti ma fruita con buonsenso
  2. sono tutte balle... post ad hoc per scatenare la buriana estiva pre-vacanziera
    legge inapplicabile
    il problema vero sono le e-bike che salgono ovunque e spesso guidate da gente che senza motore non va neanche a prendere il pane
    sui sentieri ci vuole rispetto... per tutti e da tutti... punto
  3. fafnir:

    Io lo capisco tutto questo astio, in montagna sono sia in bici che a piedi e quando sono a piedi i disperati allo sbaraglio sono molesti a dire poco, intollerabili per me che sono anche ciclista figuriamoci per una famiglia classica con passeggino o col cane.
    Ormai con pochi euro tutti possono andare e noleggiare per un giorno e fare casini in giro, arrivano ovunque in turbo zigzagando
    Sto maledetti su i sentieri col passeggino e cane senza guinzaglio...:rosik: ...pistaaaaaaaaaa....:via!:
Storia precedente

Le protezioni da usare quando si va in MTB

Storia successiva

Nebuloso annuncio di Avancini: si ritira?

Gli ultimi articoli in News