Il mountain biking del futuro?

Il mountain biking del futuro?

06/09/2019
Whatsapp
06/09/2019

Negli ultimi anni Zwift ha reso l’allenamento sui rulli meno noioso grazie al suo software che permette di pedalare insieme agli amici o a dei perfetti sconosciuti in un ambiente virtuale connesso tramite il web. Ritrovi, piani di allenamento, KOM e vere e proprie gare spopolano quando fuori fa freddo o è già buio. Su BDC abbiamo creato una sezione apposita agli allenamenti Zwift, nonchè un gruppo BDC collegato tramite Discord. Insomma, Zwift sta convincendo sempre più gente ad allenarsi sui rulli.

Finora però non c’era una realtà virtuale MTB. Ad Eurobike abbiamo visitato lo stand Zwift e abbiamo scoperto non solo un modulo fuoristrada, ma anche un apparecchio che riproduce gli impulsi dello sterzo sullo schermo. C’è un percorso da seguire e, se si sbaglia traettoria, si finisce fuori linea e si perde tempo.

Guardate il video per vederlo all’opera. Perdonate l’audio, ma non avevo un microfono con me.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
gian72to
gian72to
Tristezza
dafde
dafde
spero di no, il bello è uscire! però per provare un percorso come un simulatore ci potrebbe stare, ma usare un sistema del genere come sostituto, per me NO
Marco Toniolo
spero di no, il bello è uscire! però per provare un percorso come un simulatore ci potrebbe stare, ma usare un sistema del genere come sostituto, per me NO

non deve essere un sostituto, ma se fuori fa brutto o non si riesce a girare in settimana perché fa buio quando si torna dal lavoro, Zwift è un’ottima opportunità per allenarsi seriamente, magari in vista di una gara. I piani di allenamento sono fatti veramente bene e richiedono circa 1 ora al giorno, dopo la quale si è abbastanza brasati…

F
Fbf
Tra trainer road e swift quale è il "meglio" secondo te?
DIRT RIDER
DIRT RIDER
ma se fuori fa brutto piuttosto approfittatene per dar due colpi alla vostra compagna, anche quello richiede un ora al giorno dopo la quale si è abbastanza brasati.
giuanin89
giuanin89
Hai vinto
J
jajamtb
Ma in caso di rock garden è necessario usare il dropper? 🙂
Valtrompia1970
Valtrompia1970
Non giudico perchè prima bisognerebbe provarlo
Deroma
Deroma
mmmmm così a prima vista non mi sembra un granchè…. più video gioco che allenamento, mentre per la BDC è molto utile
F
Fbf
Tra trainer road e swift quale è il "meglio" secondo te?
Etien
Etien
La tecnologia, come in questo caso, può essere utile. Un amico ha avuto un infortunio alla Dolomiti Siperbike e visto che si sta "pedalando addosso" sta pensando seriamente di acquistare un prodotto analogo, sicuramente utile per chi non ha tempo (di qualità) per allenarsi.
mirc0
mirc0
non deve essere un sostituto, ma se fuori fa brutto o non si riesce a girare in settimana perché fa buio quando si torna dal lavoro, Zwift è un’ottima opportunità per allenarsi seriamente, magari in vista di una gara. I piani di allenamento sono fatti veramente bene e richiedono circa 1 ora al giorno, dopo la quale si è abbastanza brasati…

era la risposta all’inquietante titolo… e la risposta la condivido; poi quando la Terra sarà coperta da cemento e acciaio come nei romanzi di Asimov i nostri (spero lontani) eredi probabilmente troveranno normale virtualizzare e sicuramente sarà un processo molto più vicino alla realtà fisica.

comunque, mai provato zwift o simili, ma solo rulli da criceto base (questo è da criceto 3.0) e se segui tabelle adeguate i risultati si sentono.
Se in più si riesce a rendere molto meno noiosa l’attività… why not?

andry-96
andry-96
non deve essere un sostituto, ma se fuori fa brutto o non si riesce a girare in settimana perché fa buio quando si torna dal lavoro, Zwift è un’ottima opportunità per allenarsi seriamente, magari in vista di una gara. I piani di allenamento sono fatti veramente bene e richiedono circa 1 ora al giorno, dopo la quale si è abbastanza brasati…

Sicuramente più interessante per le bdc dove uscire in notturna è un suicidio e dove comunque bisogna più che altro pedalare…
Per allenarsi agli stimoli della mtb in salita tecnica e discesa non basta un simulatore sullo sterzo

drmale
drmale
Uso zwift per allenarmi con rullo interattivo e devo dire che è molto efficace. Certo non cancella la noia del uso indoor, ma non è così devastante come lavorare sul rullo tradizionale, mentre i risultati dal punto di vista della preparazione sono davvero notevoli. Sono persino riuscito a fare sedute di 90′, e finire piuttosto contento, anche se quando devo iniziare devo vincere la repulsione. Sul fatto che si aggiunga l’elemento ludico della guida, se aiuta a far passare il tempo ok.
DIRT RIDER
DIRT RIDER
ma se fuori fa brutto piuttosto approfittatene per dar due colpi alla vostra compagna, anche quello richiede un ora al giorno dopo la quale si è abbastanza brasati.
D-Lock
D-Lock
non deve essere un sostituto, ma se fuori fa brutto o non si riesce a girare in settimana perché fa buio quando si torna dal lavoro, Zwift è un’ottima opportunità per allenarsi seriamente, magari in vista di una gara. I piani di allenamento sono fatti veramente bene e richiedono circa 1 ora al giorno, dopo la quale si è abbastanza brasati…

Confermo, lo uso abbastanza di inverno anche solo per tenermi in forma e fare.un po’ di "fondo" per la stagione.
Più che la simulazione (carina ma non necessaria) mi interessano di più i piani di allenamento specifici, finora ce n’era solo uno chiamato "Cape Epic" che però non ho mai provato, speriamo ne arrivino altri. Trainerroad ne ha parecchi ma a livello di noia è devastante guardare un grafico per un’ora, zwift è mille volte meglio.

Inoltre, curiosità, serve solo l’accessorio da mettere sotto alla ruota davanti? Sì hanno più informazioni?

F
Fbf
Io sono indeciso tra zwift e trainer road, cosa consigli?
M
MBerge
Sicuramente più interessante per le bdc dove uscire in notturna è un suicidio e dove comunque bisogna più che altro pedalare…
Per allenarsi agli stimoli della mtb in salita tecnica e discesa non basta un simulatore sullo sterzo

STRAQUOTO!!!

Su bdc si abbassa la testa e si mena, in strada o sui rulli. L’elemento tecnico è del tutto trascurabile (parlando di uscite individuali). Ma un simulatore sulla mtb, che mi solleciti pure un pò lo sterzo, toglie tutto: pedalare in punta di sella in salita, il bilanciamento dei pesi, il ripido delle discese, il guidare la bici in qualsiasi momento dell’uscita, il rischio di infilare la ruota nel posto sbagliato, la risposta diversa del terreno, gli ostacoli……
In più i rapporti della mtb richiedono al rullo resistenze altissime per rendere l’allenamento funzionale.
Per me sulla mtb è una cagata pazzesca, in sintesi.

E se lo si fa per allenarsi, una qualsiasi bdc ed un quasi-qualsiasi rullo sono decisamente più efficaci, con o senza il supporto di Zwift che resta pura ludicità :prost:

D-Lock
D-Lock
STRAQUOTO!!!

Su bdc si abbassa la testa e si mena, in strada o sui rulli. L’elemento tecnico è del tutto trascurabile (parlando di uscite individuali). Ma un simulatore sulla mtb, che mi solleciti pure un pò lo sterzo, toglie tutto: pedalare in punta di sella in salita, il bilanciamento dei pesi, il ripido delle discese, il guidare la bici in qualsiasi momento dell’uscita, il rischio di infilare la ruota nel posto sbagliato, la risposta diversa del terreno, gli ostacoli……
In più i rapporti della mtb richiedono al rullo resistenze altissime per rendere l’allenamento funzionale.
Per me sulla mtb è una cagata pazzesca, in sintesi.

E se lo si fa per allenarsi, una qualsiasi bdc ed un quasi-qualsiasi rullo sono decisamente più efficaci, con o senza il supporto di Zwift che resta pura ludicità :prost:

Non commento su tutto il resto perché ognuno ha le sue opinioni, ma esistono rulli che reggono fino a 1400w di potenza. Se sei in grado di produrre questi numeri sei parte di una ridotta elite anche nel world tour stradale…

M
MBerge
Non commento su tutto il resto perché ognuno ha le sue opinioni, ma esistono rulli che reggono fino a 1400w di potenza. Se sei in grado di produrre questi numeri sei parte di una ridotta elite anche nel world tour stradale…

Ma sì certamente!!

Però un rullo costa tanto più caro quanto più è complesso ed efficace il sistema di resistenza. Quindi il giochino di Zwift sulla mtb diventa piuttosto oneroso e molto poco "realistico". Mentre su bdc la replica è più semplice, e quindi efficace, e lo sviluppo metrico maggiore dei rapporti stradali non implica per forza dei rulli super :prost:

D-Lock
D-Lock
Ma sì certamente!!

Però un rullo costa tanto più caro quanto più è complesso ed efficace il sistema di resistenza. Quindi il giochino di Zwift sulla mtb diventa piuttosto oneroso e molto poco "realistico". Mentre su bdc la replica è più semplice, e quindi efficace, e lo sviluppo metrico maggiore dei rapporti stradali non implica per forza dei rulli super :prost:

In realtà i rapporti con Zwift non c’entrano nulla, dato che si usa spesso la modalità ERG. Tanto che io prima mi allenavo con una MTB 26", adesso con la bdc, ma il cambio era dovuto solo all’aver tolto la vecchia MTB.
E comunque l’ho scritto sopra, anche a me più che la simulazione di sterzo interessano eventuali nuovi piani di allenamento dedicati alla MTB, poi si possono anche fare con una bdc (alla fine anche i pro di MTB si allenano sulle bdc).

Però onestamente l’idea è carina dai, embrionale magari, ma è un primo passo.

capocchione
capocchione

marco ha scritto: non deve essere un sostituto, ma se fuori fa brutto o non si riesce a girare in settimana perché fa buio quando si torna dal lavoro, Zwift è un’ottima opportunità per allenarsi seriamente, magari in vista di una gara. I piani di allenamento sono fatti veramente bene e richiedono circa 1 ora al giorno, dopo la quale si è abbastanza brasati… Clicca per allargare… drmale ha scritto: Uso zwift per allenarmi con rullo interattivo e devo dire che è molto efficace. Certo non cancella la noia del uso indoor, ma non è così devastante come lavorare sul rullo tradizionale, mentre i risultati dal punto di vista della preparazione sono davvero notevoli. Sono persino riuscito a fare sedute di 90′, e finire piuttosto contento, anche se quando devo iniziare devo vincere la repulsione. Sul fatto che si aggiunga l’elemento ludico della guida, se aiuta a far passare il tempo ok. Clicca per allargare… Questi due commenti sintetizzano ciò che volevo dire, avendo provato sulla mia pelle una stagione di allenamenti specifici per enduro fatti al 90% indoor su rullo e zwift. Prima che si scatenino i soliti leoni da tastiera, quelli che fanno 10mila metri di dislvello al giorno ogni giorni outdoor, dico che lavoro tutto il giorno e un’ora, un’ora e mezzo di allenamento FATTO BENE la sera è molto meglio che non fare nulla per mancanza di tempo. Ah, ancora, per gli altri futuri leoni da tastiera che diranno "ma se ti chiudi in casa perchè… Read more »

drmale
drmale
ma se fuori fa brutto piuttosto approfittatene per dar due colpi alla vostra compagna, anche quello richiede un ora al giorno dopo la quale si è abbastanza brasati.

Io vado a dare due colpi alla compagna del mio avversario diretto, quando si allena outdoor. Quindi posso allenarmi solo quando fa brutto.

mirc0
mirc0
Io vado a dare due colpi alla compagna del mio avversario diretto, quando si allena outdoor. Quindi posso allenarmi solo quando fa brutto.

quindi vai forte solo sui Rocco Garden? :pirletto:

andry-96
andry-96
Ma nessuno credo stia dicendo che i rulli sono inutili, peròi sembrnao più interessanti per fare un allenamento di un ora/ ora e mezzo a pedalare a tutta, del giochino sullo sterzo mi frega poco, ci penserò quando sono sui sentieri veri e posso sentire sassi rocce e tutto quanto
Burìk
Burìk
Il video sembra confermare quel che sospettavo, c’è molto lag, molto ritardo nella risposta. Immagino che venga utilizzato l’accelerometro dello smartphone il quale comunica in bt o wifi col pc.. guardate da 55" in avanti quanto tempo impiega l’mtb virtuale a sterzare quando Marco sterza. Non che il giochino sia essenziale, ma se prendo un sistema completo lo voglio reattivo e funzionante in ogni sua parte.. se no mi prendo normali rulli con programmi di allenamento e fine della storia.
Marco Toniolo
Io vado a dare due colpi alla compagna del mio avversario diretto, quando si allena outdoor. Quindi posso allenarmi solo quando fa brutto.

beh ma la sai quella del pro che va allenarsi una mattina con un tempo orrendo, lasciando la moglie a letto. Solo che piove e fa così freddo, che dopo poco se ne torna a casa, va in camera, la trova ancora mezza addormentata, e le dice "che tempo di merda!", e lei "te pensa che quel c……e di mio marito è fuori in bici!"

la tzeca
la tzeca
C’é anche la versione "E-" per quelli che fanno un po’ fatica ?
pk71
pk71
C’é anche la versione "E-" per quelli che fanno un po’ fatica ?

No questa la chiamiamo iBike, è come la eBike ma ancora più estrema, tipo una bicicletta vegana…….

andy_g
andy_g
Francamente se non posso uscire mi metto sulla spinning e mi faccio mezz’ora/quaranta minuti sentendomi un po’ di musica alla radio o guardandomi qualche video. Del virtuale non sento molto la necessità, tantomeno con una MTB. I rulli non li ho, ma se li avessi non credo che mi sbatterei più di tanto con simulatori e amenità varie.
Tc70
Tc70
Virtualmente ho appena fatto fuori il maledetto cecchino che mi tormentava da mesi…potrò fare altrettanto con un mtbiker che ancora non son riuscito a ”battere”:nunsacci: :loll:
giuanin89
giuanin89
Hai vinto
giuanin89
giuanin89
Un visore VR da poche decine di euro ( a patto di avere un buon telefono e una buona connessione) potrebbe aumentare di moooolto la "realisticitá" della cosa, provare per credere. In alternativa uno intanto può sempre vedersi un bel porno mentre pedala
Gianz
Gianz
Non l’ho provato. Di certo potrei preferirlo ad una seduta di spinning, visto che non riesco a digerire la questione di ficcarmi in un ambiente chiuso assieme ad altre 30 persone, pedalando ed esalando ognuno miasmi. Certo che, se ripenso allo scorso mese di maggio, una soluzione indoor ci vorrebbe. Poi penso anche alla noia che mi prende persino girando sotto casa, quando per un motivo o per l’altro devo fare i percorsi già visti più volte, e allora penso che per quelle volte che piove o nevica, beh, posso anche staccarmi dalla bici. :mrgreen:

Dovrei provare con la bici da spinning, ma qui a casa, tanto noia per noia… dell’applicazione in questione mi incuriosisce come siano realizzati gli ambienti, poi per tutto il resto nada. Magari potrebbero inventare un ventilatore usb a velocità variabile, per simulare il vento sulla faccia!

B
BAROLO71
con la pedalata assistita sarebbe l’evoluzione perfetta della e-bike ……..cosi non devono neanche uscire di casa :-))
F
Fbf
Io sono indeciso tra zwift e trainer road, cosa consigli?
drmale
drmale
beh ma la sai quella del pro che va allenarsi una mattina con un tempo orrendo, lasciando la moglie a letto. Solo che piove e fa così freddo, che dopo poco se ne torna a casa, va in camera, la trova ancora mezza addormentata, e le dice "che tempo di merda!", e lei "te pensa che quel c……e di mio marito è fuori in bici!"

Purtroppo sì, poi mi sono abbinato a zwift.

D-Lock
D-Lock
Io sono indeciso tra zwift e trainer road, cosa consigli?

Per me Zwift, la simulazione video ti aiuta un sacco a far trascorrere il tempo e lo rende "giocoso", Trainerroad magari ha piu programmi di allenamento ma fissare per un’ora un grafico che traccia potenza, frequenza di pedalata e cuore è veramente snervante.

lollo72
Si si spero sia il futuro di molti "zoombaiker" che si piazzino pure davanti ad uno schermo , così mi lasciano i sentieri liberi e posso girare in tranquillità senza il pericolo di ciclisti da PlayStation che quando sono sul campo reale diventano un pericolo !
D-Lock
D-Lock
Si si spero sia il futuro di molti "zoombaiker" che si piazzino pure davanti ad uno schermo , così mi lasciano i sentieri liberi e posso girare in tranquillità senza il pericolo di ciclisti da PlayStation che quando sono sul campo reale diventano un pericolo !

Sono curioso, e come li riconosci i ciclisti da Playstation quando sono sul campo reale?

lollo72
Su discesa un pò tecnica se va bene vanno lunghi alla prima curva od ostacolo perchè non hanno la reale percezione di velocità e di reazione della bicicletta , se invece ti va male li trovi piazzati in mazzo alla pista semifermi che non sanno nemmeno come e dove farti passare !
Con ciò non voglio dire che chi usa i sistemi come quello illustrato sia un ciclista da PlayStation , specie se è utilizzato come allenamento ; ma dal titolo dell’articolo sembrerebbe che il "futuro della MTB" sia quello "virtuale" non più in giro per monti e colline , ma davanti ad uno schermo a girare pedali come criceti . Personalmente preferisco ancora il "reale" ; quei sistemi virtuali possono essere utili come allenamento , ma per imparare ad andare in mtb ritengo sia più utile la pratica sul campo .
C
cionfo
Allenarsi significa progredire nella capacità di affrontare uno sforzo o un esercizio. Richiede costanza e soprattutto metodo. I piani di allenamento sono abbastanza complessi e non credo che se un giorno piove allora ti alleni in questo modo. Diciamo che durante la settimana in inverno ti alleni e nel we ti vai a divertire con gli amici. Se piove allora invece della play station……
Hazy Davy
Hazy Davy
Dal video purtroppo non si riesce a vedere molto, peccato. Ma giusto per curiosità, cosa sono i costi di un gingillo del genere?
solid gas
solid gas
ero li ieri e il meeeegaaaaa schermo era veramente impressive. io ci avrei proiettato altro …….. :-)
iaio
iaio
Questi rulli smart sono grandiosi, con o senza virtual reality tipo zwift e compagnia bella (personalmente mi basta il controllo dei watt). Chi li denigra a prescindere non torna tutti i giorni a casa dal lavoro alle 19 abitando ad almeno un quarto d’ora dal trail head. Quindi, per chi non vive nel bosco, con questa soluzione quando le giornate si accorciano e/o la famiglia chiama potrete allenarvi con efficacia dedicandoci un’ora, doccia compresa.
lollo72
Su discesa un pò tecnica se va bene vanno lunghi alla prima curva od ostacolo perchè non hanno la reale percezione di velocità e di reazione della bicicletta , se invece ti va male li trovi piazzati in mazzo alla pista semifermi che non sanno nemmeno come e dove farti passare !
Con ciò non voglio dire che chi usa i sistemi come quello illustrato sia un ciclista da PlayStation , specie se è utilizzato come allenamento ; ma dal titolo dell’articolo sembrerebbe che il "futuro della MTB" sia quello "virtuale" non più in giro per monti e colline , ma davanti ad uno schermo a girare pedali come criceti . Personalmente preferisco ancora il "reale" ; quei sistemi virtuali possono essere utili come allenamento , ma per imparare ad andare in mtb ritengo sia più utile la pratica sul campo .