Il vicepresidente di Specialized: ci vorrà più di un anno per tornare alla normalità delle consegne

Il vicepresidente di Specialized: ci vorrà più di un anno per tornare alla normalità delle consegne

Marco Toniolo, 28/03/2021
Whatsapp
Marco Toniolo, 28/03/2021

Nell’ambito della fiera online di Taipei, Robert Margevicius, il vicepresidente di Specialized, è intervenuto in merito ai ritardi nelle consegne di bici e componentistica. Prevede che ci vorrà più di un anno per tornare ai normali tempi di consegna, che di solito si aggirano sui 30-45 giorni ed ora sono sui 300-400, in particolare per le sospensioni, ruote e punti di contatto.

Questo perché il mercato della bici è letteralmente esploso a causa del coronavirus, svuotando i magazzini e con clienti che vogliono i prodotti subito. Essendo poco restii ad aspettare, un prodotto non disponibile ha come conseguenza una vendita mancata, e non una vendita procrastinata. D’altronde la gente vuole uscire a fare sport adesso, perché non ha altre alternative a causa dei vari lockdown.

Una soluzione sarebbe quella di aumentare la capacità produttiva, ma le aziende sono molto caute in questo ambito perché temono che, una volta che le fabbriche saranno operative, il boom sarà anche passato. Margevicius prevede che entro il 2030 la crescita del mercato bici si attesterà attorno al 43%, motivo per cui sarà comunque necessario ampliare la produzione, ma al momento sembra di trovarsi di fronte a due posizioni opposte fra committenti (brand occidentali) e produttori (fabbriche orientali), questi ultimi poco propensi al rischio.

La ciliegina sulla torta su questa situazione è poi il blocco del canale di Suez.

Qui potete trovare il suo intervento integrale.

 

Commenti

  1. avalonice:

    cit: "con clienti che vogliono i prodotti subito"
    Se i venditori vogliano i soldi subito gli acquirenti vogliano la bici subito!!
    Troppo comodo prendo i soldi e poi consegno tra 1 anno forse! Fessi si ma fino ad un certo punto.
    ma chi dà i soldi adesso per una consegna ad un anno? Bisogna essere discretamente fessi per finanziare un negozio con un prestito ad un anno ad interessi zero.
  2. DoubleT:

    ovvio... ma visto che un antonov e similari portano non meno di 200.000 kg a volo direi che, visto il periodo, come alternativa se non altro non è da teascurare a priori
    Sono duecento tonnellatre contro duecentomila.
    Costruiscono quelle mega navi per far sì che l'incidenza unitaria del trasporto sia praticamente trascurabile, il costo del pedaggio di transito a Suez incide per 25 euro su ogni container, cioè qualche millesimo di euro per ogni oggetto stivato nel container.
    Il costo dell'aereo... meglio non calcolarlo nemmeno.
    Tra l'altro di AN-225 in servizio ce ne sono due o tre in tutto.