La manutenzione della serie sterzo

29

La manutenzione della serie sterzo è un’operazione piuttosto semplice ma fondamentale per evitare odiosi scricchiolii o giochi in una zona sensibile della bici. Di solito è necessario farla ogni 3/4 mesi, in particolare d’inverno o quando le condizioni atmosferiche diventano impegnative a causa di acqua e fango.

Vediamo come farla.

Il segreto

Il segreto per avere una serie sterzo sempre perfettamente funzionante è la scelta del giusto grasso. Nella mia esperienza di meccanico sono giunto alla conclusione che il miglior grasso in assoluto è quello della Finish Line che trovate qui.

grasso finish line

Questo grasso ha la particolarità di essere resistente all’acqua, il che significa che non verrà tolto a causa di pioggia o lavaggi, proteggendo così a lungo i cuscinetti ed evitando che lo sporco entri dove non deve entrare. Inoltre è bello viscoso e lubrifica bene.

Va da sé che evita la creazione di ruggine.

Come fare la manutenzione alla serie sterzo

Nel video vi spiego bene come aprire, pulire e lubrificare la serie sterzo, in particolare vi consiglio l’uso di uno sgrassatore per togliere il grasso dai cuscinetti prima di reingrassarli. Infatti la pulizia completa della serie sterzo è fondamentale per poi lubrificarla e reinserirla nel telaio.

In tutta questa operazione, il momento più critico è il precarico della serie sterzo, cioé quando si va a tirare la vite che si inserisce nel tappo superiore. Il precarico deve essere giusto, nel senso che il manubrio deve poter girare senza resistenze e allo stesso tempo non ci devono essere giochi. Come si controllano i giochi? Mettendo una mano sulla serie sterzo, pinzando il freno anteriore e muovendo la bici avanti e indietro. Se non si muove niente, abbiamo fatto un buon lavoro.

Attenzione: è fondamentale lasciare circa 5mm fra l’ultimo spacer (o l’attacco manubrio) e il cannotto della forcella, di modo che vi sia spazio affinché la serie sterzo vada in precarico.

Se avete delle domande non esitate a postarle qui sotto.

In collaborazione con Bike Lab.

Altri articoli Tech Corner.

 

Commenti

  1. Orbeaterra:

    Ma no il grasso al rame è il grasso per eccellenza antigrippaggio va bene dove c'è qualcosa che non deve muoversi come filetti delle viti, nella serie sterzo ci vuole qualcosa che sia antiacqua anticorrosivo e che sia un minimo lubrificante perché i cuscinetti devono rimanere un minimo scorrevoli, il classico grasso bianco al litio o al teflon finish line oppure io uso anche il parktool verde o il motorex 2000
    Falso. Il grasso al rame si usa anche dove c'è attrito radente.
    Sull'esterno dei cuscinetti della serie di sterzo non serve scorrevolezza ma solo protezione , non ti cambia nulla se usi un ptfe o un rame , ma il secondo avrà una persistenza estrema ed una resistenza all'acqua assoluta, superiore persino al grasso nautico https://www.100percento.it/i-vari-tipi-di-grasso-esistenti-e-le-loro-applicazioni-ideali/
  2. Orbeaterra:

    Apprendo cosa nuova, non ho mai visto usarlo nella serie sterzo il rame..che io sappia in sostanza è.un grasso per lo piu antigrippante.. sinceramente vedevo meglio altro nella serie sterzo..cmq meglio ne ho un barattolo pieno della mucoff che in pratica quasi non uso sulla.bici..
    Infatti lo uso solo io, ci sono arrivato per esperienza dopo averne provati altri.
    Siccome cerco di ridurre la necessità di manutenzione al minimo ho sceltro il grasso piu persistente ed adesivo di tutti
  3. Ma sicuramenteun grasso al litio nei pedali piuttosto che un high ptfe male non fà e sfido chiunque a sentire differenze mentre pedali , però far girare il pedale e vedere che gira meglio ti dà soddisfazione
Storia precedente

Tomas Slavik ripreso dal drone alla Valparaiso

Storia successiva

Ride & Record Contest: 3.000€ in palio

Gli ultimi articoli in Tech Corner