La posizione del manubrio

La posizione del manubrio

04/03/2015
Whatsapp
04/03/2015

La posizione di guida è determinata da diversi fattori: altezza sella, geometria del telaio e soprattutto dall’altezza del manubrio.

Sono infatti tre i punti di contatto tra rider e bicicletta (sella, pedali, manubrio) che si riducono a due in discesa (pedali e manubrio). Andando a modificare la posizione di uno di questi elementi si va a modificare la posizione che il nostro corpo assume durante la pedalata o in discesa.

Modificare la posizione del manubrio è un’operazione piuttosto semplice che può variare, in bene o in male, il nostro assetto in sella ed il comportamento della bici. Trovare il giusto setup è importante per avere il giusto feeling con la bicicletta, quest’oggi cercheremo di capire quali sono le regolazioni possibili e quali effetti hanno nella guida.

Altezza del manubrio

La prima regolazione del manubrio da analizzare è la sua altezza.

La misura dell’altezza del manubrio andrebbe presa in relazione all’altezza del movimento centrale, ovvero in relazione alla posizione della sella, perchè è questo il parametro che influenza l’effettiva posizione del nostro corpo.

Inutile calcolare il numero di spessori tra la pipa e la serie sterzo, inutile considerare il rise del manubrio o l’inclinazione della pipa. Tutti questi parametri sono si determinanti nel valutare l’effettivo posizionamento del manubrio, ma vanno messi in relazione all’altezza del movimento centrale e di conseguenza della sella.

Un esempio pratico: una bici con movimento centrale basso avrà bisogno di un manubrio posizionato più in basso, mentre una bici con movimento centrale alto avrà anche un manubrio più in alto per ottenere la stessa posizione in sella. Parlare di misure in senso assoluto ha quindi poco senso, ma sapere in che modo l’altezza del manubrio influenza la posizione può esserci molto utile per capire come regolarla secondo le nostre esigenze.

Effetti nella guida

L’altezza del manubrio influenza fortemente la posizione in sella.

01

Andare ad alzare il manubrio determina l’innalzamento della testa e delle spalle, con conseguente innalzamento del busto. La conseguenza pratica è che:

  • Ad un manubrio più alto corrisponde una posizione di guida più seduta
  • Ad un manubrio più basso corrisponde una posizione di guida più distesa

Poichè la testa ed il busto sono le parti più pesanti del nostro corpo, questo differente assetto va ad influire sulla posizione del baricentro:

02

Come si vede dal disegno, un manubrio più alto fa si che il baricentro si alzi e si sposti all’indietro. Questo conferisce essenzialmente un vantaggio in discesa, perchè riduce la tendenza della bici a ribaltarsi in avanti. Di contro invece un manubrio più basso determina un abbassamento ed allo stesso tempo uno spostamento in avanti del baricentro, con un duplice effetto. In salita la bici tende sicuramente meno ad impennarsi perchè il peso è più in avanti, mentre il discesa la posizione più bassa del busto permette di caricare meglio il peso sulla ruota anteriore, migliorando il grip e la tenuta dell’anteriore.

Come va regolato quindi? La configurazione ideale è quella che assicura una posizione né troppo seduta (con la bici che si impenna in salita), né troppo distesa (con il peso troppo caricato in avanti). Personalmente preferisco una posizione del manubrio tendenzialmente bassa, in modo da caricare bene l’anteriore, ma sono consapevole che tale configurazione non è adatta a tutti i riders, soprattutto tra quelli che hanno qualche timore in discesa, che con una configurazione del genere rischiano di ritrovarsi con una bici che infonde poca sicurezza sul ripido.

Come regolarla

Per intervenire sull’altezza del manubrio ci sono tre strade

Spessori sotto lo stem

03

Il sistema più semplice per alzare o abbassare il manubrio è aggiungere o togliere spessori sotto lo stem postando il manubrio in alto o in basso. L’operazione è semplice e n0n richiede la sostituzione di alcun pezzo: unico requisito è che ciano spessori da togliere o che il cannotto sia sufficientemente lungo per aggiungerne altri.

Rise del manubrio

04

Il rise del manubrio è il rialzo delle estremità laterali del manubrio, quelle su cui sono posizionate le manopole. Quando si dice “rise di 25mm” significa che le manopole si trovano 25mm più in alto della parte centrale.

Viene da se che variando il rise del manubrio si varia la posizione delle manopole e quindi l’altezza effettiva del punto di appoggio. Esistono manubri con rise molto diversi, anche negativi.

Da un punto di vista pratico andare a lavorare con gli spessori sul cannotto o con il rise è la stessa identica cosa. La differenza tra le due soluzioni è che se per cambiare rise dobbiamo sostituire il manubrio, con gli spessori ci basta svitare la pipa e spostare gli spacers sopra o sotto. Lavorare sugli spessori, soprattutto per fare delle prove, va quindi benissimo, ma ci sono situazioni in cui intervenire sul rise è necessario perchè abbiamo già spostato tutti gli spessori sopra o sotto.

Inclinazione dello stem

05

Seppur in maniera piuttosto limitata, anche l’inclinazione dello stem influisce sull’altezza del manubrio. Una pipa con inclinazione positiva alzerà il manubrio anche di 2cm rispetto alla stessa pipa montata in negativo.

Per calcolare il rialzo che determina lo stem, possiamo usare una semplice formula approssimata:

Noti la lunghezza (l) e l’angolo di inclinazione (a) possiamo ricavare il rialzo (r), come:

r=tg(a) x l

Dove tg(a) è la tangente dell’angolo a di inclinazione dello stem

Tale forumula non tiene conto dell’inclinazione del cannotto (angolo di sterzo) ma si tratta di un’approssimazione accettabile perchè l’errore è trascurabile. Giusto per fare un esempio, un attacco manubrio da 90mm con un’angolo positivo di 6° ha un rialzo (r) di ca 1cm, come uno spessore da mettere sul cannotto.

Inclinazione del manubrio

Poichè il manubrio ha una sezione circolare nella zona dove si attacca sullo stem, questo può essere ruotato e quindi posizionato liberamente. Per semplicità parleremo di rotazione in avanti quando ruoteremo il manubrio in senso orario guardando la bici dal lato trasmissione, parleremo di rotazione in dietro quando il manubrio girerà in senso antiorario sempre guardando dal lato trasmissione.

Per facilitare il corretto posizionamento tutti i manubri hanno delle tacche di riferimento nella zona centrale. Consiglio, prima di fare qualsiasi esperimento, di fare una foto per annotare la posizione del manubrio e poterla ripristinare in caso di problemi.

La posizione neutra

Sebbene il manubrio possa essere inclinato come meglio si crede, esiste una posizione di partenza, detta posizione neutra.

Manubrio in posizione neutra. Si noti il rise parallelo agli steli

Manubrio in posizione neutra. Si noti il rise parallelo agli steli

Tale posizione prevede il rialzo del manubrio parallelo agli steli della forcella ed è considerata la posizione zero da cui partire per poi trovare la propria configurazione.

Effetti nella guida

L’inclinazione del manubrio influisce sull’assetto di guida in due modi.

Da un lato inclinando il manubrio in avanti si va a portare in avanti la posizione di contatto con le manopole con un effetto tutto simile ad una pipa più lunga. Viceversa ruotando il manubrio in dietro si arretra la posizione delle manopole con un effetto simile a quello di una pipa leggermente più corta.

Dall’altro invece l’inclinazione del manubrio influenza la sua geometria. Sappiamo tutti che i manubri hanno una certa inclinazione all’indietro (backsweep) ed una certa inclinazione verso l’alto (upsweep, se volete approfondire questi argomenti cliccate qui) calcolate in posizione neutra. Di fatto insomma le estremità del manubrio su cui si fissano le manople sono inclinate all’indietro ed in alto allo stesso tempo, in pratica verso la direzione delle spalle del biker.

Andando ad inclinare il manubrio in avanti la direzione di inclinazione si fa più verticale e di conseguenza l’impungatura si fa più aperta, ovvero i gomiti tendo ad alzarsi ed ad aprirsi, determinando una posizione di guida più aggressiva. Di contro ruotando il manubrio indietro i l’impugnatura si fa più chiusa, ovvero i gomiti tendono ad abbassarsi e stare più chiusi.

Come regolarla

La regolazione del’inclinazione del manubrio è un parametro molto soggettivo. La larghezza del busto, l’altezza della sella in relazione alla posizione del manubrio, la lunghezza delle braccia e la larghezza delle spalle, la taglia della bici, il rise e la geometria del manubrio sono tutti parametri che influenzano sull’inclinazione ottimale.

Il manubrio leggermente ruotato in avanti aiuta a tenere i gomiti larghi in curva Redbull media pool

Il manubrio leggermente ruotato in avanti aiuta a tenere i gomiti larghi in curva
Redbull media pool

Il mio consiglio è di provare. Proviamo diverse configurazioni, fino a che non troviamo quella ottimale. Personalmente ritengo che una leggera inclinazione in avanti sia la scelta migliore per il 90% dei bikers, poi ci sarà chi preferisce il manubrio più inclinato e chi meno.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
MarcoM85BG
MarcoM85BG

Sembra che questo articolo sia stato pubblicato proprio per completare il foglio di calcolo che ho appena fatto per appianare i miei dubbi sulla taglia della prossima bici… Ci ho inserito proiezione orizzontale e verticale di stem e spessori in dipendenza dell’angolo sterzo per andare a calcolare i cosiddetti “reach vero” “stack vero” e “TT vero”. Mancherebbero l’angolo dello stem e questa cosa del manubrio perchè incidono a loro volta sulle geometrie… PS l’altezza degli spessori non è proprio da escludere perchè incide insospettabilmente di circa 1,5-2 cm negativi sul reach e il TT reale, e ovviamente sullo stack reale… Daniel, vorrei condividere il foglio di calcolo nella sezione più appropriata del forum, dove posso metterlo?

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ho aggiornato il foglio con l’angolo di rise dello stem: è già utile per fare confronti a parità di manubrio tra le differenti taglie di 3 nuovi modelli di bici e un modello base di riferimento (per esempio quello che possediamo attualmente).
Ditemi se vi può servire e ve lo passo!
Marco

andrewood__
andrewood__

Ciao Marco,
a me potrebbe interessare il tuo foglio di calcolo, dove posso trovarlo?

Grazie mille.

Diego

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ciao Diego è per questo che chiedevo a Daniel perchè non sono molto pratico delle funzioni del forum… Volevo postare il foglio in allegato a un thread il più possibile non OT! Nel frattempo se mi dici dove posso postartelo te lo mando subito!!
Ciao! Marco

frenkz
frenkz

Ciao Marco, forse può interessarti questa applicazione che avevo realizzato tempo fa, più o meno per rispondere alla tua stessa domanda: http://velosizer.frenk.com .
L’unico punto che non ho mai risolto (e che probabilmente é molto difficile da considerare) é l’effetto del SAG sulla geometria.

Adesso che ci penso manca anche il rise del manubrio, però lo puoi simulare facilmente includendolo negli spessori sotto allo stem. L’effetto è lo stesso se assumi la posizione neutra. Poi secondo me questo tipo di dettagli è meglio valutarli una volta che sei fisicamente sulla bici, troppo difficile simulare e farsi un’idea reale degli effetti pratici di questo tipo di cambiamenti.

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ciao frenkz, sono andato al link che mi hai passato ma qui dal lavoro con il browser non aggiornato non vedo nulla! (…non vorrei scomodare l’IT visto che in teoria non dovrei leggere mtb-mag :):):)…). Sembra roba seria se mi carica il plug-in, nel senso di software vero e proprio, bravo! Io mi limito a smanettare con la trigonometria su un foglio excel hihihi…

Comunque per quanto riguarda i nostri dubbi sulla scelta della taglia di una nuova bici i nostri calcoli dovrebbero largamente bastare, perchè il manubrio è completamente relativo in quanto lo stesso manubrio avrà lo stesso effetto con la stessa inclinazione su ognuna delle due bici… Stessa cosa vale per un manubrio più lungo e con diverso rise, perchè anche in quel caso la scelta sarebbe cmq after-market!

Nel foglio che ho fatto io ho messo la possibilità di modificare i due parametri più diretti: lunghezza stem e spessori. E già con questo si può capire che stem mettere sulla propria biga per simulare la taglia della successiva bici!!

Ciao!
Marco

valerio1979
valerio1979

Ciao, hai fatto una cosa utilisima, se puoi passalo !!!

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ok allora mi cerco un thread adeguato già pronto, altrimenti ne apro un all’uopo!

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Ciao a tutti, ho creato questo nuovo topic con il file excel di cui vi accennavo sopra:
http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?t=314179
Ditemi pure se vi torna utile e se gli manca qualche cosa!
Marco

Michele Carlini
Michele Carlini

Daniel, rimandi ad un articolo di Jack per la questione bend (o back-sweep), che però a mio parere è fondamentale nella scelta del manubrio. Ho visto spesso manubri rise ruotati “all’indietro” per ottenere una posizione ‘comoda’ per i polsi, peccato che così si perda l’up-sweep. Quando si compra una nuova piega converrebbe tenere in considerazione anche questi parametri, non solo gli abbinamenti cromatici…
Fabio

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Eh si, le geometrie del manubrio sono molto importanti nella scelta, però in quest’articolo volevo parlare solo del posizionamento.

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

Sicuro che la lunghezza dell’attacco manubrio, quella dichiarata dai produttori, sia quella che indichi con (l) e non quella raffigurata nell’immagine con la linea verde?
Io direi che è la verde…

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Anche io nel mio excel ho considerato la diagonale come lunghezza dello stem (quella che dici tu). Certo rimane cmq un dettaglio perchè l’errore su un rise stem di 10° è dell’1,5%… Si parla di 1 max 2 mm di differenza, in base alla lunghezza ma è cmq pochissimo!

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Come detto da Marco, la differenza tra le due misure è talmente piccola da risultare trascurabile.

ricoghost
ricoghost

Domanda…..ma ruotando il manubrio in avanti,non si perde la sensibilità di come lavora la Forka ? A.Bruno e altri che fanno i corsi dicono di metterlo in linea con la forcella….No ????

DoubleT
DoubleT

per me la parte più difficile è:
come deve variare la lunghezza dell’attacco manubrio in funzione della larghezza del manubrio?

Violator78
Violator78

Per quanto riguarda l’altezza del manubrio, trovo utile anche la definizione dell’ottimo Jack Bisi: “Con il manubrio più basso i pesi sono più avanzati. Questo significa che la posizione base per la discesa, che prevede una distribuzione dei pesi di 50 e 50 per ruota, sarà più arretrata che su una bici con manubrio alto. In pratica le bici con manubrio basso vanno guidate più arretrate, manubrio alto, vanno guidate più sul manubrio (a parità di bici e altri valori geometrici). C’è chi preferisce guidare sul manubrio in modo molto aggressivo, e quindi beneficia di un manubrio leggermente più alto e chi invece preferisce non dover stare sempre così in avanti col corpo e preferisce un manubrio più basso.” Mi vengono in mente alcuni rider (es. Lau) con STACK alto e tanti spessori (anche se i marziani possono guidare pure a testa in giù 😉 Penso che influiscano molto anche le misure del corpo: io ho tutte le parti di misura media eccetto il tronco (medio bassa) ; con telaio di misura M , con oltretutto un REAR CENTER corto rispetto al FRONT CENTER (carro corto) e pipa accorciata, mi sembra di poter caricare meglio l’anteriore togliendo tutti gli spessori. Penso invece che un manubrio alto mi obbligherebbe a sdraiarmici sopra.

Ragassell
Ragassell

Bravo, hai fatto notare delle osservazioni corrette, è così come hai descritto tu che funziona realmente, purtroppo i luoghi comuni errati continuano a resistere.

Balzy
Balzy

Guida utilissima. Personalmente la parte più difficile è la regolazione dell’inclinazione del manubrio. Consiglio sacrosanto quello di fare una foto prima di intervenire… io non l’ho fatto e ancora adesso sto tribolando parecchio per ritrovare la (perfetta) condizione che avevo prima…

#mainagioia
#mainagioia

Per regolare l’altezza del manubrio si possono andare anche a scegliere stem con stack diversi: normalmente sono sui 4cm ma se ne trovano anche di 3cm, e un cm in meno si sente molto, soprattutto sulle 29 con forcelle lunghe: ovviamente non variano gli altri parametri come angolo di sterzo o altezza del centrale, però si può riuscire a caricare meglio il manubrio avendolo anche solo 1cm più basso…

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Riporto pure in fondo ai commenti per coloro a cui interessasse:

Ho creato questo nuovo topic con il file excel di cui vi accennavo sopra:
http://www.mtb-forum.it/community/forum/showthread.php?t=314179
Ditemi pure se vi torna utile e se gli manca qualche cosa!
Marco

gaios73
gaios73

A volte si sente consigliare di regolare l’inclinazione manubrio semplicemente “tirandolo a sé” dalla posizione di corretta messa in sella, e di fissarlo in in quel modo.

Quanto ha senso questa cosa..?

sandro-storm
sandro-storm

Da quanto scritto in questo articolo l’operazione che descrivi (ripetuta da molti nei topic del forum a riguardo) ha senso solo se si sta cercando l’effetto di “accorciare” lo stem. Provando a ragionarci, mi viene da pensare che si ottiene una posizione leggermente più comoda e meno aggressiva. Al contrario, inclinandolo in avanti si va a spostare il peso verso la ruota anteriore e ad allargare i gomiti. Dipende solo da cosa si vuole ottenere.

sunrider88
sunrider88

Vorrei focalizzare il problema sul valore di backsweep.In genere coi manubri col valore elevato mi sono sempre trovato male,sarò originale ma se fosse quasi a zero
lo preferirei,quando ruoti mi trovo sempre a non trovare un punto ideale che inputo al backsweep.Sbaglio qualcosa?

Daniel Naftali
Daniel Naftali

Anche io preferisco manubri con poco upsweep e back sweep. Trovo che troppo backsweep tenda a farti tenere troppo chiusi i gomiti.

Manubri con tanto arretramento servono per permettere ai riders con spalle strette di usare pieghe larghe, ma chi ha le spalle larghe si trova male.

scinto59

Daniel
vorrei chiarire un punto che non sono mai riuscito a capire …dove dici “Il rise del manubrio è il rialzo delle estremità laterali del manubrio, quelle su cui sono posizionate le manopole. Quando si dice “rise di 25mm” significa che le manopole si trovano 25mm più in alto della parte centrale” .
In un precedente articolo di Jack sulla posizione ( http://www.mtb-mag.com/rcm-bike-check-manubrio/) ….c’è un disegno da cui si evince che il rise e’ il rialzo solo della parte centrale dove fà la piega…dopo poi c’e’ da considerare il rialzo in case al up sweep e di conseguenza anche in funzione della larghezza del manubrio.
Quale delle due versioni e’ corretta? perche’ non c’e’ poca differenza …a mio avviso anche per poter confrontare i manubri tra loro sarebbe corretto adottare il tuo ragionamento…ma in pratica invece mi sembra che i costruttori adottino il sistema illustrato da Jack

sandro-storm
sandro-storm

Me lo sono domandato pure io e la questione come dici tu non è poi così banale.

marcore82
marcore82

ciaoo…..

ho un problema ho appena comprato la canyon spectral 8.0 taglia m, ho fatto solo qualche uscita, ma la bici mi sembra nervosa, e nn mi da fiducia in discesa..paradossalmente l ho trovata molto meglio in pedalata che in discesa..

prima avevo una front 26 da xc (cube ltd cc) con 100mm di escursione , e questa spectral mi sembra un po troppo reattiva,nonostante sia passato da uno manubrio da 66cm e stem 10cm della front a uno da 74 con stem da 6cm della spectral.. mi sembra di aver perso in stabilità generale

e nonostante anche una ruota piu grande ,27,5,che la dovrebbe renderla un pelo piu pigra…rispetto la 26|| mi sembra sempre di cadere… o che nn ho controllo…

possibile che questa esagerata reattivata sia dovuta solo allo stem da 6cm…???

o è dovuto alla posizione troppo raccolta (sono 1,77 cavallo 84cm braccia 63cm busto 66cm)
OV della cube era di 680 ,della canyon 66cm

poi con la front riuscivo bene a capire come impostare l assetto ,ed avere dei punti di riferimento da cui partire x settare i vari componenti,con la spectral..nn ho idea di che fare, mi sembra che ogni cosa che provo a fare peggioro la situazione…

nn riesco a capire se mi devo abituare alla nuova tipologia di bike, ho se posso intervenire in qualche modo

consigli?? qual’è un buon punto di partenza per settare la bike ??

graziee

SHARK1972
SHARK1972

Domanda sicuramente stupida, ma la faccio lo stesso.

Se roteo il manubrio in avanti dovrò accorciare lo stem??

saluti