Le gomme sono più importanti delle sospensioni?

Le gomme sono più importanti delle sospensioni?

Marco Toniolo, 03/05/2018
Whatsapp
Marco Toniolo, 03/05/2018

 

Discutiamo molto del corretto setting delle sospensioni, ma spesso dimentichiamo quanto siano importanti le gomme. La scelta del modello giusto per l’utilizzo e soprattutto la loro corretta pressione sono ancora più influenti di forcella e ammortizzatore, perchè é proprio il pneumatico che reagisce per primo alle asperità del terreno. In questo video abbiamo affrontato un piccolo drop con atterraggio sul piatto, filmandolo a 240 fps e rallentandolo per farvi vedere cosa succede quando la vostra bici incontra un ostacolo sul terreno. Il risultato: le gomme si comprimono e si riestendono ben prima che le sospensioni comincino a lavorare.

Nota: non fatevi trarre in inganno dalle sospensioni che secondo alcuni “andrebbero a pacco”. Si tratta di un atterraggio sul piatto volutamente accentuato per far vedere l’effetto gomma/sospensione. Eccolo a velocità normale:

Il discorso continua qui, parlando di mescole.

 

Commenti

  1. pablos:
    In termini assoluti più piccolo non è sempre meglio .
    Però ti dico che se posso garantirti una certa affidabilità con un dato diametro è abbastanza inutile ridurlo ancora, almeno finchè parliamo di mtb.Giusto?
    Bisogna però considerare alcune cose, se con i primi tentativi con ruote da 29 semplicemente si montarono delle ruote più grosse su dei telai praticamente classici, risultando in effetti dei cassoni, l' arrivo delle 27 grossomodo coincise con l' inizio dello stravolgimento delle geometrie.Ricordo che con la mia prima 27 fui folgorato da quando rendeva le cose facili in discesa, eppure rimaneva altrettanto valida in salita, se non meglio.Ovviamente attribuii tutti i vantaggi al maggiore diametro della ruota (finchè non cominciai a rompre gomme e cerchi)...ma...era proprio così?Possibile che un incremento del 5% sul diametro della ruota portasse tanti vantaggi?Anche no.Quella bici aveva un movimento più basso, uno sterzo parecchio più aperto, uno stem più corto e un telaio un tantino allungato.Quindi i vantaggi da dove arrivavano in realtà?
    Sono abbastanza convinto che se potessimo provare una 26 in chiave moderna con tutti i crismi che veramente servono e un bel paio di ruote in carbonio (e trasmissione max 11V!), di primo acchito rimarremmo parecchio sorpresi in termini di pedalabiltà, reattività, maneggevolezza e ludicità, ma non così mortificati in discesa, ricordiamoci che anche se non sembra le masse a terra sono piuttosto nocive sul lavoro delle sospensioni, con tutto ciò che ne consegue.E soprattutto sul lungo periodo meno rotture (meccaniche) e tantissime pippe in meno nel dover scegliere la gomma giusta.Nel giudizio complessivo non so se boccerei a prescindere, ovvio, sicuramente perchè a me con la bici piace cazzeggiare parecchio.Certo è che se l' obbiettivo è avere la sensazione di passare meglio su una buca la 29 ha ragione sempre.
    Sono invece sicuro che per legge bisogna limitare la larghezza dei cerchi!
    Sono invece completamente sicuro che farei chiudere la rivista se dovessi redarre io gli articoli!!!!
    Ora andiamo veramente per le frasche, ma tant'è....: io credo che lavorando sulle geometrie delle 26" si sarebbe potuti arrivare ben vicini ai risultati ottenuti con le 27.5". Per quanto riguarda le 29" invece non credo, perchè lì la differenza di diametro con ciò che ne consegue comincia a diventare notevole.
    Per quanto riguarda le attuali ruote (quindi 27.5" e 29"), una soluzione furba ma non molto praticata è quella di differenziare la larghezza del cerchio fra anteriore e posteriore. Dietro cerchio e coperture più stretti, quindi più solidi a parità di peso rispetto all'anteriore. Davanti il contrario, visto che oltretutto è all'anteriore che si aprezzano maggiormente i vantaggi di coperture più larghe.
  2. marco:
    puoi pizzicare anche il copertone fra cerchio e terreno, tagliandolo
    Si, ok, ma a parte che a me non è mai successo da che vado in mtb (non faccio dh, ma copertoni e sospensioni sono conseguenti a quel che faccio), quindi direi che accade se vai troppo sgonfio, ma il taglio del copertone è il taglio del copertone. La pizzicatura è la camera d'aria
    fidati che succede e prima di sbuffare il lattice ho tagliato il copertone sul cerchio, punto molto rogonoso per mettere una toppetta