Le protezioni per XC, Trail, Enduro e Bikepark

10

In occasione dell’infortunio della cross countrista Martina Berta si è fatto un gran discutere sulla necessità delle protezioni anche in discipline in cui di solito non si usano, come il XC.

Ho pensato così di trattare l’argomento per stile di riding, cominciando dal XC per poi andare sul Trail, sull’Enduro e sul Bikepark o Downhill.



.

Cross Country

Oltre al casco, che si dà per scontato quando si va in bicicletta, possono venire utili delle ginocchiere leggere e ben traspiranti come queste Endura MT500 D30 Ghost. Si lasciano pedalare bene senza essere troppo calde e possono evitare infortuni ad una della parti del corpo più esposte, il ginocchio.

Importanti i guanti, possibilmente lunghi che proteggano le dita.

Trail riding o All Mountain

Visto che quando si gira in montagna si percorrono sentieri non preparati e spesso nuovi, portarsi dietro un paio di ginocchiere più robuste non è di certo un errore. Grazie al materiale D30,  deformabile e che si indurisce quando prende un colpo, ci sono protezioni che si lasciano indossare a lungo senza nessun problema, come queste Endura MT500 lite D3O.

Lo stesso discorso vale per il casco, che deve essere un po’ più protettivo e avvolgente rispetto ad uno da XC. Il Fox Speedframe Pro è un buon esempio di un casco da All Mountain.

Se si vuole andare più sul sicuro si può scegliere un casco con mentoniera staccabile. In salita si mette la mentoniera nello zaino, in discesa ecco che ci troviamo con un casco che ci protegge anche la faccia, come il Leatt Casco MTB Modular 3.0. E visto che parliamo di zaini, ormai ce ne sono con paraschiena incorporato che non danno alcun fastidio in salita, come l’Evoc Trail Pro.

Enduro

Trattandosi di una disciplina più discesistica, qui un bel casco integrale è d’obbligo, meglio ancora se leggero e ben areato come questo Troy Lee Designs. Le ginocchiere non devono avere la caratteristica di poter essere indossate in salita, quindi possono essere più robuste come le Fox Launch D30.

Per la pettorina la miglior soluzione è una rigida da indossare sopra la maglia ed apribile tramite delle fasce velcro quando si pedala, come questa Leatt Airflex.

Bikepark e downhill

Quando si fa discesa consiglio di scegliere un casco integrale robusto e una pettorina con protezioni anche per le spalle. Sta a voi scegliera a maniche lunghe o corte, io preferisco le maniche corte per non morire di caldo d’estate e nel caso poterci aggiungere delle gomitiere.

Oltre alle ginocchiere, che possono benissimo essere quelle che ho citato nell’enduro, si potrebbe tenere in considerazione un sottopantalone come questi di Endura per proteggere la parte alta della gamba.

Fatemi sapere come girate di solito, se con o senza protezioni, e quali trovate essere le migliori!

In collaborazione con Bike Lab.

 

Commenti

  1. Faccio AM e non ho trovato una pettorina leggera accettabile, non troppo da bikepark e fresca da poterci pedalare sui sentieri in saliscendi...avete consigli già provati sul campo per questa disciplina?
  2. i dispositivi di sicurezza passiva in mtb non è che siano assimilabili alle auto dove effettivamente adagiandosi sulla tecnologia di abbassa la soglia di attenzione e la partecipazione attiva di chi guida.
    Rispetto alla guida in autodromo vs strada urbana, in mtb è piuttosto l'inverso, le protezioni le usi in ambienti tecnicamente piu impegnativi, per cui difficilmente avrai un calo di concentrazione "ambientale", mentre ci sta che si possa per questo effetto cadere non indossando protezioni in un trasferimento banale, un rientro una passeggiata, situazioni in cui si abbassa notevolmente la soglia di attenzione. Sono avvenuti incidenti anche molto gravi in condizioni del tutto banali.

    La sicurezza passiva potrebbe inconsciamente portare a un eccesso di confidenza che esporrebbe a maggior rischio di cadute, però vale anche l'effetto contrario nella mia esperienza, su un passaggio difficile se sei titubante hai paura, ti fermi , non sei "confidente" probabilmente lo sbagli e cadi o rischi di cadere, mentre lo stesso affrontato a parità di tecnica con maggiore confidenza e sicurezza probabilmente lo chiudi. Se le protezioni aumentano il tuo confort e sicurezza sui passaggi probabilmente ti aiutano invece di penalizzarti.

    Di certo non si puo spingere al paradosso il concetto di non usare protezioni per essere più concentrati sui passaggi e non cadere, perchè rischieresti solamente di cadere comunque e farti molto piu male.

    A livello di bikers il concetto di protezione è inversamente proporzionale alla capacità tecnica, su trail enduro molta gente brava non indossa gomitiere e protezioni, al lmite ginocchiere oltre al casco, io essendo scarso non mi sentirei a mio agio.
    Quelli molto bravi girano in park con casco integrale e magliettina e pantalone tipo jeans e sparano salti mostruosi, ma magari sanno anche cadere se qualcosa non gli va bene, io aumenterei solamente il costo dei contribuenti per il SSN se lo facessi, a suon di ricoveri.
    Poi alcuni eccessi di "non protezione" , anche dai piu bravi non li concepisco, come il non portare i guanti in discesa.. La mano è la parte con cui sicuramente vai a contatto col suolo alla prima scivolata anche banale , avere un palmo coperto o scoperto fa la differenza tra rialzarsi e continuare o dovere affrontare abrasioni, tagli e difficoltà a impugnare, considerato il peso e la differenza di confort non ne vedo il vantaggio.
Storia precedente

La nuova YT Capra ora anche in alluminio

Storia successiva

Con una 36 pollici giù dal Trota

Gli ultimi articoli in Tech Corner