Manutenzione annuale delle sospensioni: serve veramente?

Manutenzione annuale delle sospensioni: serve veramente?


Quando leggiamo il manuale di una forcella o di un ammortizzatore troviamo sempre un paragrafo sulla manutenzione programmata, sul quale, oltre a piccoli interventi di pulizia e di lubrificazione da effettuare ogni uscita, si raccomanda un’intervento di revisione completa da effettuare una volta all’anno.

Un po’ come il tagliando della nostra automobile, anche la nostra forcella o il nostro ammortizzatore ogni tot ore devono essere quindi revisionati. Ma sarà vero o è un trucchetto dei costruttori per arricchire meccanici e negozianti?

Revisione completa: di cosa si tratta?

Per rispondere a questa domanda cerchiamo prima di tutto di capire in che cosa consiste questo fantomatico intervento di manutenzione annuale secondo quanto previsto dai costruttori.

Forcella

L’operazione di revisione annuale della forcella prevede l’intervento su numerosi elementi.

Innanzitutto viene sostituito l’olio di lubrificazione dei foderi, l’olio che serve ad assicurare un fluido scorrimento degli steli all’interno dei foderi. Quest’olio si sporca a causa delle impurità provenienti dall’esterno che i raschiapolvere fanno inevitabilmente entrare, seppur in piccole quantità.

Vanno quindi sostituiti i raschiapolvere, per assicurare la corretta funzione degli stessi, ovvero il tenere fuori la polvere dai foderi. I raschiapolvere infatti invecchiano e si seccano, si usurano e diventano meno elastici, per cui la loro funzione di schermatura diventa meno efficace.

Si interviene con la sostituzione delle tenute della parte pneumatica, perchè anche loro al pari dei raschiapolvere si usurano e si induriscono. Si provvede anche a pulire e lubrificare nuovamente la camera pneumatica, andando a migliorare lo scorrimento complessivo della forcella.

Si interviene con la sostituzione dell’olio idraulico ed eventualmente con la revisione della cartuccia sigillata, se necessaria. L’olio idraulico si deteriora con il tempo ed un olio nuovo assicura il miglior comportamento possibile della parte di smorzamento idraulico.

Ammortizzatore

L’intervento di manutenzione annuale dell’ammortizzatore interviene su due elementi.

Nella parte aria si provvede alla sostituzione di tutte le tenute statiche e dinamiche, alla pulizia completa del serbatoio ed all’installazione di nuove tenute opportunamente lubrificate. Si ripristina l’eventuale olio o grassi di lubrificazione. Assieme alle tenute pneumatiche, viene sostituito anche il raschiapolvere. Le tenute degli ammortizzatori sono quasi sempre specifiche ed ogni produttore fornisce il suo kit di revisione come ricambio.

Per quanto riguarda la parte idraulica, l’intervento di manutenzione prevede essenzialmente la sostituzione di tutte le tenute, statiche e dinamiche, la pulizia delle parti, il controllo del corretto funzionamento di tutti gli elementi dell’idraulica, lo spurgo e la sostituzione dell’olio ed il ripristino della corretta pressione nella camera d’espansione.

Buona parte dei malfunzionamenti dell’ammortizzatore posteriore sono dovuti al passaggio di aria dalla camera di espansione all’olio dell’idraulica. L’olio in emulsione non assicura più il corretto funzionamento delle valvole idrauliche, a causa di bolle d’aria che causano dei “vuoti”. Il ripristino della tenuta dell’IFP, assieme allo spurgo ed al ripristino della corretta pressione della camera di espansione, assicurano che aria ed azoto siano correttamente separati ovvero che l’olio sia privo di aria al suo interno e permetta all’idraulica di funzionare correttamente in ogni condizione.

Negli ammortizzatori a molla si interviene ovviamente solo sulla parte idraulica.

Perchè ogni anno?

Le sospensioni delle nostre biciclette sono componenti estremamente complessi e ad alte prestazioni. Sono progettati per avere una scorrevolezza massima ed assicurare un ottimale assorbimento dei piccoli urti, ma per ottenere questo risultato su di un veicolo dal peso inferiore ai 100kg, le tenute non possono essere troppo “strette”. Inoltre l’utilizzo off road su terreni sconnessi stressa non poco questi componenti, sottoposti a migliaia e migliaia di cicli in ogni singola discesa ed a notevole surriscaldamento.

Stabilire un intervallo di manutenzione universale non è facile: c’è chi esce 2-3 volte al mese facendo giri tranquilli e chi esce tutti i giorni con sole, neve, polvere e fango. Bisogna poi considerare il naturale degrado delle parti in gomma delle nostre sospensioni, un degrado chimico che è influenzato anche dal tempo oltre che dalle ore di utilizzo, motivo per cui una sospensione si deteriora anche stando ferma.

I produttori, quasi all’unisono, hanno reputato che per un utilizzo tipo della bici, l’intervallo a cui sottoporre le sospensioni ad un service completo sia di un anno o 200 ore di utilizzo.

Questo significa che se esco in bici tutti i giorni anche in condizioni estreme, dovrò ridurre questo intervallo, se invece uso la bici sporadicamente potrò allungarlo leggermente.

Cosa succede se non faccio questo tagliando ogni anno?

Poichè l’intervento di revisione delle sospensioni è lungo e piuttosto costoso, molti rider pensano di poterne fare a meno “tanto dopo due o tre anni cambio tutto, chissenefrega della manutenzione!”

Vediamo perchè questo ragionamento non funziona… Immaginiamo di avere una bicicletta full da 3500€, non un super top di gamma, ma già con un buon reparto sospensioni, mettiamo una bella Fox Float 34 ed un Fox DPS.

Ci giro un anno, normale utilizzo, ma non ci faccio nessun tagliando, “tanto sono soldi buttati!”. Dopo 1 anno e mezzo dentro i foderi della mia forcella c’è un sacco di sporco, la parte aria non è lubrifcata, i raschiapolvere sono secchi: la mia forcella è un legno, lo stesso l’ammortizzatore, ma non me ne rendo conto perchè il degrado è stato lento e mi sono adattato nel tempo a questo peggioramento senza accorgermi che quando la bici nuova era tutto un altro pianeta.

Vado a girare con un amico che ha preso la bici insieme a me. Lui però non aveva un grande budget ed ha preso a 2500€ una full con Monarch e Revelation. A differenza mia, ha però fatto il tagliando delle sospensioni rivolgendosi ad un meccanico serio. Ha speso 230€, con l’occasione ha messo anche i raschiapolvere ad alto scorrimento. Provo le sue sospensioni: sono decisamente più plush e fluide della mia.

In pratica ho speso 1000€ in più del mio amico per avere forcella ed ammortizzatore di fascia più alta, ma dopo un anno funzionano peggio di quelle del mio amico. Il mio amico ha delle sospensioni che lavorano meglio ed ha pure risparmiato 770€!

Danni da cattiva manutenzione

Oltre ad un degrado prestazionale, non effettuare la dovuta manutenzione alle sospensioni causa alla lunga gravi danni alle stesse, qui di seguito i più comuni.

La perdita di olio dai raschiapolvere è il sintomo tipico di una tenuta deteriorata. A forza di scorrere ed a causa del degrado del polimero, il raschiapolvere con il tempo perde la sua tenuta ermetica. L’olio fuoriesce, sporcando lo stelo. Allo stesso tempo però entra anche lo sporco, perchè la funzione schermante del raschiapolvere è compromessa. L’olio dentro al fodero è sempre di meno e si sporca sempre di più.

Il passaggio successivo è l’abrasione dello stelo. A causa dell’incuria, dentro ai foderi rimane pochissimo olio, olio che tra l’altro è pieno di residui e particelle abrasive di sabbia. Questo impasto, interponendosi tra stelo e boccole, abrade in maniera irreversibile il rivestimento dello stelo causando delle caratteristiche righe verticali. Lo stelo si danneggia quindi irrimediabilmente: perde il trattamento superficiale ad alta scorrevolezza, la tolleranza stelo/boccola non è più rispettata e quindi causa gioco ed anche la boccola si danneggia.

La riparazione di questo tipo di danni è estremamente costosa, talvolta non è economicamente conveniente e si fa prima a cambiare la forcella. Eppure con un semplice tagliando, eseguito per tempo, il problema non si sarebbe verificato.

Per quanto riguarda gli ammortizzatori, uno dei danni più frequenti è il danneggiamento o la rottura a causa di malfunzionamenti idraulici. Quando l’idraulica “scoppia”, ovvero l’olio si riempe di aria in emulsione, viene a mancare la frenatura idraulica, sia in estensione che in compressione. L’ammortizzatore sbatte quindi violentemente contro i fine corsa, con il rischio di rotture meccaniche. Un tipico esempio di danno è il distacco del pacco lamellare.

Altro danno comune è l’usura dello stelo o del manicotto aria a causa della mancata manutenzione della parte aria. La mancanza di lubrificante, le tenute logore e le particelle abrasive entrate dentro la camera pneumatica causano questo tipo di danneggiamento.

Possa fare da me la manutenzione?

La risposta è sicuramente sì, ma ci sono alcune premesse.

La revisione completa delle sospensioni è delicata ed è opportuno possedere delle ottime doti meccaniche. Molte parti sono piccole e ci sono tanti componenti delicati, che è facile danneggiare. Non è insomma un lavoro per tutti…

Bisogna inoltre essere attrezzati adeguatamente, oltre ad avere un’officina ben attrezzata, ci sono chiavi e prodotti specifici che bisogna per forza di cose avere per effettuare una revisione completa, soprattutto sugli ammortizzatori.

Insomma, il fai da te è fattibile, ma non è detto che sia economicamente conveniente. Prendiamo come esempio la revisione di un ammortizzatore Fox. Il costo si aggira sui 130-140€. Avendo già a disposizione un’officina completa delle chiavi tradizionali, banco, morsa, ecc, occorre spendere ca 600€ di attrezzatura specifica (Se non ci credete vi facciamo un elenco!), cifra che non ammorteremo prima di 5 revisioni. E’ chiaro che economicamente il fai da te non conviene più di tanto su questo tipo di lavoro.

Quello che invece si può fare tranquillamente in casa è la revisione ordinaria di forcella ed ammortizzatore, ovvero rimuovere i foderi e sostituire i raschiapolvere e revisionare la parte aria degli ammortizzatori. Per questi lavori non sono necessari particolari attrezzi specifici (quei pochi che servono non costituiscono una grande spesa) e sono lavori decisamente più semplici, adatti anche a meccanici non particolarmente esperti.

Insomma, la manutenzione regolare delle nostre sospensioni è estremamente importante per ottenere il massimo dalle stesse, sopratutto quando abbiamo prodotti di alta gamma che possono garantire elevate prestazioni.

Detto ciò il lavoro di revisione non è per niente semplice ed un buon risultato dipende anche e soprattutto dall’esperienza di chi fa il lavoro. Sono tante le variabili in gioco ed il fattore umano è estremamente importante, tanto quanto la scelta dei giusti lubrificanti e dei giusti oli. Ci sono trucchi e segreti che nessun manuale o corso ti insegnano.

Insomma, tralasciando gli “improvvisati” o gli “amici” che lavorano sotto banco nel garage di casa, anche tra i professionisti c’è chi lavora bene e chi meno bene. Il mio consiglio è di informarvi sempre a chi vi rivolgete, sentite le opinioni, chiedete consiglio sul nostro Forum. Un buon lavoro di manutenzione può far funzionare le nostre sospensioni ancora meglio che da nuove!

Like
Like x 2
  Subscribe  
più recente più vecchio più votato
Notificami di
Ispettore Zenigata
Ispettore Zenigata

Magari fosse un anno… nei libretti di istruzioni Fox sono molto più contenute, e addirittura per l’olio si parla di 20 ore

tylerdurden71
tylerdurden71

20 ore? Dovrei farlo ogni 10/15 giorni… 🙂

Ispettore Zenigata
Ispettore Zenigata

in estate anch’io…. vorrei sapere chi rispetta veramente questi intervalli…

DBCapo
DBCapo

sicuramente si riferisce al cambio olio nei foderi

Ispettore Zenigata
Ispettore Zenigata

sicuramente sì, e sicuramente non sono in molti a farlo

doghy

il problema, per quanto mi riguarda, non e' solamente il costo "elevato", ma soprattutto trovare un meccanico di fiducia che faccia il lavoro come se deve.

DjAlexB
DjAlexB

io avendo fox spedisco a BSC…forse non i più economici ma ti garantisco che lavorano bene, mai un problema dopo una loro revisione

iaio
iaio

Ottimo. Esiste un fattore “kilometraggio” o è solo l’intervallo tempo da considerare?

Alexrcl
Alexrcl

Io non parlerei di kilometraggio puro ma anche di metri dislivello…considerazione personale naturalmente

78Mauro
78Mauro

Scusate la domanda da principiante, ma tale sono. Dove si può trovare ciò che serve per gonfiare la camera d’aria sotto l’olio nello stelo di un mono Fox? Credo che la bombola nella valigetta nell’immagine qui sopra possa esserlo…
Grazie a tutti.

prolive
prolive

Esatto, ma va’ gonfiata ad azoto e spesso non è indicata la pressione, bisogna conoscerla. Per alcuni ammortizzatori arriva anche a 500 PSI. Diciamo che è una di quelle operazione che è meglio farr fare ad un officina attrezzata, anche perchè se ha perso pressione li, non è uscita, è finita nell’olio, quindi necessita comunque di una revisione completa.

Monty1975
Monty1975

basta con ste segate…ci vogliono i molloni

gianbike
gianbike

coi i “molloni” come li chiami, il discorso è identico…

Alonsobike
Alonsobike

……parlo per esperienza personale, ho mandato una fox34 in assistenza dopo 2anni e mezzo …..NON UNA IDEA INTELLIGENTE, specie chi come me prende la mtb circa 4giorni a settima e la usa per il suo sporco mestiere per la quale è stata progettata.
In sintesi oltre la revisione standard dovetti sostituire la cartuccia dell’aria completamente spaccata e corsi anche il rischio di dover far sostituire lo stelo poiché consumato …insomma 250€ . .. Mi andò anche di lusso , perché potevo anche sfiorare i 400€. ..

gianbike
gianbike

Bravo Daniel!!

jimmy27
jimmy27

A trovarli i meccanici capaci di fare le revisioni complete. Spesso fanno piu danni che a non fare niente 😨

Lucky86
Lucky86

il problema sono i costi troppo elevati che chiedono i revisionatori.
oggettivamente per una forcella chiedono dai 100 ai 150 euro, di materiale a loro ci saranno 20 euro tra olio e tenute, considerando che li comprano anche all’ingrosso, non certo il boccettino da 150ml. se si hanno due bici, magari full i costi di manutenzione diventano troppo elevati.
anche per chi usa la bici poco e magari decide di farla ogni 2-3 anni comunque è davvero elevato.
io credo che in un’oretta una persona pratica con la forcella già smontata dalla bici e la giusta attrezzatura risolverebbe tutto quindi 70-80 euro sarebbero già tanti.
questo motivo mi ha spinto a revisionare la pike da solo e non è un lavoro difficile, anche per la parte idraulica visti i manuali che mette a disposizione rs. non so se fox e altri facciano la stessa cosa, soprattutto per modelli non proprio recenti.
per gli ammortizzatori, magari più complessi e con più regolazioni la cosa è più compessa ma 160 euro (questo è quello che mi chiedono) sono comunque uno sproposito.
poi sono d’accordo che con la revisione tutto rimane più efficiente, quindi non sto dicendo di non fare le revisioni, ma che bisognerebbe darsi una regolata.

Becciu
Becciu

Certo, ci sarebbe da darsi una regolata!
Potresti iniziare tu ad affittare un locale, allestire un’officina, aprire partita IVA ed iniziare a farti pagare esattamente quello che ritieni il prezzo corretto.

Frankie_r
Frankie_r

I prezzi dei tagliandi delle bici stanno raggiungendo i prezzi dei tagliandi delle auto, già fuori controllo da tempo. Se un professionista non riesce a starci dentro a meno di quei prezzi forse è il caso che cambia mestiere, perché gli stipendi in Italia sono quello che sono…

uomoscarpia
uomoscarpia

Tanto una pike con 400 euro la trovi…fare tanti discorsi sui prezzi lo trovo oltremodo ridicolo…ma vi rendete conto che una bici come quella dell’esempio dopo due anni vale se va bene la metà per quanto bene l’hai usata, sempre che nel frattempo non siano cambiati ancora le misure dei mozzi ed altri ammennicoli perché la vostra amata bici troverà sempre meno compratori ed a prezzi sempre più bassi. Ecco che una revisione da 200 e passa euro è un salasso. Mi faccio la parte aria e guardo offerte in giro, ho trovato pike nuove a 400 euro solo perché non boost….

NoRulesDemis
NoRulesDemis

Infatti, pulizia e lubrificazione ad ogni uscita, manutenzione ordinaria semestrale fatta in casa e dopo tre anni ti prendi un componente nuovo in sconto. Alla fine spendi lo stesso (o meno nel caso di ammortizzatori) e hai un componente nuovo che va sicuramente meglio del vecchio revisionato annualmente.

uomoscarpia
uomoscarpia

Ed in più hai la tua forca usata che comunque per quanto a poco le vendi sempre

Grammy
Grammy

..concordo…

Zucchi
Zucchi

Dove la trovi per 400 Euro? Ne ho comprata una per 615 Euro, nuova per intendersi, in Dicembre 2017. Quindi sarebbe interessante dove costa ancora di meno? Visto che il listino era di ca. 1100 Euro.

BiciDaMontagna.com
BiciDaMontagna.com

uhm se riesci a fare questi prezzi chiudo officina e mando tutto a te. Un kit revisione comleto forcella va da un minimo di 20 a 60 euro in base al modello, I raschiapolvere vengono di media 30 euro. Non ultimo l’olio che se pur poco costa, il grasso che si utilizza costa anche quello, l’usura attrezzi e cosa che tutti trascurano lo smaltimento oli esausti… IVA 22% alla fine siamo a circa 20/30 euro di manodopera (anche questa con IVA….. scusami ma credeteci non è facile tenere bassi i prezzi e se vi fanno una revisione economica, occhio probabilmente non è stata fatta bene o sostituiendo tutte le parti.

Alexrcl
Alexrcl

Forse c’è da farsi qualche domanda quando i prezzi son troppo bassi rispetto agli altri. O conosci chi ti fa quel prezzo e hai fiducia o meglio farsi 2 domande su cosa davvero faranno alla tua forcella…

betasom
betasom

Approfitto di te per togliermi una curiosità: mi spieghi cosa comprate? Io vado nei negozi di articoli tecnici industriali (oleodinamica, pneumatica, maccanica, ecc.) e i prezzi sono fino a *UN DECIMO* di quelli che chiedono Rock Shox e FOX. Ho fatto prendere 2 Q-ring a Modena da una persona e non ha voluto soldi. Mi ha detto: “che mi stai a dare, le monetine?” Costavano meno di 1€. Un paraolio per Reba Rock Shox l’ho pagato 2,75€, un raschiatore 2,00€. Ditemi. Qualcuno mi spieghi.

darionollie_
darionollie_

Il mio compagno di uscite va in mtb dagli anni ’90 ( xc / dh e ora enduro) e non ha MAI fatto fare una manutenzione tenendosi forcelle e mono per anni…

Alexrcl
Alexrcl

Un amico di mio cugino va in bici dal 1970 e usa ancora la forcella rigida, tanto ammortizza tutto con braccia e gambe e non spende nulla di manutenzione, in compenso una fortuna di antidolorifici :))

darionollie_
darionollie_

Vai in mtb da poco vero?

Pietro.68
Pietro.68

per la mia esperienza, con le nuove cartucce sigillate, se si fa ogni anno (per chi è un week end warrior, più spesso per chi esce di più) quella ordinaria, con sostituzione di raschia polvere, spugnette, tenute e olio di lubrificazione, per quella completa si possono allungare gli intervalli.

Marco Toniolo

Il mio compagno di uscite va in mtb dagli anni '90 ( xc / dh e ora enduro) e non ha MAI fatto fare una manutenzione tenendosi forcelle e mono per anni…

il tuo amico sta provando nuovi tipi di piantagioni di funghi, per vedere se crescono insieme ai topi morti?

darionollie_
darionollie_

Ecco cosè quell’odore! ..in ogni caso va più forte di me che sono sempre dietro a curare la scorrevolezza degli steli manco fossero dei dildi

mde4trail
mde4trail

ma non vuol dire nulla, la scorrevolezza sicuramente influisce ma non è così determinante

darionollie_
darionollie_

siii…era un esempio…

Pietro.68
Pietro.68

un esempio che dimostra che c’è gente che in discesa va piano anche con le forcelle nuove…

darionollie_
darionollie_

Non esattamente, era un esempio per dimostrare che l’utente di mtb è spesso più attento al mezzo che alla guida.

Pietro.68
Pietro.68

tranne il tuo amico che da quanto dici si tiene forcelle e ammo per anni…

giorgiocat

Ma questa?

p84
p84

E’ il kit d’idrogeno usato da Martin Brody per far saltare in aria lo squalo

giorgiocat
giorgiocat

Comunque il problema delle revisioni sono i costi e quindi normalmente si tende a rimandarle, ovviamente sbagliando, perchè alla fine i danni arrivano, e nel frattempo le prestazioni di sono comunque deteriorate

FeO

Se si spendono migliaia di euro per una bici secondo me si deve mettere in preventivo anche la sua manutenzione…forse chi si lamenta dei costi non immagina cosa chiede lo stato italiano di tesse per mandare avanti un'azienda. Secondo voi cosa dovrebbe costare una manutenzione?

Sent from my [device_name] using MTB-Forum mobile app

FeO

Se si spendono migliaia di euro per una bici secondo me si deve mettere in preventivo anche la sua manutenzione…forse chi si lamenta dei costi non immagina cosa chiede lo stato italiano di tesse per mandare avanti un'azienda. Secondo voi cosa dovrebbe costare una manutenzione?

Sent from my [device_name] using MTB-Forum mobile app

Tc70

Resto dell'idea,che fin che vanno bene,non bisognerebbe ne aprirle ne metterci mano…sulla mia vecchia '26 avevo una Sid Race che ha lavorato per oltre 35.000km e lo sta facendo tutt'ora con altro proprietario,che solo ora alla soglia dei 50.000 km si accorto che ha bisogno di una manutenzione…la mia Reba attuale,lavora ancora benissimo,come nuova,più di 12.000km all'attivo e quasi 3 anni di utilizzo…non vedo perchè dovrei aprirla,visto che va bene e svolge il suo lavoro egregiamente…di certo sia questa che la sua precedendte,dopo ogni uscita,la pulisco da terra e tengo unti gli steli con dell'olio al silicone…

Alexrcl
Alexrcl

Per lo stesso ragionamento, chi te la fa fare di cambiare l’olio motore alla macchina???

Rezza
Rezza

Cambiare l’olio alla macchina è solo ” leggermente più importante” , sai come è, un motore a scoppio che gira a 3000 gira a tipo 800 C ..
io che ho una sektor da forse 300 euro piuttosto di spenderne 200 l’anno la uso fin che non crepa e ne compro una nuova …

albatros_la
albatros_la

Con tanta elettronica che si ficca ovunque, potrebbero inventarsi un qualche chip che ti dice quando è ora di fare manutenzione in funzione dell’utilizzo vero della forcella (ovvero quanto ha effettivamente lavorato). È vero che dipende anche dalle condizioni di sporco (se uno va per argini o per asfalto o in un bosco o su terreno argilloso, le cose cambiano), ma darebbe una buona indicazione e soprattutto farebbe da reminder.
Ciò detto, non faccio moltissima strada, ahimè, ma non risparmio la forcella quando esco. Ha molti km sul groppone e scorre ancora benissimo, senza alcun trafilamento. Forse il Brunox che uso prima di ogni uscita aiuta. Il bello, in molte situazioni come la mia, è che se si porta la bici a revisionare si rischia di trovare un meccanico che prova a fare un paio di affondi e conclude che va ancora bene e non ha bisogno di interventi…

Monty1975
Monty1975

Si ci mancano pure i sensori per le forcelle, magari come quelli Delle cartucce epson

teoDH

I soliti ragionamenti da barboni… spendi 5000 euro per una bici, e poi la lasci marcire per non spendere 200 euro l’anno…
Io di service, se giro in posti molto polverosi, alla forcella ne faccio fare anche 2, quello di inizio anno dove cambio tutte le tenute, e uno a metà stagione dove cambio solo i fluidi, un tempo sulle 888 lo facevo io, ora con le idrauliche più complicate preferisco delegare anche i cambi olio e pulizia.
Per l’ammo (facendo DH) spesso reggo due anni, specie con fox, mentre con cane creek era da fare ogni anno, però è più facile a mio parere capire quando un ammo inizia a non girare più fluido, mentre per la forcella, come giustamente detto, ci si abitua e si sente meno il calo di performance.

Quest’anno, nonostante i service regolari, a causa del clima particolarmente secco ho impastato un raschiapolvere e mi ha fatto un leggero segno sullo stelo mentre ero a Morzine, tant’è che ho deciso che quest’anno il cambio fluidi lo faccio la settimana prima di partire per la francia!

giorgiocat

I soliti ragionamenti da barboni… spendi 5000 euro per una bici, e poi la lasci marcire per non spendere 200 euro l'anno…
Io di service, se giro in posti molto polverosi, alla forcella ne faccio fare anche 2, quello di inizio anno dove cambio tutte le tenute, e uno a metà stagione dove cambio solo i fluidi, un tempo sulle 888 lo facevo io, ora con le idrauliche più complicate preferisco delegare anche i cambi olio e pulizia.
Per l'ammo (facendo DH) spesso reggo due anni, specie con fox, mentre con cane creek era da fare ogni anno, però è più facile a mio parere capire quando un ammo inizia a non girare più fluido, mentre per la forcella, come giustamente detto, ci si abitua e si sente meno il calo di performance.

Quest'anno, nonostante i service regolari, a causa del clima particolarmente secco ho impastato un raschiapolvere e mi ha fatto un leggero segno sullo stelo mentre ero a Morzine, tant'è che ho deciso che quest'anno il cambio fluidi lo faccio la settimana prima di partire per la francia!

Allora senza dare del barbone a nessuno, ti do ragione. Le nostre bici sono giocattolini costosi, sia da comprare che da mantenere, è un dato di fatto. Diciamo che se uno è la prima volta che si compra una bici dai 3000( anche dai 2000) euro in su può non avere presente la cosa. Se uno c'è dentro da un po' purtroppo ce la deve avere presente…

Lucky86

Certo, ci sarebbe da darsi una regolata!
Potresti iniziare tu ad affittare un locale, allestire un'officina, aprire partita IVA ed iniziare a farti pagare esattamente quello che ritieni il prezzo corretto.

ok ok, allora preferirei affrontare una discussione costruttiva e capire come si raggiungono cifre di 120 per una revisione visto che abbondando sono 20 euro di materiale e 30-35 euro all'ora di manodopera, come qualsiasi altra officina (auto-moto-bici), dove ovviamente devono essere compresi la manodopera e i costi dei macchinari. così è per tutti.
come si raggiunga la cifra di una revisione sopra detta non lo so. se un meccanico ci mette 3 ore a revisionare una normale forcella non mi sembra corretto.
questa è la mia posizione, prego replica con quanto non conosco.
grazie

Becciu
Becciu

guarda, non c’è niente da replicare, per tua stessa ammissione non conosci la questione ma ti prendi la briga di fare stime sul tempo impiegato, i costi del negoziante e ti permetti di fare i conti in tasca alla gente.
Pensi che per un servizio ti si stia chiedendo troppo?
Bene, guardati in giro e cerca chi te lo fa a meno.
Non trovi chi te lo fa a meno?
Beh, i casi sono due, o quello è il prezzo di mercato per il servizio che stai richiedendo o, effettivamente, c’è un cartello per tenere alti i prezzi di quel dato servizio.
Cosa fare in quest’ultimo caso?
Fai quanto ti suggerivo sopra, attrezzati per fornire tu quel servizio al prezzo che ritieni corretto; se effettivamente c’è una congiura giudaico-massonica per farti pagare troppo la revisione della biga avrai trovato una miniera d’oro, nel caso contrario finirai col culo per terra in sei mesi e forse, dico forse, avrai imparato l’umiltà necessaria a non fare i conti in tasca alle persone su questioni che non conosci.
Pace

Frankie_r
Frankie_r

Non esiste nessun cartello, il mountain biker medio agisce in maniera del tutto razionale e boost e ammo metrici sono innovazioni che hanno rivoluzionato le prestazioni delle bici. Contento ora?

teoDH

Semplice: il kit tenute di una MZ380 costa 40 euro, ho visto la fattura da vittoria al negoziante, forse le RS costano un po meno. Poi c’è l’olio, che costa 20 euro al litro, e di norma ce ne vanno 100/150 cc a stelo, infine la manodopera, che per un cambio totale di tenute richiede un oretta e mezza, il tutto considerando che se ti fanno lo scontrino, pagano le tasse sopra…
Il mio meccanico di fiducia mi prende 100 euro per un service completo e 50 per cambio fluidi, che mi sembra onesto, sugli ammo spendo qualcosa in più, ma oscilla in base a diverse variabili, quindi stiamo sui 120 (il kit tenute fox DHX costa circa 30 euro), ma la manodopera è maggiore e si deve considerare l’ammortamento delle attrezzature per metterlo in pressione.

Tc70

ok ok, allora preferirei affrontare una discussione costruttiva e capire come si raggiungono cifre di 120 per una revisione visto che abbondando sono 20 euro di materiale e 30-35 euro all'ora di manodopera, come qualsiasi altra officina (auto-moto-bici), dove ovviamente devono essere compresi la manodopera e i costi dei macchinari. così è per tutti.
come si raggiunga la cifra di una revisione sopra detta non lo so. se un meccanico ci mette 3 ore a revisionare una normale forcella non mi sembra corretto.
questa è la mia posizione, prego replica con quanto non conosco.
grazie

Se può essere d'aiuto,ho chiesto per curiosità al mio sivende autorizzato R.Shox…una revisione di una forca tipo Reba o Sid va dai 50 ai 70 eur,max 80…non è nemmeno una cifra onerosa…direi onesta…se ce la fa lui cosi,gli altri col doppio o triplo di tale cifra,forse in qualcosa ci marciano…;-)

kappe
kappe

A novembre 2016 ho fatto fare la revisione alla forka(SID) ed ho speso 60euro. Il mecca pero’ mi ha detto che se gliel’avessi portata a fine Febbraio/Marzo mi sarebbe costato il doppio. Comunque, secondo me, a quelle cifre per la revisione, comprerei una forka da 300euro e la cambio nuova ogni 2 anni.

Alexrcl
Alexrcl

Dipende anche da cosa intende lui per revisione in primis, poi cosa fai montare: se vuoi raschia-polvere e guarnizioni ad alte prestazioni è normale che alla fine ti costi tutto un pò di più, idem se decidi di farti fare il servizio da qualcuno di blasonato tipo Andreani tanto per intenderci.
Io non mi permetto di fare i conti in tasca a nessuno, prima di scegliere il centro da cui vado mi sono passato ora a fare ricerche su internet e richiedere preventivi nero su bianco. Credo che ci siano tante considerazioni da fare, alcune volte è giusto pagare la professionalità di un servizio e non valutare tutto in base al costo

Tc70

A novembre 2016 ho fatto fare la revisione alla forka(SID) ed ho speso 60euro. Il mecca pero' mi ha detto che se gliel'avessi portata a fine Febbraio/Marzo mi sarebbe costato il doppio. Comunque, secondo me, a quelle cifre per la revisione, comprerei una forka da 300euro e la cambio nuova ogni 2 anni.

Io gliel ho chiesto proprio settimana scorsa…e su una Sid da 600 o Reba da 450 eur investire una cifra di 50/60/70 eur ogni 2 anni (cosi come poi ha consigliato lui,conoscendo il mio tipo d'uso),non mi sembra cosi esagerato e in tal lasso di tempo,non mi salta fuori una forca nuova pari livello…;-)

Poi convengo che chi ci da dentro e le sfrutta in poche ore al 1000 x 100,dovrà farsi anche 2 conti in tasca…chi può fare certi lavori sono in molti,non bisogna fossilizzarsi sul sivende di fiducia,se non mi fa il prezzo,ce ne sono altti in giro e con buona pace mia e sua,se mi si permette guardo anche il portafogli e non è essere barboni…

Lucky86

guarda, non c'è niente da replicare, per tua stessa ammissione non conosci la questione ma ti prendi la briga di fare stime sul tempo impiegato, i costi del negoziante e ti permetti di fare i conti in tasca alla gente.Pensi che per un servizio ti si stia chiedendo troppo?Bene, guardati in giro e cerca chi te lo fa a meno.Non trovi chi te lo fa a meno?Beh, i casi sono due, o quello è il prezzo di mercato per il servizio che stai richiedendo o, effettivamente, c'è un cartello per tenere alti i prezzi di quel dato servizio.Cosa fare in quest'ultimo caso?Fai quanto ti suggerivo sopra, attrezzati per fornire tu quel servizio al prezzo che ritieni corretto; se effettivamente c'è una congiura giudaico-massonica per farti pagare troppo la revisione della biga avrai trovato una miniera d'oro, nel caso contrario finirai col culo per terra in sei mesi e forse, dico forse, avrai imparato l'umiltà necessaria a non fare i conti in tasca alle persone su questioni che non conosci.Pace è inutile che ti scaldi. ci sono parecchi utenti che dicono di riuscire a spendere meno, il problema è trovare meccanici di fiducia che fanno bene il lavoro, se non andare per tentativi. ho pure trovato un pezzo montato al contrario purchè la revisione fosse fatta da un centro ufficiale.sicuramente i centri ufficiali tengono "cartelli", con la falsità di fornire garanzia di 6 mesi e o altre scuse. io so solo che con 60 euro si comprano gli attrezzi per revisionare… Continua a leggere »

Giocody
Giocody

Forse perchè, se te lo fai in casa non paghi tasse, ma chi lo fa per mestiere sì?! (per dirne una, eh)
Ma di cosa stiamo parlando?
Andate sereni dall’amico dell’amico o dal cuggino, non c’è problema. Per fortuna ci sarà sempre e comunque chi preferisce i professionisti ai lavori “parentali”.

bicidiAle
bicidiAle

Un paio di anni fa ho fatto fare revisione e tuning della mia X fusion Sweep (forcella di valore modesto, pagata 570 € ) dopo le prime 250 ore di utilizzo enduro. Spedita in assistenza al Bike Suspension Center, ho speso 165 € iva compresa, forcella rinata, più performante ancora rispetto al nuovo e ora dopo altre 200 ore le performance sono ancora molto soddisfacenti. Morale: consiglio a tutti di effettuare la manutenzione prevista e, se non si è pratici, di affidarsi a esperti.

Lucky86

Un paio di anni fa ho fatto fare revisione e tuning della mia X fusion Sweep (forcella di valore modesto,  pagata 570 € ) dopo le prime 250 ore di utilizzo enduro. Spedita in assistenza al Bike Suspension Center,  ho speso 165 € iva compresa, forcella rinata, più performante ancora rispetto al nuovo  e ora dopo altre 200 ore le performance sono ancora molto soddisfacenti. Morale: consiglio a tutti di effettuare la manutenzione prevista e, se non si è pratici, di affidarsi a esperti.

sono d'accordissimo e vale anche la regola chi più spende meno spende, se la revisione è fatta come si deve.
rimane il fatto che secondo me 165 euro per una revisione sono tanti, perchè di materiale c'è veramente poco e dipende cosa hanno fatto per il tuning. quanto ci mette un professionista a fare questa revisione?
per me è tanto, ma in ogni caso se si vuole il lavoro fatto bene, questi sono spesso i prezzi attuali.

Ivo

Ho aperto una Lirik dopo tre anni e ho trovato l'olio ancora limpido ma non esco mai col bagnato e dopo ogni uscita pulisco gli steli, lubrifico i parapolvere e pulisco fino a che il lubrificante sugli steli resta pulito poi asciugo.
Non si può generalizzare, dipende da tanti fattori, nel mio caso una revisione annuale mi sembra uno spreco.

Dumpweed
Dumpweed

Io fin da subito ho imparato a tale da solo e un po’ alla volta ho preso l’attrezzatura necessaria. In questo modo tengo le mie forcelle sempre efficienti facendo la manutenzione almeno due volte l’anno. Lo faccio anche per gli amici è più che altro lo trovo un hobby, un passatempo.

masao

Personalmente io lo faccio fare una volta l'anno. Una volta che le hai provate da "standard" diciamo, se si ha un minimo di sensibilità, alla prima revisione (da un centro che mastichi bene queste cose) puoi fargli fare un tuning per rendere migliore l'affondamento in base ai tuoi gusti di riding o dove ritieni possa esserci un deficit.
Può veramente fare un grosso step alla mtb

Frankie_r

il problema sono i costi troppo elevati che chiedono i revisionatori. oggettivamente per una forcella chiedono dai 100 ai 150 euro, di materiale a loro ci saranno 20 euro tra olio e tenute, considerando che li comprano anche all'ingrosso, non certo il boccettino da 150ml. se si hanno due bici, magari full i costi di manutenzione diventano troppo elevati.anche per chi usa la bici poco e magari decide di farla ogni 2-3 anni comunque è davvero elevato.io credo che in un'oretta una persona pratica con la forcella già smontata dalla bici e la giusta attrezzatura risolverebbe tutto quindi 70-80 euro sarebbero già tanti.questo motivo mi ha spinto a revisionare la pike da solo e non è un lavoro difficile, anche per la parte idraulica visti i manuali che mette a disposizione rs. non so se fox e altri facciano la stessa cosa, soprattutto per modelli non proprio recenti.per gli ammortizzatori, magari più complessi e con più regolazioni la cosa è più compessa ma 160 euro (questo è quello che mi chiedono) sono comunque uno sproposito.poi sono d'accordo che con la revisione tutto rimane più efficiente, quindi non sto dicendo di non fare le  revisioni, ma che bisognerebbe darsi una regolata. Certo, ci sarebbe da darsi una regolata!Potresti iniziare tu ad affittare un locale, allestire un'officina, aprire partita IVA ed iniziare a farti pagare esattamente quello che ritieni il prezzo corretto. I prezzi dei tagliandi delle bici stanno raggiungendo i prezzi dei tagliandi delle auto, già fuori controllo da tempo. Se… Continua a leggere »

Becciu
Becciu

Caro amico diversamente benestante, mi permetto di applicare alla sua persona lo stesso ragionamento che sta applicando indiscriminatamente, e senza alcuna cognizione di causa, ad una categoria intera: se non riesce a pagare per il suo costoso ed elitario hobby, forse è giunto il momento di ri-considerare la pratica dello stesso (volendo continuare a godere dei paesaggi montani mi permetto di consigliare, in alternativa, il trekking, per il quale l’unica attrezzatura richiesta è un paio di scarponcini, e questi richiedono una manutenzione bassissima), o di acquisire un maggiore capacità di produrre reddito, magari andando a fare il meccanico in un negozio di bici, visto che navigano tutti nell’oro.
Cordiali saluti

Frankie_r
Frankie_r

L’amico diversamente benestante si gode la sua attrezzatura anche senza farsi rapinare da certi marchi o negozianti, e le assicuro che le sue bici scarsamente manutenute, come dice lei, le usa tranquillamente ogni weekend.

vassanam

Succede questo… 😥 la mia Magura mai revisionata in 3 anni.

gilmour88

per le fox avevo letto addirittura ogni 6 mesi come timing….il mio meccanico di fiducia mi ha parlato di km e ovviamente anche del "tipo" d'uso come fattori molto importanti da considerare oltre al tempo…credo che se uno fa solo asfalto sia ovviamente diverso da uno che si fa ogni volta 1000 metri di dislivello in fuori strada

ciclista411

Resto dell'idea,che fin che vanno bene,non bisognerebbe ne aprirle ne metterci mano…sulla mia vecchia '26 avevo una Sid Race che ha lavorato per oltre 35.000km e lo sta facendo tutt'ora con altro proprietario,che solo ora alla soglia dei 50.000 km si accorto che ha bisogno di una manutenzione…la mia Reba attuale,lavora ancora benissimo,come nuova,più di 12.000km all'attivo e quasi 3 anni di utilizzo…non vedo perchè dovrei aprirla,visto che va bene e svolge il suo lavoro egregiamente…di certo sia questa che la sua precedendte,dopo ogni uscita,la pulisco da terra e tengo unti gli steli con dell'olio al silicone…magari sbaglierò,ma sino ad ora mai un problema.

In pratica quasi simile alla.mia storia ciclistica

ciclista411

Per lo stesso ragionamento, chi te la fa fare di cambiare l'olio motore alla macchina???

Se si rompe una Reba o una Sid, con 300-400€ in offerta me ne compro una nuova (manodopera compresa).
Se si rompe il motore della mia auto ho bisogno di 3000€ (manodopera esclusa)

bgcarlo

ok ok, allora preferirei affrontare una discussione costruttiva e capire come si raggiungono cifre di 120 per una revisione visto che abbondando sono 20 euro di materiale e 30-35 euro all'ora di manodopera, come qualsiasi altra officina (auto-moto-bici), dove ovviamente devono essere compresi la manodopera e i costi dei macchinari. così è per tutti.
come si raggiunga la cifra di una revisione sopra detta non lo so. se un meccanico ci mette 3 ore a revisionare una normale forcella non mi sembra corretto.
questa è la mia posizione, prego replica con quanto non conosco.
grazie

Fermo restando che molti sivende ne approfittano, e credo che qua siamo tutti d’accordo, io lavoro in proprio e posso dirti che lo stato fra una storia e l’altra ti chiede la metà di quel che guadagni, poi devi essere a norma ed in regola con millemila normative, corsi anti incendio, primo soccorso ecc ecc ecc. alla fine i soldi per andare avanti devono saltar fuori sennò chiudi. Purtroppo chi lavora più o meno onestamente ha dei costi esorbitanti cui far fronte.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Lucky86

Se si rompe una Reba o una Sid, con 300-400€ in offerta me ne compro una nuova (manodopera compresa).
Se si rompe il motore della mia auto ho bisogno di 3000€ (manodopera esclusa)

è questa la proporzione che non si capisce. per 400 euro di forcella ti chiedono 150 di revisione, per un motore auto te ne chiedono 100… non ci siamo proprio, poi mettetemi pure dentro tutti i discorsi che volete ma i costi del materiale sono sotto gli occhi di tutti, il resto è manodopera e deve essere onesta

bgcarlo

Se si rompe una Reba o una Sid, con 300-400€ in offerta me ne compro una nuova (manodopera compresa).
Se si rompe il motore della mia auto ho bisogno di 3000€ (manodopera esclusa)

Certo, come si dice: “il gioco deve valere la candela”.

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Alexrcl

ok ok, allora preferirei affrontare una discussione costruttiva e capire come si raggiungono cifre di 120 per una revisione visto che abbondando sono 20 euro di materiale e 30-35 euro all'ora di manodopera, come qualsiasi altra officina (auto-moto-bici), dove ovviamente devono essere compresi la manodopera e i costi dei macchinari. così è per tutti.
come si raggiunga la cifra di una revisione sopra detta non lo so. se un meccanico ci mette 3 ore a revisionare una normale forcella non mi sembra corretto.
questa è la mia posizione, prego replica con quanto non conosco.
grazie

Se può essere d'aiuto,ho chiesto per curiosità al mio sivende autorizzato R.Shox…una revisione di una forca tipo Reba o Sid,si va dai 50 ai 70 eur…non è nemmeno una cifra onerosa…direi onesta…se ce la fa lui cosi,gli altri col doppio o triplo di tale cifra,forse in qualcosa ci marciano…;-)

Dipende anche da cosa intende lui per revisione in primis, poi cosa fai montare: se vuoi raschia-polvere e guarnizioni ad alte prestazioni è normale che alla fine ti costi tutto un pò di più, idem se decidi di farti fare il servizio da qualcuno di blasonato tipo Andreani tanto per intenderci.
Io non mi permetto di fare i conti in tasca a nessuno, prima di scegliere il centro da cui vado mi sono passato ora a fare ricerche su internet e richiedere preventivi nero su bianco. Credo che ci siano tante considerazioni da fare, alcune volte è giusto pagare la professionalità di un servizio e non valutare tutto in base al costo

cessna
cessna

Sono d’accordo.. per fare un paragone automobilistico poco più di un mese fa mi sono fatto fare un preventivo per il tagliando della mia auto. l’officina autorizzata mi ha sparato per un classico tagliando olio/filtri 600 eurozzi…certo, officina autorizzata, saletta di attesa, locali fighi ma… per curiosità, essendo la mia auto fuori garanzia e quindi essendo libero di scegliere ho provato a vedere quanto mi costavano tutti i pezzi di ricambio on line. Acquistando il tutto della massima qualità e della migliore marca mi risparmiavo quasi il 70%. più 200 € per 4 ore di manodopera… morale ho comprato i pezzi e mi sono fatto fare il tagliando da un normale meccanico risparmiando più del 60% alle fine, iva compresa, ovviamente. in questo caso, non essendoci problematiche particolari o noie elettroniche, ma un semplice e banale tagliando al motore ho ritenuto che il sovrapprezzo applicato dal concessionario ufficiale non valesse lo sproposito richiesto.

Alexrcl

Se si rompe una Reba o una Sid, con 300-400€ in offerta me ne compro una nuova (manodopera compresa).
Se si rompe il motore della mia auto ho bisogno di 3000€ (manodopera esclusa)

Scusa ma è proprio questo il punto secondo me; ci sono tante cose che i costruttori ti suggeriscono di fare e tu puoi decidere autonomamente se farle o meno mettendo in conto il rapporto costo beneficio, c'è chi lo accetta e chi no.
Poi vorrei un pò vedere l'onesta con cui alcuni di voi (voi generico, chi se la prende ha la coda di paglia!) rivendono la forcella usata…

doghy

sicuramente si riferisce al cambio olio nei foderi

sicuramente e' cmq , perdona, una follia, e non ci mettiamo la ramanzina ecologica dello lo smaltimento degli olii esausti

doghy

Un kit revisione comleto forcella va da un minimo di 20 a 60 euro in base al modello, I raschiapolvere vengono di media 30 euro. .

al pubblico.
Perche' se da professionista devo pagare 30 euro un rachiapolvere, prezzo di produzione probabilmente 20 centesimi….

Bujo
Bujo

Dal negoziante di fiducia 130 euro per forca e ammo Fox mi sono sembrati onesti dopo 24 mesi di utilizzo. Con regolare scontrino e ricambi originali possono rientrare anche in una trattativa futura di permuta per la nuova bici.

Lucky86

Un kit revisione comleto forcella va da un minimo di 20 a 60 euro in base al modello, I raschiapolvere vengono di media 30 euro.

questi sono i prezzi che posso pagare al massimo io comprandomi il kit, e sto comprando skf ecc… uno che lo fa di mestiere avrà degli sconti, oppure i canali nel ciclismo funzionano male.
i revisionatori montano, se non su richiesta, raschiapolvere standard, e kit di cui ne comprano una barcata alla volta, il prezzo non può essere lo stesso. e ripeto che le revisioni standard partono dai 100 euro in su.
poi giustamente voi siete nell'ambiente e lo sapete bene ma è davvero così è un'assurdità.

pk71
pk71

Avendo mandato via l’altra settimana sia la forcella che l’ammortizzatore alla Vittoria (tutti e due ancora in garanzia), quando ho letto il titolo ho pensato “ecco ora leggo che ho fatto una caxxata”. Invece leggendo articoli e commenti ritengo di aver fatto la cosa giusta, certo costa circa 300€ per tutti e due (1700€ di componenti), ma sono più sicuro che se mi succede qualcosa in garanzia non possono dirmi niente e, spero, di passare tutto il periodo di tempo bello senza problemi. Voglio spezzare una lancia a favore del negozio, quello secondo alcuni dissanguato per avergli chiesto lo sconto quando ho acquistato da loro (vedi prezzo fisso/sconto), dopo aver parlato con Vittoria mi ha chiamato e mi ha comunicato la spesa per chiedermi se procedere, più chiari di così?!

Marco Toniolo

Si ci mancano pure i sensori per le forcelle, magari come quelli Delle cartucce epson

Non vedo l'ora che fox presenti il live valve su forche ed ammo. Ho già comprato la scorta di popcorn formato uragano forza 5.

teoDH

In calce a questa discussione vorrei invitarvi a fare due conti sulle vostre passioni, perchè forse vi perdete qualche pezzo… avendone io tante, molte di esse impegnative economicamente, mi sono già messo a fare due conti, e per girare in DH, quindi con un consumo infinitesimale di ricambi rispetto a uno che in bici pedala e macina magari 2 o 3 mila km all’anno, ho comunque una notevole mole di costi di manutenzione, un treno di gomme all’anno, i service sospensioni, eventuali rotture, incidono comunque poco rispetto a quel che spendo di trasferte, bikepass, soggiorni. Per chi fa DH i costi sono più “logistici” mentre per chi pedala sono maggiori i costi imputabili ai ricambi.
Facendo un conto della serva, per girare in bici spendi dai 1000/1500 euro minimo l’anno a salire, non metto un limite perchè se prendo uno che magari ha due bici, gira in park e pedala, secondo me può tranquillamente superare i 3000 euro l’anno.

alexh1983
alexh1983

5000 KM BDC e 3500 in MTB con cambio catena, cassetta, e treni di gomme e persino uno star ratchet DT swiss sono distante anni luce (per mia fortuna) dalle spese da te paventate, E meno male che è così, se no dovrei considerare di smettere a 3000 euro/anno.

spanato14

A novembre 2016 ho fatto fare la revisione alla forka(SID) ed ho speso 60euro. Il mecca pero' mi ha detto che se gliel'avessi portata a fine Febbraio/Marzo mi sarebbe costato il doppio..

questa non l ho capita
c e la bassa e l alta stagione x la revisione ???
io cambierei mecca a sentirmi dire cosi
o per lo meno mi girerebbero…..

albatros_la

Si ci mancano pure i sensori per le forcelle, magari come quelli Delle cartucce epson

Non sono a favore dell'elettronica di controllo nemmeno io, ma quella di monitoraggio può tornare utile. Nella fattispecie basterebbe qualcosa che conta gli affondi e si legge via NFC. Insomma, nulla che piloti meccanismi (cosa che richiederebbe anche batterie e servomotori, come accade per i cambi elettroattuati). Una parte non trascurabile dei ciclisti ha comunque con sé da decenni dell'elettronica per il monitoraggio: il conta chilometri.

lollo72
lollo72

Sulla questione che la manutenzione sia un’ottima operazione da eseguire per mantenere efficenti le componenti dei nostri mezzi penso non ci sia dubbio; può dispiacere il fatto che anche se poco utilizzati alcuni componenti si degradino e influiscano pertanto sul corretto funzionamento ; e quanto più soffisticate o ricercate sono le componenti (specie la sospensioni) tanto più oneroso sarà mantenerle efficenti. Comunque per chi non volesse spendere quasi nulla per la manutenzione di una forcella, ricordo che sul mercato esistono forcelle a balestre tipo quelle prodotte da Lauf che non necessitano di manutenzione (in teoria!) .

Tc70

Per lo stesso ragionamento, chi te la fa fare di cambiare l'olio motore alla macchina???

Sai che è un paragone imparagonabile vero? 😉

Alexrcl
Alexrcl

Dai volete dirmi che tutti cambiate l’olio motore nell’istante in cui si accende la spia del service???? Minimo passano da 10 ai 30 giorni e nel frattempo la macchina la usate. E poi si volevo essere provocatorio 😉

raffganz
raffganz

“un’intervento” si scrive senza apostrofo

pk71

🙂

Sulla questione che la manutenzione sia un'ottima operazione da eseguire per mantenere efficenti le componenti dei nostri mezzi penso non ci sia dubbio; può dispiacere il fatto che anche se poco utilizzati alcuni componenti si degradino e influiscano pertanto sul corretto funzionamento ; e quanto più soffisticate o ricercate sono le componenti (specie la sospensioni) tantopiù oneroso sarà mantenerle efficenti. Comunque per chi non volesse spendere quasi nulla per la manutenzione di una forcella, ricordo che sul mercato esistono forcelle a balestre tipo quelle prodotte da Lauf che non necessitano di manutenzione (in teoria!) .

:smile:Il nome della forcella Leaf per le fat è carbonara :smile::smile:

Boncar
Boncar

io consiglio vivamente la revisione annuale , la mia bike ha il reparto sospenzioni Bos dove gli intervalli ” visto l’idraulica sopratutto della forca” sono’ piu’ lunghi rispetto ad altri modelli sul mercato, nonostante cio’ le sospensioni sono rinate sicuramente merito del mio meccanico( DSC), Stefano persona disponibilissima e mooolto qualificata .
i costi nella media delle officine che pagano le tasse e’ costi di gestione.

Ispettore Zenigata

Magari fosse un anno… nei libretti di istruzioni Fox sono molto più contenute, e addirittura per l'olio si parla di 20 ore

sicuramente si riferisce al cambio olio nei foderi

sicuramente sì, e sicuramente non sono in molti a farlo

johnnymotard
johnnymotard

Leoni da tastiera. Leoni da tastiera ovunque. Forse prima di lamentarvi del costo di una revisione sospensione, dovreste farvi voi una revisione al cervello. Magari in bici siete pure di quei chiodoni azzeccati ai freni che scavano i tracciati e che rompono solo i coglioni. Grrrrrrr anzi, clicclicclicclicclic xD

Alexrcl
Alexrcl

Ecco qui sopra un lampante esempio di leone da tastiera che spara a zero senza argomentare il suo punto di vista. Sei un campione!

ledesma
ledesma

immagino che molti qui abbiano aperto una reba. comune forca diffusissima , beh dentro né C’ è un ca2o. per fare manutenzione basta un pò voglia e le guide che si trovano ovunque. poi C’ sempre chi preferisce farsi cambiare le pastigli dei freni. non si sa mai

ellenwager
ellenwager

io la faccio una volta all anno…. l ho portata in un centro andreani e la sospensione era molto meglio di quando era nuova, scorreva molto meglio…. la differenza l ho sentita di molto ciaone

Tc70

Leoni da tastiera. Leoni da tastiera ovunque. Forse prima di lamentarvi del costo di una revisione sospensione, dovreste farvi voi una revisione al cervello. Magari in bici siete pure di quei chiodoni azzeccati ai freni che scavano i tracciati e che rompono solo i coglioni. Grrrrrrr anzi, clicclicclicclicclic xD

Ecco ci voleva la mannaia del giustiziere…

Frankie_r

il problema sono i costi troppo elevati che chiedono i revisionatori. oggettivamente per una forcella chiedono dai 100 ai 150 euro, di materiale a loro ci saranno 20 euro tra olio e tenute, considerando che li comprano anche all'ingrosso, non certo il boccettino da 150ml. se si hanno due bici, magari full i costi di manutenzione diventano troppo elevati.anche per chi usa la bici poco e magari decide di farla ogni 2-3 anni comunque è davvero elevato.io credo che in un'oretta una persona pratica con la forcella già smontata dalla bici e la giusta attrezzatura risolverebbe tutto quindi 70-80 euro sarebbero già tanti.questo motivo mi ha spinto a revisionare la pike da solo e non è un lavoro difficile, anche per la parte idraulica visti i manuali che mette a disposizione rs. non so se fox e altri facciano la stessa cosa, soprattutto per modelli non proprio recenti.per gli ammortizzatori, magari più complessi e con più regolazioni la cosa è più compessa ma 160 euro (questo è quello che mi chiedono) sono comunque uno sproposito.poi sono d'accordo che con la revisione tutto rimane più efficiente, quindi non sto dicendo di non fare le  revisioni, ma che bisognerebbe darsi una regolata. Certo, ci sarebbe da darsi una regolata!Potresti iniziare tu ad affittare un locale, allestire un'officina, aprire partita IVA ed iniziare a farti pagare esattamente quello che ritieni il prezzo corretto. I prezzi dei tagliandi delle bici stanno raggiungendo i prezzi dei tagliandi delle auto, già fuori controllo da tempo. Se… Continua a leggere »

gore4673
gore4673

una nota mi pare doverosa.
un noto tuner e revisionatore sul lago di Garda chiede più di 100€ a revisione per una forca NON Fox. il tuning ovviamente è à-la-cart e vede una rapida impennata dei prezzi.
Tomaso Ancillotti: revisione e tuning di una 55 rc3 v.2 Ti del 2013: 80euro+spedizione. se avessi voluto cambiare i parapolvere si aggiungevano una 50ina di euro e basta.
Ah! il tuning riguardava sia i passaggi olio che il pacco lamellare della cartuccia, e pure le boccole!!! cosa che difficilmente viene presa in considerazione.
passo e chiudo

sten1959

Ecco ci voleva la mannaia del giustiziere…

bhè.. ci ha messo quasi otto anni per scrivere il suo 54° commento.
Ci avrà messo moltissimo a pensarlo ed a scriverlo; d'altra parte una perla del genere mica esce cosi su due piedi 🙂

brajang

Purtroppo la questione secondo me sta a monte, reputo che i sono i ricambi a costare una follia.
Non ho idea di quali mirabolanti tecnologie ci siano nelle tenute (esempio) della parte aria di una forcella come una pike, ma pagare un 10/15 oring qualche cosa come 25/30 euro, oppure olii da 15/20€ al litro rimarchiati a 60/70€ euro al litro.
Quest'estate avevo bisogno di 4 oring, compatibili con fluido DOT. Formula mi chiedeva qualche cosa come 20€ (oring da 2mm), è bastato cercare oring per fluido dot in posti che nulla hanno a che fare con la MTB che me li han tirati dietro.
Chi vi dice che a 60/80 euro vi revisiona la forcella o evade tutto il possibile e immaginabile e ha i migliori fornitori del mondo, oppure vi apre la forka vi cambia l'olio gli da una pulita e ve la restituisce.

Pietro.68

Dal negoziante di fiducia 130 euro per forca e ammo Fox mi  sono sembrati onesti dopo 24 mesi di utilizzo.  Con regolare scontrino  e  ricambi originali possono rientrare anche in una trattativa futura di permuta per la nuova bici.

Se per 130 euro ti ha fatto sia forca che amo compresi parapolvere e or ti ha fatto solo la revisione base.

ANDREAMASE

mah…io su bici 2016 ho appena fatto fare revisione completa e tuning ammo e forca, i soldi meglio spesi, la bici sembra un'altra!!
come scritto nell'articolo il deterioramento è graduale e ci si abitua, ma la differenza si sente tutta, "provare per credere" (cit.) 😉

Pietro.68

Come al solito un'infinità di commenti sui costi e praticamente zero commenti sui benefici. Se non volete pagare le revisioni fate a meno di farle ma non rompete i cojoni con calcoli assurdi sui costi effettivi. Oppure imparate a farle. Ma se siete soaragnini oppure non sapete usare una chiave a brugola non venite qua a dire "tanto la revisione non serve". Magari si potranno allungare un po" gli intervalli ma anche solo cambiare olio e tenute migliora moltissimo la forca. Specie se è da tanto che non si interviene. Poi c'è chi scrive che suo cuggggino sono 9 anni che non tocca la forca e va meglio di prima e ottengo conferma ai miei pensieri.

lazzaro54

mandata la mia Yari boost ad un preparatore, mi diceva che l'interno è simile alla Boxxer a cui hanno tolto alcune cose per abbassare i costi …. le ha rimesse, inoltre me l'ha portata da 150 a 160 mm + olio racing + revisione di passaggi olio …. spesi 150 euro ma ora la forca sembra un'altra, morbida all'inizio e sostenuta verso la fine … i soldi meglio spesi, la bici ha cambiato faccia

ANDREAMASE

Poi c'è chi scrive che suo cuggggino sono 9 anni che non tocca la forca e va meglio di prima

magari "scritto da iphone x"!!!! :smile::omertà:

francescoMTB1

mandata la mia Yari boost ad un preparatore, mi diceva che l'interno è simile alla Boxxer a cui hanno tolto alcune cose per abbassare i costi …. le ha rimesse, inoltre me l'ha portata da 150 a 160 mm + olio racing + revisione di passaggi olio …. spesi 150 euro ma ora la forca sembra un'altra, morbida all'inizio e sostenuta verso la fine … i soldi meglio spesi, la bici ha cambiato faccia

Ci faresti capire anche a tutti noi cosa "ti avrebbe rimesso"??? O meglio cosa ti ha riferito di averci rimesso?

gargasecca

mah…io su bici 2016 ho appena fatto fare revisione completa e tuning ammo e forca, i soldi meglio spesi, la bici sembra un'altra!!
come scritto nell'articolo il deterioramento è graduale e ci si abitua, ma la differenza si sente tutta, "provare per credere" (cit.) 😉

Stessa cosa…solo che il mio DHX aveva 7 anni…:spetteguless:
Sulla Formula invece l' ho fatta io, quella base, dopo 180h di utilizzo…:il-saggi:

Pietro.68

Stessa cosa…solo che il mio DHX aveva 7 anni…:spetteguless:
Sulla Formula invece l' ho fatta io, quella base, dopo 180h di utilizzo…:il-saggi:

bravo. Adesso scrivi che non c'è nessuna differenza fra prima e dopo la revisione e possiamo chiudere qui…

gargasecca

bravo. Adesso scrivi che non c'è nessuna differenza fra prima e dopo la revisione e possiamo chiudere qui…:mrgreen::mrgreen::mrgreen:



No no…ho scritto…capirai…mi accorgo della pressione delle gomme…pure sulla BMW…figurati se non mi accorgo dell' ammo…:sborone:
Solo che ora a fine giornata trovo lo stelo un pochino "umido"…lo valuto nel tempo e verifico.
E' anche vero che io lo pulisco tutte le volte e lo "bagno" con Olio Ballistol comprimo 3-4 volte e poi asciugo…vediamo.
:°°(:

Pietro.68

No no…ho scritto…capirai…mi accorgo della pressione delle gomme…pure sulla BMW…figurati se non mi accorgo dell’ ammo…:sborone:
Solo che ora a fine giornata trovo lo stelo un pochino “umido”…lo valuto nel tempo e verifico.
E’ anche vero che io lo pulisco tutte le volte e lo “bagno” con Olio Ballistol comprimo 3-4 volte e poi asciugo…vediamo.
:°°(:

dopo una revisione è normale che gli steli restino umidi. E’ quando non succede che bisogna preoccuparsi. Il fatto che siano umidi significa che l’olio di lubrificazione fa il suo dovere.

Luca Asti
Luca Asti

C’è un detto:
se credi che un professionista costi troppo è perché non hai idea di quanto ti costerà alla fine un incompetente.
Tralasciando le frasi fatte mi fa pensare quando qualcuno dice che la manutenzione sarebbe troppo cara nel caso la dovessi fare a due Full.E’ già un lusso avere due full e non manutenerle un delitto……
da non sprecare soldi a non fare manutenzione ce ne passa.
Peace Luca

Alexrcl
Alexrcl

Alla fine di tutto questo discorso una cosa è certa, da alcuni di voi non comprerei MAI una forcella usata 😀

Luca Asti
Luca Asti

Hihihihihihiihii

gargasecca

C'è un detto:
se credi che un professionista costi troppo è perché non hai idea di quanto ti costerà alla fine un incompetente.
Tralasciando le frasi fatte mi fa pensare quando qualcuno dice che la manutenzione sarebbe troppo cara nel caso la dovessi fare a due Full.E' già un lusso avere due full e non manutenerle un delitto……
da non sprecare soldi a non fare manutenzione ce ne passa.
Peace Luca

Le mantengo la mantengo…eccome le mantengo…:beautifu:


Il mio DHX…anagraficamente 7 anni…di cui 3 anni di fermo e un totale sulle spalle di 2250km x circa 300h di utilizzo reale…:saccio:

sembola

Il costo del materiale significa poco o niente.

Ce l'avete gli attrezzi per aprire una forcella? Tutti, anche la morsa con gli inserti in alluminio per non rigare gli alberini? E poi, li sapete usare? Sapete quali operazioni vanno fatte, in che successione, con quali modalità? Come si fa, insomma?

Se la risposta è sì, non c'è problema. Qualche decina di euro di materiale e si fa in casa.

Se la risposta è no, allora è giocoforza pagare chi ha attrezzi e know-how o spendere soldi e tempo per procurarsi gli uni e gli altri.

In entrambi i casi, però, senza infamare chi col proprio lavoro deve pagare tasse, affitti, ammortamenti attrezzature, aggiornamento professionale, smaltimenti rifiuti speciali e via andando, oltre che ricavare un guadagno per vivere.

Tc70

bhè.. ci ha messo quasi otto anni per scrivere il suo 54° commento.
Ci avrà messo moltissimo a pensarlo ed a scriverlo; d'altra parte una perla del genere mica esce cosi su due piedi 🙂

La cosa preoccupante,c'è chi pure gli ha dato un like…:ueh:

giorgiocat

Leoni da tastiera. Leoni da tastiera ovunque. Forse prima di lamentarvi del costo di una revisione sospensione, dovreste farvi voi una revisione al cervello. Magari in bici siete pure di quei chiodoni azzeccati ai freni che scavano i tracciati e che rompono solo i coglioni. Grrrrrrr anzi, clicclicclicclicclic xD

'Mmazza fortuna che ci sei tu che ci dai questi preziosi consigli e che sei così svelto sia sui sentieri che col cervello…

bgcarlo

C'è un detto:
se credi che un professionista costi troppo è perché non hai idea di quanto ti costerà alla fine un incompetente.
Peace Luca

…qualche volta c’è anche l’incompetente che si fa pagare troppo, come fosse un fenomeno. 😉

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

ANDREAMASE

…qualche volta c’è anche l’incompetente che si fa pagare troppo, come fosse un fenomeno. 😉

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

però avrà vita breve…

lazzaro54

Ci faresti capire anche a tutti noi cosa "ti avrebbe rimesso"??? O meglio cosa ti ha riferito di averci rimesso?

non sono un esperto in materia … credo alcune lamelle per i passaggi olio ….. in pratica è diventata una Boxxer ma da 160mm

francescoMTB1

non sono un esperto in materia … credo alcune lamelle per i passaggi olio ….. in pratica è diventata una Boxxer ma da 160mm

Ho capito, …in pratica te le ha rimesse ,…perche' prima non erano presenti….
Mo' invece le hai e te la ha trasformata in una Boxer …..da 160 pero'……….
…che figata….;-)
Sarei curioso di capire il tuo portafogli se te lo ha lasciato o ti sei ritrovato con del fumo al suo posto … eh, sara' un mago di certo… 🙂

Zucchi
Zucchi

Secondo me gli intervalli indicati dai produttori di sospensioni premettono sempre il worst case di utilzzo. E pertanto nella maggior parte dei casi reali sono troppo frequenti.
Io sulla mia hardtail ho fatto il primo controllo dopo quattro(!) anni sulla ROCK SHOX SID. Più per scrupolo che per necessità e l’avevo usata ben intensamente. Era sia perfetto l’olio che le guarnizioni, pertanto non ho nemmeno messo mano sulle parti idrauliche perchè non serviva. E le guarnizioni dei foderi erano anche perfette e morbide. Ovviamente, smontandole, dovevo sostituirle ma era spreco di materiale in quanto avevano tenuta perfetta ed erano anche morbide e non indurite.

Pietro.68

Secondo me gli intervalli indicati dai produttori di sospensioni premettono sempre il worst case di utilzzo. E pertanto nella maggior parte dei casi reali sono troppo frequenti.
Io sulla mia hardtail ho fatto il primo controllo dopo quattro(!) anni sulla ROCK SHOX SID. Più per scrupolo che per necessità e l'avevo usata ben intensamente. Era sia perfetto l'olio che le guarnizioni, pertanto non ho nemmeno messo mano sulle parti idrauliche perchè non serviva. E le guarnizioni dei foderi erano anche perfette e morbide. Ovviamente, smontandole, dovevo sostituirle ma era spreco di materiale in quanto avevano tenuta perfetta ed erano anche morbide e non indurite.

e scommetto che non hai notato alcuna differenza fra prima e dopo la manutenzione.

Pietro.68

Secondo me gli intervalli indicati dai produttori di sospensioni premettono sempre il worst case di utilzzo. E pertanto nella maggior parte dei casi reali sono troppo frequenti.
Io sulla mia hardtail ho fatto il primo controllo dopo quattro(!) anni sulla ROCK SHOX SID. Più per scrupolo che per necessità e l'avevo usata ben intensamente. Era sia perfetto l'olio che le guarnizioni, pertanto non ho nemmeno messo mano sulle parti idrauliche perchè non serviva. E le guarnizioni dei foderi erano anche perfette e morbide. Ovviamente, smontandole, dovevo sostituirle ma era spreco di materiale in quanto avevano tenuta perfetta ed erano anche morbide e non indurite.

e scommetto che non hai notato alcuna differenza fra prima e dopo la manutenzione.

Zucchi
Zucchi

Alcuna non direi, ma non era proprio così devastante la differenza… Ca. lo stesso come se giri per un po’ la bici in testa per far scendere l’olio ai paraoli della forcella…

Elandur

Ho letto tutti i commenti e, purtroppo per me, devo dire che inseguo il compromesso.Ho una biga pagata 2.200 euro sudati, con cui faccio circa 1.000 km a trimestre, ogni trimestre indipendentemente dal clima, e alla quale faccio manutenzione basica ad ogni uscita e virtualmente a costo zero (lubrificazione parti meccaniche, pulizia, check strutturale del telaio, ecc.). Immaginando di non rompere niente, anche se da un anno e mezzo che ce l'ho ho cambiato un deragliatore e il manettino del cambio, c'è comunque l'appuntamento annuale che prevede cambio guaine e cavi, cambio dischi se necessario, pastiglie almeno 3 volte l'anno e altrettanti spurghi, cambio gomme (1 anteriore e 2 posteriori in 12 mesi), con tutti i costi annessi di materiale di consumo (grasso, lattice, olii vari ecc.) e attrezzistica (molta ereditata dal papà, molta specifica per bici no).Già cambiata la catena dopo 15 mesi, è da mettere in previsione negli annia venire anche il cambio cassetta e corona anteriore. Sono soldi. E non li ca*o, me li sudo al lavoro come tanti. E non per questo ritengo di dover cambiare hobby, manco potessi inseguire ciò che costa meno anzichè il cuore. Compromessi: su pastiglie e dischi ho trovato un ottimo venditore su aliexpress dal quale compro a prezzi irrisori, e la qualità è pari ai componenti originali. Materiali di consumo, gomme, ecc, rappresentano una ricerca spasmodica su internet a caccia del miglior sconto (appena preso kit revisione forca SKF e ammo originale Fox a 50 euro totale). Tanta voglia di… Continua a leggere »

Elandur

Ho letto tutti i commenti e, purtroppo per me, devo dire che inseguo il compromesso.Ho una biga pagata 2.200 euro sudati, con cui faccio circa 1.000 km a trimestre, ogni trimestre indipendentemente dal clima, e alla quale faccio manutenzione basica ad ogni uscita e virtualmente a costo zero (lubrificazione parti meccaniche, pulizia, check strutturale del telaio, ecc.). Immaginando di non rompere niente, anche se da un anno e mezzo che ce l'ho ho cambiato un deragliatore e il manettino del cambio, c'è comunque l'appuntamento annuale che prevede cambio guaine e cavi, cambio dischi se necessario, pastiglie almeno 3 volte l'anno e altrettanti spurghi, cambio gomme (1 anteriore e 2 posteriori in 12 mesi), con tutti i costi annessi di materiale di consumo (grasso, lattice, olii vari ecc.) e attrezzistica (molta ereditata dal papà, molta specifica per bici no).Già cambiata la catena dopo 15 mesi, è da mettere in previsione negli annia venire anche il cambio cassetta e corona anteriore. Sono soldi. E non li ca*o, me li sudo al lavoro come tanti. E non per questo ritengo di dover cambiare hobby, manco potessi inseguire ciò che costa meno anzichè il cuore. Compromessi: su pastiglie e dischi ho trovato un ottimo venditore su aliexpress dal quale compro a prezzi irrisori, e la qualità è pari ai componenti originali. Materiali di consumo, gomme, ecc, rappresentano una ricerca spasmodica su internet a caccia del miglior sconto (appena preso kit revisione forca SKF e ammo originale Fox a 50 euro totale). Tanta voglia di… Continua a leggere »

gargasecca

5000 KM BDC e 3500 in MTB con cambio catena, cassetta, e treni di gomme e persino uno star ratchet DT swiss sono distante anni luce (per mia fortuna) dalle spese da te paventate, E meno male che è così, se no dovrei considerare di smettere a 3000 euro/anno.

penso intendesse anche auto…benzina…casello…biglietti bike park o funivie ecc…[emoji6]

Sent from my [device_name] using MTB-Forum mobile app

giobrik
giobrik

Secondo me è tutto relativo.
Oltre all’uso effettivo; tempo e dislivello. Occorre valutare anche cosa si vuole. Se hai una bici da €5000 e vuoi sempre che sia il top è un conto; se ti accontenti… allora se la tieni pulita ed unta al silicone vai avanti tranquillamente 2-3 anni senza particolari differenze. Questa è la mia esperienza.

FrinfrinDH
FrinfrinDH

Secondo me si spendono molti più soldi ogni anno in componenti inutili ma alla moda che in cose utili e funzionali…La revisione a forca e ammo purtroppo non si possono sfoggiare nei park 😉

Marco N

Io, per evitare manutenzioni e rogne meccaniche, dato che non faccio tante uscite e sono tutte su sterrati non particolarmente impegnativi, sono molto molto tentato di prendermi una Scapin Oraklo con forcella rigida Racetrim…

Tira la careta
Tira la careta

in conclusione, è quindi è ritenuto corretto che una manciata di oring valga 40 euro, due raschiaolio 30, ma che un’ora di manodopera non valga 40/50 euro? La competenza, quando c’è, a mio parere è giusto che venga gratificata anche economicamente.
Poi, uno può anche farsi la manutenzione personalmente, non solo per motivi economici, ma magari per diletto, piacere personale, arricchimento tecnico, tenendo sempre presente che l’improvvisarsi può costare caro.

erpampero
erpampero

Io sono un negoziante e sono ufficiale andreani per il discorso revisioni e manutenzioni e posso assicurare a tutti che non è una cosa banale come si pensa . Un lavoro che a volte dura 1 ora puó durare anche 4 ore se ci sono problematiche inaspettate . Quello che secondo me è importante è l’attrezzatura usata , i prodotti usati e l’esperienza . Io personalmente uso solo i migliori oli , e grassi che trovo perchè da appassionato preferisco spendere il triplo dei normali prodotti ma consegnare un prodotto che renda al massimo delle sue prestazioni . Sempre per questo discorso ho voluto investire moltissimo anche per una attrezzatura di alto livello che mi permettesse di eseguire dei lavori a regola d’arte e la soddisfazione più grande è vedere i miei cliente che tornano in negozio per ringraziarmi del lavoro svolto . A volte capisco che i prezzi sembrano elevati ma dietro a quel lavoro ci sono molte ore di lavoro , di corsi di attrezzatura che nel mio casa supera gli 8k e poi di materiale . Per fare una forcella tipo fox servono 3 kit (parte aria ,parte idraulica e parapolvere) . Io credo molto nelle revisioni e nella possibilità di poter personalizzare il prodotto in base alle esigenze di ogni cliente perchè ognuno di noi ha uno stile di guida diverso e ovviamente diverse sono le esigenze . Se voleste qualche informazione in merito scrivetemi pure su questa mail [email protected] saró felice di potervi aiutare se… Continua a leggere »

bgcarlo

in conclusione, è quindi è ritenuto corretto che una manciata di oring valga 40 euro, due raschiaolio 30, ma che un'ora di manodopera non valga 40/50 euro?  La competenza, quando c'è,  a mio parere è giusto che venga gratificata anche economicamente.
Poi, uno può anche farsi la manutenzione personalmente, non solo per motivi economici, ma magari per diletto, piacere personale, arricchimento tecnico, tenendo sempre presente che l'improvvisarsi può costare caro.

Sono d’accordo però devo aggiungere che qualche volta ho notato, su certi lavori dove ne capisco, che chi dovrebbe fare il lavoro da professionista, spesso “lo butta la” e sono arrivato alla conclusione che io lo faccio meglio… il costare caro, in termini di salute, può capitare anche con questi “professionisti” che ti riparano il mezzo a seconda di quanto lo hai pagato

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

elvi ra
elvi ra

Monterò forcelle rigide così risolto il problema 😀 😀 😛

Marco N

Non mi sembra un'idea così strampalata. Se Niner, Scapin, Olympia producono ancora forcelle rigide, forse per uno che non fa sterrati impegnativi a velocità non sono così male, le proprietà del carbonio dovrebbero aiutare in questo… sbaglio?

francescoMTB1

Nel passato, le forcelle rigide venivano utilizzate ovunque,ed ancora oggi,per diverse necessita' di indirizzo vengono prodotte ed utilizzate ampiamente, pero'…cerchiamo anche di restare in tema della discussione, qui si parla di sospensioni idrauliche e della loro necessita' manutentiva,che resta un programma  necessario per la loro efficienza!
Vale quindi soffermarsi alla scelta qualitativa dell'affidamento del lavoro.
In proprio? Attrezzatura necessariamente idonea,conoscenza e manualita' dei procedimenti la fanno da padrone.
Non sussistono questi requisiti?Allora affidarsi ad un esperto e capace centro di sospensioni e' un fattore determinante ,e per i costi inutile stare a fare polemiche , si e' ampiamente detto che la qualita' e' da pagare,punto!
Unico consiglio evitare i maghi venditori di fumo!
Aggiungo che: la mia passione nel fai da te mi ha imposto di avere una adeguata attrezzatura, anche esagerata ma necessaria e costosa ed i risultati li ho ottenuti non solo per me ma anche nei lavori occasionali di manutenzioni a telai full e sospensioni per amici e negozianti che continuano ad affidarsi a me,non esclusivamente per una forma di risparmio che resta contenuta ma bensi' per poter dedicare piu' tempo rispetto ad un negoziante.
Consiglio: per alcuni che si ostentano a risparmiare qualche €uro negli oli utilizzando basse gamme,senza additivazioni ,desistete, la differenza con un olio di qualita' e' notevole e la si apprezza nell'utilizzo prolungato e gravoso.

morci

Una delle cose che mi scocciano è il non poter operare da solo. Un meccanico di fiducia in zona non ce l'ho e sporcarmi le mani non mi dispiace. Però, solo per la manutenzione ordinaria della mia Fox 34 ho bisogno della seguente lista di cose:

  • Olio fox e fox float fluid – 21+3 euro
  • Parapolvere e spugnette – 40 euro
  • Attrezzi per smontare i foderi – 96 euro
  • Attrezzo per infilare i parapolvere – 42 euro

Si parla di 200 euro per farsi la manutenzione in casa di cui una sessantina per "consumabili" e il resto (140) per officina. E parliamo di attrezzi che sono dei pezzetti di metallo sagomati dal costo di produzione di 5 euro in tutto.
Posso dire: alla faccia?
E non vale nemmeno il discorso che li compri una volta e poi li ammortizzi. Da un anno all'altro cambi bici o cambi forcella e quella roba la butti.
Insomma: con Fox sei praticamente obbligato ad andare dal meccanico. Con RockShox onestamente l'esperienza è diversa…

BIKEBROS

Io sulle fork ho sempre fatto in casa (RS e MANITOU)….x gli ammo mi rompo dover attendere….ma si è costretti….
I costi,effettivamente sono un Po esaggerati….

sembola

Una delle cose che mi scocciano è il non poter operare da solo. Un meccanico di fiducia in zona non ce l'ho e sporcarmi le mani non mi dispiace. Però, solo per la manutenzione ordinaria della mia Fox 34 ho bisogno della seguente lista di cose:

  • Olio fox e fox float fluid – 21+3 euro
  • Parapolvere e spugnette – 40 euro
  • Attrezzi per smontare i foderi – 96 euro
  • Attrezzo per infilare i parapolvere – 42 euro

Si parla di 200 euro per farsi la manutenzione in casa di cui una sessantina per "consumabili" e il resto (140) per officina. E parliamo di attrezzi che sono dei pezzetti di metallo sagomati dal costo di produzione di 5 euro in tutto.
Posso dire: alla faccia?
E non vale nemmeno il discorso che li compri una volta e poi li ammortizzi. Da un anno all'altro cambi bici o cambi forcella e quella roba la butti.
Insomma: con Fox sei praticamente obbligato ad andare dal meccanico. Con RockShox onestamente l'esperienza è diversa…

Per sfilare i foderi serve una chiave a tubo ed un martello di gomma. 15 euro a dire tanto.
Per rimettere i parapolvere basta uno spezzone di tubo in PVC, 2 euro.
Se consideriamo che ai 17 euro va aggiunta la siringa per misurare l'olio (2 euro) direi "alla faccia", sì 😉

francescoMTB1

Per sfilare i foderi serve una chiave a tubo ed un martello di gomma. 15 euro a dire tanto.
Per rimettere i parapolvere basta uno spezzone di tubo in PVC, 2 euro.
Se consideriamo che ai 17 euro va aggiunta la siringa per misurare l'olio (2 euro) direi "alla faccia", sì 😉

Pero alla "fai da te"..

morci

Per sfilare i foderi serve una chiave a tubo ed un martello di gomma. 15 euro a dire tanto.
Per rimettere i parapolvere basta uno spezzone di tubo in PVC, 2 euro.
Se consideriamo che ai 17 euro va aggiunta la siringa per misurare l'olio (2 euro) direi "alla faccia", sì 😉

Sulla chiave a tubo la giuria è ancora in riunione. L'ho letto e ci devo provare ma non ho trovato nessun video e ad una ispezione sommaria sembra che si debba trovare una chiave che ci passa a filo.
Coi parapolvere del tipo nuovo invece il tubo di pvc non basta più, c'è gente che dopo varie bestemmie ha portato tutto dal meccanico. Tocca anche lì farsi un arnese con un tubo interno che fa da guida e uno esterno che spinge. Per carità, ci si può provare, se sbagli però viene un casino.
Poi io ho anche montato movimento centrale press fit e serie sterzo su un telaio in carbonio con una barra filettata e una buona dose di rondelle e bulloni ma l'estrazione dei foderi fatta alla buona non mi trova tranquillo…

sembola

Pero alla "fai da te"..

Ci sono situazioni in cui gli strumenti specifici sono consigliabili per non dire necessari (es. estrattori e presse cuscinetti) ed altre in cui lo strumento "fai da te" funziona allo stesso identico modo di quello griffato.

Sulla chiave a tubo la giuria è ancora in riunione. L'ho letto e ci devo provare ma non ho trovato nessun video e ad una ispezione sommaria sembra che si debba trovare una chiave che ci passa a filo.

Nel peggiore dei casi chiave a tubo ripassata esternamente con la mola.

Coi parapolvere del tipo nuovo invece il tubo di pvc non basta più, c'è gente che dopo varie bestemmie ha portato tutto dal meccanico.

C'è un sistema per tutto. Certo, serve un minimo di manualità e di esperienza, senza la quale sono bestemmie e gite impreviste dal meccanico… è quello che ho scritto qualche pagina fa, si può impegnare tempo e denaro in attrezzi e nell' imparare a fare le cose, oppure impegnare solo denaro per delegare ad un professionista. Gratis nella vita non c'è nulla 😉

Elandur

Sulla chiave a tubo la giuria è ancora in riunione. L'ho letto e ci devo provare ma non ho trovato nessun video e ad una ispezione sommaria sembra che si debba trovare una chiave che ci passa a filo.
Coi parapolvere del tipo nuovo invece il tubo di pvc non basta più, c'è gente che dopo varie bestemmie ha portato tutto dal meccanico. Tocca anche lì farsi un arnese con un tubo interno che fa da guida e uno esterno che spinge. Per carità, ci si può provare, se sbagli però viene un casino.
Poi io ho anche montato movimento centrale press fit e serie sterzo su un telaio in carbonio con una barra filettata e una buona dose di rondelle e bulloni ma l'estrazione dei foderi fatta alla buona non mi trova tranquillo…

Io ho una 34 del 2016 e i parapolvere li rimuovo con la chiave inglese, e li reinserisco con un tubo del giusto diametro, come dimostrato in numerosi video consultati in rete. No problema…

sembola

Io ho una 34 del 2016 e i parapolvere li rimuovo con la chiave inglese, e li reinserisco con un tubo del giusto diametro, come dimostrato in numerosi video consultati in rete. No problema…

Con i parapovere nuovi, senza flangia, oggettivamente la cosa è meno immediata rispetto a quelli tradizionali con flangia. Nulla di impossibile ma occorre una maggiore cautela ed attenzione: se invece hai l'attrezzo, una martellata e via…

morci

Faccio squatting della discussione e ne approfitto per fare una domanda un po' OT: qualcuno sa se e dove si trovano le spugnette dei parapolvere senza le tenute? Ho visto un video di un meccanico Fox che consigliava di cambiare sempre le spugnette e le tenute a volte alterne (che mi sembra possa avere senso) ma trovo solo tutto il kit. Una volta sono inciampato in un set di 20 spugnette ma erano per steli da 35…

sembola

Faccio squatting della discussione e ne approfitto per fare una domanda un po' OT: qualcuno sa se e dove si trovano le spugnette dei parapolvere senza le tenute? Ho visto un video di un meccanico Fox che consigliava di cambiare sempre le spugnette e le tenute a volte alterne (che mi sembra possa avere senso) ma trovo solo tutto il kit. Una volta sono inciampato in un set di 20 spugnette ma erano per steli da 35…

Io quando faccio la manutenzione "leggera" le tolgo, le pulisco bene con lo sgrassante, le asciugo e le rimetto. Quando faccio fare la manutenzione completa faccio cambiare i parapolvere (e con essi le spugnette).

ciccioo

C'e poco da spiegare. Il problema e che non tutti sono pratici, non sanno cosa prendere……… Tante volte non vale, il kit completo pike ad esempio viene 25 euro e sei apposto.olio 6, 7 euro basta per 4 revisioni. Volendo si puo risparmiare qualcosa, bisogna vedere se hai voglia di cercare i pezzi, un negozio vicino che possa fornirti tutto il necessario,sapere cosa prendere……… Per i prezzi richiesti per certi ricambi, accessori di certe aziende non posso solo che darti ragione. Un po un mondo di ladri che fanno fortuna con la nostra passione, hobby.

sembola

Approfitto di te per togliermi una curiosità: mi spieghi cosa comprate? Io vado nei negozi di articoli tecnici industriali (oleodinamica, pneumatica, maccanica, ecc.) e i prezzi sono fino a *UN DECIMO* di quelli che chiedono Rock Shox e FOX. Ho fatto prendere 2 Q-ring a Modena da una persona e non ha voluto soldi. Mi ha detto: "che mi stai a dare, le monetine?" Costavano meno di 1€. Un paraolio per Reba Rock Shox l'ho pagato 2,75€, un raschiatore 2,00€. Ditemi. Qualcuno mi spieghi.

C'è poco da spiegare. Quello che metto io, privato consumatore, nella mia forcella (o nella mia autovettura) sono problemi miei. Quello che ci mette un manutentore ufficiale deve essere quello lì, pena decadenza della garanzia e responsabilità assortite. Basta dire che nella mia Pike questa volta alla manutenzione approfondita (a garanzia scaduta) han messo i parapolvere SKF, a quella precedente i suoi: e RS non è fiscale, figuriamoci con Fox.

Per i prezzi richiesti per certi ricambi, accessori di certe aziende non posso solo che darti ragione. Un po un mondo di ladri che fanno fortuna con la nostra passione, hobby.

Se non sta bene pagare il prezzo richiesto si smonta tutto, si prendono i pezzi, si va in un negozio di articoli tecnici ed industriali, si compera il necessario, gli attrezzi, i fluidi e si fa da se.
Dare del "ladro" è inaccettabile, sotto ogni punto di vista. Sarebbe il caso di piantarla con questi atteggiamenti italioti.

ciccioo

Non hai capito quello che intendevo sembola. Non parlavo di centri asistenza, tecnici…… Ogni uno con il suo mestiere. Posso darti mille esempi di prezzi ridicoli per semplici atrezzi,accessori…………. Ladro e un modo di dire,non e che ti mettono le mani in tasca con la forza.
Ci sono dentro e pur sapendo acquisto spesso, bisogna ammetterlo senza troppi tam tam, i nostri hobby sono fortuna per altri. Che sia ben chiaro, sono consapevole e mi sta bene cosi, mi piace e accetto tutto cosi com'e, nessuno mi obbliga ne sciare, ne andare in mtb.Con questo io mi ritiro.

sembola

… Ladro e un modo di dire,non e che ti mettono le mani in tasca con la forza.

E allora evitiamo di dare del ladro, visto che non è un furto :razz:rost:

…i nostri hobby sono fortuna per altri…

Così' come qualsiasi attività o qualsiasi bene/servizio fanno "la fortuna" di chi ci lavora. Che facciamo, torniamo all'economia di sussistenza e campiamo tutti di quello che produce l'orto? Ammesso di sapere come si coltivano gli ortaggi, che mica è banale…;-)