MDE Bikes domanda ai lettori

MDE Bikes domanda ai lettori

Staff, 08/02/2021
Whatsapp
Staff, 08/02/2021

Secondo appuntamento con la rubrica nella quale le aziende pongono le domande a voi lettori. Dopo il sondaggio con le domande di Effetto Mariposa, oggi è MDE Bikes a cogliere l’occasione di intervistare i lettori di MTB-Mag. Il brand artigianale torinese ha preparato per voi quattro domande con relative risposte da scegliere sotto forma di sondaggio, secondo il format con cui abbiamo impostato questa rubrica. Se volete approfondire le motivazioni delle vostre votazioni, esponetele nei commenti.

 

MDE ha sempre adottato il passaggio esterno al telaio per la guaina del cambio e per la tubazione del freno posteriore, allo scopo di facilitare la manutenzione. Tuttavia siamo consapevoli del fatto che molti, per un fattore estetico, preferirebbero il passaggio interno al telaio.

Fatta eccezione per la guaina del telescopico che passerebbe comunque internamente al telaio, se ci fossero più opzioni per il routing, quale sceglieresti?

Results

Loading ... Loading ...

Come la maggior parte di voi ben sapranno, attualmente gli approvvigionamenti di componenti e ricambi per il mercato del primo montaggio è gravata da problemi di disponibilità e di distribuzione, e ciò penalizza molti brand con pesanti ritardi sulle consegne delle bici complete. Seppure in misura minore, questo aspetto tocca anche MDE, infatti molti clienti stanno optando per l’acquisto del kit telaio.

Davanti a una possibile lunga attesa per l'acquisto della tua bici preferita, qualunque essa sia:

Results

Loading ... Loading ...

L’attuale gamma di MDE è formata da una full da enduro e da AM (Damper e Damper AM), una full da trail aggressivo (Carve), una full elettrica (Push3r), una front elettrica (Keep3r) e una gravel elettrica (Sharp3r), oltre ai modelli del marchio costola Madre come la front in acciaio Mangata, la gravel Komorebi e la bikepacking Kalpa.

Se potessi aggiungere un nuovo modello, che bici vorresti?

Results

Loading ... Loading ...

Quanto influisce nella tua scelta la possibilità di provare una bici prima di acquistarla?

Results

Loading ... Loading ...

MDE Bikes

 

Commenti

  1. Shelbiminox:

    Io consiglierei a MDE di lavorare più sulla qualità dei passaggi piuttosto che sulla tipologia. Personalmente curerei meglio il passaggio interno, evitando di forare il tubo sterzo e togliendo quel passacavo... Sulla polemica delle indagini di mercato non la capisco. Ben venga che MDE si dia da fare per conoscere i nostri gusti e le aspettative del mercato. Nel 2021 basta saper sfruttare google survey per capire cosa vogliono i clienti. Le indagini di mercato da 10k euro al colpo, i panel di ricerca e le altre diavolerie lasciamole alle multinazionali che hanno più persone in ufficio marketing che in produzione.
    Un bel pollicione in su!
  2. Telaio o completa:
    Tutte le mie bici prima o poi sono arrivate ad essere montate con i componenti che volevo io, l'ultima che ho preso intera ho cominciato ad usarla com'era ma entro un paio d'anni ho cambiato tutto (anche i forcellini posteriori, rimasti originali solo telaio e serie sterzo). Detto questo però mi piace molto la possibilità che da MDE (e pochi altri) di partire da un montaggio completo e togliere i pezzi che non interessano, si riesce ad ottenere un buon compromesso tra la personalizzazione e il costo (prendere una bici già montata di norma costa meno che prendere gli stessi componenti in After market)
  3. Ho dovuto scrivere che per scegliere una bici mi fido delle recensioni ecc., ma solo perché è la migliore delle opzioni disponibili.
    In realtà è uno schifo.
    Un giretto pur breve, che ne so 15minuti... per tastare modello e taglia sarebbe il minimo sindacale... almeno per evitare alcuni acquisti "clamorosamente sbagliati".
    Per il resto il carter copricavi con finto passaggio interno anche per me è la soluzione migliore, se ben fatta ha solo punti a favore. Evidentemente non siamo in molti a pensarla così...