Norco: il ritorno della Shore, il ritorno del freeride

Norco: il ritorno della Shore, il ritorno del freeride

Francesco Mazza, 14/10/2020
Whatsapp
Francesco Mazza, 14/10/2020

Shore, un nome che ha marcato in modo indelebile la storia di Norco in uno dei periodi più rigogliosi della MTB, nella gloriosa era del freeride, dei drop e del north shore. Bici nata nel 2001 che per diversi anni è stata l’ammiraglia della gamma del marchio canadese.

Con questa premessa, dopo 20 anni Norco presenta la discendente della Shore, che dal vecchio modello eredita solo la destinazione d’uso, mentre le feature e il design sono assolutamente moderni e in linea con la gamma attuale, ispirandosi sia alla Aurum HSP da DH che alla Sight da enduro per un risultato che rappresenta perfettamente l’anello di congiunzione tra queste due discipline, una belva da freeride e da bike park.

La nuova Shore ha un telaio con 180mm di escursione posteriore che viene proposto in abbinamento con forcelle da 180mm di corsa, oppure nell’allestimento chiamato Park, con doppia piastra da 200mm ed escursione del telaio di 190mm. Il formato ruota scelto per tutti gli allestimenti e per tutte le taglie è il 27.5″ sia anteriore che posteriore.

Il telaio è interamente in alluminio idroformato e il triangolo anteriore è fortemente ispirato a quello della Sight, compreso l’attacco con passo del portaborraccia per fissare i porta attrezzi sotto al top tube, oltre all’ampio spazio per un portaborraccia tradizionale. Il passaggio dei cavi è interno al telaio.

Il sistema di sospensione, sviluppato specificamente per ammortizzatori a molla, utilizza un punto di infulcro alto con rinvio della catena per ottimizzare i diversi fattori dell’interazione tra sospensione e trasmissione come chain growth e pedal kickback, tuttavia a differenza della Aurum HSP che utilizza lo stesso tipo di rinvio, non si tratta di un single pivot ma di un quadrilatero con giunto Horst, come le altre full della gamma Norco.

Anche la Shore è dotata di Ride Aligned Geometry, il concetto che prevede quote geometriche specifiche e curve di compressione dedicate per ogni taglia, per posizionare sempre adeguatamente il rider al centro della bici e con sospensioni bilanciate.

Geometrie

Allestimenti e prezzi

Shore A1 – €5.499

Shore A2 – €3.899

Shore A Bike Park – €4.299

Shore A frameset – €1.999

Norco

 

Commenti

  1. frenk:

    D'altra parte ne accorgerebbe chiunque che all'estero i park sono pieni di ragazzi dotati e non di ultra 50enni con l'ebike come in Italia...
    Standing ovation per questa frase finale. E aggiungo, le ebike sono veramente brutte, e non so con quale coraggio vengono usate soprattutto nei park! La vera “casa” di bici come queste.
  2. superskinny:

    ”liberi liberi siamo noi, però liberi da che cosa...”
    Mah forse freeride è tutto quel modo di godersi la bici che ti da una sensazione di libertà, o magari è inteso come liberi dal cronometro oppure liberi di tornare a casa quando si vuole.
    Si ma a noi, da 'sta piaga del "cos'è il freeride"... chi ci LIBERA?