RONDO MYLC: La Gravel bike specifica per il fuoristrada

43

La nuova RONDO MYLC rappresenta un’ulteriore evoluzione del concetto di Gravel. Una bicicletta che esprime il suo potenziale sui terreni accidentati. Progettata ispirandosi alle mountain bike piuttosto che alle bici da strada. La geometria del telaio, completamente ripensata, permette un’esplorazione illimitata, garantendo la massima stabilità e il massimo comfort, in particolare quando si affrontano discese ripide o terreni impervi.

I single track, le discese ripide o le superfici più accidentate fino ad oggi non rientravano esattamente nella zona di comfort delle biciclette Gravel e dei loro riders.
Con la nuova MYLC è possibile ampliare i confini esplorativi guidando una bicicletta maneggevole, stabile e decisamente orientata alla discesa.


Nel corso degli anni le MTB si sono costantemente evolute spostando l’asticella verso l’alto, mentre le biciclette Gravel hanno vissuto uno sviluppo più conservativo e con forti riferimenti alle bici da strada.


La MYLC apre ora nuove prospettive nel concetto Gravel. E’ la bicicletta ideale per i rider che hanno la mountain bike nel cuore, per quelli vogliono una sensazione di familiarità in sella alla loro Gravel bike o semplicemente per coloro che desiderano un’entusiasmante esperienza off-road.

Il concetto chiave dell’ Off Road: Geometria Gravel migliorata (EGG)
Reach allungato ed angolo di sterzo più aperto permettono un allungamento dell’avantreno della bicicletta (fino a 682 mm per la taglia M). Quando l’asse TwinTip di RONDO viene settato in posizione LO, l’angolo di sterzo è di 68°. La capacità di ospitare copertoni larghi (max 700 c x 47 mm) contribuisce al comfort di guida e al miglioramento della trazione. Inoltre una misura di seat tube più corta (comunque compatibile con i reggisella telescopici), consente una maggiore flessibilità dello stesso e una minore altezza di standover. Il tutto si traduce in una guida e una maneggevolezza ancora più performanti.

L’aggiornamento della geometria fa sì che la bicicletta rimanga stabile alle alte velocità e si comporti ancora meglio sui percorsi sterrati, sia su curve lunghe e ampie che su linee dritte. Più il rider si allontana dalle strade asfaltate e dai sentieri battuti, più il divertimento aumenta.
Le discese impegnative sono il terreno ideale in cui la MYLK può esprimere tutto il suo potenziale fornendo alla guida una sensazione di affidabilità e fiducia.

 

RONDO lancia la nuova MYLC in due varianti carbon, alluminio e acciaio.

La nuova MILK sarà disponibile a fine estate 2022.

PREORDINA ORA
CONTATTA Tribe Distribution
0174 330152

Commenti

  1. Comunque fanno delle Gravel che sono come le MTB rigide di trent'anni fa, ma con il manubrio basso, e ci dicono che sono un'innovazione:specc:
  2. sembola:

    Ma io mi riferivo a certi commenti che fanno pensare che il punto sia proprio quello dell'autoreferenzialità.
    Oddio, pensavo che quella polemica (peraltro immagino noiosa per i più) non meritasse ulteriori passaggi. Ad ogni modo mi sono limitato rispondere ad una mirata provocazione. Questione comunque per me chiusa.
    Paoloderapage:

    finisci sempre a parlare di pianura e fango... c'è anche chi per fuoristrada indende qualcosa di differente rispetto agli stradelli tra le vigne in inverno.
    sembola:


    D'altra parte per aver scritto che ho una gravel anche per avere il manubrio alla giusta altezza per lo stato della mia schiena mi son sentito irridere come "guidatore di graziella"...
    Beh, non da me e non ricordo neppure il thread.
Storia precedente

Trek Fuel EXe: la più analogica delle ebike

Storia successiva

Red Zone 5 e Red Metal 5: qualità Fulcrum a prezzo accessibile

Gli ultimi articoli in News