Second Wind – Fuga per tornare a respirare

18

“Second Wind” è il nuovo film di Montanus, in cui Giorgio e Francesco raccontano la loro prima uscita in bikepacking dopo le restrizioni del lockdown invernale. Una fuga nel wilderness per tornare a respirare, proprio quando, con l’arrivo della primavera, la pandemia allenta la morsa. Un ritorno tra le montagne e le sorgenti della vita, per riconnettersi con la Natura e purificare il proprio spirito.



.

La pandemia da coronavirus ha sconvolto le nostre vite privandoci di una delle cose più importanti per l’uomo: l’aria. Il virus ci toglie l’aria che respiriamo, colpendo i polmoni, ma ci sottrae anche l’aria della libertà, costringendoci a lockdown prolungati per contenerne la diffusione.

Durante l’inverno, quando la pandemia colpisce più duramente, il senso di soffocamento si fa più intenso. Una sensazione simile a quando, affrontando una salita molto ripida, si rimane senza fiato. A volte però si riesce a trovare una nuova energia, che ci consente di riprendere fiato e andare avanti, superando il momento di difficoltà.

In ambito sportivo questo fenomeno è conosciuto con il nome di ‘Second Wind’. Il nostro “Second Wind” arriva con la primavera, il momento in cui si torna a respirare, a riprendere fiato per poter superare la salita e iniziare la discesa.

La primavera segna la rinascita della Natura, ma anche quella dell’uomo. Tornare lì fuori nel wilderness, pedalare tra i boschi, accendere il fuoco sotto il cielo stellato, riposare su un’amaca, liberi tra le montagne, restituisce ossigeno, così indispensabile per polmoni e testa.

Torniamo a nuova vita grazie a quel cordone ombelicale che ci lega in maniera indissolubile a Madre Natura.

L’inverno come la pandemia lascia dietro di sé le sue vittime: a terra rimangono tronchi spezzati e alberi sdradicati. Sulle montagne intanto l’arrivo della primavera genera torrenti e cascate che tornano a scorrere impetuosi, portando nuova vita lungo le valli.

Sedete sulla riva di un fiume e immergete i piedi nelle sue fresche acque, concedendovi un momento per riprendere fiato. Lasciate che le montagne purifichino il vostro spirito.

Montanuswild.com

 

Commenti

  1. tostarello:

    Video bellissimo e Abruzzo stupendo, anche io non vedevo l'ora di poterci tornare dopo il lock-down

    Grandi!
    Grazie per i complimenti. L'ossigeno che trovi qui, per polmoni e testa, difficilmente lo trovi altrove!
  2. frenzgraph:

    Nel 2006 ero uno studentello squattrinato e mi ero appena avventurato nel mondo della mtb con un frontino entry-level.
    Rimasi folgorato da Clorophilla, proiettato al cinema Massimo in premiere "per i locals".

    Oggi, 15 anni dopo, montanus continua ad ispirarmi ogni volta che leggo un articolo o guardo un video.

    Grazie ragazzi, continuate così!
    Siete una continua fonte di ispirazione e uno stimolo a non mollare mai. Il resto è noia.
    Ciao e grazie mille. Fa veramente piacere sapere di essere fonte di ispirazione...
    Clorophilla, dove affondano le radici di Montanus. La serata della prima fu epica, ricordo indelebile, e oggi fa strano vedere così tante persone tutte assiepate, gomito a gomito... Un saluto e alla prossima! ;-)
Storia precedente

Il sentiero dai 1000 tornantini

Storia successiva

Ganbaru! La bici di Mathias Fluckiger per le Olimpiadi

Gli ultimi articoli in Viaggi e uscite in mountain bike

Bikepacking nel Caucaso

Il report di viaggio bikepacking di Henna e Sabine nel Caucaso della Georgia settentrionale, da Stepantsminda…