ShockWiz: dall’elettronica un aiuto a regolare le sospensioni

ShockWiz: dall’elettronica un aiuto a regolare le sospensioni

David Roilo, 12/06/2015
Whatsapp
David Roilo, 12/06/2015

[ad3]
L’elettronica sulla bici genera spesso diffidenza, ma senza dubbio apre la porta a infinite possibilità.
Una di queste è raccogliere ed analizzare in tempo reale dati sul funzionamento delle sospensioni.
Shockwiz è un progetto lanciato su kickstarter: si tratta di un dispositivo che viene attaccato alla valvola shrader della forcella o dell’ammortizzatore (è disegnato solo per sospensioni ad aria).

Mentre si pedala, ShockWiz misura continuamente la pressione della forcella o dell’ammortizzatore a 100 misure al secondo.

4c15f98e85fe22845764565db3a6bdc6_original

Questi valori vengono convertiti in percentuale di travel (per questo ci vuole una calibrazione quando si monta il dispositivo sulla bici) e vengono poi analizzati per cercare “aspetti indesiderati nel funzionamento della sospensione”.
Si può quindi immaginare che se il sistema rileva uno o frequenti fondocorsa suggerisca di aumentare la pressione e che se nota che la forcella affonda su urti in rapida successione suggerisca di diminuire la frenatura in ritorno.
Questi suggerimenti vengono dati al biker tramite smartphone Apple o Android, con cui comunica via Bluetooth 4.0.

c44d1a519ccc4cf08b8f1c971cd2a4c6_original

Il dispositivo può essere regolato per adattarsi allo stile di ogni biker, sulle tre categorie XC, AM e DH.

Una caratteristica meno interessante dal punto di vista della regolazione delle sospensioni ma sicuramente molto apprezzata è la misura del tempo di volo, in salti e drop.

Il peso è di 45g, il dispositivo funziona con una batteria facilmente reperibile nei negozi e che dovrebbe bastare per dei mesi.
Shockwiz è resistente ad acqua e polvere secondo lo standard IP67.

6a3d23f6e4ba0332082c2fc8a00d204e_original

Informazioni sulla pagina della campagna kickstarter

Non è la prima volta che l’elettronica viene applicata alle sospensioni per aiutare il biker nella taratura (pensiamo ad esempio al non fortunatissimo progetto Fox Smart Pump). Credete che un sistema del genere abbia senso, almeno per i biker che non hanno esperienza o sensibilità sufficienti a fare tutto da soli?

[ad45]