Svelata la nuova BMC Teamelite 01

Svelata la nuova BMC Teamelite 01

09/05/2015
Whatsapp
09/05/2015

[ad3]

In occasione della seconda tappa della BMC Cup ci eravamo chiesti cosa si nascondesse sotto il velcro delle bici di Ralph Näf e Julien Absalon. Oggi BMC presenta con un comunicato la nuova BMC Teamelite 01, sviluppata in collaborazione con il laboratorio Impec Lab. Non si tratta di elettronica per le trasmissioni Shimano integrata nel telaio come qualcuno suggeriva, bensì di un elastomero che dà alla bici 15mm di escursione posteriore

teamelite-01_XX1_side

[Comunicato stampa] La nuova BMC Teamelite 01 – l’evoluzione della competizione

L’Impec Lab ha unito le forze con il BMC Mountainbike Racing Team per dare alla luce la nuova BMC Teamelite 01, la hard-tail più tecnologicamente avanzata al mondo.

La competizione al massimo livello nel cross-country è diventata, letteralmente, una corsa alla vetta. Tutti gli ultimi spietati sprint sulla linea del traguardo sono stati accompagnati da bici il cui rapporto tra efficienza e peso è portato ai limiti estremi; fino ad oggi. La BMC Teamelite 01 2016 è il culmine di un’evoluzione alla ricerca della performance del perfetto mezzo da gara. La sua combinazione ineguagliata di efficienza, trazione e comfort di marcia, la pone in una categoria a parte ed alza ulteriormente l’asticella dello standard di tutta l’industria.

OliverBurgess-¬BMC-TEAMELITE-WHITE (8 of 9)

Negli ultimi due anni, la squadra di ingegneri BMC che lavorano sui compositi in carbonio hanno sviluppato progetti e provato e ri-provato la funzionalità e la fattibilità dei prototipi all’Impec Lab di Grenchen, il parco giochi di BMC per la sperimentazione. Dopo una verifica finale con i biker al vertice delle classifiche mondiali del BMC MTB Racing Team, il risultato finale è una forma di performance in gara semplicemente rivoluzionaria.

Micro Travel Technology (MTT) – una soluzione inedita per la flessibilità del carro posteriore

La nuova BMC Teamelite 01 vanta una soluzione innovativa per la flessibilità verticale del carro posteriore di una hardtail, battezzata Micro Travel Technology (MTT).

OliverBurgess-¬BMC-TEAMELITE (23 of 68)

Con questo nuovo sistema, I corridori possono evitare di agire sulla pressione del pneumatico per avere più ammortizzazione nelle discese più tecniche. Lo smorzamento dell’MTT e la conseguente flessibilità verticale, spianano l’avanzamento, premettendo agli atleti di applicare più potenza ai pedali per guadagnare nel differenziale cruciale della velocità.

Micro Travel Technology (MTT)- la filosofia

Agendo in parte sulla costruzione del carbonio ed in parte sulle caratteristiche tecniche, l’MTT fornisce 15 mm di corsa al posteriore.

OliverBurgess-¬BMC-TEAMELITE (14 of 68)

Strutturalmente il sistema funziona tramite un elemento ammortizzatore Xcell con doppia guida del tutto integrato nel telaio, che mantiene la rigidità laterale e torsionale. Inoltre, innovazioni industriali usate nel tubo sella e nei foderi posteriori, disponibili solo all’Impec Lab, mantengono l’efficienza della pedalata e garantiscono la solidità del movimento centrale.

La ciliegina sulla torta? Tutti questi preziosi extra sono inclusi, compresa la bulloneria, nel peso totale del telaio, fermo ad appena 1’080 grammi senza alcun sacrificio alla pura prestazione. L’MTT è un chiaro avanzamento nella tecnologia MTB applicata alle gare cross-country.

teamelite-01_XT_front

Ulteriori miglioramenti alla Teamelite 01

Oltre alle innovazioni nella flessibilità della nuova hardtail, il retrotreno della bici è anche da oggi dotato di asse a perno passante da 142 mm.

Ancora, il nuovo design del telaio integra i passaggi dei cavi alla perfezione. Mantenendo la geometria Big Wheel Concept (BWC), con posizione da 29er su tutta la linea, la Teamelite 01 2016 sarà disponibile in 5 misure (XS/S/M/L/XL) con ulteriori 85mm di passaggio verticale sulla misura XS rispetto al modello più piccolo dello scorso anno.

OliverBurgess-¬BMC-TEAMELITE (30 of 68)

Portare in gara dai migliori al mondo nel 2015

I campioni del mondo hanno il diritto di chiedere i mezzi migliori e tecnologicamente più avanzati ai propri sponsor; ogni secondo è importante. Il 5 volte campione del mondo e membro del BMC Mountain Bike Racing Team, Julien Absalon metterà alla prova la bicicletta nella coppa del mondo di quest’anno. “Ad essere sincero, quando ho provato la nuova tecnologia MTT mi sono subito reso conto di aver modificato un compromesso” dichiara Absalon, “Sono convinto che vada in salita come la bici dell’anno scorso ma che dia un tangibile extra in discesa, cosa di cui avevamo assolutamente bisogno. Sono estremamente contento di di questo avanzamento!”

Il BMC Mountain Bike Racing Team corre sulla nuova bici da febbraio e la utilizzerà, in alternanza con la Fourstroke 01, per aggredire la stagione di coppa del mondo 2015 e oltre.

Screen Shot 2015-05-09 at 15.03.08

OliverBurgess-¬BMC-TEAMELITE-WHITE-BG (24 of 24)  OliverBurgess-¬BMC-TEAMELITE-WHITE (5 of 9)     teamelite-01_XX1_back teamelite-01_XTR-Di2_side

[ad45]

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
marctti
marctti

Il principio di funzionamento mi ha fatto ricordare le Merlin biammortizzate degli anni 90…

pcortesi
pcortesi

Il principio è vecchissimo, guarda quà:

Bianchi biammortizzata dei bersaglieri del 1913

AleCast73VA
AleCast73VA

sarebbe semi full?

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

Una softail. A volte ritornano.

giamay
giamay

Esteticamente bellissima.

RS
RS

Mah, mi sembra un inutile ritorno al passato, giusto per lanciare un’ulteriore novità e fare un po’ parlare la gente: 15 mm sono davvero pochi e, soprattutto, affidarli ad un elastomero mi sembra poco tecnologico.
Allora meglio una full vera con ammo bloccabile e idraulica con cui posso regolare il ritorno e settare tutto a mio piacimento.
Anche cambiare gli elastomeri per avere una risposta diversa mi sembra antidiluviano!

AlfreDoss
AlfreDoss

Se vuoi tenere il peso allo stesso livello delle altre front da gara non vedo altra soluzione.
Ammo e snodi sul telaio pesano, oltre a far lievitare il peso

AlfreDoss
AlfreDoss

Il prezzo, intendevo…

RS
RS

Credo che un Absalon o un Kulhavy vincano per merito loro, non delle bici e non per 200 g in meno da portarsi dietro. Parere mio personale ovviamente…

Andrea-88
Andrea-88

Bmc sempre al top. Questa e la cannondale sono le front più evolute del momento.

AleCast73VA
AleCast73VA

bmc si vedi absalon, cannondale? fontana e suo compagno faticano a vincere se fosse migliore dovevano vincere tutte le gare! ah ah

Riki174
Riki174

guarda che non è F1-MAG 🙂

Andrea-88
Andrea-88

che ragionamento insulso…

robybikers
robybikers

Più che altro sono le uniche ad aver cercato di fare qualcosa di nuovo.
Il resto per la maggior parte è rimasta al tango figurato.

EnduroMatt
EnduroMatt

E’ un modo per migliorare l’assorbimento del carro cercando di mantenere piu’ basso possibile il peso. Serve una prova quanto prima per verificare l’ effettiva valenza del sistema aspettiamo …..

mountaindoctor
mountaindoctor

Softail, come intuito dalla prima foto postata in rete. Più che in discesa, dove impostazione e angoli da XC contano più di 15 mm di corsa, la vedo come una soluzione per guadagnare trazione sullo scassato, sia in salita che in piano. Poi chiaro, anche in discesa un carro più morbido male non fa.

85549
85549

mai avrei pensato di rivedere gli elastomeri su una mtb. Questi hanno risolto il problema della sensibilità alle temperature o é ancora come venti anni fa??

FabioBt
FabioBt

“Con questo nuovo sistema, I corridori possono evitare di agire sulla pressione del pneumatico per avere più ammortizzazione nelle discese più tecniche.”

Questo mi sembra illogico,lo pneumatico ha sempre bisogno della sua pressione ottimale per copiare e aderire al meglio non e’ che con un elastomero gonfi a 3 e via!

bikemastertwo
bikemastertwo

Ti quoto in pieno , la gomma deve stare alla sua pressione ottimale , il controllo della bici dipende da questo

Parisi Mario
Parisi Mario

Ci hanno riempito la testa con curve di compressione, rebound, horst, quadrilateri, doppi infulcri e cinematismi di tutti i tipi……ed alla fine mettono un pezzo di gomma!!!!!!! che ha lo stesso comportamento di una pallina che rimbalza sul pavimento!!!

FabioTS
FabioTS

e forse lo faranno pagare 1000 milioni di franchi svizzeri
🙂

srorange
srorange

Lo trovo proprio brutto 🙁

chrys23
chrys23

Aspetto un bel test e magari una comparativa cn altri missili da xc 🙂

sunsetdream
sunsetdream

Non mi piace. Dalle anticipazioni speravo non fosse questo, credevo in un diverso attacco dei foderi. I colori mi piacciono, bmc mi piace in generale ma questa soluzione no. L’unica cosa interessante è il passaggio dei cavi interno che rende la bici più ordinata, ma mi pare comunque ben poca cosa (oltretutto doverosa visto il prezzo). Speriamo che non pasticcino con strane soluzioni così anche le slr01…

lucal82l
lucal82l

Veramente tu non speravi, ma sentenziavi così:
“Nessun elastomero, il velcro nasconde un diverso attacco dei foderi al tubo verticale. La bici e’ rigidissima.”
Cambia informatore va…

sunsetdream
sunsetdream

…hai ragione. Mi hanno dato una soffiata sbagliata…mai fidarsi dannazzione…sta a vedere che mi mettono i dischi sull’srl01 e lo stesso elastomero sulla granfondo…mai fidarsi di informatori prezzolati

stinkeedeelux
stinkeedeelux

Era già uscita la Pinarello con una soluzione uguale qualche mese fa in occasione delle classiche del nord per migliorare il confort e la trazione sul pavè e a detta di che l’ha provato è efficace. Anche la specialized sulla roubaix ha degli elastometri inseriti nel telaio per lo stesso scopo. Poi in mtb nell’uso quotidiano non so se porti effettivi vantaggi, magari in competizioni XC qualcosa può fare.

teoDH

a volte ritornano…
Ritchey Softail: http://www.flickr.com/photos/edelbikes/3980954395/
ma sta gente conosce la storia della mtb o si credono davvero dei geni per aver riproposto qualcosa inventato 20 anni fa?

Bose
Bose

Se domani la Fox uscisse con una forcella da 4 etti… ad elastomeri di “Cicciolonio” con dentro delle NonoParticelle intelligenti in gradi di autoregolare compressione e ritorno in base a quanta cicciolata hai mangiato la sera prima… Ah no giusto… dovrebbe buttare via tutto… perchè 20 anni fa gli elastomeri seccavano e rimbalzavano…
Questo per dire che sicuramente non avranno inventato niente… ma i materiali e le tecniche avanzano… e non è detto che una idea del passato non possa essere reinterpretata in chiave moderna… dando magari quei vantaggi.. auspicati ma non ottenuti a suo tempo…

teoDH

Ma sopratutto, l’elastomero su una corsa così ridotta è la soluzione senza dubbio più pratica, tant’è che il motivo primario per cui sono stati abbandonati è stato l’aumento delle corse di forcelle ammo, le forke anni 90 con 30/50mm di escursione ad elastomeri andavano benone per quel che erano, certo se aumenti la corsa i limiti fisici di un pezzo di gomma si sentono… ma almeno allora le forcelle funzionavano poco ma sempre nello stesso modo…

Tomcat
Tomcat

Sarà, ma la trovo una soluzione davvero di compromesso estremo.
Prima fai un telaio rigido come una putrella perché così non assorbe nemmeno un joule di energia del ciclista.
Poi ti rendi conto che non è una buona idea, vuoi perché in discesa è come stare in groppa ad un cavallo pazzo, vuoi perché in salita non trasmetti bene a terra la potenza della pedalata.
Allora fai mezzo passo “indietro” e usi un elemento elastico che ti dà quel tanto che ti basta.
Soluzione curiosa, comprensibile se si pensa che il telaio è uno solo e non si cambia a seconda dei casi, mentre l’elastomero ti dà quel tanto di flessibilità che serve (cambi la sola cartuccia). Ho la sensazione che a livello pro potrebbero permettersi tranquillamente un telaio per ogni occasione, allestito diversamente come componenti (i.e. ruote), ed ottenere lo stesso risultato giocando solo sul materiale. D’altronde se c’è chi ci prova con le forcelle ammortizzate con lamine in carbonio e chi produce carri soft-tail in CFRP (vedi Cannondale Scalpel), si potrebbe sicuramente fare tutto in CFRP senza dover introdurre elastomeri (la risposta è diversa ma si può fare…).
Commercialmente non sarebbe una soluzione vendibile, e forse è lì che sta la questione. Vediamo come se la giocano come pubblicità, perché francamente l’amatore (ricco…) potrebbe apprezzare di più una full bloccabile, anche con poca escursione (stile le prime Giant XTC, che avevano solo 60 mm di escursione al posteriore), al costo di un etto in più.

Mario.lop
Mario.lop

…bè sempre meglio di quelli che vendono telai rigidi che “ammortizzano” in virtù del materiale usato.
Francamente trovo la scelta di BMC più sensata di certe soft-tail con ammortizzatore per 30mm di escursione: hanno creato un carro “morbido” senza stravolgere il concetto di front da gara. Che poi di 15mm quanti se ne usano in realtà? No perchè se 15mm è lo spessore dell’elastomero, non penso vada oltre i 7mm di compressione… forse il passaggio da da una 2.00 a una 2.20 offre più “escursione” 🙂

MN_avatar
MN_avatar

l’escursione la devi misurare alla ruota, non sull’elastomero stesso…
Molto a spanne basterebbero 5mm sull’elastomero per farne 15 alla ruota.

Balduzzi Adrien
Balduzzi Adrien

farà il botto. in pratica hanno capito che la rigidità assoluta al posteriore serve solo in un eventuale sprint finale, per il resto è solo scomoda e dannosa e che comunque per quanto spingano in basso il peso per un pro’ da coppa del mondo la full è troppo (o forse hanno fatto cartello per far girare tutti con full nell’ultimo periodo per vendere).
se qualcuno nel frattempo ha una fourstroke da cui liberarsi in attesa della Impec faccia sapere!!

FabioTS
FabioTS

ho visto ieri su bike channel il test a parte i commenti del tester, dalle immagini sembrava davvero una soluzione molto interessante. Alla fine la bici è stata descritta come la top di gamma di BMC e allestita tutta elettronica arrivava ai 10.000 euro…..
ovviamente esistono versioni meno costose
🙂

Deroma
Deroma

se ti assicurasse la metà della prestazione di Absalon sarebbero ben spesi hehehehe

Ghighen
Ghighen

Provata mezzoretta in bike test…una bomba!!!!

 

POTRESTI ESSERTI PERSO