[Test] Luce Magicshine Monteer 8000s

55

Qualche settimana fa Magichshine ci ha mandato la sua nuova luce Monteer 8000s. Come dice il nome, si tratta di un faretto dalla potenza massima di ben 8000 lumen, una manna per quando si gira sui sentieri di notte.

Nel video trovate il test, in cui si può notare bene come funziona la luce e quanto illumini, più sotto invece ci sono i dettagli e i prezzi.

YouTube video

 

Nella confezione si trova l’attacco manubrio (sx) e quello per il casco, regolabile in inclinazione. Il sistema di aggancio e sgancio è lo stesso del Garmin.

La batteria ha 7.2V 10000mAh e 75 Wh. Il peso è di 415 grammi rilevati. La sua forma allungata la rende facile da attaccare al telaio, grazie a due fasce in velcro.

Il cavo che va dal faretto alla batteria è molto lungo. Se la cosa non dà fastidio quando si mette la batteria nello zaino e la luce sul casco, è invece un po’ fastidiosa quando la Monteer è posizionata sul manubrio.

Prezzo: 399$, acquistabile online sul sito Magicshine.

 

Commenti

  1. dai per l'uso che ne farei io per quella cifra ne compro 10 cinesi su Amazon...quelli che ad esempio nel precedente vostro Tech Corner dicevate funzionano esattamente uguali a quelli di fascia alta ma che potrebbero durare di meno....
  2. gabriele gardenal:

    Scherzi a parte, sarebbe interessante una comparativa per capire il valore che il consumatore da alle cose. Basterebbe prendere due fanali simili, uno cinese su amazon e un top di gamma come quello del test, e chiedere al consumatore quanto sarebbe disposto a spendere in piu' per ogni caratteristica del fanale top di gamma. In questo modo avremo un profilo di mercato del mtb biker e capiremo a cosa dia valore: marca, fascio di luce, estetica, durabilita' etc.

    Sulla questione dei prezzi alti ana bufala andrebbe smontata. So che molti parlano di innovazione nei prodotti top di gamma e del fatto che i prezzi alti siano espressione degli investimenti in Ricerca e Sviluppo fatti dalle aziende. Ecco la Ricerca non la fanno questo tipo di aziende, ma piuttosto centri di ricerca, università' etc. queste aziende fanno al massimo Sviluppo di prodotti. Ma quando si parla di sviluppo in questo caso non mi sembra nulla di estremamente rivoluzionario; l'azienda attende che la tecnologia sottostante sia migliorata (batteria e lampadine) per poi utilizzarla e assemblarla.

    Piuttosto parliamo di quanto queste aziende spendono in Marketing vs Ricerca e sviluppo, produzione (ovviamente in Cina), canali di vendita etc.

    Questo sarebbe un bel approfondimento da fare per capire meglio come funzioni il mercato non solo sul fronte domanda ma anche sul fronte offerta.

    Ok dopo questa prometto basta interventi seri!
    è approvato da un po'
    lollo72:

    @marco sarebbe da paragonare alla Lupine Alpha (se la trovi o te la danno in prova!). Personalmente ho diverse torce dai marchi cinesi X.... una Magicshine (non ricordo il modello) e le "tedesche" LedLenser XEO 19r e Lupine Betty 14r ; personalmente ho trovato la Magicshine leggermente migliore rispetto alle "cinesi" di basso costo come fattura e spettro luminoso , ma confronto alle "tedesche" sono ancora qualitativamente distanti sia come qualità costruttiva che come caratteristiche di luce oltre che per le impostazioni ( Lupine ha una app dedicata per tutte le regolazioni e Ledlenser ha sensore luminoso automatico e varie intensità programmabili oltre alla profondità focale regolabile ). Confermo quanto riscontrato da alcuni che Magicshine scalda parecchio in modalità max e spesso si hanno "false indicazioni" su autonomia (come accaduto anche a Marco) se si surriscalda troppo va in protezione e si spegne per parecchio tempo (almeno sul mio modello) mentre altre marche prima di spegnersi improvvisamente diminuiscono di intensità luminosa.
    il test della wilma è qui: https://www.mtb-mag.com/test-lupine-wilma-r7/
    Bisogna vedere se mandano qualcosa
  3. 399$ dollaroni, manco fossero pedali!!! Però con soli 10$ in più c'è anche l'attacco casco, che i pedali, chissà come mai, non hanno.
Storia precedente

[Video] DH WC #3: anteprima del tracciato di Lousa

Storia successiva

La storia di René Wildhaber

Gli ultimi articoli in Test