Questa è la luce più importante sulla bici

59

Ormai ci siamo: giornate corte, ora solare, tempo uggioso spesso e volentieri. Anche se ogni mountain biker vorrebbe girare il più lontano dal traffico possibile, purtroppo ci sono dei trasferimenti che richiedono di passare su strade aperte anche alle automobili. Non è solo una questione di visibilità dovuta alla stagione: i ciclisti devono farsi vedere anche dai distratti al volante, e ce ne sono tanti a causa degli smartphone.

Personalmente raggiungo la nostra sede ogni giorno in bici. La maggior parte del percorso è su ciclabile, ma devo passare anche su strade aperte al traffico. Prima mi accontentavo di una luce posteriore senza particolari velleità, ma poi ho notato quanti stradisti usano luci che si adattano alla luminosità della giornata e che sono visibili da molto lontano.



.

Scartabellando su Amazon sono capitato su questa Olight RN120, l’ho pagata 51.95€ e l’ho montata sulla bici. Solo dopo ho scoperto che sul sito Olight costa 33.95€. È piccola ma molto potente, ricaricabile con un cavetto USB e si fa montare facilmente su ogni bici:

Perché ho scritto che è la più importante? Se quando finite un giro vi trovate su una strada trafficata, avere una luce posteriore è fondamentale per farsi vedere, ancora più di una anteriore, che comunque io uso regolarmente. Essendo la Olight RN120 così piccola uno la può anche mettere nello zaino ed usarla solo quando serve.

Avete una luce posteriore in dotazione?

Commenti

  1. Io uso una Cubelite 3... molto luminosa, fissa o lampeggiante con sensore di frenata che aumenta la potenza (tipo stop automobilistici) e ricarica usb C.
    Prima avevo il modello precedente (Cubelite II) che ho usato per 3 anni senza nessun problema (ha anche fatto 2 giri in lavatrice con l'abbigliamento mtb).
    30euro su store italiani/europei o 20 dalla cina... ottimo rapporto qualità/prezzo.
    https://www.gambacicli.com/it/gmb-cubelite-iii-luce-posteriore-smart-in-alluminio.html
Storia precedente

Shimano hackerata: 4.5 Tb di dati rubati

Storia successiva

In MTB in una miniera abbandonata

Gli ultimi articoli in Tech Corner