BYB Tech Focus

BYB Tech presenta Focus: 5.000 lumen in soli 49 grammi

22

Byb Tech presenta Focus, non una semplice luce bensì un sistema di sicurezza per essere notati quando si pedala su strada, evitando il rischio di pericolosi incidenti con automobilisti distratti.

[Comunicato stampa]  BYB Tech srl, dopo aver introdotto sul mercato il primo sistema di telemetria professionale per MTB e Motocross, che ad oggi è utilizzato da svariati team di Coppa del mondo, sta lanciando “Focus”, un prodotto innovativo che ha l’obiettivo di accrescere la sicurezza stradale di ogni ciclista.

Focus, più che una normale luce da bicicletta, permette di segnalare la propria presenza, anche in pieno giorno, mediante un fascio di luce ad altissima potenza (fino a 5000 lumen), paragonabile come intensità e visibilità a quello dei proiettori abbaglianti di un’automobile. Questa enorme potenza è emessa da un dispositivo estremamente compatto, dal peso di soli 49 grammi.

BYB Tech Focus

Perché Focus? Al giorno d’oggi l’80% degli incidenti avviene di giorno, le strade sono sempre più trafficate e i ciclisti sono spesso poco o per nulla considerati dagli automobilisti. Automobili e motocicli dispongono di un dispositivo di segnalazione a distanza e di sicurezza molto efficace: la luce abbagliante. Ci siamo chiesti: “perché non introdurlo anche sulle biciclette?”.

BYB Tech Focus

Focus è un vero e proprio dispositivo di sicurezza, in grado di emettere un fascio luminoso direzionale ad altissima intensità, temporaneo, in un formato leggerissimo e tascabile. È possibile azionare il fascio di luce ad alta intensità senza staccare le mani dal manubrio grazie a un pulsante di attivazione remoto, che può essere cablato e nascosto al di sotto del nastro manubrio oppure, in versione completamente wireless, apposto sul manubrio senza necessità di cablaggio.

Focus può anche funzionare in modalità luce lampeggiante (beacon frontale), in modalità continua per illuminare la strada, o addirittura in modalità luce posteriore (rossa). Ogni modalità può essere personalizzata dall’utente grazie all’applicazione per Smartphone dedicata, che permette di regolare intensità, pattern di lampeggio e di verificare la corretta angolazione ed installazione del dispositivo grazie ai sensori inerziali e giroscopici integrati.

La dimensione è di soli 66 x 41 x 16 mm. La batteria è integrata e permette di emettere centinaia di flash e segnalazioni luminose (ampiamente visibili anche di giorno) con una sola ricarica. L’autonomia della luce varia a seconda delle modalità e dell’intensità luminosa scelte e può arrivare fino ad un massimo di 25 ore. Allo stesso modo, la ricarica della batteria è molto rapida, tanto che è possibile ricaricare il dispositivo in pochi minuti, mentre ci si cambia prima di un’uscita. Focus è anche predisposto per essere collegato alle batterie delle più moderne e-bike, alimentandosi da esse e non necessitando più di essere ricaricato.

Focus è stato progettato con l’obiettivo di realizzare una luce da bicicletta versatile e sicura. Enrico Rodella, fondatore di BYB Tech, afferma: “Da ciclista, Focus rappresenta ciò che non sono stato in grado di trovare sul mercato. Abbiamo deciso di realizzare una luce tutta nostra con il chiaro obiettivo di uscire fuori dagli schemi e colmare il gap tecnologico esistente”.

BYB Tech, per la realizzazione del progetto, ha collaborato con un’eccellenza italiana – vincitrice di svariati premi a livello europeo – nel campo dell’illuminazione scientifica: Relio Labs. Il suo fondatore, Marco Bozzola, afferma: “È solo grazie all’utilizzo delle migliori e più innovative tecnologie, sia a livello hardware che software, che siamo riuscisti a creare un prodotto così rivoluzionario. Da commuter, finalmente posso segnalare la mia presenza e anticipare situazioni di pericolo come se fossi alla guida della mia automobile”.

Focus è un prodotto di altissima qualità, ingegnerizzato e fabbricato in Italia, curato nei minimi dettagli e in corso di brevetto. È disponibile da oggi fino al 25 di Aprile, e i primi clienti che lo ordineranno tramite la piattaforma Kickstarter avranno la possibilità di ottenere degli sconti di oltre il 50% sul prezzo finale di listino. Tutti i dettagli sono disponibili su Kickstarter al seguente link: https://www.kickstarter.com/projects/810309052/be-seen-like-a-car-worlds-smallest-5000-lumens-bike-light

Contatti

Scoprite di più su BYB Tech al sito https://www.bybtech.it/focus e seguendo i nostri canali social. Per maggiori informazioni contattateci al seguente indirizzo: [email protected]

Facebook: https://www.facebook.com/bybtelemetry/
Instagram: https://www.instagram.com/bybtelemetry/

 

Commenti

  1. RodEnry:

    Ciao @ilrasta,
    grazie per il tuo commento.
    A dire il vero la luce è realizzata da BYB Tech (https://www.bybtech.it) e Relio Labs (https://www.relio.it/it).
    La prima produce i kit di telemetria utilizzati da quasi tutti i team di coppa del mondo (vi sto scrivendo da Lourdes in questo momento per l'UCI DH World Cup #1).
    La seconda è un'eccellenza italiana con esperienza pluriennale nell'illuminazione scientifica, fotografica e miniaturizzata. Le luce di Relio vengono utilizzate per illuminare i disegni di Leonardo da Vinci in quanto ha un'emissione perfettamente controllata.

    Per quanto riguarda il prezzo, ti posso confermare che il prezzo al pubblico non potrà mai essere il prezzo di Kickstarter.
    Grazie a te per i dettagli e le informazioni.
    Di certo il prezzo è dettato da tanti fattori, tra cui ricerca, test e sviluppo…non facili da abbattere senza volumi di vendita importanti.
    Io da ing appassionato di tecnologia e fotografia (quindi anche di luce in un certo senso) parlo però da cliente ”ignorante“ che per quanto possa essere affascinato da un prodotto innovativo, farebbe fatica comunque a giustificarne il costo elevato per un utilizzo trasversale come in buona sostanza ha già scritto Burnout qualche risposta più su…specie su MTB che vanno principalmente su sentieri e in mezzo a boschi…che hanno bisogno di luce costante in mezzo al buio e, si, in strada anche per farsi vedere.
    Piuttosto perché ancora la preistorica micro usb?

    In ogni caso, come si dice? Ai posteri l’ardua sentenza
  2. RodEnry:

    Ciao @Burnout111 ,
    grazie per la tua risposta.
    Sicuramente il prodotto è perfetto per le bici da corsa, ma altrettanto valido per le MTB.

    Per quanto riguarda il discorso peso, ti posso assicurare che è molto importante anche per chi pratica le ruote grasse. Tanto è vero che anche in questo settore si arriva a prezzi folli €/g per alleggerimenti vari. Un esempio banale, i copertoni Maxxis Exo protection in enduro, che taglio solo a guardarli.
    L'idea di Focus è di poter tenere una luce sulla propria bicicletta sempre senza aver alcun limite di ingombro o peso. Sono perfettamente d'accordo che per fare una notturna nella foresta sceglierei un'altra luce con batteria esterna e molto più scomoda e ingombrante.

    Personalmente pratico DH, EN, XC e BDC.
    Su DH e Enduro non monto nessuna luce.
    Su BDC e XC ho montato Focus e mi sto trovando molto bene. Sono in grado di farmi notare a distanza e anticipare i pericoli. Inoltre non voglio avere la luce sempre accesa, specialmente di giorno.

    Ho notato che una luce "fissa" a X lumens non è assolutamente paragonabile ad una luce "abbagliante" con gli stessi lumen. Questo perché le auto tendono "ad abituarsi" a vedere la stessa fonte di luce (che è appunto "statica"). Per riassumere, con una luce standard le auto mi vedono ma continuano a comportarsi normalmente... Invece la "sfanalata" è micidiale: si fermano, si spostano o ti lasciano passare. (io penso che mi scambino per un camion? ahah).

    Comunque sia la luce è disponibile a Brescia. Se vi dovesse capitare di passare, saremo ben lieti di farvela provare.

    A presto
    Enrico
    Grazie Enrico,

    mi farebbe piacere provarla fosse anche solo per cambiare idea, perché continuio ad essere fortemente critico verso questo prodotto.

    Purtroppo per circa 250 € (è questo il prezzo di listino o sbaglio?) io mi orienterei nettamente su altro.

    continuo ad attendere le specifiche della vostra unità riguardo temperatura colore, indice di resa cromatica ed almeno un grafico con lumen/durata, magari anche capire che software montate, se è programmabile o meno, almeno un paio di beamshot perché i 10 gradi di apertura delle ottiche mi sembrano molto spot…

    Insomma non credo che un’eccellenza in questo settore abbia problemi a fornire specifiche banali, non sto chiedendo di rivelare segreti industriali, ma solo dati che con gli opportuni strumenti di misurazione sono misurabili da chiunque. Anche non dichiarare il tipo di led, lo vedo un grande limite, basta smontarla per capire di cosa si tratta.
    Il fatto di non dichiarare le specifiche è per me un motivo in più per essere critico verso questo prodotto. Insomma perché tutta questa riservatezza?

    Purtroppo non compro mai a scatola chiusa e conoscere almeno le specifiche, farebbe comodo, eviterebbe sicuramente almeno alcuni acquisti a cui seguirebbero richieste di diritti di recesso.

    Sono inoltre critico perché con 45€ ho acquistato un’ottima sigma buster 700, pesa solo 135 grammi ha un’ottimo fascio ed in continuo a piena potenza dura due ore, il fascio è tale che non solo si può usare su strada ma anche su mulattiere e trail semplici, inoltre può essere ricaricata durante l’uso ed anche d’estate non è mai diventata calda e non ho mai notato stepdown da protezione termica. E dulcis in fundo se la metto in modalità lampeggio mi arriva a 18 ore di utilizzo. E si nota talmente tanto che in lampeggio sono costretto ad inclinarla di più verso il basso, perché anche di giorno può risultare fastidiosa nei confronti di chi viene di fronte.

    purtroppo 250€ sono cifre importanti per una luce e si entra in una fascia agguerrita dove si iniziano a cercare performance e gli acquirenti iniziano a diventare esigenti riguardo i propri obiettivi.

    Sul peso continuo a ritenerlo del tutto irrilevante, avere 50 grammi o 135 o 200 sul manubrio non mi cambia la vita: non sono un grammomaniaco, non cerco le performance di tempo assolute in salita, al contrario se acquisto una torcia, la voglio che mi faccia vedere bene dove vado ed illumini bene la strada, senza abbagliare il prossimo, per almeno due ore piene, perché specialmente d’inverno esco solo quando è buio oltre al fatto che le notturne mi piacciono parecchio e le faccio molto volentieri.

    spero che questi miei feedback, del tutto gratuiti e spassionati vi siano utili.
    Buon lavoro e buono sviluppo.

    alla prossima.
  3. Burnout111:

    Grazie Enrico,

    mi farebbe piacere provarla fosse anche solo per cambiare idea, perché continuio ad essere fortemente critico verso questo prodotto.

    Purtroppo per circa 250 € (è questo il prezzo di listino o sbaglio?) io mi orienterei nettamente su altro.

    continuo ad attendere le specifiche della vostra unità riguardo temperatura colore, indice di resa cromatica ed almeno un grafico con lumen/durata, magari anche capire che software montate, se è programmabile o meno, almeno un paio di beamshot perché i 10 gradi di apertura delle ottiche mi sembrano molto spot…

    Insomma non credo che un’eccellenza in questo settore abbia problemi a fornire specifiche banali, non sto chiedendo di rivelare segreti industriali, ma solo dati che con gli opportuni strumenti di misurazione sono misurabili da chiunque. Anche non dichiarare il tipo di led, lo vedo un grande limite, basta smontarla per capire di cosa si tratta.
    Il fatto di non dichiarare le specifiche è per me un motivo in più per essere critico verso questo prodotto. Insomma perché tutta questa riservatezza?

    Purtroppo non compro mai a scatola chiusa e conoscere almeno le specifiche, farebbe comodo, eviterebbe sicuramente almeno alcuni acquisti a cui seguirebbero richieste di diritti di recesso.

    Sono inoltre critico perché con 45€ ho acquistato un’ottima sigma buster 700, pesa solo 135 grammi ha un’ottimo fascio ed in continuo a piena potenza dura due ore, il fascio è tale che non solo si può usare su strada ma anche su mulattiere e trail semplici, inoltre può essere ricaricata durante l’uso ed anche d’estate non è mai diventata calda e non ho mai notato stepdown da protezione termica. E dulcis in fundo se la metto in modalità lampeggio mi arriva a 18 ore di utilizzo. E si nota talmente tanto che in lampeggio sono costretto ad inclinarla di più verso il basso, perché anche di giorno può risultare fastidiosa nei confronti di chi viene di fronte.

    purtroppo 250€ sono cifre importanti per una luce e si entra in una fascia agguerrita dove si iniziano a cercare performance e gli acquirenti iniziano a diventare esigenti riguardo i propri obiettivi.

    Sul peso continuo a ritenerlo del tutto irrilevante, avere 50 grammi o 135 o 200 sul manubrio non mi cambia la vita: non sono un grammomaniaco, non cerco le performance di tempo assolute in salita, al contrario se acquisto una torcia, la voglio che mi faccia vedere bene dove vado ed illumini bene la strada, senza abbagliare il prossimo, per almeno due ore piene, perché specialmente d’inverno esco solo quando è buio oltre al fatto che le notturne mi piacciono parecchio e le faccio molto volentieri.

    spero che questi miei feedback, del tutto gratuiti e spassionati vi siano utili.
    Buon lavoro e buono sviluppo.

    alla prossima.
    Ciao @Burnout111 ,
    perdonami il ritardo nella risposta ma tra World Cup e campagna mi sono perso il messaggio.

    Riguardo all'abbagliare il prossimo non sono d'accordo in quanto il concetto è esattamente quello della macchina: quando usi gli abbaglianti puoi deciderli di usarli solo quando serve (uso corretto) oppure puoi tenirli accessi tutto il tempo abbagliando le altre persone. Il loro utilizzo è fondamentalmente legato al buonsenso del conducente.
    Inoltre, la luce non può sostenere 5000 lumens per più di 5 secondi (si innecesca automaticamente il thermal derating) pertanto, anche volendo, è impossibile abbagliare qualcuno per più di 5 secondi.

    Per il momento, vista la novità, preferiamo tenere le specifiche riservate, successivamente verrà tutto reso pubblico in fascicolo tecnico. Ovviamente si tratta di componenti che rispecchiano la massima qualità del prodotto (ecco perchè il costo elevato).

    La questione peso invece, è molto personale. Personalmente una luce da più di 100g la tolgo e la metto, a seconda delle esigenze (la tengo su solo se devo fare una notturna, poi la smonto). Invece, Focus lo tengo sempre montato... sia di giorno che di notte.

    Il prezzo è alto sono d'accordo. Esistono comunque luci ben più costose. Grazie a Kickstarter, ed al preordino con consegna ad ottobre, è offerta in via del tutto eccezionale a circa 125€ (in pratica metà prezzo). http://kck.st/3ttoTci

    Per maggiori info rimaniamo a disposizione.
    A presto
    Enrico
Storia precedente

Cape Epic 2022: risultati seconda tappa

Storia successiva

GT compie 50 anni

Gli ultimi articoli in News

La miniera

Le miniere di carbone del Belgio, da dove proviene Thomas Genon, il protagonista di questo video,…