[Test] Nuovi dischi SRAM HS2

215

Finalmente SRAM apporta delle modifiche ai propri impianti frenanti proponendo dei nuovi dischi che hanno lo scopo di diminuire la temperatura dei freni, gli HS2. Abbiamo parlato spesso su come risolvere i problemi degli SRAM Guide o G2, e una delle soluzioni era proprio quella di sostituire i dischi Centerline con altri prodotti, come i Galfer.

SRAM ci ha mandato i nuovi dischi circa due mesi fa, dunque abbiamo avuto molto tempo per provarli. Nel video trovate i dettagli degli HS2 e come si sono comportati sul campo.

Dettagli

  • Rotore con spessore maggiore, 2,00 mm
  • Migliore smaltimento del calore (40°C in meno rispetto al Centerline, secondo SRAM)
  • Maggiore potenza frenante del 7 per cento secondo SRAM
  • Disponibile con sei fori e CenterlockSpecifico per le mtb
  • Peso rilevato disco 6 fori 180mm di diametro: 170gr (il corrispettivo Centerline pesa 146 gr.)
  • Prezzo: vedere più sotto

 

Commenti

  1. in 20 anni di uscite giornaliere posso dire questo generalizzando sulle varie marche, testate con moltitudini di dischi e pastiglie varie:
    Hope: Opere d'arte, frenata dolce, forse troppo dolce. Mancano di mordente. Chiede spurghi frequenti. Frenata bella costante.
    Sram: Brutti esteticamente, buona ergonomia di leva, ma semplicemente "frenano poco".. vanno in crisi se messi alla frusta.
    Formula Cura 2-4: Unico difetto pistoncini pigri, poca luce disco pastiglia. Minimali. Frenata costante, decisa, Buon feeling leva. Pochi spurghi.
    Shimano: ne ho una coppia (xt 785) tra i tanti tipi avuti, che gira dal 2014 senza aver mai fatto uno spurgo.. praticamente esenti. Buona ergonomia leva, molto gioco tra punto morto della leva e punto di attacco frenata, Frenata forte, decisa, bella, se non il loro patologico problema di "cambiare il punto di frenata" una volta caldi. Tutti e ripeto tutti gli Shimano, dai 2 ai 4 pistoncini, se usati a fondo, variano il punto di frenata alla leva. Forse le tubazioni che usano, qualcuno additava come colpevole il "Servo Wave", ma credo sia dovuto alle loro tubazioni. L'olio scaldandosi le dilata troppo.. e la leva quando pinzi te lo fa "sentire" fin troppo bene.
    Praticamente, in un mare di impianti avuti e testati su tantissime bici, non posso esimere nessun impianto da critiche.
    Diciamo che di default, le rare volte che son partito da una bici completa, senza partire dal solo kit telaio, quando purtroppo montava in origine Sram, li ho dovuti sempre sostituire. Con Shimano ci si fa l'abitudine, così con Formula. Con Hope, anche provandoli in ogni salsa, e la serie più violenta "V3", con i loro dischi e non, con le loro tubazioni metalliche e non ecc ecc non sono mai riuscito ad amarli, benché io li volessi con tutto me stesso, perché sono bellissimi. Ma hanno delle leve con scarsa ergonomia. Richiedono spurghi frequenti (più degli altri). A volte pescano aria (più degli altri) e non hanno stopping power, ma una dolcezza infinita.
    Quindi dopo tutta sta pippa, tra Sram, Hope, Formula e Shimano, Mi sento di promuovere questi ultimi due.
    Parlo di rider ex-aggressivo (brutto incidente nel 2019) e molto pesante 95kg nudo. Utilizzo All mountain- bike park- lavoro.
    Queste sono mie considerazioni dopo anni di test, che derivano anche da gusti personali, non vogliono essere "la bibbia".
    Avendo avuto molte biciclette, avendoci corso, lavorandoci e avendone molte in test da amici e non, queste sono solo le mie considerazioni.

    Shimano sia singolo che doppio pistoncino: (spurgo inesistente olio minerale, così manutenzione. Buona luce tra disco e pastiglia, buon mordente, migliore ergonomia "one finger" leva. Qualità prezzo). Negativo: (frenata che cambia il punto di attacco, leva che ha troppo gioco tra la posizione di riposo e l'attacco frenata.)

    Formula minerale Cura 2-4: (spurgo minimo olio minerale, la miglior sensazione di frenata, potente, consistente anche dopo ore di park. Qualità prezzo.)
    Negativo: (Continui aggiustamenti pinza per evitare sfregamenti col disco. Troppa poca luce tra disco e pastiglia. Pistoncini lievemente pigri in ritorno, ma meglio delle serie Formula DOT precedenti.)

    Hope: (Bellissimi. Tubi in treccia metallica, frenata di una sensibilità estrema, costanza di rendimento con tubi in treccia metallica)
    Negativo: (spurghi frequenti, pescano più aria degli altri, non hanno potere di frenata, mancano di cattiveria. Costo elevato. Olio Dot. Ergonomia leve)

    Sram: (Buona ergonomia leva, ottimo feeling iniziale alla leva, delicati.)
    Negativo:( vanno in crisi. Mordono poco. Brutti esteticamente. Olio Dot)

    Morale:
    -miglior frenata vince Formula.
    -affidabilità-manutenzione Shimano.
    -Hope bellezza
    -Sram.. boh..

    PS: Non sono un fan Boy di nessuna marca. Non risento di "tifo calcistico" per nessuna marca, ne di qualche sorta di campanilismo parlando di Formula. Parlo, solo ed esclusivamente per ciò che ho potuto avere e testare seriamente. Punto finale: non sono nessuno.
    Ho espresso soltanto il mio parere. Tendenzialmente, molti falliti tenderanno a difendere il proprio impianto frenante fino alla morte, così si risentiranno delle varie critiche. A me fotte sega. Mettetevela via. Buona giornata.
Storia precedente

Rotazione

Storia successiva

Nuova Orbea Rallon in arrivo?

Gli ultimi articoli in Test