Tre giorni a San Martino di Castrozza

Tre giorni a San Martino di Castrozza

Xfra1983, 10/06/2015
Whatsapp
Xfra1983, 10/06/2015

[ad3]

È passato un bel po’ di tempo da quando ho affrontato il mio primo viaggio da reporter. Tutt’oggi prendo come una sfida riuscire a far provare a chi legge le emozioni che vivo durante le mie pedalate.

 1DS_3040

Di solito mi viene facile associare alle immagini una descrizione per creare così la storia della mia uscita… ma non questa volta.

1DS_3032

Le foto di questo report sono rimaste parcheggiate sul mio hard disk da “qualche” mese e mi hanno accompagnato in molte trasferte in giro per l’Europa, nella speranza di trovare il momento giusto per proseguire con la storia iniziata con i due viaggi sulle Dolomiti di Brenta e nel Garda Trentino.

1DS_3060

Ogni volta che inizio a sfogliare le immagini di questi due giorni a San Martino di Castrozza mi ritrovo con lo sguardo imbambolato davanti al monitor,  finendo con il cercare sul calendario quali potrebbero essere altri due giorni liberi per andare a girare nuovamente su quei sentieri!

1DS_3075

II Valsorda Enduro Trail  è stato recentemente ripristinato dalla regione rendendolo fruibile alle biciclette.
Il punto di partenza è Cima Tognola, raggiungibile comodamente anche con la funivia appena fuori dal paese.

1DS_3102

1DS_3113

Tutto è studiato per garantire sempre la massima percorribilità in ogni condizione, alternando tratti in north-shore o lastricati, per evitare terreni paludosi, a tratti naturali in mezzo al bosco.

1DS_3119

1DS_3128

La pendenza non è mai eccessiva e permette di godersi senza troppi pensieri il panorama.

1DS_3158

1DS_3167

Le nostre bici corrono velocemente su questo trail da sogno e raggiungiamo velocemente il fondo valle.

1DS_3171

1DS_3182

Si, effettivamente ci siamo lasciati prendere dall’euforia e anche i migliori hanno qualche inconveniente!

1DS_3191

1DS_3193

Risaliamo verso Malga Valsorda Alta tramite la strada forestale costeggiata dal Rio omonimo.

1DS_3200

1DS_3223

La guida ci aveva avvisato che ci saremo ritrovati in un paesaggio incantevole.

1DS_3283

1DS_3262

La sterrata non ha mai pendenze proibitive e copriamo velocemente il dislivello che ci separa dalla Malga.

1DS_3308

1DS_3340

Ci rimangono 30 minuti per raggiungere la forcella Valsorda. Purtroppo il terreno smosso e la pendenza ci costringono a proseguire con la bici a spinta.

1DS_3323

Prima di imboccare il nostro sentiero in discesa verso la Valle del Vanoi, ci fermiamo per uno spuntino, mentre la nebbia sembra diradarsi per lasciare il posto ad un timido cielo azzurro.

1DS_3370

1DS_3400

Alcuni bikers del posto hanno ripulito l’antica mulattiera da mughi e massi rendendola nuovamente percorribile.

1DS_3408

Giunti a Malga Boalon abbiamo due possibilità: proseguire per Caoria dove ci attende l’autobus o scendere verso Canal San Bovo e successivamente prendere un taxi per rientrare a San Martino di Castrozza.

Abbiamo ancora un bel po’ di ore di luce e decidiamo per la seconda ipotesi. Nel caso voleste ripetere l’itinerario vi invito a non percorrere per intero la ripida strada asfaltata, ma di prendere il sentiero che diparte a circa 1300 metri di quota, in direzione Prade.

1DS_3619

1DS_3592

Con il cielo sempre più sgombro dalle nubi e l’intero pomeriggio a disposizione, non abbiamo resistito al richiamo della Val Venegia.

1DS_3564

1DS_3574

Non è la prima volta che percorriamo questo sentiero ma non ci siamo ancora stancati di frequentare queste zone.

1DS_3485

1DS_3513

1DS_3518

1DS_3459

1DS_3433

Il nostro itinerario verso la Baita Segantini prosegue tra scorci mozzafiato sulle imponenti pareti delle Pale di San Martino.

1DS_3649

1DS_3653

1DS_3737

1DS_3655

1DS_3671

1DS_3746

Le gambe non sembrano sentire la fatica.
Riusciamo a sfruttare le calde luci di un fantastico tramonto per alcuni scatti da sogno prima di rientrare al nostro hotel.

Itinerari GPS

[ad12]