trappola per biker

Verona: fili di ferro tesi sul sentiero

68

Nella zona del Monte Cucco a nord est di Verona dei criminali tentano di ferire gravemente i mountain biker mettendo dei fili di ferro tesi sui sentieri. L’ultimo ritrovamento è stato fatto due giorni fa, come segnalato sulla pagina di Kteca – discese MTB a Verona.



.

L’intenzione è chiaramente quella di ferire i ciclisti, con conseguenze anche gravi. I biker del posto hanno anche segnalato la posizione esatta del filo, il problema è che non si tratta della prima volta di ritrovamenti del genere e che quindi le trappole potrebbero venire messe anche da altre parti.

C’è qualcuno che ha avuto un’esperienza simile nella sua zona? Come l’avete affrontata per beccare i colpevoli?

 

Commenti

  1. Quando leggo che questi gesti sono commessi dai proprietari ho sempre qualche dubbio. Tutto può essere, ma il proprietario si sente in posizione di forza grazie al diritto e non ha bisogno di commettere atti cosi assurdi.
    A mio modo di vedere la cosa, mi risulta facile immaginare il "divertimento" di chi mette questi fili, l'attesa adrenalinica di una notizia sulle cronache (locali), con il delirio e la mania di protagonismo appagati. É gente che non sta bene, dei sociopatici.
  2. nella mia zona lago di Garda girano molte moto da cross senza targa anche se vietato e con le gomme che hanno tipo Metzeler molto tasellate in salita devastano i sentieri che poi con le piogge torrenziali si rovinano definitivamente diventando a sezione a V e non riesci più a pedalarci neanche in discesa perchè tocchi con i pedali ai lati. Essendo una zona molto turistica disturbano sia i pedoni che la fauna selvatica. Inoltre non ho mai visto motociclisti fare manutenzione ai sentieri mentre noi biker abbiamo una associazione locale per la manutenzione e taglio ramaglie e spine sui sentieri nel bosco.
    I proprietari dei sentieri sono inferociti ............ma io non giustifico la posa di alcuna trappola.
  3. abala:

    nella mia zona lago di Garda girano molte moto da cross senza targa anche se vietato e con le gomme che hanno tipo Metzeler molto tasellate in salita devastano i sentieri che poi con le piogge torrenziali si rovinano definitivamente diventando a sezione a V e non riesci più a pedalarci neanche in discesa perchè tocchi con i pedali ai lati. Essendo una zona molto turistica disturbano sia i pedoni che la fauna selvatica. Inoltre non ho mai visto motociclisti fare manutenzione ai sentieri mentre noi biker abbiamo una associazione locale per la manutenzione e taglio ramaglie e spine sui sentieri nel bosco.
    I proprietari dei sentieri sono inferociti ............ma io non giustifico la posa di alcuna trappola.
    Qua da me molto fanno enduro in moto ma solo noi bikers prendiamo pala e piccone a sistemare.loro hanno solo il diritto di arare alla domenica mattina .
Storia precedente

Cape Epic 2022: risultati quinta tappa

Storia successiva

Attenti al lupo (valdostano)!

Gli ultimi articoli in News