MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | [Video] Prototipi DH da 29″: Specialized Demo e Nukeproof Pulse

[Video] Prototipi DH da 29″: Specialized Demo e Nukeproof Pulse

[Video] Prototipi DH da 29″: Specialized Demo e Nukeproof Pulse

31/05/2018
Whatsapp
31/05/2018

Dopo l’apertura di stagione a Lošinj, la UCI DH World Cup 2018 entra nel vivo con la classicissima di questa disciplina, la tappa scozzese di Fort William. Qui diversi team metteranno alla prova per la prima volta in gara dei prototipi con i quali presumibilmente correranno per il resto della stagione. Vi abbiamo parlato alcuni giorni fa del nuovo prototipo di Santa Cruz V10 che sarà in mano al team Syndicate a Fort William, tranne che allo sfortunato Greg Minnaar che si è fratturato il braccio destro ieri proprio mentre provava il nuovo prototipo.

Specialized, che nelle 29 pollici ha sempre creduto fermamente, approda alle ruote grandi anche in DH con questo nuovo prototipo di Demo che, oltre al diametro ruota, cambia sostanzialmente anche il sistema di sospensione tornando a un azionamento di tipo pull. Si tratta di un prototipo in alluminio con alcuni dettagli che indicano chiaramente che Specialized sta ancora sperimentando: il movimentro centrale è fissato su boccole eccentriche, per poter modificare l’altezza da terra o per poter intervenire sulla quota di anti-squat, mentre l’ammortizzatore è fissato al telaio su di un inserto ad asola che permette di cambiare curva di compressione della sospensione e/o le geometrie del telaio. La bici in questione è quella di Miranda Miller mentre Loic Bruni correrà ancora con l’attuale Demo, per sua scelta.

Nukeproof ha dotato il team di un prototipo di Pulse da 29 pollici che oggettivamente, più che un prototipo, sembra una bici molto ben rifinita e pronta per entrare in produzione. La illustra Kelan Grant, rider di Enduro compagno di squadra di Sam Hill, che questo weekend affronterà la gara di DH World Cup sullo storico tracciato di Fort William.

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
nicola cadaldini
nicola cadaldini

La Specialized mi stupisce sempre con queste sospensioni Dh 😃 , per me è l’unico progetto veramente valido nelle bici Dh . Gli altri marchi non sapendo cosa fare si sono messi a copiare Trek 😅 (un altro marchio che merita molto rispetto)

darionollie_
darionollie_

“Looks like a Session” ormai è fuori moda come commento

teoDH

l’FSR è un horst classico… ha il pregio di essere un sistema facile, facile da guidare, e facile da settare, personalmente preferisco sistemi double pivot sui dh, ne migliora la reattività e il funzionamento in frenata

cheyax
cheyax

io preferisco di gran lunga i monopivot pull anche abbastanza lineari con una bella molla dura, ma sono questioni di gusti e stile di guida

filippo13
filippo13

Di nuovo direi nulla…è una banshee legend
Trek aveva un full float ke ha lasciato x copiarecome tutte le altre la prima ovvero Kona

samu_87
samu_87

Le prime Kona non erano HORST….

Reynold
Reynold

eh si proprio.. una banshee legend.. suvvia dai!

samu_87
samu_87

Certo il V10 che ha vinto e continua vincere è un cesso…MAH…

Reynold
Reynold

te si che hai capito tutto

cheyax
cheyax

bello chi giudica i sistemi di sospensione in base alla posizione dell’ammortizzatore e l’estetica

alcos
alcos

E si torna al vecchio alluminio… yep!

filbike
filbike

…molto probabilmente solo perchè si tratta di prototipi. Ormai i grandi marchi usano solo la fibra nera.

teoDH

Io continuo a temere che le 29 peggioreranno la DH, piste sempre più veloci aumenteranno il gap tra quel che sanno fare i pro e quel che sappiamo fare noi amatori, e trovarsi poi a dover usare mezzi molto race oriented sarà sempre più difficile per il weekend warrior, rischiando di alimentare così la già eccessiva sfilza di gente che abbandona la DH per il più mite e noioso enduro.
Credo e spero che nel futuro ripenseranno a creare bici da bike park, che permettano di andare forte in sicurezza senza dover forzatamente usare dei missili da 29.
Già le moderne DH da 27.5 non sono per tutti, e sono comunque a mio dire usabili divertendosi anche da chi non fa gare, ma siamo al limite, spesso ti trovi già con queste a velocità non propriamente gestibili.

wally73
wally73

sono abbastanza d’accordo…
le bici si evolvono e di conseguenza i tracciati o viceversa…
per quello che dici ad esempio canyon ti avrebbe forse accontentato…
https://www.canyon.com/it/gravity/torque/

khalit
khalit

Francamente, non capisco come da un’osservazione personale (condivisibile o meno, comunque rispettabile) si possa con tanta serenità prendere spunto per svilire quella che è per moltissime persone, anche in questo forum, una passione eun’emozione.
Dire che la pratica dell’enduro è noiosa, è un’offesa gratuita e, permettimi, infantile.
Goditi la tua passione, critica ciò che secondo te può metterla in pericolo perch è tuo diritto, ma sicuramente non è tuo diritto offendere appassionati di altre discipline (il che vale, ovviamente, per l’xc, il marathon, l’AM e qualsiasi altra cosa non si pratichi come disciplina d’elezione)

darionollie_
darionollie_

La maggior parte degli enduristi però è vero che sono ex discesisti che hanno deciso di calmarsi con una specialità più mite. Io sono uno di questi casi ed ammetto che l’enduro è mite e “noioso” rispetto alla dh pura. Diciamo che con l’enduro si apprezzano altri aspetti della mtb .

khalit
khalit

Opinioni personali E esperienze personali, NON fanno letteratura. La generalizzazione è una forma di pregiudizio che rischia di rendere supponenti

darionollie_
darionollie_

Hai mai fatto dh?

khalit
khalit

Hai mai giocato a Badminton? Alla fine è solo una questione di fallacia logica…

darionollie_
darionollie_

…con doppio scappellamento a destra

teoDH

Antani… comunque se ti offendi perchè ti do del noioso se ti dico che sei permaloso cosa fai?

bax70
bax70

A confermare la tua tesi potremmo analizzare il fatto che tra i pro, qualcuno dalle 29 è tornato indietro alla 27,5 e tra le donne a parte la Miller che testa il prototipo, la Nicole che lo scorso anno inizio’ con la 29 tornando a vincere con la 27,5, fa pensare che le 29 non siano per tutti (e le signorine di coppa vanno forte!); forse ci vuole il rider alto o il rider che non si preoccupi dell’ingombro delle ruotone, insomma un rider che, per farmi capire “si muove poco” durante la guida. C’è da dire inoltre che loro ci stanno molto piu’ di noi in bici ed è piu’ facile che si adattino alle nuove bici ma il salto alle 27,5 fu molto piu’ rapido ed accolto subito da tutti.

Riki174
Riki174

Ciao Teo.
…in svariati anni in cui trovo tuoi commenti, a prescindere dall’argomento, quando ti leggo mi viene solo da pensare a quei vecchietti al bar che “si stava meglio quando si stava peggio” 🙂
Per carità, sei sicuramente più bravo di me in tutto con la bici, ma porca miseria…
Nella mia mente tu sulle piste, ma anche a casa e a lavoro sei sempre in lycra fluo, bici tipo mondiali di Durango 1990 con elastomeri e cantilever e baffi a manubrio che neanche Gary Fisher!!! 🙂

rico
rico

Riki secondo me hai mal interpretato Teo, io forse penso che lui la pensi come me, il DH non è correre a 800 Km/h su una pista autostrada, ma saper correre e affrontare ostacoli assurdi in sella alla bici. Per me è come se iniziassero a fare trial con le moto da enduro….

rico
rico

E non metti in conto una cosa Teo, dove andrà a finire la tecnica nel DH? Intendo quella che ti permette di affrontare i muri di pietroni o le curve assurde a momenti steso sulla bici per non cappottarti? A correre (chi più chi meno) sono capaci tutti su un’autostrada di pista, ma affrontare i muri da culo stretto stretto (penso che tu mi capisca) non è da tutti, ti ci vogliono anni per farli bene e senza tanti pensieri. Questo per me è il vero DH, non lo schifo in cui si sta trasformando. Io il DH lo concepisco come la disciplina estrema della mtb, quella dove vai con la bici dove gli altri non si sognano nemmeno di provare….

cianci
cianci

Endurista, discesista, tutte etichette tipicamente italiane.
Io vado in bici. Stop

darionollie_
darionollie_

In effetti adesso in Scozia stanno per correre la world cup di “bici”

cianci
cianci

Il tuo intervento è inutile. Io ho detto che andare in bici non è per forza un’etichetta e sputare merda sull’enduro o su altro. È stupido.. Banale, e tipicamente italiano

Reynold
Reynold

.

sembola
cianci

Endurista, discesista, tutte etichette tipicamente italiane.
Io vado in bici. Stop

Dipende da come l'etichetta viene usata.

Un agonista che gareggia in DH è effettivamente un "discesista", tanto più che usa una bici molto specifica ed inutilizzabile o quasi fuori da quei percorsi; così come uno che partecipa alle gare di enduro è legittimo che si definisca "endurista". Del resto anche chi fa escursionismo "va in bici" ma è oggettivamente un'attività differente da scendere su una pista limando i decimi.

Se invece uno dice "io faccio enduro" per sentirsi più alla moda nel fare esattamente quello che facevamo dieci, quindici, venti anni (salire pedalando e poi scendere, se riesce a velocità allegra) allora sì, la penso come te: meglio chi "va in bici" di chi "fa" quello o quell'altro.

cianci
cianci

La.seconda parte del tuo messaggio è quello che penso.

nicola cadaldini
nicola cadaldini

Ogni volta che esce una novità il forum si riempie di commenti negativi e si va’ anche fuori seminato rispetto l’articolo. Penso che le novità devano essere qualcosa di buono che facciano muovere il mercato e chi si può permettere in € 💶 le prova per primo. Chiaro che sono fatte X i Super professionisti e quando vengono trasferite a noi mortali forse non siamo capaci ad usarle .

teoDH

Riki174 Ciao Teo. …in svariati anni in cui trovo tuoi commenti, a prescindere dall'argomento, quando ti leggo mi viene solo da pensare a quei vecchietti al bar che "si stava meglio quando si stava peggio" 🙂 No, anzi, amo l'evoluzione e credo che oggi le DH siano molto più performanti e anche godibili di 15-20 anni fa, quel che dico è che la DH, sia come bici che come piste, sta diventando sempre più orientata alla velocità pura, che è un bene per lo spettacolo, ma rende il gap tra l'amatore e il pro sempre più grande e difficilmente colmabile… la furbata dell'enduro è stata da sempre far credere alla gente che potessero competere insieme ai pro, cosa assurda ma che ha alimentato in questi anni il mercato enduro spostando sempre più rider di una certa età sull'enduro. Fortunatamente la continua crescita della spettacolarità porta invece tanti giovani verso la DH, ma fa crescere sempre di più nei genitori i timori verso questa disciplina. Diverso è il discorso bikepark, a prescindere dal fatto che in park con un DH moderno ti diverti tantissimo e che probabilmente queste 29er diventeranno godibili in park, o così come stanno cambiando lo stile delle piste da DH cambieranno anche lo stile dei park, per alimentare il mercato modelli come la Torque, o come era la Status di Specy o il VPFree di Santa, da affiancare alle "race machine" potrebbe spostare un po' di quelli che oggi si comprano le bici da enduro verso bici… Read more »

salukkio
cianci

Il tuo intervento è inutile. Io ho detto che andare in bici non è per forza un'etichetta e sputare merda sull'enduro o su altro. È stupido.. Banale, e tipicamente italiano

Sarà ma la EWS sta per "Enduro World Series"

cianci
cianci
salukkio

Sarà ma la EWS sta per "Enduro World Series"

Si ma non c'entra. Il discorso è lo sputare merda su una cosa o sull'altra schierandosi sempre dietro una barricata o l'altra. Il mio discorso, condivisibile o meno, è che etichettare e schierarsi denigrando tutto ciò che sta al di la della barricata è tipicamente italiano. Questo era il senso.

rico
rico

Evviva, prima o poi correremo solo su autostrade a tutta birra, tanto le curve diventeranno un accessorio, non una parte fondamentale nel DH… Mi dispiace per quelli che si sono presi subito la Demo nuova, con la prospettiva di una 29 in arriva mi sa che ci perderanno un camion di soldi… Brava Specialized, mi sa che ti stai inchiappettando da sola i clienti affezionati….