Yeti cancella la parola “Tribe” dai suoi raduni per rispetto dei nativi americani

162

Lo “Yeti Tribe” è da anni il nome con cui il marchio del Colorado definiva i raduni dei proprietari di una delle sue bici. Negli Stati Uniti, però, alcune parole (e monumenti) si sono scoperte essere offensive per una delle tante minoranza che abitano nel Paese. Una di queste è Tribe (tribù), con cui nei secoli scorsi si definivano i gruppi di indigeni del posto, da noi chiamati “indiani”.

Per questo motivo i raduni non porteranno più la dicitura Tribe, ma continueranno a tenersi comunque. Qui sotto il comunicato ufficiale di Yeti.



.

https://www.instagram.com/p/CCoIRvahXyL/

 

Commenti

  1. Badeo:

    In questo caso però la cosa è diversa, dare del "redskin" ad un nativo in america è come dare del "ne**o" ad una persona di colore in italia.
    Infatti il caso dei Redskins è dagli anni '70 (se non prima) che va avanti.

    Ricordiamoci che comunque gli americani hanno attuato un genocidio (pari se non peggiore di quello ai danni della popolazione ebraica e da cui i tedeschi hanno pure preso spunto) ai danni degli indiani d'america; penso che anche tardivamente abbiano diritto perlomeno a smetterla di farsi rubare l'iconografia della loro storia.

    Per quanto riguarda Yeti non capisco la scelta (tribe mi sembra un termine molto generico) ma, anche lì, la situazione socio-culturale negli USA è molto più sfaccettata di come la viviamo qui in Italia, quindi sospenderei il giudizio.
    Condivido. Non sono un revisionista e in effetti anche le notazioni storiche da te sottolineate sono inequivocabili. Sono convinto che non bisogna toccare il fondo (vedi episodi tipo caso floyd) per fare scelte che poi assumono le sembianze dell' ipocrisia (come nel caso di yeti).
  2. sideman:

    infatti una notizia del genere dovrebbe solamente essere appresa col rispettoso silenzio con cui si apprendono le sciagure del mondo
    ma soprattutto dovrebbe far riflettere sui parametri culturali e istruzione media di alcune popolazioni...che si definiscono moderni...

    ed ora vai con gli scacchi...la prossima mossa è lì...
    Secondo me invece, quando si parla di rispetto, ogni passo avanti è da accogliere con plauso.
Storia precedente

La giusta posizione in sella: visita dal biomeccanico

Storia successiva

[Video] Jaxson Riddle nello Utah

Gli ultimi articoli in News