YT Industries presenta la nuova Capra

87

YT presenta la nuova generazione della Capra con un nuovo corto, il sequel di “Return of the Goat”.

Due le versioni della nuova Capra, una con entrambe le ruote da 29″ e l’altra, la MX, in configurazione Mullet. La Capra 29 è destinata all’enduro mentre la Capra MX al bike park. Ciascuna versione ha un telaio specifico.

Geometrie rinnovate e ancora più aggressive rispetto all’attuale modello e un sistema di sospensione con una cinematica rivista, più efficace in pedalata, meno progressiva per la 29 e più progressiva per la MX. La Capra MX ha 170mm di escursione anteriore e posteriore mentre la Capra 29 ha ugualmente 170mm all’anteriore ma 165mm al posteriore.

Geometrie

Capra MX

Capra 29

Allestimenti e prezzi

Tre gli allestimenti disponibili di cui uno, la Capra Launch Edition, disponibile solo in versione MX e in un numero limitato di 100 pezzi in tutto il mondo. Questo allestimento è offerto nelle taglie dalla M alla XXL mentre per gli altri allestimenti è disponibili anche la taglia S.

Capra MX Launch Edition – 7.499€
Peso: 14,5kg

Capra MX/29 Core 4 – 5.999€
Peso: 14,5kg (MX) – 14,9kg (29)

Capra MX/29 Core 3 – 4.499€
Peso: 15,3kg (MX) – 15kg (29)

Altri allestimenti verranno annunciati presto. Per ora è disponibile la prevendita di questi allestimenti sul sito yt-industries.com, con un deposito del 10% interamente rimborsabile.

 

Commenti

  1. fafnir:

    Sarò complottista ma il fatto che abbiano presentato una bici che di fatto non esiste, mettendo la regola del bonifico immediato del 10% all'ordine con mesi e mesi di attesa, mi fa pensare che vogliano in parte finanziarsi la produzione delle bici con le caparre.
    Altrimenti che senso ha chiedere i soldi subito che tanto le bici le vendono tutte immediatamente anche se uno disdice?
    Giusto ragionamento. Le caparre le chiedono i produttori artigianali, non chi ha bici in serie.
  2. salukkio:

    Io lavoro anche per il settore chimico dove i miei clienti si lamentano che non ci sono le materie prime per produrre. Vale anche per il settore bike?
    Non ne sono certo ma penso sia così.
    mio suocero lavora per una casa che produce vernici, impregnanti, pittura per settore marino, edilizio e meccanico e mi dice che sono costretti a far cassa integrazione perché mancano le materie prime, ad esempio manca sia qua da noi che in spagna la fornitura di titanio (materiale con cui fanno la base bianca di quasi tutte le vernici. manca proprio in generale la materia prima per produrre. mentre chi ha la merce in stock, viene accantonata nei container, e non spedita per i ritardi e i rincari delle spedizioni.. in pratica aspettano a far salire i prezzi tenendo la merce ferma per rientrare del costo delle spedizioni.. il gioco vale la candela, ed in ottica futura è preoccupante perché anche tornando a produrre materie prime come prima ormai i prezzi saranno saliti e difficilmente li faranno scendere di nuovo..
Storia precedente

La Canyon Lux CF SLX in edizione limitata MVDP

Storia successiva

Pedali: i trucchi per montarli e smontarli

Gli ultimi articoli in News