[Bike Check] La Santa Cruz V10 29 di Loris Vergier

[Bike Check] La Santa Cruz V10 29 di Loris Vergier

Francesco Mazza, 29/04/2017
Whatsapp
Francesco Mazza, 29/04/2017

[ad3]

Il team Syndicate ha inaugurato a Lourdes la Santa Cruz V10 con ruote da 29 pollici, che vi abbiamo presentato 3 giorni fa in un articolo dedicato. Andiamo a scoprire i dettagli della bici affidata a Loris Vergier, new entry del team capitanato da Greg Minnaar.

Oltre alla proporzione delle ruote con il telaio, che nella taglia di Vergier (presumibilmente una L o forse una M, Loris è alto 175cm) si nota decisamente di più rispetto che sulla XXL di Minnaar, balza subito all’occhio il posizionamento sella. L’angolo sella estremamente arretrato del V10 porta molti utilizzatori di questa bici, soprattutto se non particolarmente alti, a spostare completamente in avanti la sella. Ricordo alcuni atleti in coppa, piuttosto bassi, che addirittura montavano reggisella arretrati girati al contrario per avanzare ulteriormente la sella. Questo lascia il dubbio che sia una scelta di Vergier a prescindere dal formato ruota, per adattarsi alle geometrie del V10, piuttosto che una scelta obbligata dall’ingombro della ruota da 29″ a fine corsa sulle taglie piccole. Minnaar comunque, sulla sua XXL, monta la sella in posizione regolare.

Loris arriva alla stagione 2017 con l’eredità di un ottimo 7° posto nel ranking di UCI DH World Cup guadagnato nel 2016, dove è salito un paio di volte sul podio.

Dettaglio della biella superiore e della parte alta del carro in carbonio, con archetto di collegamento.

In carbonio anche l’attacco diretto ENVE, così come il manubrio. In foto notiamo la serie sterzo Buzz Works, ovvero il marchio con cui Chris King identifica i suoi prototipi. Grazie a questa serie sterzo, Santa Cruz è stata in grado di modificare le geometrie su questo prototipo, adattando il triangolo anteriore del V10 tradizionale al nuovo carro e alla nuova biella inferiore.

L’attacco della pinza del freno è un tradizionale e affidabile IS, mentre sul lato drive notiamo una cassetta a 7 rapporti, gestita da un cambio Shimano Saint.

Anche la guarnitura è una Shimano Saint. Notiamo bene il carro asimmetrico, senza il verticale di rinforzo sul lato drive, eliminato per sfruttare al massimo lo spazio disponibile per accorciare il carro e collocare le nuove ruote da 29″.

I freni Saint chiudono il set del gruppo fornito da Shimano.

Coperture Maxxis, nello specifico un Minion DHR II da 2.40 di larghezza, ovviamente da 29″.

La nuova forcella FOX 49, per ora un prototipo RAD, ospita mozzi Boost 20×110, quindi sul mozzo Chris King è stato adottatato un apposito spessore per riposizionare il disco all’esterno di 5mm. Lo si nota in foto, di colore arancione.

In questa particolare inquadratura riusciamo a notare l’asimmetria del carro sul lato della trasmissione.

[ad45]