Santa Cruz Nomad

[Dream Bike] Santa Cruz Nomad Versione 6

21

Durante l’inverno appena finito, ho trascorso un bel po’ di tempo a progettare una nuova bici da sogno per la primavera. L’anno scorso ho convertito una Specialized Enduro in una configurazione mullet con il link di WRP, ma quest’anno salirò a bordo della mia prima mullet dedicata: una Santa Cruz Nomad versione 6. L’ultima volta che ho posseduto una Santa Cruz è stato nel 1999 con una Bullet rosso brillante, che è stata la mia prima bici “da discesa”. Inutile dire che da allora alcune cose sono cambiate. L’anno scorso ho provato la nuova Bronson e sono rimasto molto colpito dalle sue sospensioni notevolmente migliorate. Subito dopo il mio primo giro, l’idea di una versione con escursione più lunga di quella configurazione a ruote miste mi è sembrata il biglietto da visita per gran parte delle mie uscite in bici, e così eccoci qui…

Santa Cruz Nomad



.

Come la maggior parte delle mie moto da sogno, questa Nomad è nera, ma se guardate bene noterete che ho applicato un kit RideWrap lucido sul telaio opaco per una conversione della finitura. In ogni caso, continuate a leggere per i dettagli sulla costruzione completa…

Dettagli Santa Cruz Nomad

  • 170mm di escursione davanti e dietro con sistema VPP
  • Passaggio cavi interno guidato
  • Forcellino universale UDH
  • Geometria variabile tramite un flip chip
  • Ruota dac29″ all’anteriore / 27.5 al posteriore
  • Scomparto porta attrezzi nel tubo obliquo
  • Peso: 14.96 kg senza pedali

Santa Cruz Nomad

Partendo dall’anteriore, ho optato per la RockShox ZEB Ultimate RC2, recentemente aggiornata, con 170 mm di escursione. All’apparenza la ZEB 2023 non sembra molto diversa, ma con un nuovo ammortizzatore Charger 3, valvole di spurgo, una molla ad aria aggiornata e i Buttercups, la somma delle sue parti la rende una forcella molto migliorata.

Santa Cruz Nomad

Uno dei punti di forza della nuova Nomad è lo stoccaggio interno tramite Glovebox. Mentirei se dicessi che lo stivaggio nel tubo obliquo non è un fattore determinante nella scelta delle mie biciclette.

Santa Cruz Nomad
La Nomad ha una cinematica della sospensione posteriore davvero ideale – per me, in ogni caso – con la possibilità di utilizzare ugualmente bene ammortizzatori posteriori a molla o ad aria. Ho scelto il nuovo RockShox Super Deluxe Ultimate, in parte per la sua regolazione idraulica esterna del fondo corsa, una caratteristica a cui tengo molto. L’ho abbinato a una molla EXT da 500# per risparmiare un bel po’ di peso (~200 grammi). Infine, ho scelto di sostituire l’hardware dell’ammortizzatore inferiore di serie con una configurazione a cuscinetti a rullini di Real World Cycling. Ciò è dovuto all’elevato grado di rotazione dell’occhiello inferiore dell’ammortizzatore, tipico del layout delle sospensioni VPP.

Davanti, ho deciso di cambiare le cose e, invece della mia solita combinazione di manubrio OneUp e attacco Industry Nine, ho provato un paio di nuovi pezzi di Chromag. Nello specifico, un attacco manubrio Riza da 38 mm e una Cutlass Fubar con un’escursione di 35 mm. Ho scelto un diametro di 31,8 mm per avere un po’ più di cedevolezza. Finora tutto bene…

Un anteriore bello pulito con solo due tubi dei freni, in attesa che arrivino quelli wireless ;-))

Magura è stata così gentile da fornire un set di freni MT7 di ultima generazione. In passato li avevo assemblati ordinando separatamente le leve Loic Bruni, ma ora Magura li offre come set completo. La potenza, la modulazione e la sensazione della leva sono straordinarie. Rotori Storm da 203 mm davanti e dietro.

Il reggisella RockShox AXS rimane il mio preferito di sempre. È vero che è costoso, ma l’assenza di cavi fa miracoli sul fronte della manutenzione e dell’estetica.

Sono riuscito a mettere le mani sulla versione CC del telaio, leggermente più leggera, per contenere il peso.

Ho optato per una trasmissione SRAM Eagle AXS XO1 con cassetta 10-50T e corona da 30T. Rinunciando a una 52T, spero di mantenere la lunghezza della catena leggermente inferiore e quindi più silenziosa… Vedremo come andrà a finire.

Le mie Cane Creek eeWings originali continuano a funzionare, le ho montate su una mezza dozzina di biciclette o più. Sono semplicemente incredibili in termini di peso e rigidità… valgono davvero l’investimento a lungo termine.

Per il set di ruote della Nomad ho montato su misura un set di cerchi in carbonio Crankbrothers Synthesis E11 su un set di mozzi DT Swiss 240, ho aggiornato lo star ratchet da 36T a 54T e ho aggiunto le valvole Santa Cruz Reserve. Nel corso degli anni ho testato molti cerchi in fibra di carbonio e, ad oggi, i Crankbrothers raggiungono il miglior equilibrio tra rigidità e tolleranza, pur vantando un’eccellente resistenza.


Per risparmiare un po’ di peso pur rimanendo comodo, ho scelto la sella Silverado Carbon di WTB. Il profilo e l’imbottitura sono ottimi e adoro la forma del naso. Con soli 181 grammi è un peso piuma per le sue dimensioni e il suo livello di comfort.

Quando ho provato la nuova Hightower, mi sono innamorato delle manopole di Santa Cruz. Ci sono volute un po’ di pedalate per abituarsi, ma sono super confortevoli ed estremamente aderenti sul bagnato. Sono anche spesse, ma non troppo.

Per quanto riguarda le gomme, ho scelto una coppia di pneumatici Michelin Wild Enduro Racing Line. Questi pneumatici hanno una carcassa più spessa rispetto all’offerta standard del marchio francese e presentano la mescola Magi-X, super appiccicosa, sia all’anteriore che al posteriore. Un ringraziamento speciale a Michelin per avermi inviato un pneumatico posteriore da 27,5″ nonostante non sia ancora disponibile al pubblico…


Collarino Thomson. Dopotutto, è una dream bike!

Per ultimi, ma non certo per importanza, i collaudati pedali Time Speciale 12. Per me non c’è niente di meglio. Sensazione costante, grande supporto e prestazioni incredibili in condizioni avverse. Inoltre, se sono come la maggior parte dei pedali Time, dureranno per sempre.

Grazie a tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione di questa bicicletta. Dopo le prime due uscite posso dire che è la mia bici preferita ad oggi!

Commenti

  1. Ciao, ho la possibilità di noleggiare una Nomad 6 per farci un bel giro a Whistler, mi sapete dire se inpedalabile oppure no?
Storia precedente

Lewis Buchanan bannato dall’UCI per il suo sponsor Onlyfans

Storia successiva

Classified Powershift: il cambio nel mozzo

Gli ultimi articoli in News

Dove pedalare?

Dove pedalare? Abbiamo provato a rispondere all’annosa questione di trovare nuovi itinerari o di dove andare…