Fantic: 0.25€ al km se vieni al lavoro in ebike

19

NDR: in questo articolo si parla di ebike, ma dato che il tema è lo spostamento casa-lavoro, riteniamo che sia importante per tutti i biker consapevoli dell’ambiente in cui vivono.

[Comunicato stampa] La mobilità sostenibile è da sempre al centro del progetto di Fantic. Oggi ancor più diventa un valore a tutela della salute dei propri dipendenti e collaboratori. Per questo Fantic ha messo a punto un progetto dedicato mirato alla salvaguardia dell’ambiente, partendo proprio dalla riduzione dell’utilizzo delle automobili sulle strade, favorendo al tempo stesso uno stile di vita sano.

Un progetto per incentivare l’attività motoria quotidiana, utilizzando le Ebike Fantic come mezzo per andare al lavoro, riducendo così le emissioni di CO2 nell’ambiente a tutto vantaggio della salute pubblica. Fantic ha deciso di intraprendere questa strada partendo dal suo interno, promuovendo un piano mirato alla mobilità per andare al lavoro. Un progetto che potrà essere replicato anche da altre realtà aziendali che troveranno in Fantic il partner ideale, usufruendo di un sistema già rodato.

La proposta, dedicata ai dipendenti Fantic, prevede un prezzo speciale di acquisto sulla gamma Fantic Ebike e ISSIMO e la possibilità di pagamento attraverso addebito mensile in busta paga. Ma c’è di più. Fantic riconoscerà ogni mese uno speciale contributo economico in busta paga dedicato ai dipendenti che utilizzeranno una Ebike o ISSIMO come mezzo di spostamento per recarsi al lavoro.

Sarà infatti riconosciuto un gettone giornaliero equivalente a circa 0,25 euro a chilometro percorso per andare e tornare dal lavoro in Ebike o ISSIMO ai dipendenti aderenti a questo progetto. La durata dell’iniziativa dedicata ai dipendenti Fantic è valida dal 29/05/2020 al 31/12/2021.

“Questo progetto” spiega Mariano Roman, amministratore delegato e socio di Fantic “rientra perfettamente nel DNA della nostra azienda. Una società orientata ad un’economia green, allo sviluppo sostenibile. Dobbiamo essere i primi a dare il buon esempio. Sono convinto che saranno molte le aziende che seguiranno questo tipo di percorso. Per primi cercheremo di coinvolgere in questa iniziativa tutte le aziende facenti parte del gruppo Venetwork.”

Nei giorni scorsi l’iniziativa è stata illustrata ai dipendenti Fantic che hanno accolto con entusiasmo l’opportunità di poter dare il proprio contributo per la salvaguardia di ambiente e salute usufruendo al tempo stesso anche di agevolazioni ed incentivi messi a loro disposizione dall’azienda. Presso le sedi Fantic sono già state allestite le postazioni, adibite a posteggio e ricarica dei mezzi, riservate ai dipendenti che stanno già aderendo all’iniziativa.

Ripartire non è mai stato così green con Fantic. Diamoci tutti da fare tutelando salute e ambiante. Iniziamo dai piccoli gesti quotidiani che, grazie alla partecipazione di più persone, possono diventare davvero grandi!

Fantic

 

Commenti

  1. Mi pare un'iniziativa molto lodevole, puntando sul dare i soldi alla gente non per "comprare" una bici ma per "usare" una bici. Sarebbe molto interessante se altre aziende seguissero l'esempio.
  2. jimmy27:

    Non me ne voglia male nessuno ma io legno mtb mag per le bici tradizionali.
    Delle ebike non mi interessa e se mai volessi interessarmi andrei su e-mtb bike.
    a Torino nessuno parlava di E-qualcosa, solo di bici... quella ditta (Fantic) lo fa per le elettriche per straovvi motivi...;-)
    questo fa capire che non è questione di metterci o non metterci la E davanti quanto di mobilità sostenibile e ciclabilità, oltrechè di modernità ed innovazione.
    Quindi credo tu possa continuare a leggere quello che più ti piace senza darti troppi pensieri a questo proposito...
  3. cesare RBO:

    a Torino nessuno parlava di E-qualcosa, solo di bici... quella ditta (Fantic) lo fa per le elettriche per straovvi motivi...;-)
    questo fa capire che non è questione di metterci o non metterci la E davanti quanto di mobilità sostenibile e ciclabilità, oltrechè di modernità ed innovazione.
    Quindi credo tu possa continuare a leggere quello che più ti piace senza darti troppi pensieri a questo proposito...
    Oltretutto - per lo specifico argomento di questo thread - si parla della bici come mezzo di trasporto non per uso sportivo/ricreativo. Dobbiamo metterci in testa che molti la bici "che fa sudare a andare piano" non la useranno mai. Quindi, se serve a togliere le auto dalla strada, evviva le ebike, i monopattini e qualsiasi altra cosa elettrificata e di piccole dimensioni.
Storia precedente

Dal tramonto all’alba con la Graziella delle Meraviglie

Storia successiva

Dolomiti Paganella Bike riapre il weekend del 6-7 giugno

Gli ultimi articoli in News

Corona in titanio 5DEV

5DEV è una piccola divisione che si occupa di prodotti MTB all’interno dell’azienda 5thAxis di San…