La Marin Alpine Trail diventa Carbon

7

YouTube video

La Alpine Trail viene dotata da Marin di un nuovo triangolo anteriore in fibra di carbonio ad alto modulo e dà origine alla Alpine Trail Carbon, che condivide molte caratteristiche con la versione in alluminio da cui deriva, compreso il carro in lega 6061.

Il formato ruota è da 29″ e il sistema di sospensione single pivot indiretto sfrutta una biella forgiata in un unico pezzo per aumentare la rigidezza, al punto da rendere superfluo l’archetto tra i foderi alti, per un carro più corto senza interferenze con la ruota o col tubo sella.

L’escursione della ruota posteriore è di 150mm e viene abbinata a 160mm di corsa della forcella. L’ammortizzatore è posizionato verticalmente, quindi lascia abbondante spazio per il portaborraccia sul tubo obliquo e per un porta utensili sotto al top tube.

Le geometrie sono decisamente aggressive, con angolo di sterzo molto disteso, tubo sella verticale e corto per lasciare spazio a reggisella dalla lunga escursione, carro molto corto e reach lungo su ciascuna taglia.

Due gli allestimenti disponibili per la versione Carbon, uno al prezzo di 3.345 euro e l’altro al prezzo di 4.295 euro.

Marin Bikes

 

Commenti

  1. 63,5° di angolo sterzo :maremmac: roba da DH !
    Simpatico e originale il video di presentazione , peccato che la mia ignoranza non mi abbia permesso di comprenderlo appieno :pirletto:
    Che cosa si intende per "fibra di carbonio ad alto modulo" ?
  2. La bici e’ bella ma non mi piace la sospensione single pivot . La Mia esperienza avendone avuto un paio con lo stesso sistema , in frenata la ruota posteriore copiava veramente poco senza contare che in entrata di curva o si derapava o se si entrava tanto frenati , magari X un errore di staccata , per buttarla giù occorreva mollare i freni . Questa sensazione non mi è mai piaciuta .
  3. marpa:

    La bici e’ bella ma non mi piace la sospensione single pivot . La Mia esperienza avendone avuto un paio con lo stesso sistema , in frenata la ruota posteriore copiava veramente poco senza contare che in entrata di curva o si derapava o se si entrava tanto frenati , magari X un errore di staccata , per buttarla giù occorreva mollare i freni . Questa sensazione non mi è mai piaciuta .
    Pota: il sp, o lo ami, o lo odi.
Storia precedente

Garda con bivacco

Storia successiva

A velocità fotonica sulla neve

Gli ultimi articoli in News

Corona in titanio 5DEV

5DEV è una piccola divisione che si occupa di prodotti MTB all’interno dell’azienda 5thAxis di San…