Le 8 cose di cui avremmo bisogno nel 2022

97

Abbiamo visto le otto novità del mondo MTB nel 2021, e possiamo tranquillamente dire che nessuna ci ha lasciato veramente a bocca aperta. Ora vediamo insieme quali sarebbero dei prodotti che ci porterebbero realmente dei vantaggi.

Freni che frenano

Sembra una frase fatta, eppure quando si compra una bici nuova spesso e volentieri ci troviamo dei freni scadenti. Al di là degli SRAM Guide o G2 che dir si voglia, anche gli Shimano non sono più quelli di una volta, con il punto di frenata che varia quando si surriscaldano. Chiaro, ci sono marchi più piccoli che funzionano bene, però raramente si trovano sulle bici di primo montaggio. Possibile che sia così difficile tenere sotto controllo una produzione industriale? Vedremo se DT Swiss riuscirà a produrre i fantastici freni Trickstuff in grandi numeri mantenendo costante la qualità.


Imbottiture casco intelligenti


.

Non stiamo pretendendo di parlare alle imbottiture del casco come si fa con Siri, ma non sarebbe male se fossero in grado di fare due cose:

  1. non far cadere il sudore direttamente sulle lenti degli occhiali.
  2. Asciugarsi rapidamente.

Potremmo anche aggiungere un terzo punto, e cioé quello di non non sfaldarsi dopo qualche mese di uso, ma non vorremmo pretendere troppo. Basterebbe che i produttori di caschi mettessero un’imbottitura di ricambio nella scatola (o anche due). Difficilmente andrebbero in bancarotta, visti i prezzi.

Una sola larghezza del mozzo posteriore

C’è veramente bisogno del mozzo da 157mm, detto Superboost? Vi rispondo dopo quasi un anno di prova di una bici che lo montava: No! La differenza a livello di rigidità con l’ormai classico 148mm non si nota, se non quando bisogna cambiare ruote e non sono compatibili.

Movimento centrale filettato per tutti

Va bene, il movimento centrale Press Fit permette di costruire un piantone più largo e in teoria rigido ma, di nuovo, chi si accorge della differenza? Forse Nino Schurter. Ci si accorge piuttosto di quanto sia prono a scricchiolii e rumori molesti di vario tipo, che tirano i nervi al biker. Un bel movimento centrale con calotte filettate permette una rapida pulizia, senza rischiare di romperlo o danneggiare il telaio.

Una misura di serie sterzo

Missione impossibile: trovare la serie sterzo di una bici moderna. Con centomila misure diverse i produttori si e ci complicano la vita, per cosa poi? Mistero glorioso. Che si mettano d’accordo per una volta.

Standard universale attacco manettini

Avete mai provato a mischiare freni Shimano con cambio SRAM o viceversa? Oppure a montare un freno che non sia di queste due case? Se si vuole un manubrio pulito e sensato, cioé con due soli attacchi al manubrio (uno a destra e uno a sinistra) bisogna passare nottate su internet a cercare degli adattatori. Possibile che non si riesca a mettersi d’accordo su uno standard che vada bene a tutti, su cui attaccare ogni prodotto?

Una presa per le batterie

Qui ci muoviamo in un campo minato, quello delle ebike, ma vale la pena farci una puntatina, soprattutto se si pensa alle tonnellate di immondizia elettronica che produciamo. Non dovrebbe essere così complicato riuscire a mettersi d’accordo su un’unico connettore per le batterie. Bosch, Shimano, Brose, Yamaha: tutti con prese diverse per arrivare allo stesso risultato, cioé ricaricare delle pile. Sarebbe ora di darsi una svegliata.

Ottavo punto

Questo dovreste suggerirlo voi qui nei commenti!

 

Commenti

  1. marco:

    lo fai asciugare il più velocemente possibile. La maggior parte delle imbottiture sono asettiche, quindi non puzzano nè fanno muffa.
    albatros_la:

    Esatto. Lascio il casco al sole sul balcone e d'estate in pochi minuti le imbottiture si asciugano (e gli UV fanno il resto). D'inverno lo lascio asciugare all'interno non vicino ma nemmeno troppo lontano da una sorgente di calore. Mai avuto un problema di muffa pur usando dei caschi anche per 7-8 anni.
    Ho sentito di altri che invece i problemi di muffe li hanno avuti sui lacci (e il sottocasco con quelle nulla potrebbe), ma con l'accorgimento di cui sopra a me non è mai capitato.
    Mah, non dubito della vostra parola, ma io trovo comunque più igienico usare un sottocasco, e inoltre ogni tanto pulire con il prodotto mucoff per caschi, le parti che non si staccano e le altre in lavatrice, mai avuto problemi di odori o imbottiture rovinate.. ma il discorso partiva proprio dal fatto che “servirebbero” imbottiture che non si rovinino e non lascino passare il sudore, entrambi i “problemi” si risolverebbero con un sottocasco da pochi euri..
  2. albatros_la:

    Sudo così tanto che il sottocasco si inzuppa e si inzuppano pure le imbottiture. Non credo cambierebbe molto: sempre zuppe di sudore sarebbero. Poi, di nuovo, per me non è mai stato un problema.
    Io quando faccio giri lunghi col caldo mi porto uno o più ricambi, ma la mia era solo curiosità, ognuno é libero di fare come crede..
  3. albatros_la:

    Sudo così tanto che il sottocasco si inzuppa e si inzuppano pure le imbottiture. Non credo cambierebbe molto: sempre zuppe di sudore sarebbero. Poi, di nuovo, per me non è mai stato un problema.
    Spendi 15€ in periodo di saldi e fai una prova
    Io spesso riporto a casa il sottocasco asciutto, puzzolente ma asciutto ( perché si è asciugato nell'ultima discesa). Le imbottiture invece non si asciugano in discesa.
    In ogni caso : sì, servirebbe decisamente qualche novità in questo ambito visto che siamo nel 2022 e i caschi costano 150€, se non altro per non dover usare l'escamotage di un sottocasco esterno.
Storia precedente

Buon 2022! Tre buoni propositi

Storia successiva

20 ebikers inghiottiti dal fango chiamano la protezione civile

Gli ultimi articoli in Report e interviste