Liquido sigillante Onza

14

Onza presenta il suo liquido sigillante, realizzato con lattice sintetico, anallergico e privo di ammoniaca. Il composto è addizionato di microfibre per tappare fori fino a 6mm, secondo quanto dichiara Onza.

Liquido sigillante Onza



.

Il liquido sigillante è formulato per non seccarsi all’interno del copertone ma solo in caso di forature. È compatibile con le bombolette di CO2.

Liquido sigillante Onza

Disponibile nel formato da 250ml a €16,90 o nel formato da litro a €33,90.

Onza

 

Commenti

  1. Beh... Sembra un buon prodotto... Già io anni fa oltre al liquido sigillante mettevo pezzettini di lattice indurito dopo averli sminuzzati forte della convinzione che, in caso di foratura, si sarebbero comportati come elementi aggreganti tra loro ed il liquido ed avrebbero tappato rapidamente i fori.

    Ovviamente era una mia idea che non ha funzionato correttamente perché diventavano aggreganti già all'interno del copertone stesso creando accumuli nodosi di lattice rinsecchito.
  2. monorotula:

    Impressionante la quantità di marchi che propongono un proprio liquido sigillante. Deve essere un buon business, ovvero il costo della materia prima immagino sia inferiore a quello del flacone che lo contiene.
    su amazon trovi la tanica di lattice liquido naturale da 5 litri a 32 euro.. e ci devono guadagnare.. quindi a loro costerà 10-15 euro per 5 litri o anche meno.. viene fuori tipo 3 euro al litro.. e quello "specifico da bici" viene venduto a non meno di 20 euro al litro.. quindi sì.. direi proprio che è un buon business..

    è un pò come gli inserti antiforatura.. costi di produzione super bassi.. marketing e confezione accattivante.. qualche caratteristica "interessante" dalla dubbia utilità.. e via che si va:mrgreen:

    ma una di queste aziende che si mettesse a produrre telai o trasmissioni che ce ne sarebbe un gran bisogno?!?!?
  3. monorotula:

    Impressionante la quantità di marchi che propongono un proprio liquido sigillante. Deve essere un buon business, ovvero il costo della materia prima immagino sia inferiore a quello del flacone che lo contiene.
    Ovviamente, a fronte di un numero consistente di marchi commerciali, il numero reale di produttori è decisamente inferiore.
    Negli anni ho notato che il marchio famoso o il prezzo alto non fanno sempre la differenza.
    E, talvolta, conviene usare qualcuno dei prodotti che costa meno, visto che il risultato se non proprio identico è molto simile. In alcuni casi anche meglio.
Storia precedente

Tom Pidcock pronto per Albstadt e Nove Mesto

Storia successiva

Bici della settimana: la Nukeproof Mega di Marcovallauri

Gli ultimi articoli in News

Nuova DVO Diamond 36

DVO presenta la nuova Diamond 36, una forcella per ruote da 29 pollici con escursione 140-150…