Mountain biker ucciso da cacciatore a Morzine

Mountain biker ucciso da cacciatore a Morzine


Le Dauphine ha riportato la notizia di un incidente di caccia nel comprensorio di Morzine Supermountain, precisamente vicino al paese di Montriond, sabato 13 ottobre alle ore 18:00. Un mountain biker britannico di 34 anni, conosciuto in zona perché gestiva un ristorante di Les Gets, è stato ucciso da un cacciatore ventiduenne, facente parte di un gruppo di sei cacciatori, mentre girava su una traccia MTB ufficiale in una zona dove la caccia è autorizzata.

Il cacciatore è in stato di shock ed è ricoverato all’ospedale, ma non è stato arrestato malgrado l’accusa sia quella di omicidio colposo. Nella pagina FB usata dai residenti sembra che la caccia sia stata sospesa fino al termine della stagione a causa di questo incidente.

Condoglianze alla famiglia dello sfortunato mountain biker e occhio alla penna in questo periodo, meglio indossare vestiti colorati o evitare completamente le zone venatorie!

  Subscribe  
più recente più vecchio più votato
Notificami di
emmellevu

Ovviamente … sono senza parole !!!

Già non amo la caccia in sè, perchè non capisco dove stia il divertimento nello sparare a povere bestiole indifese (che non c'entra nulla con la caccia per la sopravvivenza dei nostri avi). Se poi si mettono a sparare ai cristiani … :ueh:

Condoglianze alla famiglia del biker.

Giusebe93
Giusebe93

condivido pienamente…peggio ancora quelli che prima durante e dopo di cacciare si scolano bottiglie di vino…e se ne vantano pure sti imbecilli

mcpelo68
mcpelo68

dico solo na cosa!!! è da un bel po’ di tempo che dico di VIETARE LA CACCIA!!!

Marco Toniolo
emmellevu

Ovviamente … sono senza parole !!!

Già non amo la caccia in sè, perchè non capisco dove stia il divertimento nello sparare a povere bestiole indifese (che non c'entra nulla con la caccia per la sopravvivenza dei nostri avi). Se poi si mettono a sparare ai cristiani … :ueh:

Condoglianze alla famiglia del biker.

Anticipo la risposta dei cacciatori
Ma tu non capisci: i cacciatori salvano la natura uccidendo gli animali in eccesso o quelli che danno fastidio, tipo i cinghiali. Sono i veri ecologisti di questo pianeta.

Il bello sarebbe vedere i cacciatori di fronte a degli animali che possano difendersi sparando anche loro. Scommetto che la caccia sparirebbe.

lkey
lkey

Daccordissimo, ed inoltre, evitare le zone venatorie almeno per me è impossibile, ovunque è terreno di caccia nella zona che ho vicino casa..maledetti

_Alessandro_
_Alessandro_

perdonami ma non sarebbe più caccia ma guerra e vedendo quello che c’è in giro certamente non sparirebbe

step90
step90

Peccato che la caccia fa più danni di quanto immaginano. Per non parlare del bracconaggio con cui rovinano anche gli ecosistemi.. Ma vaglielo a spiegare a certa gente…

yiyo
yiyo

non sono d’accordo nell tuo punto di vista ricordati che ce la guardia forestale e uno dei loro compiti e gestire la demografia della fauna e di abbattere la popolazione in aumento

Tc70

Sono notizie che non di vorrebbe mai leggere,condoglianze a tutti i suoi famigliari,diamo retta a cosa consigliaMarco Toniolo ed evitiamo i flame pro/contro caccia…grazie.

klasse
klasse

Per me va bene la caccia anzi ben venga. Quanti cacciatori si sparano tra di loro e non finiscono sui giornali? L’importante è stare attenti sia da parte di noi bikers che da parte dei cacciatori. Questo pugno di ferro a chi molla per prima non porta da nessuna parte. Se si sa che ci sono zone che in quel preciso giorno sono riservate alla caccia per quale stupido motivo devo andare proprio lì? E le risposte saranno sempre le stesso, ” perché nessuno può vietarmi nulla”. Ragazzi facciamo tutti un passo indietro e adeguiamoci tutti verso tutti. I cinghiali in città non li vogliamo, i cervi contro il mio suv nuovo neanche ma poi quando si parla di caccia si pensa alla Mattanza dei tonni. Accendiamo il cervello prima di scrivere con io vieterei questo o quello. Anche perché chi spara paga regolarmente un permesso cosa che noi con le bici non facciamo per andare nei boschi.

mariano54
mariano54

Tenendo bene a mente: “evitiamo i flame pro/contro caccia”, ma tra girare con una bici e andare in giro con un fucile sparando qua e la, mi pare che ce ne corra…..poi, se una zona diventa of-limits perché utilizzata da cacciatori, per cui, praticamente, di loro proprietà, quanto dovrebbe costare il permesso per l’affitto esclusivo, seppur temporaneo, di una parte di territorio?

1967claudio
1967claudio

Ma sei o ci fai? Anche senza essere contro la caccia, ti sembra normale andare a giro armati a sparare a qualsiasi cosa che ti pare?

crystlejameson1
crystlejameson1

“Le cause che hanno favorito l’espansione e la crescita delle popolazioni di cinghiali sono legate a molteplici fattori. Tra questi, le immissioni a scopo venatorio, iniziate negli Anni ‘50, hanno giocato un ruolo fondamentale.”

“Recenti studi scientifici condotti in Francia e in Germania su gruppi di cinghiali residenti in regioni con diverse densità di cacciatori, hanno evidenziato che la fertilità dei cinghiali è notevolmente più alta quando sono sottoposti a pressione venatoria elevata. Infatti, poiché la caccia ha luogo soprattutto in Autunno ed in Inverno, se in un territorio vengono uccisi molti animali, i sopravvissuti avranno una maggior disponibilità di cibo. Gli animali meglio nutriti si riproducono più presto in Primavera e hanno una discendenza più numerosa.”

“I cinghiali hanno una struttura sociale molto sensibile. Un esemplare femmina dominante, che va in estro una volta all’anno, guida il gruppo. Il cosiddetto sincronismo di estro fa si che le altre femmine del gruppo siano feconde contemporaneamente. Inoltre essa trattiene i giovani ed impedisce in tal modo maggiori danni alle coltivazioni. Se la femmina dominante viene uccisa, il gruppo si disperde, gli animali senza guida irrompono nei campi, tutte le femmine diventano feconde più volte nell’anno e si riproducono in modo incontrollato”

“l’abbattimento di numerosi esemplari dell’unico predatore naturale del cinghiale, cioè il lupo, agevola l’incremento numerico di questo ungulato e, quindi, non agevola il ristabilimento di condizioni naturali”

http://www.parcocastelliromani.it/inners/pages/cinghiali,-fra-leggenda-e-realt%C3%A0,-fra-credenze-e-dati-scientifici

Sarebbe ora di smetterla di spacciare i cacciatori per difensori dell’umanità…

akko69
akko69

pensa che il cinghiale autoctono ligure è estinto da un bel po’… quelli che ci sono, sono importati dalla Francia!

sahara
sahara

ah bè… visto che pago posso sparare dove mi pare… poi se becco un mio compagno di “battuta” .. “tragico errore”, se becchi un bambino ” ma i genitori non lo potevano tenere a casa quando io vado a sparare ? io pago, quelli che passeggiano no”
I cinghiali li hanno reintrodotti giusto per cacciarli, ma siccome non riescono beccarli tutti, e il più delle volte colpiscono i compagni di battuta, allora qualche cinghiale poi ce lo troviamo in casa…

Keru
Keru

“girava su una traccia MTB ufficiale in una zona dove la caccia è autorizzata” – come dire a uno che hanno investito sulle strisce “per quale stupido motive attraversavi? Lo sai che li passano le macchine, e chi guida la macchina ha anche la patente e paga per il bollo – tu pedone no! Accendi il cervello”. Non servono altri commenti a quello che hai scritto.
E non sono per bannare la caccia personalmente, ma per disincentivarla e ridurla attraverso regolamenti e difficoltà nell’avere permessi.

bikerbull
bikerbull

Allora bisognerebbe abolire le auto, riducendo il traffico a motore per evitare di investire i pedoni sulle strisce? Non credo.
Il pedone (e lo siamo tutti) debbono tenere un occhio aperto anche quando attraversano sulle strisce e l’automobilista rallentare a vista quando ci sono delle strisce pedonali.
Personalmente più’ educazione (senso civico) e meno divieti (che sono la via più’ rapida, più’ ”attira-consensi” e con minor dispendio di tempo a livello di programmazione per le amministrazioni) sarebbero la via più’ giusta.
Il problema è sempre lo stesso, l’individualità e l’incapacità di condividere gli spazi.A mio modo di vedere non è vietando la presenza di uno o dell’altro a risolvere la cosa, se la testa rimane di cazzo andrà a fare qualche stupidaggine da un’altra parte.
Tornando all’evento, io vedo moltissima ignoranza da parte del cacciatore che a causa dell’alto senso di appartenenza alla categoria cacciatori non ha minimamente pensato potesse esserci in giro un biker (cosa più’ che normale) in periodo di caccia. Il cacciatore non lo vedo un terrorista, lo vedo un povero diavolo che per estrema ignoranza ha ammazzato un tizio.
Per me rimane una tragica fatalità, evitabile ma pur sempre fatalità.
PS. Sono contrario alla caccia per il semplice fatto che non riuscirei mai ad ammazzare un animale.

Keru
Keru

RILEGGI e capirai che non é assolutamente non quello che dicevo io… era solo un paragone per passare il concetto che il “se l’é andata a cercare” stona molto qui. Tanto che ho anche detto che non sono a favore dell’abolizione della caccia, ma della regolamentazione e disincentivazione – cosa che tra l’altro farei anche con le auto (non voglio aprire un altro capitolo ancora più complesso, quindi chiudo qui).

bikerbull
bikerbull

Certo, e la mia era più’ una provocazione per capire che le chiavi di lettura sono molteplici in funzione dei punti di vista.
La domanda è, per quale motivo andrebbe disincentivata la caccia?
Perché è effettivamente regolamentata male o perché da fastidio ai biker o agli escursionisti?
Allora sarebbero giustificati i divieti che vengono imposti alle MTB lungo alcuni sentieri perché ritenute troppo pericolose per gli escursionisti.
Se ognuno pensa che il suo punto di vista sia quello giusto va a finire che tra non molto non potremmo più’ uscire di casa.

lumerennù
lumerennù

premesso che non amo la caccia, tranne quella al cinghiale perché, di chi sia la colpa non mi interessa, il dato di fatto è che i cinghiali sono tantissimi e dannosi, oltre che buoni a tavola.
Quando incontro le battute al cinghiale, che sono regolarmente segnalate, cambio subito zona, brontolando, ma la cambio e mi consolo pensando allo spezzatino di cinghiale.
Anche se non ci piace, la montagna è di tutti, anche dei cacciatori (che ripeto, non mi sono simpatici, allo stesso modo dei motociclisti o peggio, fuoristradisti a 4 ruote).
Chiediamo sempre rispetto per noi, ci incazziamo per i divieti, impariamo a fare lo stesso per gli altri.
Amen.

tiziano73
tiziano73

personalmente non ho mai visto divieti di girare in certe zone perchè in quel periodo si caccia, magari ci sono anche, comunque sia trovo pazzesco che si dia la possibilità di sparare cosi alla cazzo senza assicurarsi chi si ha di fronte, in questo caso è stato un biker ma poteva tranquillamente una persona a spasso per i boschi.

fabius8
fabius8

Secondo me scrivi senza pensare.
1) io la caccia non è che l’abolirei….la debellerei proprio come si fa con una virus…così tanto per chiarirci le idee
2) chi va a caccia deve avere dei seri problemi di frustrazione..(prova ad andare a caccia a mani nude se ci riesci… almeno avresti il gusto di dire: l’ho cacciato con le mie mani!) altrimenti sei solo noia mischiata con la polvere.
3) quei dementi che fanno le battute di caccia normalmente hanno un Q.I. che non è nemmeno comparabile all’Homo Erectus…quindi vi lascio immaginare il livello..
più volte mi è capitato di imbattermi in queste simpatiche “combriccole”..e l’ultima volta mi sono sentito dire: ehi tu, fai attenzione che qui ci siamo noi….stiamo cacciando! Abbbe allora….veramente dovreste fare attenzione voi a me…non mi sembra di essere ne un cinghiale ne un fagiano….ne una lepre!
indi per cui? indi per cui per me la caccia andrebbe debellata come ho scritto sopra.
Punto.
Condoglianze a tutta la famiglia!

Gianz

Un paio di anni fa mi son preso qualche pallino, abbastanza smorzato, su una gamba, mentre percorrevo in bici una strada prossima alle abitazioni. Ho chiamato il cacciatore, e gliene ho dette di tutti i colori… lui negava. Purtroppo non c'erano altri testimoni, perchè, oltre al sottoscritto, i pallini hanno fatto un bel rumore colpendo il cancelletto di una casa che si trovava di fianco a me.

E' triste ammetterlo, ma finchè la caccia non chiude, io smetto di girare per sentieri e boschi, anche attorno casa, oppure esco il venerdì o il martedì, giorni di chiusura. Ci sono zone, qua attorno, dove sparano come indemoniati a qualsiasi cosa si muova, senza controllare cosa sia il bersaglio in questione.

Gianz

A volte cerco di capire, anche se non lo sono, i cacciatori. Effettivamente come reagiremmo noi bikers se ci chiudessero i sentieri, perchè ritenuti pericolosi per chi ci cammina? E, occhio, non è un'ipotesi così campata in aria…
I cacciatori hanno questa "passione", pagano per esercitarla e possono farlo su specie controllate, per un periodo dell'anno abbastanza ristretto. E' come se ci dicessero: bene, puoi andare in MTB da settembre a dicembre, ma solo su questo e quel sentiero, e paghi una tassa sulla bici, oltre a doverti fare un patentino e rinnovare il tutto di anno in anno.
Naturalmente sto esagerando, ma è solamente per riuscire a capire come si possa risolvere questa "incompatibilità", perchè, appunto, tra i prossimi a poter essere estromessi da sentieri e percorsi, ricordiamolo, ci siamo proprio noi in bici…

mariano54
mariano54

Non c’è possibile paragone tra una mtb ed un fucile: la bici ti porta a spasso e se male utilizzata può essere fastidiosa e anche pericolosa, ma un fucile è fatto per uccidere, spesso uccide animali a volte anche persone.
Ripeto il concetto di un altro mio post: non conosco il costo del permesso che paga un cacciatore, ma se una zona diventa pericolosa per gli altri possibili utilizzatori e quindi, praticamente, a loro esclusivo uso, siamo sicuri che sia un prezzo congruo?

1967claudio
1967claudio

Non c’è prezzo, o per andare in giro armati a sparare a chi capita e poi dire che non ci dovevi passare….

pistola74
pistola74

Discorso corretto e “democratico”, la pensavo anch’io così (sinceramente!) però, dopo aver “apprezzato” il comportamento di un gran numero di cacciatori, ho cambiato idea radicalmente: molti di questi individui (molti x non dire di più) hanno dei problemi seri, che forse cercano di compensare maneggiando un arma….per non dire della loro educazione e sopraffina intelligenza! Scrivo questo xché, mio malgrado, ho avuto più episodi di confronto con questi personaggi e,malgrado io non avessi alcuna intenzione bellicosa,mi sono trovato ad essere aggredito a male parole e,in un caso,minacciato con arma in mano!!! NO, NON RIESCO A CAPIRE LA CACCIA COME “SPORT” NE GIUSTIFICARE I CACCIATORI!

mcpelo68
marco

Anticipo la risposta dei cacciatori
Ma tu non capisci: i cacciatori salvano la natura uccidendo gli animali in eccesso o quelli che danno fastidio, tipo i cinghiali. Sono i veri ecologisti di questo pianeta.

Il bello sarebbe vedere i cacciatori di fronte a degli animali che possano difendersi sparando anche loro. Scommetto che la caccia sparirebbe.

verissimo (chiaramente la mia è una battuta) infatti son così ecologisti che…riempono l'ambiente di pallini di piombo, e immagino che tutti loro e noi sanno quanto sia ecologico il piombo sparpagliato nell'ambiente !!! come poi sull'atra: ammazzano gli animali in eccesso "vero" (altra battuta) un po' come facevano o fanno tutti i dittatori nel mondo con le persone in "eccesso" o che gli dan fastidio!!! ma che li vadano ad ammazzare con il coltello….se proprio si sentono così utili! scusa lo sfogo!!

Chinaski033
marco

Anticipo la risposta dei cacciatori
Ma tu non capisci: i cacciatori salvano la natura uccidendo gli animali in eccesso o quelli che danno fastidio, tipo i cinghiali. Sono i veri ecologisti di questo pianeta.

Il bello sarebbe vedere i cacciatori di fronte a degli animali che possano difendersi sparando anche loro. Scommetto che la caccia sparirebbe.

Groucho Marx docet

Sent from my WAS-LX1A using MTB-Forum mobile app

lazzaro54

vero, i cacciatori pagano ma con loro in giro andare x boschi è pericoloso, oltretutto in periodo di funghi e castagne (oltre che biker, ovviamente….) ieri stavo salendo sul Guglielmo ed ho sentito 2 colpi ravvicinati vicinissimi a me …. beh, non mi hanno messo certo tranquillo ….

D-Lock

Gianz A volte cerco di capire, anche se non sono interessato all'attività venatoria, i cacciatori. Effettivamente come reagiremmo noi bikers se ci chiudessero i sentieri, perchè ritenuti pericolosi per chi ci cammina? E, occhio, non è un'ipotesi così campata in aria… I cacciatori hanno questa "passione", pagano per esercitarla e possono farlo su specie controllate, per un periodo dell'anno abbastanza ristretto. E' come se ci dicessero: bene, puoi andare in MTB da settembre a dicembre, ma solo su questo e quel sentiero, e paghi una tassa sulla bici, oltre a doverti fare un patentino e rinnovare il tutto di anno in anno. Naturalmente sto esagerando, ma è solamente per riuscire a capire come si possa risolvere questa "incompatibilità", perchè, appunto, tra i prossimi a poter essere estromessi da sentieri e percorsi, ricordiamolo, ci siamo proprio noi in bici… Altra cosa che mi secca dover ammettere: molti sentieri qui in zona sono tutt'ora transitabili perchè c'è gente che va a capanno, e tiene il tratto bello pulito, eliminando rovi e altri ostacoli al percorso. Lo fa con il fine di poter andare a caccia… e impiega tempo e denaro. Noi bikers, invece, sistemiamo i sentieri? Ci ritroviamo tra noi e organizziamo delle giornate dedicate alla manutenzione dei percorsi? No… così ci becchiamo le ire di cacciatori, CAI e alpini. Io posso parlare solo per me, ma l'associazione di cui faccio parte è iscritta imba, alcuni ragazzi sono anche trail builder certificati, e organizziamo ogni anno giornate di trail building dove andiamo… Continua a leggere »

slowfire
slowfire

I cacciatori nei sentieri ci vanno coi gipponi o i quad e spaccano tutto, altro che tenerli puliti!

emmellevu
Tc70

Sono notizie che non si vorrebbe mai leggere,condoglianze a tutti i suoi famigliari,diamo retta a cosa consigliaMarco Toniolo ed evitiamo i flame pro/contro caccia…grazie.

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

lkey
lkey

Io in questo periodo dell’anno mi specializzo nello slalom per non schiacciare le lumacone rosse…

albatros_la
albatros_la

Non fosse per il fatto che inzozzano il telaio e i vestiti quando i loro resti vengono proiettati dalla ruota, dovresti far gara a centrarle, perché le lumache rosse (Arion lusitanicus), volgarmente dette limacce, sono una specie infestante non autoctona la cui colonizzazione, ai danni delle lumache autoctone, è colpa dell’incuria e dell’approssimazione dell’uomo. Prima di trent’anni fa non ce n’erano (pare siano arrivate con i sacchi del terriccio), e la popolazione di lumache autoctone era in equilibrio sostenibile. Oggi queste sono state cannibalizzate dalle lumache rosse, che distruggono e mangiano tutto…

D-Lock
emmellevu

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

Questa è l'altra cosa che mi fa arrabbiare. La soluzione è sempre che tutti gli altri "per evitare rogne" farebbero meglio a non girare per boschi nei giorni di caccia. E se uno non può girare in bici se non la domenica, e intorno ha solo aree dove è autorizzata la caccia? Deve sempre cedere un'altro per far fare i comodacci a questi?
Perchè ad esempio in Lombardia si può cacciare in genere mercoledi, sabato e domenica (più integrazioni locali). Ovvero entrambi i giorni del weekend. Iniziamo magari a dare il sabato a loro e la domenica agli altri, o devo sempre uscire i fine settimana stando attento a non farmi impallinare? O devo rinunciare da settembre a gennaio a uscire di casa completamente?

D-Lock
emmellevu

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

Questa è l'altra cosa che mi fa arrabbiare. La soluzione è sempre che tutti gli altri "per evitare rogne" farebbero meglio a non girare per boschi nei giorni di caccia. E se uno non può girare in bici se non la domenica, e intorno ha solo aree dove è autorizzata la caccia? Deve sempre cedere un'altro per far fare i comodacci a questi?
Perchè ad esempio in Lombardia si può cacciare in genere mercoledi, sabato e domenica (più integrazioni locali). Ovvero entrambi i giorni del weekend. Iniziamo magari a dare il sabato a loro e la domenica agli altri, o devo sempre uscire i fine settimana stando attento a non farmi impallinare? O devo rinunciare da settembre a gennaio a uscire di casa completamente?

D-Lock
emmellevu

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

Questa è l'altra cosa che mi fa arrabbiare. La soluzione è sempre che tutti gli altri "per evitare rogne" farebbero meglio a non girare per boschi nei giorni di caccia. E se uno non può girare in bici se non la domenica, e intorno ha solo aree dove è autorizzata la caccia? Deve sempre cedere un'altro per far fare i comodacci a questi?
Perchè ad esempio in Lombardia si può cacciare in genere mercoledi, sabato e domenica (più integrazioni locali). Ovvero entrambi i giorni del weekend. Iniziamo magari a dare il sabato a loro e la domenica agli altri, o devo sempre uscire i fine settimana stando attento a non farmi impallinare? O devo rinunciare da settembre a gennaio a uscire di casa completamente?

novi83

Beh, il discorso che sparano vicino alle case non penso sia legale di suo… comunque secondo me è solo un concetto di educazione reciproca; i cacciatori sparano verso il bosco dove non ci sono sentieri e noi stiamo sui sentieri e non si fa male nessuno… ovviamente dispiace per l'accaduto e speriamo non succeda più… io non sono cacciatore ma il camoscio/capriolo/cervo che prende regolarmente mio suocero lo mangio moooooolto volentieri[emoji12]

Inviato dal mio iPhone utilizzando MTB-MAG.com

sahara
sahara

Certo, possono solo sparare alle spalle delle case. e non verso sentieri, ma se lo fanno e ti seccano a chi lo vai a raccontare?
A noi hanno sparato frontalmente lungo un sentiero largo almeno 3 metri per colpire un coniglietto che mi ha attraversato la strada, sai che hanno detto i carabinieri ai quali mi sono rivolto portandogli il cacciatore in caserma ” eh.. bisogna stare attenti quando la caccia è aperta.. ! ” Nessuna conseguenza per il cacciatore, nonostante mia denuncia!!! Tanto c’è l’assicurazione….

frenco
frenco

Il problema è che, di fatto riflettendo la società nel suo insieme, come in tutti gli insiemi numerosi, i cacciatori annoverano tra loro anche dei dementi per non dire criminali. Io abito in campagna, sarebbero tenuti a stare a 150m dalle case, son stato svegliato dai pallini sulle imposte, sparano tranquilli dietro la siepe del mio giardino anche se siamo in giardino, un giorno un cretino la batteva col bastone per stanare non so che, un altro dopo aver sparato a un fagiano da dietro la siepe, è venuto al cancello chiedendomi di entrare a cercarlo. Molti di loro sono certamente rispettosi delle regole e del buonsenso, altri no, tant’è che conosco gente che ha smesso di cacciare per non essere accomunata alla parte peggiore della categoria. Va ribadito però che anche molti bikers sono irrispettosi e maleducati, a forse pure pericolosi, per dire proprio oggi ho incrociato su un singletrak stretto una comitiva di escursionisti a piedi, ho rallentato per passargli a fianco quasi fermo, però dai loro commenti ho capito che altri prima di me non erano stati altrettanto prudenti e rispettosi, cosa peraltro della quale son stato testimone in altre occasioni.

iaco70

klasse Per me va bene la caccia anzi ben venga. Quanti cacciatori si sparano tra di loro e non finiscono sui giornali? L'importante è stare attenti sia da parte di noi bikers che da parte dei cacciatori. Questo pugno di ferro a chi molla per prima non porta da nessuna parte. Se si sa che ci sono zone che in quel preciso giorno sono riservate alla caccia per quale stupido motivo devo andare proprio lì? E le risposte saranno sempre le stesso, " perché nessuno può vietarmi nulla". Ragazzi facciamo tutti un passo indietro e adeguiamoci tutti verso tutti. I cinghiali in città non li vogliamo, i cervi contro il mio suv nuovo neanche ma poi quando si parla di caccia si pensa alla Mattanza dei tonni. Accendiamo il cervello prima di scrivere con io vieterei questo o quello. Anche perché chi spara paga regolarmente un permesso cosa che noi con le bici non facciamo per andare nei boschi. Scusa? Chi spara paga un permesso? ma mica paga per sparare contro qualsiasi cosa si muova! Un biker o un semplice escursionista dovrebbe stare attento? ma scherzi? E' chi ha il fucile in mano che deve stare attento! Attento a come lo maneggia, attento verso cosa lo punta, e prima di premere il grilletto deve accertarsi della natura del bersaglio e deve essere certo che non ci siano persone sulla traiettoria di sparo. Anche se la zona è "delimitata" per una battuta di caccia selettiva (e in quel caso ci sono… Continua a leggere »

davide-cap

La caccia ha smesso di essere tale da quando non si ha più il bisogno di, appunto, procacciarsi il cibo; ora è uno "sport", con la piccola ed insignificante differenza rispetto ad altri sport che un errore di chi ha in mano il fucile può costare la vita ad un povero cristo che, passeggiando nel bosco si è malauguratamente allontanato dalla strada, tanto per fare un esempio… Possibile che i cacciatori non riescano a trovare un posto per sparare che non sia vicino a sentieri, case ecc? Io vedo cacciatori che solo perché pagano pensano di poter fare ciò che vogliono, e ciclisti incazzati che accettano solo perché l'alternativa è rischiare la pelle…

ziobike
emmellevu

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

Ah ah io ugualeeeeeee!

crystlejameson1

klasse Per me va bene la caccia anzi ben venga. Quanti cacciatori si sparano tra di loro e non finiscono sui giornali? L'importante è stare attenti sia da parte di noi bikers che da parte dei cacciatori. Questo pugno di ferro a chi molla per prima non porta da nessuna parte. Se si sa che ci sono zone che in quel preciso giorno sono riservate alla caccia per quale stupido motivo devo andare proprio lì? E le risposte saranno sempre le stesso, " perché nessuno può vietarmi nulla". Ragazzi facciamo tutti un passo indietro e adeguiamoci tutti verso tutti. I cinghiali in città non li vogliamo, i cervi contro il mio suv nuovo neanche ma poi quando si parla di caccia si pensa alla Mattanza dei tonni. Accendiamo il cervello prima di scrivere con io vieterei questo o quello. Anche perché chi spara paga regolarmente un permesso cosa che noi con le bici non facciamo per andare nei boschi. "Le cause che hanno favorito l’espansione e la crescita delle popolazioni di cinghiali sono legate a molteplici fattori. Tra questi, le immissioni a scopo venatorio, iniziate negli Anni ‘50, hanno giocato un ruolo fondamentale." "Recenti studi scientifici condotti in Francia e in Germania su gruppi di cinghiali residenti in regioni con diverse densità di cacciatori, hanno evidenziato che la fertilità dei cinghiali è notevolmente più alta quando sono sottoposti a pressione venatoria elevata. Infatti, poiché la caccia ha luogo soprattutto in Autunno ed in Inverno, se in un territorio vengono uccisi… Continua a leggere »

Grammy
Grammy

..difficile accettare che per non rischiare di farsi ammazzare uno non debba andare in bici per tutta la stagione venatoria
..da noi cacciano nei boschi in cui ci sono i nostri sentieri di casa, puliti e manutenuti da noi e fruiti da tutti
..quindi per tutto inverno dovremmo girare in ciclabile, anzi no in città perché la ciclabile di solito è in campagna e sparano anche lì
..è veramente assurdo, io se giro in bike non metto in pericolo la vita di uno che va a funghi o tartufi ecc, non certo come un cacciatore più o meno in grado di detenere un arma da fuoco che si aggira nel bosco
..ho avuto qualche brutta esperienza con qualche imbecille e poteva costare la vita altro che sport la caccia per me è pericolo per gli altri, vedi il moltiplicarsi di casi come questo dell articolo

ciccioo

Gianz A volte cerco di capire, anche se non sono interessato all'attività venatoria, i cacciatori. Effettivamente come reagiremmo noi bikers se ci chiudessero i sentieri, perchè ritenuti pericolosi per chi ci cammina? E, occhio, non è un'ipotesi così campata in aria… I cacciatori hanno questa "passione", pagano per esercitarla e possono farlo su specie controllate, per un periodo dell'anno abbastanza ristretto. E' come se ci dicessero: bene, puoi andare in MTB da settembre a dicembre, ma solo su questo e quel sentiero, e paghi una tassa sulla bici, oltre a doverti fare un patentino e rinnovare il tutto di anno in anno. Naturalmente sto esagerando, ma è solamente per riuscire a capire come si possa risolvere questa "incompatibilità", perchè, appunto, tra i prossimi a poter essere estromessi da sentieri e percorsi, ricordiamolo, ci siamo proprio noi in bici… Altra cosa che mi secca dover ammettere: molti sentieri qui in zona sono tutt'ora transitabili perchè c'è gente che va a capanno, e tiene il tratto bello pulito, eliminando rovi e altri ostacoli al percorso. Lo fa con il fine di poter andare a caccia… e impiega tempo e denaro. Noi bikers, invece, sistemiamo i sentieri? Ci ritroviamo tra noi e organizziamo delle giornate dedicate alla manutenzione dei percorsi? No… così ci becchiamo le ire di cacciatori, CAI e alpini. Non so nelle tue zone cime si fa, da noi si puliscono. Proprio oggi con mtb vallecamonica abbiamo dedicato la giornata alla pulizia e ripristino sentieri….. Tutti hanno il diritto di fare… Continua a leggere »

ciciu
ciciu

Io non ho mai capito come un ciclista possa essere scambiato per un cinghiale . Fermo restando che fossero a caccia di cinghiali
Uno che spara a qualunque cosa si muova non merita la licenza di caccia

mirko_jimbho84
mirko_jimbho84

dopo un mezzo di rosso non capiscono più un cazzo e sparano a tutto e tutti

iaco70

Gianz A volte cerco di capire, anche se non sono interessato all'attività venatoria, i cacciatori. Effettivamente come reagiremmo noi bikers se ci chiudessero i sentieri, perchè ritenuti pericolosi per chi ci cammina? E, occhio, non è un'ipotesi così campata in aria… I cacciatori hanno questa "passione", pagano per esercitarla e possono farlo su specie controllate, per un periodo dell'anno abbastanza ristretto. E' come se ci dicessero: bene, puoi andare in MTB da settembre a dicembre, ma solo su questo e quel sentiero, e paghi una tassa sulla bici, oltre a doverti fare un patentino e rinnovare il tutto di anno in anno. Naturalmente sto esagerando, ma è solamente per riuscire a capire come si possa risolvere questa "incompatibilità", perchè, appunto, tra i prossimi a poter essere estromessi da sentieri e percorsi, ricordiamolo, ci siamo proprio noi in bici… Altra cosa che mi secca dover ammettere: molti sentieri qui in zona sono tutt'ora transitabili perchè c'è gente che va a capanno, e tiene il tratto bello pulito, eliminando rovi e altri ostacoli al percorso. Lo fa con il fine di poter andare a caccia… e impiega tempo e denaro. Noi bikers, invece, sistemiamo i sentieri? Ci ritroviamo tra noi e organizziamo delle giornate dedicate alla manutenzione dei percorsi? No… così ci becchiamo le ire di cacciatori, CAI e alpini. Tra le specie controllate a cui possono sparare non c'è l'uomo (e neppure cani e gatti). Quindi il punto è: accertarsi prima verso cosa si punta il fucile e si spara. Non… Continua a leggere »

novi83

khalit "Le cause che hanno favorito l’espansione e la crescita delle popolazioni di cinghiali sono legate a molteplici fattori. Tra questi, le immissioni a scopo venatorio, iniziate negli Anni ‘50, hanno giocato un ruolo fondamentale." "Recenti studi scientifici condotti in Francia e in Germania su gruppi di cinghiali residenti in regioni con diverse densità di cacciatori, hanno evidenziato che la fertilità dei cinghiali è notevolmente più alta quando sono sottoposti a pressione venatoria elevata. Infatti, poiché la caccia ha luogo soprattutto in Autunno ed in Inverno, se in un territorio vengono uccisi molti animali, i sopravvissuti avranno una maggior disponibilità di cibo. Gli animali meglio nutriti si riproducono più presto in Primavera e hanno una discendenza più numerosa." "I cinghiali hanno una struttura sociale molto sensibile. Un esemplare femmina dominante, che va in estro una volta all'anno, guida il gruppo. Il cosiddetto sincronismo di estro fa si che le altre femmine del gruppo siano feconde contemporaneamente. Inoltre essa trattiene i giovani ed impedisce in tal modo maggiori danni alle coltivazioni. Se la femmina dominante viene uccisa, il gruppo si disperde, gli animali senza guida irrompono nei campi, tutte le femmine diventano feconde più volte nell'anno e si riproducono in modo incontrollato" "l’abbattimento di numerosi esemplari dell’unico predatore naturale del cinghiale, cioè il lupo, agevola l’incremento numerico di questo ungulato e, quindi, non agevola il ristabilimento di condizioni naturali" http://www.parcocastelliromani.it/i…nda-e-realtà,-fra-credenze-e-dati-scientifici Sarebbe ora di smetterla di spacciare i cacciatori per difensori dell'umanità… Non dubito che per i cinghiali sia così ma per… Continua a leggere »

Ferrari Alberto

Tutti in bici col fucile !

mcpelo68
iaco70

Tra le specie controllate a cui possono sparare non c'è l'uomo (e neppure cani e gatti).

qui da me …manco ai piccioni e topi!!!

iaco70
mcpelo68

qui da me …manco ai piccioni e topi!!!

purtroppo hai ragione…

Somis

Siamo in democrazia ed esiste il referendum abrogativo. Io lo riproporrei, già nel 1990 il 92% degli italiani si schierò contro la caccia, e da allora anche gli ultimi sondaggi confermano questa volontà.

crystlejameson1
novi83

Non dubito che per i cinghiali sia così ma per tutte le altre speci alle quali si dà la caccia (camosci/cervi/caprioli/daini e uccelli vari) qui da me non è così… anzi… il capriolo sta sparendo perchè stanno sparendo gli alpeggi e con essi l'erba fresca ed il bosco avanza per la gioia degli altri…

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Il capriolo sta sparendo, o gli stanno sparando? Non capisco, la soluzione all'avanzata dei boschi e alla scomparsa degli alpeggi è la caccia?

tunerz
lazzaro54

vero, i cacciatori pagano ma con loro in giro andare x boschi è pericoloso, oltretutto in periodo di funghi e castagne (oltre che biker, ovviamente….) ieri stavo salendo sul Guglielmo ed ho sentito 2 colpi ravvicinati vicinissimi a me …. beh, non mi hanno messo certo tranquillo ….

Stamattina hanno sparato a due metri da me,alla pozza della pontogna in direzione del rifugio..stavo salendo da caregno verso il Guglielmo e sulla strada c'era anche una famiglia con la bimba che si è spaventata..ovvio l'ho mandato "a cagà" e ci ho mezzo discusso ma non mi sono fermato più di tanto perchè erano in due coi fucili (si sa mai..) è pervhe se mi fossi fermato,sai che figura di cacca a non riuscire più a ripartire???

Cmq condoglianze alla famiglia del biker

Josephrhink

A leggere queste notizie si gira sicuramente meno tranquilli non si sa mai che “fenomeni” si possono trovare con armi in mano.

Aggiungo che sul dolomiten (giornale locale zona bz) c’era un articolo poco fa dove un cacciatore elogiava le bici elettriche così riescono a spostarsi meglio…:roll:

Per me la caccia è roba antiquata da abolire (al massimo piccioni e topi se proprio vogliono).

A proposito che fine hanno fatto le proposte di abolizione?

Josephrhink

A leggere queste notizie si gira sicuramente meno tranquilli non si sa mai che “fenomeni” si possono trovare con armi in mano.

Aggiungo che sul dolomiten (giornale locale zona bz) c’era un articolo poco fa dove un cacciatore elogiava le bici elettriche così riescono a spostarsi meglio…:roll:

Per me la caccia è roba antiquata da abolire (al massimo piccioni e topi se proprio vogliono).

A proposito che fine hanno fatto le proposte di abolizione?

tunerz
Ferrari Alberto

Tutti in bici col fucile !

Semmai tutti in bici col giubbotto in Kevlar..

Francesco Mazza

Trovo che già solo il concetto di impugnare un’arma da fuoco sia di per sé aberrante, indipendentemente dal bersaglio a cui si finisca per sparare, soprattutto se non si ha piena consapevolezza del fatto che avere un’arma da fuoco in mano ti pone inevitabilmente nella condizione di uccidere un altro essere vivente. La conseguenza ovvia è che accadano tragedie come quella accaduta a Morzine, che purtroppo in stagione di caccia accadono con una frequenza inaccettabile: http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/10/14/ADHfRe8B-varesotto_condizioni_sbaglio.shtml
Un pensiero al povero biker e a tutte le vittime della follia criminale legittimata da una licenza venatoria.

Hot

Sapete che ci sono in giro idioti armati è di per se inquietante.
Ma se a questi deficienti è anche permesso di sparacchiare a tutto quanto si muove, senza accertarsi davvero di cosa fanno, è drammatico.
… E lo chiamano sport!!
Vergogna!!

Ma come è possibile che qualcuno possa avere il coraggio di difendere questi pericolosi coglioni?
Io li darei in pasto alla famiglia del povero biker ucciso.

klasse
klasse

Signori. Signore. Visto quello che volete. Urlate, insultate denigrate. Ma ricordatevi che se ti tirano un dardo 12 sul petto, poi se sei fortunato la discuterai con il tuo legale davanti ad un giudice.
Prima di fare qualsiasi cosa accendete il cervello. Lo sapevo e l’ho fatto apposta a scrivere quello che ho detto proprio per vedere a che livello di idiozia si possa arrivare, dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse, al politico nostalgico degli anni 70 e degli hippies, al pace and love, per passare alla categoria migliore, l’indignato. Ma alla fine nessuno e dico nessuno ha le palle di ammettere di aver detto una emerita cagata difronte alla frase che è meglio abbassare i toni e riflettere rispettando idee e pensieri altrui.

klasse
klasse

Il socialismo piace a tutti, ma tutti se ne lamentano prima o poi.

crystlejameson1
klasse

Signori. Signore. Visto quello che volete. Urlate, insultate denigrate. Ma ricordatevi che se ti tirano un dardo 12 sul petto, poi se sei fortunato la discuterai con il tuo legale davanti ad un giudice.
Prima di fare qualsiasi cosa accendete il cervello. Lo sapevo e l'ho fatto apposta a scrivere quello che ho detto proprio per vedere a che livello di idiozia si possa arrivare, dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse, al politico nostalgico degli anni 70 e degli hippies, al pace and love, per passare alla categoria migliore, l'indignato. Ma alla fine nessuno e dico nessuno ha le palle di ammettere di aver detto una emerita cagata difronte alla frase che è meglio abbassare i toni e riflettere rispettando idee e pensieri altrui.

Ma sei serio? "emerita cagata" "nessuno ha le palle"… strano modo di abbassare i toni..
P.s. "dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse"… Ma sai come funziona la scienza?

crystlejameson1
klasse

Signori. Signore. Visto quello che volete. Urlate, insultate denigrate. Ma ricordatevi che se ti tirano un dardo 12 sul petto, poi se sei fortunato la discuterai con il tuo legale davanti ad un giudice.
Prima di fare qualsiasi cosa accendete il cervello. Lo sapevo e l'ho fatto apposta a scrivere quello che ho detto proprio per vedere a che livello di idiozia si possa arrivare, dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse, al politico nostalgico degli anni 70 e degli hippies, al pace and love, per passare alla categoria migliore, l'indignato. Ma alla fine nessuno e dico nessuno ha le palle di ammettere di aver detto una emerita cagata difronte alla frase che è meglio abbassare i toni e riflettere rispettando idee e pensieri altrui.

Ma sei serio? "emerita cagata" "nessuno ha le palle"… strano modo di abbassare i toni..
P.s. "dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse"… Ma sai come funziona la scienza?

crystlejameson1
klasse

Signori. Signore. Visto quello che volete. Urlate, insultate denigrate. Ma ricordatevi che se ti tirano un dardo 12 sul petto, poi se sei fortunato la discuterai con il tuo legale davanti ad un giudice.
Prima di fare qualsiasi cosa accendete il cervello. Lo sapevo e l'ho fatto apposta a scrivere quello che ho detto proprio per vedere a che livello di idiozia si possa arrivare, dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse, al politico nostalgico degli anni 70 e degli hippies, al pace and love, per passare alla categoria migliore, l'indignato. Ma alla fine nessuno e dico nessuno ha le palle di ammettere di aver detto una emerita cagata difronte alla frase che è meglio abbassare i toni e riflettere rispettando idee e pensieri altrui.

Ma sei serio? "emerita cagata" "nessuno ha le palle"… strano modo di abbassare i toni..
P.s. "dallo scientifico salvatore della foresta che con dati numeri e grafici fatti in paesi e situazioni diverse"… Ma sai come funziona la scienza?

Marco Toniolo

klasse Per me va bene la caccia anzi ben venga. Quanti cacciatori si sparano tra di loro e non finiscono sui giornali? L'importante è stare attenti sia da parte di noi bikers che da parte dei cacciatori. Questo pugno di ferro a chi molla per prima non porta da nessuna parte. Se si sa che ci sono zone che in quel preciso giorno sono riservate alla caccia per quale stupido motivo devo andare proprio lì? E le risposte saranno sempre le stesso, " perché nessuno può vietarmi nulla". Ragazzi facciamo tutti un passo indietro e adeguiamoci tutti verso tutti. I cinghiali in città non li vogliamo, i cervi contro il mio suv nuovo neanche ma poi quando si parla di caccia si pensa alla Mattanza dei tonni. Accendiamo il cervello prima di scrivere con io vieterei questo o quello. Anche perché chi spara paga regolarmente un permesso cosa che noi con le bici non facciamo per andare nei boschi. ma per favore, se sono così disperati di sparare a qualcosa che ripopolano le loro zone di animaletti vari, solo che poi questi si riproducono come matti e te li trovi in cortile (vedi la storia dei cignhiali poco più su). Se guardi la mappa dell'articolo, vedrai che per 4 giorni alla settimana non ti puoi muovere nei boschi se non vuoi rischiare di finire impallinato. Tutti tappati in casa perché qualcuno deve giocare al soldato sparando a qualcosa che non si può difendere. Il problema è che la caccia è… Continua a leggere »

albatros_la
albatros_la

Senza entrare nel merito del discorso, sono d’accordo che si tratti di un buon business per chi vende armi, anche se verosimilmente non così gonfio come quello che mantiene i produttori (ovvero la Difesa, anche con commesse estere). Ciò detto, penso si tratti di una questione ideologica piuttosto che strettamente politica.
Di fatto ci sono ad oggi circa 570mila cacciatori in Italia mentre gli aventi diritto al voto sono circa 51 milioni 300mila persone. A conti fatti si tratta dell’1.1% (quarant’anni fa era il 3 %). È vero che si raschiano voti davvero ovunque, ma trovo improbabile che il politico di turno spenda del tempo importante per quel misero 1 % quando può far leva su altre questioni di maggior interesse per le masse (non dico giuste, eh, parlo di cose proficue per il suo portafoglio di voti).

l.j.silver
l.j.silver

ogni anno, tristemente puntuale , parte la conta di morti e feriti, basterebbe questo a dover far ragionare in merito alla questione.

mcpelo68
l.j.silver

li manderei tutti rigorosamente a piedi ed armati di solo arco e frecce nella savana a cacciare leoni o nelle giungle asiatiche a cacciare le tigri……

io invece a stò punto visto che siam in un paese socialista, aprirei la caccia hai….cacciatori!! giusto x fargli capire che si possa provare ritrovarsi dall'altra parte della "canna"..

giovi@
emmellevu

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

anche io faccio sempre cosi….e mi chiedo sempre se sono io il matto, che porto sempre i ragni, le cimici,le cavallette, e pure le mosche, fuori in giardino.

Hot

Io fornirei i fucili ai cinghiali… e anche il porto d'armi

l.j.silver

leggendo la pagina FB di Morzine è interessante vedere come abbiano in Francia con i cacciatori gli stessi identici problemi che abbiamo in Italia, strapotere, si comportano da indiscussi padroni dei boschj,sono spesso ubriachi ecc ecc….

Hot
l.j.silver

leggendo la pagina FB di Morzine è interessante vedere come abbiano in Francia con i cacciatori gli stessi identici problemi che abbiamo in Italia, strapotere, si comportano da indiscussi padroni dei boschj,sono spesso ubriachi ecc ecc….

Una lobby di pericolose teste di cazzo

ant1606

Perizia? Buon senso? Rispetto?
Non tutti coloro che hanno tra le mani moto, auto e mezzi pesanti ne sono dotati. Pur avendo una licenza.
Lo stesso vale per chi ha in mano un fucile.
Giro nei boschi per evitare di farmi tritare da un camion ma qualcuno puo' uccidermi a distanza.

vecchiocatrame
vecchiocatrame

Infatti io limiterei moltissimo il diritto a guidare e toglierei la patente per sempre alla prima cazzata grave anche se senza conseguenze.

l.j.silver
frenk

Trovo che già solo il concetto di impugnare un’arma da fuoco sia di per sé aberrante, indipendentemente dal bersaglio a cui si finisca per sparare, soprattutto se non si ha piena consapevolezza del fatto che avere un’arma da fuoco in mano ti pone inevitabilmente nella condizione di uccidere un altro essere vivente. La conseguenza ovvia è che accadano tragedie come quella accaduta a Morzine, che purtroppo in stagione di caccia accadono con una frequenza inaccettabile: http://www.ilsecoloxix.it/p/italia/2018/10/14/ADHfRe8B-varesotto_condizioni_sbaglio.shtml
Un pensiero al povero biker e a tutte le vittime della follia criminale legittimata da una licenza venatoria.

"Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, il cacciatore avrebbe colpito il nipote, anche lui impegnato a cacciare tra gli alberi, pensando di mirare a un fagiano dopo aver sentito dei rumori in un cespuglio."

la dinamica è chiara e spiega perchè sono pericolosi, com'è possibile sparare senza neppure vedere a cosa stai sparando? ma solo perchè hai sentito un rumore tra i cespugli?
con gente cosi in giro chiunque frequenta i boschi è in pericolo.

Scaveon
Scaveon

Per quello che è successo, in francia hanno interrotto la stagione di caccia!
in itaGlia, quando si ammazza qualcuno per un incidente di caccia, non si fa nulla di nulla, nemmeno un minuto di silenzio. i nostri politici sono dei pagliacci.
Anche quando ci sono le risse e le guerrigli degli ultrà negli stadi di calcio con morti e feriti, se ne parla per due o tre giorni con grande indignazionee poi il campionato continua come se niente fosse. Pagliacci!

Hot
Scaveon

nostri politici sono dei pagliacci.

Scaveon

Pagliacci!

Magari ricordiamoci anche chi li ha eletti.

akko69
akko69

certo che autorizzare la caccia in zone come Morzine…
quanto caxxo di potere hanno sti cacciatori delle balle?

pavlinko80
l.j.silver

"Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, il cacciatore avrebbe colpito il nipote, anche lui impegnato a cacciare tra gli alberi, pensando di mirare a un fagiano dopo aver sentito dei rumori in un cespuglio."

la dinamica è chiara e spiega perchè sono pericolosi, com'è possibile sparare senza neppure vedere a cosa stai sparando? ma solo perchè hai sentito un rumore tra i cespugli?
con gente cosi in giro chiunque frequenta i boschi è in pericolo.

ma io dico ma come cavolo si fa a sparare a qualcosa senza neanche vedere e capire cosa è. questi sono malati, non è mica una guerra!!!

Scaveon
Scaveon

Non è necessario proibire la caccia, basta proibire il fucile.
Voglio proprio vedere quanti ne rimangono di VERI cacciatori che vanno con arco e frecce come si faceva una volta.
Per tirare una freccia devi arrivare a distanza ravvicinata e prima di tirare devi pensarci dieci volte, perchè le frecce non si sprecano come le cartuccie.

D-Lock
Scaveon

Non è necessario proibire la caccia, basta proibire il fucile.
Voglio proprio vedere quanti ne rimangono di VERI cacciatori che vanno con arco e frecce come si faceva una volta.
Per tirare una freccia devi arrivare a distanza ravvicinata e prima di tirare devi pensarci dieci volte, perchè le frecce non si sprecano come le cartuccie.

Perché dargli tutti questi vantaggi? Visto che loro lo definiscono uno sport (loro eh) entrambi i concorrenti dovrebbero avere pari possibilità di vincere. Contro il cinghiale gli concedo giusto un coltello, poi fatemeli vedere questi impavidi a sfidarne uno in corpo a corpo, altro che scoccare frecce dal comodo di una pianta.

harlock@71
iaco70

Scusa? Chi spara paga un permesso? ma mica paga per sparare contro qualsiasi cosa si muova!
Un biker o un semplice escursionista dovrebbe stare attento? ma scherzi? E' chi ha il fucile in mano che deve stare attento!
Attento a come lo maneggia, attento verso cosa lo punta, e prima di premere il grilletto deve accertarsi della natura del bersaglio e deve essere certo che non ci siano persone sulla traiettoria di sparo.
Anche se la zona è "delimitata" per una battuta di caccia selettiva (e in quel caso ci sono fettuccie, cartelli e transenne già nei giorni precedenti) , questo non significa che si può sparare liberamente verso ogni cespuglio al minimo rumore!
Quindi qui l'unico passo indietro da farsi è quello di non dare la licenza "a cani e porci" con troppa facilità, a ragazzini di 22 anni o anche meno (ho amici che andavano a caccia coi loro padri, zii o nonni e sparavano già a 15-16 anni).
Che la caccia abbia una certa funzione è innegabile comunque la si pensi (e io non ne sono a favore), ma è altrettanto innegabile che in giro per boschi e campagne ci sono troppi incoscienti con un fucile in mano.

Certo che la responsabilità è di chi ha il fucile, non certo del bike. Ma anche un automobilista ha la responsabilità di dare precedenza ai pedoni,ma quando attraversi non stai comunque attento?

harlock@71
novi83

Non dubito che per i cinghiali sia così ma per tutte le altre speci alle quali si dà la caccia (camosci/cervi/caprioli/daini e uccelli vari) qui da me non è così… anzi… il capriolo sta sparendo perchè stanno sparendo gli alpeggi e con essi l'erba fresca ed il bosco avanza per la gioia degli altri…

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Qui è il contrario, i caprioli stanno diventando un grandissimo problema, ma quelli non possono essere cacciati dal cacciatore comune, vengono abbattuti dai selezionatori(tipo cecchini) che fanno prima il censimento per appunto selezionare quelli adeguati.

Hot

Che idiozia!!
Ma attraversare sulle strisce e guardare le auto che arrivano è una cosa, fare una pedalata nel bosco un'altra.
Ti becchi una rosa di pallettoni senza nemmeno sapere da dove arriva

slisser
pavlinko80

ma io dico ma come cavolo si fa a sparare a qualcosa senza neanche vedere e capire cosa è. questi sono malati, non è mica una guerra!!! neache una cerbottana gli darei in mano.

Ma guarda che non e' vero che che non sanno a cosa sparano, ti sparano apposta, vicino per spaventarti , naturalmente non pensano che possono sbagliare …….

harlock@71
Hot

Che idiozia!!
Ma attraversare sulle strisce e guardare le auto che arrivano è una cosa, fare una pedalata nel bosco un'altra.
Ti becchi una rosa di pallettoni senza nemmeno sapere da dove arriva

Scusa ma state facendo un film assurdo. Sulle strade muoiono in Italia più di 200 ciclisti l’anno. Questa tragedia, perché morire senza colpe è assurdo, è statisticamente rarissima. Poi che non dovrebbe succedere è assodato, ma non è che un cacciatore bresciano piuttosto che fiorentino debbano essere responsabili se un cacciatore in Polonia spara ad un escursionista.

harlock@71
l.j.silver

li manderei tutti rigorosamente a piedi ed armati di solo arco e frecce nella savana a cacciare leoni o nelle giungle asiatiche a cacciare le tigri……

Credo che a cacciare leoni e tigri ci andrebbero volentieri. Meglio di no quelli li ammazzano veramente per niente.

Hot

Scusa ma state facendo un film assurdo. Sulle strade muoiono in Italia più di 200 ciclisti l’anno. Questa tragedia, perché morire senza colpe è assurdo, è statisticamente rarissima. Poi che non dovrebbe succedere è assodato, ma non è che un cacciatore bresciano piuttosto che fiorentino debbano essere responsabili se un cacciatore in Polonia spara ad un escursionista.

Non solo scrivi un monte di idiozie, ma il fatto che non riesca ad esprimerti in un italiano comprensibile la dice lunga

Cimpy_Babbano
Cimpy_Babbano

”il fatto che non riesca ad esprimerti in un italiano comprensibile “

Non l’ho capita

Condoglianze alla famiglia.

Auspico punizione (da parte della legge) adeguatamente severa per il diretto responsabile.

E nient’altro.

harlock@71
Hot

Non solo scrivi un monte di idiozie, ma il fatto che non riesca ad esprimerti in un italiano comprensibile la dice lunga

Grazie

harlock@71

Praticamente tutti hanno condannato la categoria, ed in pochi si sono soffermati sul singolo errore. Un po’ come succede quando un camion causa un incidente in autostrada e tutti sui social a condannare TUTTI i camionisti e ad insultarli. I ciclisti? Non conosco nessuno che non ci odia e ci asfalterebbe tutti volentieri. Voi state facendo la stessa cosa, “vanno in giro ubriachi” “sparano a tutto quello che si muove” ecc,ecc.

Hot

Praticamente tutti hanno condannato la categoria, ed in pochi si sono soffermati sul singolo errore. Un po’ come succede quando un camion causa un incidente in autostrada e tutti sui social a condannare TUTTI i camionisti e ad insultarli. I ciclisti? Non conosco nessuno che non ci odia e ci asfalterebbe tutti volentieri. Voi state facendo la stessa cosa, “vanno in giro ubriachi” “sparano a tutto quello che si muove” ecc,ecc.

Tolleranza zero.
Per una pratica arcaica, inutile, pericolosa.
Una vergogna per un essere civilizzato!
Invece di andare a caccia andate a cercare funghi, magari.
Credo che potreste meritarvi certamente un poco più di rispetto

Tc70
lkey

Io in questo periodo dell'anno mi specializzo nello slalom per non schiacciare le lumacone rosse…

E li sbagli,perchè è una specie nociva,carnivora che divora le nostre chiocciole nostrane…;-)

Hot
Tc70

E li sbagli,perchè è una specie nociva,carnivora che divora le nostre chiocciole nostrane…;-)

Le evita per non scivolare :smile:e fa bene

Tc70
Hot

Le evita per non scivolare :smile:e fa bene

O perchè non gli si attacchino stile colla sotto il tubo obbliquo…quando si seccano è una cosa orribile toglierle,ci vuole il diluente…:loll:

harlock@71
Hot

Tolleranza zero.
Per una pratica arcaica, inutile, pericolosa.
Una vergogna per un essere civilizzato!
Se qualcuno ha bisogno di uccidere un animale per sentirsi meglio, forse ha dei seri problemi.
Invece di andare a caccia andate a cercare funghi, magari.
Certamente potreste meritarvi una bella fetta in più di rispetto

Sei vegetariano?

l.j.silver

” “sparano a tutto quello che si muove” ecc,ecc.

"Secondo una prima ricostruzione dei carabinieri, il cacciatore avrebbe colpito il nipote, anche lui impegnato a cacciare tra gli alberi, pensando di mirare a un fagiano dopo aver sentito dei rumori in un cespuglio."

oggi a Varese…….
questo magari non spara a tutto cio' che si muove, ma a tutto cio' che fa' rumore sicuro…

Tc70

akko69 certo che autorizzare la caccia in zone come Morzine… quanto caxxo di potere hanno sti cacciatori delle balle? Ma tu dovresti vedere la piccola realtà bresciana,per farti un esempio…la zona di Serle,tristemente famosa per la scomparsa della bambina disabile,è una riserva naturale in cui non è vietata la caccia,cioè ci rendiamo conto? Una riserva naturale…dove io che sono biologo,per fare un prelievo di microfauna,devo avere e fare un permesso tramite la forestale,che non sempre rilascia e tanto per farti capire il potere…si doveva,in tale zona,a Settembre,fare una manifestazione circuito mtb in onore del grande (per noi bresciani si 😉 ) Iuri Ragnoli,un percorso xc segnalato con segnaletica in giro per la riserva…i cacciatori sono scesi in campo ed han fatto una rivolta contro il sindaco…ed ostinatamente (e spero momentaneamente) hanno ottenuto l'annullamento della stessa…non contenti hanno perfino avuto da ridire,quando le ricerche della bambina scomparsa,si sono recentemente riprese per ordine del prefetto di Bs…fatto sta che in dette ricerche sono stai prelevati,(se vero) una cosa come circa 3000 archetti e fidati che son pochi…ora,mi chiedo come si possa definire questi cacciatori…son bracconieri fatti e finiti c'è poco da fare…io che sono anche speleologo e la zona la conosco abbastanza,anni fa quando si andava su in auto per andare in grotta,uscivi a sera ed era abbastanza probabile trovarsi la sorpresa…2 se non3 gomme a terra,forate da un coltello…questo è veramente un bel biglietto da visita per Serle…e io sono di discendenze serlesi tra l'altro…per farti capire…non ce l'ho con i… Continua a leggere »

vito e alloggio
vito e alloggio

Non mi piace la caccia. Non sarei mai in grado nemmeno di ammazzare una lumaca, ma, come credo il 99% dei commentatori di qui sopra, sono onnivoro e uno spezzatino di cinghiale me lo mangio volentieri. La caccia esiste ed esiste perchè c’è un bel po’ di gente che la pratica. Sono, come noi, una categoria ben poco amata dalla maggior parte delle persone. Io credo che la razionalità dovrebbe spingerci ad andarci semplicemente d’accordo, utilizzando semplici norme di buon senso. Ne incontro spesso sia in Italia che in Francia, ci si saluta sempre (come del resto faccio anche con le moto) e loro si spostano per farci passare, noi si cerca di non far schiamazzi.

Bisogna smetterla di invocare divieti. I divieti sono sempre una cosa potenzialmente pericolosa anche per noi.

slisser

Sei vegetariano?

Diciamo la verita' ammazzare un volatile forse e' piu' facile , ammazzare un mammifero senza motivo richiede una bella dose di cattiveria,

Mi e' capitato d'assistere al recupero di un capriolo ferito, pareva un bambino in lacrime.

crystlejameson1

Sei vegetariano?

Questo è un comune errore logico: "mangi animali allevati in batteria e te la prendi con i cacciatori. Almeno loro uccidono animali liberi".
Lo stesso errore logico che commetterei io se ti rispondessi: "Se loro mangiassero SOLO il cacciato avrebbe senso, invece mangiano pollo, manzo, pesce.."
La verità è che l'obiezione "o sei vegetariano o non puoi giudicare i cacciatori" non ha alcun senso proprio perchè esistono gli allevamenti e la caccia non è più necessaria. Detto questo, tutti dovremmo impegnarci per migliorare le condizioni degli animali da allevamento, ma mentre un consumatore è in molti casi indirettamente responsabile del trattamento di questi animali, un cacciatore lo è sempre verso le proprie prede. Una differenza non da poco.

giorgiocat

Scusate ma a me sembra incredibile che ci si metta a fare dei distinguo: "se c'hai il permesso", "ma devi stare attento a cosa spari"…
Il fatto gravissimo ( e non è stata la prima volta) tema di questo 3d, è la dimostrazione che l'unica specie che si deve estinguere è quella dei cacciatori.
Un pensiero al povero biker. Una morte assurda. RIP

crystlejameson1
vito e alloggio

Bisogna smetterla di invocare divieti. I divieti sono sempre una cosa potenzialmente pericolosa anche per noi.

Abbiamo letto tutti Brecht, ma credo che non sia un principio applicabile universalmente. La schiavitù è stata abolita proprio perchè se ne è invocato il divieto, per dirne una.

Tc70
slisser

Diciamo la verita' ammazzare un volatile forse e' piu' facile , ammazzare un mammifero senza motivo richiede una bella dose di cattiveria,

Mi e' capitato d'assistere al recupero di un capriolo ferito, pareva un bambino in lacrime.

Perchè per un mammifero ci vuole un motivo e per un volatile no? Non li senti,ma quando son feriti,piangono anche i volatili…un conto è ammazzare,solo per il gusto di farlo,un conto è farlo per il gusto a tavola e in questo gusto piangono anche i capretti a Pasqua,i maiali a Novembre,i polli ,i conigli…non ce ne rendiamo conto quando andiamo nei supermarket,ma nei mattatoi non è molto diverso che in bosco,anzi forse,anche senza forse,è pure peggio e son figlio,nipote di macellai e cacciatori,ne ho viste e sentite di cose che nemmeno immagini…;-)

Hot

Sei vegetariano?

Non vedo perché dovrei rendere conto delle mie abitudini alimentari per difendere una posizione contraria allo sterminio inutile di animali.
Conosco pescatori che non mangiano il loro pescato, come cacciatori che non lo fanno per il sostegno alimentare, ma piuttosto per malintesi intenti "sportivi".
Godere ad uccidere un animale è roba da disturbati mentali, da psicopatici. Almeno da quando cacciare non è funzionale al sostentamento.
Ma non voglio girarci tanto intorno… Non sono vegetariano.
Mangio carne forse nemmeno una volta alla settimana, per il resto mangio davvero di tutto. E visto che sono adulto e sovrappeso dovrei anche alimentari con all'incirca la metà di quello che mangio.
La selvaggina mi disgusta e dal mio punto di vista è assurdo nutrirsi di animali che non hanno subito un moderno processo di macellazione e conservazione.
Uccidere animali per gioco nasconde un'attitudine criminale. Giocare con le armi porta a considerare "normale" e giusto possederne una…
Non so, ma io sono una persona civile che vive in un mondo civile… dove di spazio per la crudeltà nei confronti degli animali non ce ne sta.
E confesso che mi è capitato di cambiare atteggiamento nei confronti di persone che ho scoperto essere assassini di animali…
Comprendendo meglio certe posizioni e certi comportamenti…
… barbari!!

giorgiocat

Qui ti straquoto. Gli allevamenti sono una fabbrica degli orrori . Poi uno può decidere di non vedere. Avete visto come vengono trattati i maiali o le mucche e i vitelli? Ma qui andiamo decisamente OT

slisser
Tc70

Perchè per un mammifero ci vuole un motivo e per un volatile no? Non li senti,ma quando son feriti,piangono anche i volatili…un conto è ammazzare,solo per il gusto di farlo,un conto è farlo per il gusto a tavola e in questo gusto piangono anche i capretti a Pasqua,i maiali a Novembre,i polli ,i conigli…non ce ne rendiamo conto quando andiamo nei supermarket,ma nei mattatoi non è molto diverso che in bosco,anzi forse,anche senza forse,è pure peggio e son figlio,nipote di macellai e cacciatori,ne ho viste e sentite di cose che nemmeno immagini…;-)

No beh io non vorrei far del male neppure ad un pennuto, non sono vegetariano, pero' dovessi provvedere personalmente lascerei perdere. Per il macellaio e' un lavoro, fingiamo di non sapere e guardiamo altrove, il cacciatore occasionale (sportivo non suona appropriato) potrebbe fare tranquillamente altro, se ammazza gli animali per divertimento è pura cattiveria

Tc70
slisser

No beh io non vorrei far del male neppure ad un pennuto, non sono vegetariano, pero' dovessi provvedere personalmente lascerei perdere. Per il macellaio e' un lavoro, fingiamo di non sapere e guardiamo altrove, il cacciatore occasionale (sportivo non suona appropriato) potrebbe fare tranquillamente altro, se ammazza gli animali per divertimento è pura cattiveria

Su questo sono daccordissimo…;-)

cindalapsley30

Tralasciando le ragioni etiche, che non sono percepite da tutti allo stesso modo, e il fatto che ad una persona che uccide per divertimento un essere vivente si dovrebbero offrire cure psichiatriche, non certo mettergli un arma in mano. Tralasciando tutto questo, solo io trovo paradossale che il cittadino medio venga quotidianamente ammorbato con norme di sicurezza spesso inutili, se non paranoiche, e a questi bifolchi si permetta di infestare gli unici angoli di quiete che ci sono rimasti, armi in mano, a sparare a tutto ciò che gli capita a tiro?

novi83
khalit

Il capriolo sta sparendo, o gli stanno sparando? Non capisco, la soluzione all'avanzata dei boschi e alla scomparsa degli alpeggi è la caccia?

Il capriolo è più delicato e mentre per esempio il camoscio mangia anche radici e foglie dure lui ha bisogno di erba tenera… queste speci non sono sotto attività di caccia che spari alla cazzo a quanti ne vuoi (poi esistono anche i bracconieri ma questo è un altro discorso) ma si fa selezione e c'è dietro un gran lavoro e tante uscite nei boschi senza fucile, corsi ecc…

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

gipipa
gipipa

evito ormai da anni di fare gite in zone a forte attività venatoria, proprio perchè ho visto cosa capita
cacciatori o ragazzini esaltati o nonnetti alla soglia dell’inabilità, quasi sempre annoiati per ore di attesa durante le quali si sono scolati alcolici vari, che sparano senza controllare a cosa

albeoi
albeoi

Sabato in giro per il parco del monte moria a piacenza, dove sono stati realizzati e segnalati numerosi percorsi mtb, alla partenza una guardia forestale mi dice: “ti sconsiglio di girare in queste zone, se c’è in corso la battuta di caccia al cinghiale rischi che ti sparino”. Ovvio che mi sparino: tutti i cinghiali sono alti più di 2 metri, vanno a 30 km/h e girano con coprizaino arancione fosforescente….
Siamo messi male…

Minitrek

PREMESSA: NON MI PIACE LA CACCIA.
ero a lavorare, anni fa, sotto un tendone a raccogliere uva quando una sventagliata di pallini atterro' sul tendone dopo aver sentito lo sparo, al che' io e il proprietario prendemmo la jeep e li andammo ad avvertire che c'era gente che lavorava di li a pochi metri.
non mi piace il fatto che gli animali vengano uccisi per…sport, ma a quanto mi dicono, parte di quello che i cacciatori pagano, e' destinato all'allevamento in batteria, che ne so', di fagiani che poi vengono liberati in natura nei periodi venatori.
come qualcuno ha detto, un piatto a base di selvaggina lo mangiamo quando e' sotto gli occhi.
allora vietiamo la caccia, sono favorevole a cio' e cerchiamo di portare rispetto per il malcapitato senza far diventare questa, una discussione fogna come quella e-bike si, e-bike no, se non altro perche' qui qualcuno ha perso la vita

crystlejameson1
novi83

Il capriolo è più delicato e mentre per esempio il camoscio mangia anche radici e foglie dure lui ha bisogno di erba tenera… queste speci non sono sotto attività di caccia che spari alla cazzo a quanti ne vuoi (poi esistono anche i bracconieri ma questo è un altro discorso) ma si fa selezione e c'è dietro un gran lavoro e tante uscite nei boschi senza fucile, corsi ecc…

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app

Perdonami novi83, ma continuo a non capire il punto… C'è un animale a rischio estinzione e tra i cacciatori si organizzano corsi con uscite nei boschi per imparare ad ucciderli in maniera selezionata… Non suona strano anche a te tutto il discorso?

sahara
sahara

E’ uno stillicidio continuo di queste notizie.. ma niente!! La lobby della caccia è più forte di qualsiasi buonsenso! Sparare in zone dove normali cittadini passeggiano, pedalano, raccolgono funghi e castagne E’ DA FOLLI!
Io e mia moglie siamo stati impallinati qualche anno fa lungo una pista ciclabile del Ticino ( non in mezzo a boschi inaccessibili lontani chilometri dalle abitazioni, a un paio di centinaia di metri dalle case… ma niente da fare, anche i Carabinieri cui hanno fatto sentire dei fessi che ci ostiniamo a pensare che i boschi siano di tutti … quando comincia la caccia siamo noi a dovere stare attenti, non chi viaggia armato per sparare ad animali che sono poco più grossi dei pallini che usano. E’ indecente!!!
In periodo di caccia viaggiamo costantemente con campanellini e giubbottini gialli… ma niente da fare, arrivi alle spalle di ottantenni barcollanti che non ti sentono arrivare neanche da pochi metri di distanza, e devi sperare che non si prendano un infarto appena ti vedono, in compenso camminano con un arma pericolosissima in mano con famigliole e bambini che ignari raccolgono castagne non sapendo che rischiano la vita ogni volta!

ZAZZI
ZAZZI

Cari ragazzi, la caccia oggi è un esempio lampante di ottusità mentale, arretratezza sociale ( solo nella stagione venatoria dell’anno scorso vi sono stati più di 30 morti) che , però,si sta eliminando da sola…lentamente, ma va avanti. Pensate che negli ultimi anni i cacciatori in Italia sono scesi da c.a. un milione e settecentomila a meno di cinquecentomila attuali. Ma il dato più interessante che fa ben sperare è quello dell’età; oltre il 70% di questi ha un eta superiore a 68 anni, e il 35% è oltre i 40 anni. Solo il 5% ha un età inferiore ai 40 anni. Quindi, questi dati ci dicono che questo “sport…?” è in via di estinzione! un ultimo dato, ci dice che le regioni peggiori con il maggior numero di cacciatori sono la sicilia,la toscana, la lombardia e il veneto…

powderfinger
marco

Anticipo la risposta dei cacciatori
i cacciatori […] Sono i veri ecologisti di questo pianeta.

Certamente, basterebbero che si sparassero tra di loro, poi dopo lo vedi come concimerebbero bene, e in modo naturale, i boschi.

Deroma
Deroma

secondo me qui non è una questione di caccia SI o caccia NO, ma del fatto che uno dovrebbe sparare se vede la preda, non se ‘immagina’ che la ci sia una preda ma come caxxo si fa!!!!!

sembola

La rabbia che si prova di fronte ad una morte ingiusta ed ingiustificabile è indicibile.

Detto questo non posso condividere nè certi toni nè certe argomentazioni, alcune fattualmente false. (a casa mia il 92% di meno della metà non fa la maggioranza, per dire), altre frutto di ignoranza nel senso etimologico della parola. Rispetto invece le motivazioni etiche, per quanto sull' "etica" non riesco a non avere dubbi visto che è stata usata per millenni per giustificare le peggio cose.

La cosa su cui concordo con Marco Toniolo">Marco Toniolo è che la caccia, come la SAT, muove interessi ed è organizzata. La bici in generale no, ed i rapporti di forza nel mondo reale contano, che piaccia o no. Dove la bici riesce a rappresentare un interesse economico e sa organizzarsi ha una forza contrattuale e riesce a contare anche nei confronti di realtà altrettanto "pesanti". Riflettiamo su questo.

Hot
Deroma

secondo me qui non è una questione di caccia SI o caccia NO, ma del fatto che uno dovrebbe sparare se vede la preda, non se 'immagina' che la ci sia una preda ma come caxxo si fa!!!!!

Alcool test e visita oculistica per ogni cacciatore

Minitrek
Hot

Alcool test e visita oculistica per ogni cacciatore

ogni volta che esce e' impossibile.
chiudere la caccia e' l'unica soluzione ma visto che a quanto pare, siamo una delle prime, se non la prima nazione produttrice di armi, e' un'utopia, purtroppo

SALV972
SALV972

E’ lo specchio dei tempi.
Ti stavano per accoppare nel bosco? Affari tuoi che ci sei andato quando la caccia era aperta!
Ti hanno investito sulle strisce? Prima di attraversare devi guardare, non puoi pretendere che viaggiando a 90 km/h sulle strisce avessero il tempo di evitarti!
Ho capito, durante la stagione venatoria bdc.
Oppure aspettiamo che Endura commercializzi una maglietta antiproiettile…

D-Lock

Minitrek PREMESSA: NON MI PIACE LA CACCIA. ero a lavorare, anni fa, sotto un tendone a raccogliere uva quando una sventagliata di pallini atterro' sul tendone dopo aver sentito lo sparo, al che' io e il proprietario prendemmo la jeep e li andammo ad avvertire che c'era gente che lavorava di li a pochi metri. non mi piace il fatto che gli animali vengano uccisi per…sport, ma a quanto mi dicono, parte di quello che i cacciatori pagano, e' destinato all'allevamento in batteria, che ne so', di fagiani che poi vengono liberati in natura nei periodi venatori. come qualcuno ha detto, un piatto a base di selvaggina lo mangiamo quando e' sotto gli occhi. allora vietiamo la caccia, sono favorevole a cio' e cerchiamo di portare rispetto per il malcapitato senza far diventare questa, una discussione fogna come quella e-bike si, e-bike no, se non altro perche' qui qualcuno ha perso la vita Se lo scopo è mangiare un fagiano, alleviamo il fagiano come facciamo già per altre specie animali. Invece ci inventiamo questa scusa per cui dire che il cacciatore paga per fare allevare il fagiano, che poi viene immesso in libertà, di modo che il cacciatore gli possa sparare, e poi mangiarlo. Ma non noti l'idiozia di fondo di quello che ho appena descritto? Oltre che come hanno già detto in molti, e ad esempio mi hanno confermato più volte le guardie dei parchi della mia zona, queste immissioni sono gestite male, e molti dati vengono letteralmente inventati… Continua a leggere »

earlbartos7162

Per prima cosa devo dire di essere contento di trovare molte sensibilità simili alla mia: massimo rispetto per qualsiasi essere vivente. Nel merito penso che la caccia, oltre appunto a contraddire nel modo più assoluto quanto detto sopra, sia anche molto pericolosa per l'uomo. Sabato sui monti intorno a Bergamo mi sono fermato ad un bivio nel bosco. Dopo 3 secondi uno sparo proprio nella direzione in cui stavo andando…. Mi avrebbe visto il tizio nel capanno? Forse si, forse no. Lo dico sempre agli amici cacciatori che amano come me andare all'alba nei boschi, vendete il fucile e compratevi una reflex

D-Lock
Keru

"girava su una traccia MTB ufficiale in una zona dove la caccia è autorizzata" – come dire a uno che hanno investito sulle strisce "per quale stupido motive attraversavi? Lo sai che li passano le macchine, e chi guida la macchina ha anche la patente e paga per il bollo – tu pedone no! Accendi il cervello". Non servono altri commenti a quello che hai scritto.
E non sono per bannare la caccia personalmente, ma per disincentivarla e ridurla attraverso regolamenti e difficoltà nell'avere permessi.

Pare di essere in Farenheit 451 e la parte con le auto che girano a tutta velocità per mirare i pedoni che si azzardano a camminare a bordo strada. Peccato che quello è solo un (bellissimo) libro.

doghy
sahara

A noi hanno sparato frontalmente lungo un sentiero largo almeno 3 metri per colpire un coniglietto che mi ha attraversato la strada, sai che hanno detto i carabinieri ai quali mi sono rivolto portandogli il cacciatore in caserma " eh.. bisogna stare attenti quando la caccia è aperta.. ! " Nessuna conseguenza per il cacciatore, nonostante mia denuncia!!! Tanto c'è l'assicurazione….

e questo ritengo sia il problema principale.
A prescindere da preferenze personali (pro o contro la caccia) il problema è che un comportamento del genere dovrebbero sequestrarti le armi e stracciare il patentino.

o come quando il brillantone di turno, con doppietta sottobraccio, fa lo spiritoso dicendomi " e quindi gli spariamo a questi cani" perche' andando a spasso per sentieri con i cani al guinzaglio gli disturbo la posta..o cedi alla provocazione e gli apri la testa col crick, o ci fai la risata e la cosa muore li…
il fatto e' che andare a caccia deve essere un "privilegio" e non un diritto , se non rispetti regole e buon senso, via

Somis
sembola

Detto questo non posso condividere nè certi toni nè certe argomentazioni, alcune fattualmente false. (a casa mia il 92% di meno della metà non fa la maggioranza, per dire)

Sono io che ho commesso l'errore sulle percentuali, ho corretto il post. Non l'ho fatto per portare altri su mie personali posizioni, è stato un errore di scrittura.

markxxx79
sahara

E' uno stillicidio continuo di queste notizie.. ma niente!! La lobby della caccia è più forte di qualsiasi buonsenso! Sparare in zone dove normali cittadini passeggiano, pedalano, raccolgono funghi e castagne E' DA FOLLI!
Io e mia moglie siamo stati impallinati qualche anno fa lungo una pista ciclabile del Ticino ( non in mezzo a boschi inaccessibili lontani chilometri dalle abitazioni, a un paio di centinaia di metri dalle case… ma niente da fare, anche i Carabinieri cui hanno fatto sentire dei fessi che ci ostiniamo a pensare che i boschi siano di tutti … quando comincia la caccia siamo noi a dovere stare attenti, non chi viaggia armato per sparare ad animali che sono poco più grossi dei pallini che usano. E' indecente!!!
In periodo di caccia viaggiamo costantemente con campanellini e giubbottini gialli… ma niente da fare, arrivi alle spalle di ottantenni barcollanti che non ti sentono arrivare neanche da pochi metri di distanza, e devi sperare che non si prendano un infarto appena ti vedono, in compenso camminano con un arma pericolosissima in mano con famigliole e bambini che ignari raccolgono castagne non sapendo che rischiano la vita ogni volta!

la lobby della caccia è forte per il semplice fatto che chi fabbrica armi da caccia , ne fabbrica anche altre di tipo militare che esporta in tutto il mondo .

teoDH

Parlavo giusto qualche gg fa con dei cacciatori a proposito dei fatti di Imperia… purtroppo la caccia esiste ed esisterà sempre, è più probabile che vietino le bici che la caccia… quindi bisogna conviverci. Ultimamente poi, non essendoci un grande ricambio generazionale, la caccia è sempre più spesso praticata da vecchi rincoglioniti e da giovani esaltati, e il grosso della caccia si fa al cinghiale, che è una caccia accessibile a tutti e con poche regole.
Rimane il fatto che se non si vuole continuare a piangere vittime, bisogna imparare a muoversi nei boschi quando la caccia è aperta, vestendosi in modo sgargiante, urlando, montando campanelli e facendosi sentire, così si evita di passare per una preda. Meglio anche, per chi frequenta spesso gli stessi trail, informarsi e informare, spesso biker e cacciatori si incontrano e non interagiscono, quando basta uno scambio di saluti e due parole su dove si sta andando per evitare una tragedia come questa.
Ribadisco, non difendo i cacciatori e non cerco di giustificare un omicidio, ma è bene prevenire invece di piangere vittime,

supers9
supers9

Concordo in tutto.
Io non amo la caccia, così come i cacciatori penso non amino me come ciclista, ma farci la guerra l’un l’altro non porta da nessuna parte se non (forse) al rischio di trovarci di fronte ad inspiegabili divieti.
Sono passioni diverse, discutibili più o meno, ma al momento non vietate.
Maglie colorate ci stanno benissimo, io per i miei giri nei giorni di caccia uso il gilet giallo che tengo in auto….non sarò figo, però….
E poi parlare con i cacciatori per capire quali siano le zone battute, quella è già una buona soluzione….Finale docet.

Minitrek

D-Lock Se lo scopo è mangiare un fagiano, alleviamo il fagiano come facciamo già per altre specie animali. Invece ci inventiamo questa scusa per cui dire che il cacciatore paga per fare allevare il fagiano, che poi viene immesso in libertà, di modo che il cacciatore gli possa sparare, e poi mangiarlo. Ma non noti l'idiozia di fondo di quello che ho appena descritto? Oltre che come hanno già detto in molti, e ad esempio mi hanno confermato più volte le guardie dei parchi della mia zona, queste immissioni sono gestite male, e molti dati vengono letteralmente inventati pur di far apparire i numeri favorevoli ai cacciatori, come quando si dice che ci sono troppi animali di una certa specie, spesso è vero ma il numero viene gonfiato così che i cacciatori ne possano ammazzare di più. E smettiamola anche coi moralismi stucchevoli, nessuno qui ha mancato di "rispetto al malcapitato", anzi vorremmo in molti che ce ne fosse di più e la soluzione migliore per molti di noi è abolire questa pratica crudele cosi che tutti possano girare per i boschi senza rischiare la vita. Perchè ogni volta che si parla dei problemi coi cacciatori dobbiamo rispettare anche il loro punto di vista, e parlarne ma non troppo e senza offendere? Se io non ci vedo nessun fondamento in quello che fanno NO, non li rispetto per niente. hai mal interpretato il mio pensiero, anche perche' ho scritto un altro post. fa niente. ci si trova a parlare periodicamente… Continua a leggere »

petauro

Sono un animalista sfegatato, ma come per tutto, l'equilibrio è alla base di un'esistenza sana e che non crei ripercussioni su ambiente e altra fauna, per cui non mi scandalizzo se viene posto in essere un controllo del numero di determinati animali, per esempio. (anche se il primo controllo sul numero di animali dovrebbe essere messo in atto a monte, riguardo al peggiore degli animali…) Ma questo deve e può avvenire solo da guardiacaccia a mio avviso, profondi conoscitori del territorio e verosimilmente esperti, formati e liberi da qualsiasi interesse. MAI E POI MAI da cacciatori avvinazzati che quando non regolano i conti tra una fronda e l'altra, sono comunque un pericolo per chiunque metta piede in un bosco. Ma vi rendete conto, tolti i casi conclamati, ripeto, nei quali c'è l'intenzione di uccidere, mi fa ancora più terrore solo l'ipotesi che si sia confuso un cristiano a piedi o su una Specialized (lo dico per dire…) con una lepre o un cinghiale. Qui andrebbe chiuso il discorso ancor prima di cominciare. Ma di cosa volete discutere. Inoltre se non avete mai sparato, non avete idea di quanto sia sensibile il grilletto in certe armi e tolta la sicura in caccia sei un maledetto potenziale assassino di qualsiasi cosa viva in qualsiasi momento. 20 anni fa i pallini di un fucile mi sono arrivati sul tetto di casa, ho rincorso il cacciatore con il suo povero e sfortunatissimo cane e lo coperto di insulti. Come risposta mentre andavo via mi… Continua a leggere »

markxxx79

non discuto su caccia si , caccia no , ma sulle modalità di rilascio delle licenze ecc…

Hot

Alcool test e visita oculistica per ogni cacciatore

concordo , dato che si parla cmq di maneggio di armi da fuoco dal potenziale letale usate in ambiente non limitato e controllato , ma lasciato all'indiscrezione dell'utilizzatore , mi chiedo come riescano ad ottenere il porto d'armi alcuni elementi , nel senso che vedo vecchietti con problemi sia di vista che di tremore evidente brandire fucili , giovani che conosco non esattamente " a 100 " di intelletto come si dice a caccia con i padri ecc…ecc…
ma poi , ( parlo da ignorante ….) non sarebbe necessario e auspicabile una spece di patentino rilasciato dopo un lungo corso , sia sul maneggio delle armi , che proprio sul campo , fare battute di caccia con istruttori che indicano e mostrino le norme e poi esaminano e valutano il modo di fare e comportarsi prima di rilasciare il permesso ecc ?

franz_quattro

Il 3D fa riferimento a un collega biker inglese
colpito da un cacciatore francese a Morzine
da quello che sono al corrente, Morzine è in Francia

mi domando cosa c'entri tutto questo casino con l'Italia
è sì Europa, ma alla fine sono due Paesi distinti, o no?

Credo sarebbe il caso di lasciar fare ai francesi
ed esprimere solo rammarico e condoglianze per la perdita

Sailman

Mi chiedo perché la società dei giorni nostri non accetti più non dico il fato, ma almeno la responsabilità del singolo: siamo solo più capaci di fare, sempre e in ogni campo, una generalizzazione di categoria che nasce solo ed esclusivamente dall'incapacità di approfondire e colpire l'autore di un misfatto, piuttosto che la categoria alla quale appartiene.
E' una cosa che ho sempre odiato, come a scuola le "punizioni di classe" quando non saltava fuori il ladro di merendine di turno… :????:

crystlejameson1
franz_quattro

Il 3D fa riferimento a un collega biker inglese
colpito da un cacciatore francese a Morzine
da quello che sono al corrente, Morzine è in Francia

mi domando cosa c'entri tutto questo casino con l'Italia
è sì Europa, ma alla fine sono due Paesi distinti, o no?

Credo sarebbe il caso di lasciar fare ai francesi
ed esprimere solo rammarico e condoglianze per la perdita

Non so se sia stata proprio la specifica interazione tra un ciclista inglese e un cacciatore francese produrre questa tragedia, a leggerti sembra che se il ciclista fosse stato polacco e il cacciatore ungherese in un bosco lettone tutto ciò non sarebbe accaduto.
E' una teoria, decisamente errata, ma una teoria. La notizia ha dato spunto per un raffronto tra realtà molto simili, se non decisamente sovrapponibili. Notizie come questa, in Italia, se ne sentono ogni anno e le modalità sono analoghe, e nessuno qui è intervenuto per sostituirsi alle indagini della gendarmeria francese, ma solo per ribadire una situazione insostenibile, sia da un punto di vista etico che normativo

sembola
khalit

Notizie come questa, in Italia, se ne sentono ogni anno e le modalità sono analoghe…

Sarebbe interessante che venissero riportate le notizie di incidenti analoghi che avverrebbero ogni anno in Italia con modalità analoghe.
Il Forum ne riporta due o tre in quindi ci anni e di gravità neppure paragonabile, vero che il Forum non coincide col mondo reale, ma a volte neppure propria personale percezione del mondo concide con la realtà.

franz_quattro
khalit

Non so se sia stata proprio la specifica interazione tra un ciclista inglese e un cacciatore francese produrre questa tragedia, a leggerti sembra che se il ciclista fosse stato polacco e il cacciatore ungherese in un bosco lettone tutto ciò non sarebbe accaduto.
E' una teoria, decisamente errata, ma una teoria. La notizia ha dato spunto per un raffronto tra realtà molto simili, se non decisamente sovrapponibili. Notizie come questa, in Italia, se ne sentono ogni anno e le modalità sono analoghe, e nessuno qui è intervenuto per sostituirsi alle indagini della gendarmeria francese, ma solo per ribadire una situazione insostenibile, sia da un punto di vista etico che normativo

Senza divagare troppo:
il povero ciclista inglese era da tempo residente in Francia
la nazionalità di vittima/autore del gesto non c'entra nulla
la mia non è una teoria, ma una semplice neutrale constatazione

ripeto, Morzine è in Francia,
ripeto cosa c'entra tutto sto ambaradan con l'Italia e i cacciatori italiani?

crystlejameson1
sembola

Sarebbe interessante che venissero riportate le notizie di incidenti analoghi che avverrebbero ogni anno in Italia con modalità analoghe.
Il Forum ne riporta due o tre in quindi ci anni e di gravità neppure paragonabile, vero che il Forum non coincide col mondo reale, ma a volte neppure propria personale percezione del mondo concide con la realtà.

Questo vale per tutti, anche per te. Analogo vuol dire che un cacciatore spara verso qualcosa che crede un animale ma che risulta essere un essere umano, non necessariamente un ciclista. Può essere un altro cacciatore, un cercatore di funghi, un ornitologo o cappuccetto rosso (questo si intende per analogia). E non è neanche necessario che finisca in tragedia, basta che manchi di poco il bersaglio per non finire nelle notizie di cronaca e nella statistica che cerchi. Ma a parità di fuoco di direzione, le probabilità sono le stesse

petauro

sembola">sembola

https://www.ilfattoquotidiano.it/20…ta-la-stagione-venatoria-o-la-guerra/4128095/

https://www.repubblica.it/cronaca/2…finita_trenta_morti_in_cinque_mesi-187866112/

Eh già, proprio percezione personale…

crystlejameson1
franz_quattro

Senza divagare troppo:
il povero ciclista inglese era da tempo residente in Francia
la nazionalità di vittima/autore del gesto non c'entrano nulla
la mia non è una teoria, ma una semplice neutrale constatazione

ripeto, Morzine è in Francia,
ripeto, cosa c'entra tutto sto ambaradan con l'Italia e i cacciatori italiani?

Mi sembra di averlo spiegato. Se non sono stato chiaro me ne scuso, ma meglio di così non posso fare..

Marco Toniolo
_Alessandro_

perdonami ma non sarebbe più caccia ma guerra e vedendo quello che c'è in giro certamente non sparirebbe

e secondo te i "cacciatori" uscirebbero la domenica con la consapevolezza di poter venir fatti secchi? Ne dubito. Tutti bravi contro i più deboli, o in gruppo contro 1.

sembola
markxxx79

ma poi , ( parlo da ignorante ….) non sarebbe necessario e auspicabile una spece di patentino rilasciato dopo un lungo corso , sia sul maneggio delle armi , che proprio sul campo , fare battute di caccia con istruttori che indicano e mostrino le norme e poi esaminano e valutano il modo di fare e comportarsi prima di rilasciare il permesso ecc ?

Esiste già, è appunto la licenza di caccia che prevede sia esami teorici che pratici.

Il problema, come per la patente di guida, è che il rinnovo non è puntuale come il primo rilascio.

sembola
marco

e secondo te i "cacciatori" uscirebbero la domenica con la consapevolezza di poter venir fatti secchi?

Qualsiasi cacciatore, specialmente quelli che cacciano il cinghiale, sa benissimo che questo rischio esiste.

petauro
marco

e secondo te i "cacciatori" uscirebbero la domenica con la consapevolezza di poter venir fatti secchi? Ne dubito. Tutti bravi contro i più deboli, o in gruppo contro 1.

Temo che tu sottovaluti enormemente la gente schizzata che circola, se ci sono persone che combattono illegalmente senza protezioni e a mani nude nei parcheggi (e non sono invenzioni, ti assicuro), se dai l'idea 'mani nude e coltello contro cinghiale' lanci una nuova moda… :razz:aur:

markxxx79
sembola

Esiste già, è appunto l'esame di abilitazione all'attività venatoria che prevede sia esami teorici che pratici.

Il problema, come per la patente di guida, è che il rinnovo non è puntuale come il primo rilascio.

A ecco , grazie della precisazione

mirko_jimbho84
mirko_jimbho84

Ieri… san Genesio, in discesa per sentieri si sentiva sparare a 100/150mt. io personalmente ogni volta che sento i cani o sento sparare mi metto a gridare, basta anche un “OOOO” o un “°à$%&£$####” ahhaahah
poi se gli faccio scappare il fagiano cazzi loro haahahah

albatros_la
lkey
emmellevu
Tc70

Sono notizie che non si vorrebbe mai leggere,condoglianze a tutti i suoi famigliari,diamo retta a cosa consigliaMarco Toniolo ed evitiamo i flame pro/contro caccia…grazie.

Mah … io sono uno che se trova un ragnetto in casa prende un pezzetto di scottex, lo fa salire sulla carta e lo mette fuori dalla finestra. Se vedo una lucertola che attraversa il sentiero cerco di non prenderla con le ruote della mtb. Quindi quello che chiedi mi risulta un pò difficile. Ma per il quieto vivere … va bene !!! :medita:

Io in questo periodo dell'anno mi specializzo nello slalom per non schiacciare le lumacone rosse…

Non fosse per il fatto che inzozzano il telaio e i vestiti quando i loro resti vengono proiettati dalla ruota, dovresti far gara a centrarle, perché le lumache rosse (Arion lusitanicus), volgarmente dette limacce, sono una specie infestante non autoctona la cui colonizzazione, ai danni delle lumache autoctone, è colpa dell'incuria e dell'approssimazione dell'uomo. Prima di trent'anni fa non ce n'erano (pare siano arrivate con i sacchi del terriccio), e la popolazione di lumache autoctone era in equilibrio sostenibile. Oggi queste sono state cannibalizzate dalle lumache rosse, che distruggono e mangiano tutto…

teoDH
marco

e secondo te i "cacciatori" uscirebbero la domenica con la consapevolezza di poter venir fatti secchi? Ne dubito. Tutti bravi contro i più deboli, o in gruppo contro 1.

I cacciatori, specie di cinghiali, non escono con il dubbio, ma con la certezza: lo scorso anno 114 incidenti, 80 tra cacciatori, 30 morti in tutto… su 750.000 licenze… percentuali altine…

Skywalker67
khalit

La notizia ha dato spunto per un raffronto tra realtà molto simili, se non decisamente sovrapponibili. Notizie come questa, in Italia, se ne sentono ogni anno e le modalità sono analoghe

Realtà molto simili se non sovrapponibili???
Conosci quali sono i requisiti per ottenere una licenza di caccia in Francia e quali quelli per ottenerla in Italia, e le hai messe a confronto?
Conosci le leggi in materia di specie cacciabili in Francia ed in Italia?
Puoi citare le notizie che ogni anno in Italia sentiamo circa bikers in giro per i boschi uccisi dai cacciatori?
Oppure parli sull'onda dell'emozione?

Preciso: io non pratico la caccia, non ne sono interessato, non giustifico chi spara ad un animale senza avere la matematica certezza di quale sia il suo bersaglio e della probabilità di ucciderlo sul colpo (si, la caccia ha le sue regole non scritte, che vietano di sparare ad un animale se non si ha la certezza di ucciderlo sul posto, e chi le contravviene è cacciatore tanto quanto un bracconiere).
Detto ciò, le mie più sincere condoglianze alla famiglia del biker che ha perso la vita mentre praticava il suo passatempo preferito; le polemiche generiche che si scatenano immancabilmente in questi casi starebbero meglio altrove, secondo me.

sembola
khalit

Questo vale per tutti, anche per te. Analogo vuol dire che un cacciatore spara verso qualcosa che crede un animale ma che risulta essere un essere umano, non necessariamente un ciclista. Può essere un altro cacciatore, un cercatore di funghi, un ornitologo o cappuccetto rosso (questo si intende per analogia). E non è neanche necessario che finisca in tragedia, basta che manchi di poco il bersaglio per non finire nelle notizie di cronaca e nella statistica che cerchi. Ma a parità di fuoco di direzione, le probabilità sono le stesse

Che gli incidenti avvengano è fuori discussione, ed ogni incidente è un incidente di troppo.
Altra cosa è credere che "i cacciatori" come categoria sparino ordinariamente "verso qualcosa che crede un animale" o che siano "tutti ubriachi".
Quanto alla percezione vs realtà, ho la presunzione di dire che la realtà della campagna la conosco piuttosto bene, perlomeno nelle zone della Toscana che frequento. E' una regione con ancora una forte attività venatoria, per cui chi va in mtb tutto l'anno ha lì'opportunità (o la necessità) di vedere le cose per quello che sono e non in modo diverso.

petauro

sembola">sembola

Non parliamo di "modalità analoghe", come puntualizza anche lo stesso autore del post che ho citato.
Ripeto, se ci limitiamo al nostro ambito, sul forum in quindici anni abbiamo letto di tre (o due) biker feriti. Sono tre di troppo, ma sono tre, mentre nel frattempo sono morti TREMILA ciclisti sulle strade italiane. Su cosa temere maggiormente io non ho alcun dubbio.

maxalghi92
sembola

Che gli incidenti avvengano è fuori discussione, ed ogni incidente è un incidente di troppo.
Altra cosa è credere che "i cacciatori" come categoria sparino ordinariamente "verso qualcosa che crede un animale" o che siano "tutti ubriachi".
Quanto alla percezione vs realtà, ho la presunzione di dire che la realtà della campagna la conosco piuttosto bene, perlomeno nelle zone della Toscana che frequento. E' una regione con ancora una forte attività venatoria, per cui chi va in mtb tutto l'anno ha lì'opportunità (o la necessità) di vedere le cose per quello che sono e non in modo diverso.

Non parliamo di "modalità analoghe", come puntualizza anche lo stesso autore del post che ho citato.
Ripeto, se ci limitiamo al nostro ambito, sul forum in quindici anni abbiamo letto di tre (o due) biker feriti. Sono tre di troppo, ma sono tre, mentre nel frattempo sono morti TREMILA ciclisti sulle strade italiane. Su cosa temere maggiormente io non ho alcun dubbio.

Concordo in pieno , giusto scandalizzarsi per cose del genere , ma ne capitano molte di più in ambito stradale appunto

sembola
teoDH

I cacciatori, specie di cinghiali, non escono con il dubbio, ma con la certezza: lo scorso anno 114 incidenti, 80 tra cacciatori, 30 morti in tutto… su 750.000 licenze… percentuali altine…

Appunto.
Anche se 114 incidenti su 750.000 licenze (prendo i dati per buoni) sono lo 0.01%, o 1,5 incidenti ogni 10.000 licenze.

vecchiocatrame
vecchiocatrame

La cosa inquietante è che il 25% degli incidenti è mortale.

crystlejameson1
Skywalker67

Realtà molto simili se non sovrapponibili???
Conosci quali sono i requisiti per ottenere una licenza di caccia in Francia e quali quelli per ottenerla in Italia, e li hai messe a confronto?
Conosci le leggi in materia di specie cacciabili in Francia ed in Italia?
Puoi citare le notizie che ogni anno in Italia sentiamo circa bikers in giro per i boschi uccisi dai cacciatori?
Oppure parli sull'onda dell'emozione?

Preciso: io non pratico la caccia, non ne sono interessato, non giustifico chi spara ad un animale senza avere la matematica certezza di quale sia il suo bersaglio e di ucciderlo sul colpo (si, la caccia ha le sue regole non scritte, che vietano di sparare ad un animale se non si ha la certezza di ucciderlo sul posto, e chi le contravviene è cacciatore tanto quanto un bracconiere).
Detto ciò, le mie più sincere condoglianze alla famiglia del biker che ha perso la vita mentre praticava il suo passatempo preferito; le polemiche generiche che si scatenano immancabilmente in questi casi starebbero meglio altrove, secondo me.

Mi sembra di aver spiegato che le analogie a cui mi riferisco riguardano le "modalità di ingaggio" tra cacciatore e vittima, non la burocrazia che sta dietro al rilascio delle licenze. Mi spiego male, o fate finta di non capire?

Marco Toniolo
sembola

Qualsiasi cacciatore, specialmente quelli che cacciano il cinghiale, sa benissimo che questo rischio esiste.

Stavamo parlando di "animali che ti sparano se li attacchi", non degli incidenti. Era nel mio primo intervento.

bello fresco

Un giorno eravamo in 3 in mtb e dei cacciatori, che avevamo incrociato poco sotto la salita che stavamo affrontando, hanno sparato in nostra direzione. Si sono sentiti i pallini di piombo contro le foglie dell'albero a 2 metri. Abbiamo iniziato ad urlare ed imprecare verso di loro e per fortuna non hanno continuato. Io dico hanno inventato i piattelli per farli sfogare…..

l.j.silver
vito e alloggio

Non mi piace la caccia. Non sarei mai in grado nemmeno di ammazzare una lumaca, ma, come credo il 99% dei commentatori di qui sopra, sono onnivoro e uno spezzatino di cinghiale me lo mangio volentieri. La caccia esiste ed esiste perchè c'è un bel po' di gente che la pratica. Sono, come noi, una categoria ben poco amata dalla maggior parte delle persone. Io credo che la razionalità dovrebbe spingerci ad andarci semplicemente d'accordo, utilizzando semplici norme di buon senso. Ne incontro spesso sia in Italia che in Francia, ci si saluta sempre (come del resto faccio anche con le moto) e loro si spostano per farci passare, noi si cerca di non far schiamazzi.

Bisogna smetterla di invocare divieti. I divieti sono sempre una cosa potenzialmente pericolosa anche per noi.

no ,non sono come "noi" o come altri fruitori dei boschi, questi fanno ogni anno incidenti con morti e feriti e sparano al primo rumore che sentono ,senza a quanto pare neppure sapere a cosa stanno sparando, sono un pericolo reale per chiunque vada in monti e boschi.
ogni anno appena questi soggetti iniziano ad impadronirsi dell'ambiente naturale, pòarte la conta di morti e feriti ed è assurdo oltre che intollerabile.

_Alessandro_
_Alessandro_

ho letto un po’ di commenti…

un giorno vieteranno la caccia perché oggettivamente pericolosa
poi vieteranno la mtb fuori dai bikepark perché in dicesa può essere fonte di pericolo per i camminatori
poi vieteranno le scalate in alta quota perché in caso di incidente i soccorritori poverini
poi vieteranno le moto di grossa cilindrata perché tanto si sa come va a finire
quando non ci sarà più una sega di nulla da vietare saremo felici

Marco Toniolo
_Alessandro_

ho letto un po' di commenti…

un giorno vieteranno la caccia perché oggettivamente pericolosa
poi vieteranno la mtb fuori dai bikepark perché in dicesa può essere fonte di pericolo per i camminatori
poi vieteranno le scalate in alta quota perché in caso di incidente i soccorritori poverini
poi vieteranno le moto di grossa cilindrata perché tanto si sa come va a finire
quando non ci sarà più una sega di nulla da vietare saremo felici

non confondiamo delle attività pacifiche con quelle degli psicopatici che sparano appena si muove qualcosa

_Alessandro_
_Alessandro_

Marco Toniolo, stai dicendo o lasciando intendere che tutti quelli che hanno un porto d’armi sono degli psicopatici?

vecchiocatrame
vecchiocatrame

No, quelli che uccindono per divertirsi.

vecchiocatrame
vecchiocatrame

No, quelli che uccidono per divertirsi.

sembola
marco

Stavamo parlando di "animali che ti sparano se li attacchi", non degli incidenti. Era nel mio primo intervento.

Cmq a caccia la gente ci andava anche quando l'animale era capace di difendersi, eh. Vero che era necessario e non era un "passatempo" . Ed un cinghiale non ha il fucile, ma se decide di caricarti è quasi peggio.

Ma su questo la penso come Petauro, c'è gente cui il rischio piace. Ci sono quelli che bruciano i semafori rossi per non sciuparsi il tempo su Strava, per dire.

crystlejameson1
sembola

Che gli incidenti avvengano è fuori discussione, ed ogni incidente è un incidente di troppo.
Altra cosa è credere che "i cacciatori" come categoria sparino ordinariamente "verso qualcosa che crede un animale" o che siano "tutti ubriachi".
Quanto alla percezione vs realtà, ho la presunzione di dire che la realtà della campagna la conosco piuttosto bene, perlomeno nelle zone della Toscana che frequento. E' una regione con ancora una forte attività venatoria, per cui chi va in mtb tutto l'anno ha lì'opportunità (o la necessità) di vedere le cose per quello che sono e non in modo diverso.

Non parliamo di "modalità analoghe", come puntualizza anche lo stesso autore del post che ho citato.
Ripeto, se ci limitiamo al nostro ambito, sul forum in quindici anni abbiamo letto di tre (o due) biker feriti. Sono tre di troppo, ma sono tre, mentre nel frattempo sono morti TREMILA ciclisti sulle strade italiane. Su cosa temere maggiormente io non ho alcun dubbio.

Mai espresso giudizi sui cacciatori, se non che si dovrebbe smettere di considerarli salvatori dell'umanità. Ti sono stati linkati articoli che mostrano numeri oggettivamente alti, ma sembri ignorarli in favore dei dati raccolti nel forum (sul serio? Cos'è, l'ISTAT?) e la tua personale esperienza in Toscana (che, mi dispiace dirtelo, non fa letteratura, se non in un contesto statistico più ampio), ma come consideri valida la tua esperienza, dovresti considerare valida anche quella delle decine di utenti del forum che hanno riportato episodi di sparatorie indiscriminate…

crystlejameson1
_Alessandro_

ho letto un po' di commenti…

un giorno vieteranno la caccia perché oggettivamente pericolosa
poi vieteranno la mtb fuori dai bikepark perché in dicesa può essere fonte di pericolo per i camminatori
poi vieteranno le scalate in alta quota perché in caso di incidente i soccorritori poverini
poi vieteranno le moto di grossa cilindrata perché tanto si sa come va a finire
quando non ci sarà più una sega di nulla da vietare saremo felici

Qualcun'altro in questo thread ha provato ad usare l'argomento brechtiano. Non funziona.

sembola
marco

non confondiamo delle attività pacifiche con quelle degli psicopatici che sparano appena si muove qualcosa

Attività pacifiche per come la vedi tu.

Lo sciatore in pista, tanto detestato dai puristi (a ragione per la devastazione delle località sciistiche) la pensa diversamente, e con lui i gestori dei resort e anche tra i soccorritori: il fuoripista è pericoloso, fa venir giù le valanghe, mette in pericolo le persone etc. Stessa cosa pensa la sciura Maria di chi va a scalare, che se la va a cercare e che poi mette in pericolo chi deev andare a recuperarli se le cose si mettono male.

E' "pacifico" scendere in mtb sui sentieri per me e per te, ma per la SAT e per il legislatore trentino è un'attività pericolosa che va vietata. La regione Veneto addirittura considera un'attività "estrema" e se ti fai male ti fa pagare le spese di recupero.

Come vedi è questione di prospettive.

FastaBike
FastaBike

Io ho una convinzione ma non ho conferme, e quindi colgo l’occasione per chiedere a tutti voi se ne sapete di + di me.
Una volta che il cacciatore ha abbattuto una preda, cosa succede?
Il cacciatore se la scuarta e se la mette in frigo o LA VENDE al macello che a sua volta la fa arrivare ai ristoranti?
Se così fosse (e ripeto, io non ho conferme di questo), la caccia non sarebbe solo uno sport o un hobby, ma una fonte di reddito.
Quando viene pagato un cinghiale?
Per essere ancora più chiaro

I cacciatori ci ricavano dei soldi ad andare a caccia?

landopt
landopt

No, in verità anche se facessero quanto dici (e qualcuno lo fà) è quasi sempre a rimessa, perchè i costi delle caccia sono altissimi.

Skywalker67

khalit Mi sembra di aver spiegato che le analogie a cui mi riferisco riguardano le "modalità di ingaggio" tra cacciatore e vittima, non la burocrazia che sta dietro al rilascio delle licenze. Mi spiego male, o fate finta di non capire? Non faccio finta di non capire, fatico proprio a cercare di capire cosa intendi. Il raffronto tra realtà io lo faccio sulla base di ciò che accade (incidenti), alla luce di ciò che è permesso (leggi), confrontando Italia e Francia. Dal momento che non ho riscontri di incidenti mortali in Italia tra cacciatori e bikers, e non sono a conoscenza delle leggi sulla caccia in Francia, non capisco proprio a cosa tu riferisca. In ogni caso, di cacciatori ne conosco parecchi: volerli dipingere tutti come degli irresponsabili dal grilletto facile che bruciano quintali di munizioni contro la prima fronda che vedono sventolare, pensando che dietro vi sia una specie venatoria, equivale a dipingere i tutti bikers come un gruppo di pazzi invasati e drogati di velocità, che distruggono i sentieri su cui passano e non guardano in faccia nessuno che si trovi sulla loro strada (pedoni, anziani, bambini, animali), o tutti gli automobilisti come dei criminali che appena vedono un metro di asfalto pensano di essere a monza in gara con il mondo intero. Ogni attività ha i suoi praticanti rispettosi e quelli meno. Il problema non è l'attività in se ma la testa di chi la pratica: finiamola di dare le colpe dei singoli alle attività in astratto,… Continua a leggere »

sahara
sahara

“Dal momento che non ho riscontri di incidenti mortali in Italia tra cacciatori e bikers, e non sono a conoscenza delle leggi sulla caccia in Francia”

Beh, mi spiace di non essere morto, nel caso non mi sarei comunque potuto presentare…
Impallinato due anni fa a pochi chilometri da qui… ( e questo è successo IERI !)
https://www.malpensa24.it/castiglione-caccia-fagiano-castiglione-scambia-il-nipote-per-un-fagiano-e-gli-spara-e-grave/
Io e mia moglie invece avevamo sembianze da coniglio… giusto per fare la battuta che mi hanno fatto tutti…

sembola
khalit

Mai espresso giudizi sui cacciatori, se non che si dovrebbe smettere di considerarli salvatori dell'umanità.

Su questo siamo d'accordo. L'opera di prelievo che operano e che è oggettivamente necessaria (parlo per la Toscana e per gli ungulati) non può cancellare le responsabilità passate ed in alcuni casi presenti sull' introduzione di specie alloctone. Da noi è necessaria ma non può essere un passapartout che tutto giustifica.

khalit

Ti sono stati linkati articoli che mostrano numeri oggettivamente alti, ma sembri ignorarli in favore dei dati raccolti nel forum (sul serio? Cos'è, l'ISTAT?) e la tua personale esperienza in Toscana (che, mi dispiace dirtelo, non fa letteratura, se non in un contesto statistico più ampio), ma come consideri valida la tua esperienza, dovresti considerare valida anche quella delle decine di utenti del forum che hanno riportato episodi di sparatorie indiscriminate…

Non fa "letteratura" nè la mia esperienza nè quella di altri. Così come l'esperienza del Forum, facili ironie a parte, vale come l'articolo di giornale.
Ci sono dei dati che quantifichino gli incidenti che hanno coinvolto persone estranee all'attività venatoria? Se ci sono, vediamoli. Se non ci sono non possiamo pretendere di decidere l'entità di un fenomeno con la pancia.
E' una questione di metodo.

Sailman
FastaBike

Io ho una convinzione ma non ho conferme, e quindi colgo l'occasione per chiedere a tutti voi se ne sapete di + di me.
Una volta che il cacciatore ha abbattuto una preda, cosa succede?
Il cacciatore se la scuarta e se la mette in frigo o LA VENDE al macello che a sua volta la fa arrivare ai ristoranti?
Se così fosse (e ripeto, io non ho conferme di questo), la caccia non sarebbe solo uno sport o un hobby, ma una fonte di reddito.
Quando viene pagato un cinghiale?
Per essere ancora più chiaro

I cacciatori ci ricavano dei soldi ad andare a caccia?

Il mio vicino ed il suo gruppo (4 persone):
– Cacciano (ungulati);
– Macellano (previa verifica del veterinario, almeno così lui mi assicura;
– Una parte la usano per consumo personale;
– Il restante (grosso) lo vendono in nero a vicini (tipo me) e ristoranti locali, media 15€/kg;
– Producono insaccati per consumo personale.

Il mio vicino è Maresciallo della GdF… :spetteguless:

Skywalker67
marco

non confondiamo delle attività pacifiche con quelle degli psicopatici che sparano appena si muove qualcosa

Andare in cerca di funghi è un'attività pacifica, ma quanti cercatori di funghi muoiono in autunno nei boschi?
Vietiamo quindi la ricerca dei funghi?

Cerchiamo di non generalizzare: tra i cacciatori ci sono pazzi scatenati come ci sono tra i bikers, tra gli automobilisti e in qualunque categoria.
E se proprio dobbiamo andare a guardare i numeri puri per decidere cosa vietare, le auto sono di svariati ordini di grandezza in testa a qualsiasi classifica di pericolosità, ma purtroppo le decisioni si prendono sempre di pancia e mai di testa.

sahara
sahara

Se guardiamo i numeri tra quelli che utilizzano l’auto perchè gli da dà vivere e quelli che sparano per divertimento… non so dove andiamo a finire.
Nel frattempo chiedi al nipotino se ne valeva la pena di passare una sana mattinata nel bosco in compagnia dello zio a salvaguardare i boschi dall’aggressione degli animali infestanti : https://www.malpensa24.it/castiglione-caccia-fagiano-castiglione-scambia-il-nipote-per-un-fagiano-e-gli-spara-e-grave/
Fatti un giretto sui siti che trattano di vittime dalla caccia e poi rivedi le tue statistiche…
http://www.vittimedellacaccia.org/

cindalapsley30
sembola

Sarebbe interessante che venissero riportate le notizie di incidenti analoghi che avverrebbero ogni anno in Italia con modalità analoghe.
Il Forum ne riporta due o tre in quindici anni e di gravità neppure paragonabile, vero che il Forum non coincide col mondo reale, ma a volte neppure propria personale percezione del mondo concide con la realtà.

Qui i dati della stagione 2017-2018, come specificato sono solo la punta dell'iceberg. Non saranno bikers ma rimangono vittime della caccia.
Seguo la pagina Facebook della LAC – Lega per l'abolizione della caccia – e ti assicuro che è un continuo di notizie simili, spesso fortunatamente meno gravi, che puntualmente passano in sordina. Solo ieri a Mareno di Piave un passante è stato ferito all'occhio da un cacciatore che si è dileguato. E questo per quanto riguarda le vittime umane che, per la nostra cultura antropocentrica, vengono percepite come più importanti rispetto a quelle animali. Gli animali non umani devono patire ben di peggio, spesso per sadico divertimento. Ma questo è un altro discorso.
Posso essere d'accordo col non generalizzare ma qui stiamo parlando di una categoria che ha qualcosa di malato alla radice. Uccidere per piacere, per sport. Credo anche che se la maggior parte di noi ha raccolto un certo tipo di esperienze e impressioni in merito al comportamento dei cacciatori, non sia sbagliato trarne delle conclusioni, quanto meno indicative. Altrimenti annulleremmo quella che una volta poteva essere definita "saggezza", cioè il far tesoro delle proprie esperienze di vita e trarne insegamento.

http://www.vittimedellacaccia.org/component/content/article/42-dossier/3211-2018-01-31-15-17-50.html

Marco Toniolo
_Alessandro_

Marco Toniolo, stai dicendo o lasciando intendere che tutti quelli che hanno un porto d'armi sono degli psicopatici?

Hai il porto d'armi?

_Alessandro_
_Alessandro_

No, non ce l’ho e non ho mai sparato a un animale in vita mia.

Fammi capire la cosa degli psicopatici che sono curioso.

sembola
FastaBike

Io ho una convinzione ma non ho conferme, e quindi colgo l'occasione per chiedere a tutti voi se ne sapete di + di me.
Una volta che il cacciatore ha abbattuto una preda, cosa succede?
Il cacciatore se la scuarta e se la mette in frigo o LA VENDE al macello che a sua volta la fa arrivare ai ristoranti?
Se così fosse (e ripeto, io non ho conferme di questo), la caccia non sarebbe solo uno sport o un hobby, ma una fonte di reddito.
Quando viene pagato un cinghiale?
Per essere ancora più chiaro
I cacciatori ci ricavano dei soldi ad andare a caccia?

Legalmente la cacciagione "legittima" può essere venduta, ma deve passare attraverso i veterinari comunali o provinciali (per capirci, come per i funghi) ed essere regolarmente fatturata. Se un qualsiasi operatore commerciale si fa trovare dai NAS una qualunque derrata, in particolare la carne, senza una bolla e una fattura passa un guaio grosso come una casa.

markxxx79
_Alessandro_

Marco Toniolo, stai dicendo o lasciando intendere che tutti quelli che hanno un porto d'armi sono degli psicopatici?

non mi pare questo il senso dell'intervento , penso si riferisca ad una buona fetta di cacciatori che la praticano senza cognizione , sparando appena vedono qualcosa solo per non rischiare di farsi scappare una proeda da sfoggiare poi al capanno tra salame e bottiglie di vino…

sembola
lupurone

Qui i dati della stagione 2017-2018, come specificato sono solo la punta dell'iceberg. Non saranno bikers ma rimangono vittime della caccia.

Da un punto di vista metodologico è un elenco che vale poco, visto che non c'è una fonte che sia una e che mette insieme incidenti veri e propri con eventi che nulla hanno a che vedere con l'attività venatoria.
Non voglio essere frainteso, gli incidenti ci sono. Però vorrei dei dati affidabili e forniti non da chi è coinvolto.
Ripeto, è una questione di metodo, che in queste faccende non è irrilevante.

sembola
marco

Hai il porto d'armi?

Vedrai che risate quando sarà possibile avere le armi con più facilità. Almeno, risate amare per te che sei di là dal confine, per noi ci sarà ben poco da ridere.

sembola
Skywalker67

Andare in cerca di funghi è un'attività pacifica, ma quanti cercatori di funghi muoiono in autunno nei boschi?

Facendo spendere un sacco di soldi per la ricerca ed il recupero e facendo correre rischi ai soccorritori.
Per non dire di quelli che restano intossicati dai funghi "sbagliati".

Marco Toniolo
Skywalker67

Andare in cerca di funghi è un'attività pacifica, ma quanti cercatori di funghi muoiono in autunno nei boschi?
Vietiamo quindi la ricerca dei funghi?

Siamo belli confusi, eh?
Anche un bambino ci arriva, ma te lo spiego lo stesso: n cercatore di funghi non ammazza un pedone "per sbaglio". Ammmazza eventualmente se stesso e qualche amico se coglie un fungo velenoso e se lo mangia.
La differenza non mi pare così sottile con un cacciatore che spara alla cazzo in un cespuglio "perché penso sia un fagiano".

Marco Toniolo
Skywalker67

Andare in cerca di funghi è un'attività pacifica, ma quanti cercatori di funghi muoiono in autunno nei boschi?
Vietiamo quindi la ricerca dei funghi?

Siamo belli confusi, eh?
Anche un bambino ci arriva, ma te lo spiego lo stesso: n cercatore di funghi non ammazza un pedone "per sbaglio". Ammmazza eventualmente se stesso e qualche amico se coglie un fungo velenoso e se lo mangia.
La differenza non mi pare così sottile con un cacciatore che spara alla cazzo in un cespuglio "perché penso sia un fagiano".

Skywalker67
marco

Siamo belli confusi, eh?
Anche un bambino ci arriva, ma te lo spiego lo stesso: n cercatore di funghi non ammazza un pedone "per sbaglio". Ammmazza eventualmente se stesso e qualche amico se coglie un fungo velenoso e se lo mangia.
La differenza non mi pare così sottile con un cacciatore che spara alla cazzo in un cespuglio "perché penso sia un fagiano".

Mi spiace per te, ma di confuso io non ho nulla: si parlava di vietare attività pericolose, in relazione al numero di morti che causano, e distinguere il fatto che i morti nel caso di ricerca dei funghi siano solo coloro che si dedicano a tale attività, mentre nel caso della caccia siano i cacciatori ed anche i passanti, non cambia il (triste) risultato finale di persone che non ci sono più a causa di un incidente.

Comunque, se dobbiamo discutere seriamente facciamolo pure, ma con toni di confronto civile.
Se dobbiamo invece giocare al maestrino di scuola che bacchetta i bambini che non seguono la lezione, allora sei libero di giocare, io lascio.

sahara
sahara

Quando anche tu ti sarai preso qualche pallino in una gamba come il sottoscritto e mia moglie, o forse in un occhio… ( bastavano 50 cm. più in alto) , allora ti contatterò per una discussione più civile…
E’ impressionante come alcuni continuino a difendere l’indifendibile…
Sei cacciatore? va bene, continua a farlo la legge ( minuscolo) te lo consente, ma dire che sia una attività sensata e senza pericolo per gli altri ed arrampicarsi sugli specchi unti di grasso è davvero fuori da ogni senso logico.

petauro
_Alessandro_

un giorno vieteranno la caccia perché oggettivamente pericolosa
poi vieteranno la mtb fuori dai bikepark perché in dicesa può essere fonte di pericolo per i camminatori
poi vieteranno le scalate in alta quota perché in caso di incidente i soccorritori poverini
poi vieteranno le moto di grossa cilindrata perché tanto si sa come va a finire
quando non ci sarà più una sega di nulla da vietare saremo felici

Inizino a vietare la caccia, poi al resto ci pensiamo.
Perdonami ma è veramente buttarla in caciara, OGNI altra attività ha un fine ricreativo o sportivo, o necessario. Come le auto, sul numero è chiaro che possa succedere qualsiasi cosa in qualsiasi momento così come a meno che uno non sia ubriaco o drogato, non viene tacciato di assassinio, questa è fatalità, se hai un fucile in un bosco dove ci va chiunque e scambi un Montgomery per una pelliccia, non è fatalità, è che non ci doveva essere il fucile e il genio che lo imbracciava. Punto.
Non ho capito, se cadi dalle scale vieti le scale? Ora capisci la differenza con la vera fatalità?

Minitrek
marco

Siamo belli confusi, eh?
Anche un bambino ci arriva, ma te lo spiego lo stesso: n cercatore di funghi non ammazza un pedone "per sbaglio". Ammmazza eventualmente se stesso e qualche amico se coglie un fungo velenoso e se lo mangia.
La differenza non mi pare così sottile con un cacciatore che spara alla cazzo in un cespuglio "perché penso sia un fagiano".

infatti e' quello che mi ha detto un cacciatore qualche tempo fa.
alcuni non danno nemmeno voce e anche quelli che la danno non aspettano molto prima di sparare: e se ci fosse il cercatore di funghi che e' caduto nel cespuglio, ha battuto la testa svenendo e non puo' rispondere?
e il danno e' fatto

_Alessandro_
marco
_Alessandro_

Marco Toniolo, stai dicendo o lasciando intendere che tutti quelli che hanno un porto d'armi sono degli psicopatici?

Hai il porto d'armi?

No, non ce l'ho e non ho mai sparato a un animale in vita mia.

Fammi capire la cosa degli psicopatici che sono curioso.

sembola
marco

Siamo belli confusi, eh?
Anche un bambino ci arriva, ma te lo spiego lo stesso: n cercatore di funghi non ammazza un pedone "per sbaglio". Ammmazza eventualmente se stesso e qualche amico se coglie un fungo velenoso e se lo mangia.

Anche lo scialpinista o lo scalatore nel peggiore dei casi si ammazzano per sè.
Salvo quando tirano sotto qualcun altro con la valanga o i soccorritori ci lasciano la buccia. E capita.

marco

La differenza non mi pare così sottile con un cacciatore che spara alla cazzo in un cespuglio "perché penso sia un fagiano".

Marco, perdonami, ma anche tu ti stai facendo prendere la mano dalla vis polemica.
Il "cacciatore che spara alla cazzo" è una figura che ci immaginiamo noi non cacciatori, nessuno salvo qualche pazzo spara perchè "pensa che sia un fagiano", se non altro perchè se non vedi come speri di prenderlo? Nel fitto del bosco? Ma davvero?

vecchiocatrame
vecchiocatrame

Legg gli articoli linkati. Sì sparano a tutto quello che si muove senza guardare sparano pallini, basta azzeccare più o meno l’area.
Quando sono in vena di confidenze o parlano tra loro tutti i cacciatori che conosco e sono tanti lo ammettono.

Skywalker67

sahara Beh, mi spiace di non essere morto, nel caso non mi sarei comunque potuto presentare… Impallinato due anni fa a pochi chilometri da qui… ( e questo è successo IERI !) https://www.malpensa24.it/castiglio…il-nipote-per-un-fagiano-e-gli-spara-e-grave/ Io e mia moglie invece avevamo sembianze da coniglio… giusto per fare la battuta che mi hanno fatto tutti… Mi spiace davvero moltissimo per quello che ti è accaduto, seriamente, e non lo augurerei a nessuno, però considero ciò che ti è accaduto come un esecrabile incidente, come quello che è capitato a me. Io, due anni fa, sono stato vittima di un incidente sulle piste da sci (centrato da dietro mentre ero fermo a bordo pista) che mi ha lasciato incosciente in ospedale per 3 giorni con commozione cerebrale, trauma cranico, edema midollare ed una sfilza di altre lesioni minori. Dopo una settimana di ricovero in neurologia e un annetto buono di riabilitazione mi sono ristabilito. Secondo il tuo (e di molti altri qui dentro) modo di vedere, io dovrei considerare tutti gli sciatori come dei pazzi invasati che si buttano a rotta di collo giù per le piste senza avere il benchè minimo rispetto di chi li circonda, nè la benchè minima cognizione di cosa si debba fare sugli sci per sciare veramente anzichè perdere quota in maniera scoordinata. Da ultimo, dovrei battermi per far vietare la pratica dello sci alpino, che ogni anno causa ben più incidenti (anche mortali) della caccia (se non ci credi ti invito a trascorrere un weekend nel reparto traumatologico… Continua a leggere »

Marco Toniolo
_Alessandro_

No, non ce l'ho e non ho mai sparato a un animale in vita mia.

Fammi capire la cosa degli psicopatici che sono curioso.

Psicopatico = uno che spara ad un cespuglio "perché qualcosa si muove", senza sapere a cosa sta sparando.
E sono gentile, perché più che psicopatico lo definirei coglione.

È di ieri: https://www.varesenews.it/2018/10/cacciatore-colpito-errore-grave/758752/

È stato lo zio 66enne a colpire per errore il nipote 38enne: udito il rumore nel sottobosco, avrebbe sparato pensando che si trattasse di un fagiano.

_Alessandro_
_Alessandro_

A seguito di un tuo commento abbastanza “curioso” ti ho fatto una domanda diretta.

Mi hai rispsto con una domanda che riguardava il mio privato.

Sono stato gentile e ho risposto alla tua anche se non è l’oggetto della discussione parlare dei miei affari personali.

Alla luce di questo ti chiedo per la terza volta: “Marco Toniolo, stai dicendo o lasciando intendere che tutti quelli che hanno un porto d’armi sono degli psicopatici?”

Marco Toniolo
sembola

Marco, perdonami, ma anche tu ti stai facendo prendere la mano dalla vis polemica.
Il "cacciatore che spara alla cazzo" è una figura che ci immaginiamo noi non cacciatori, nessuno salvo qualche pazzo spara perchè "pensa che sia un fagiano", se non altro perchè se non vedi come speri di prenderlo? Nel fitto del bosco? Ma davvero?

ah no? Successo ieri: https://www.varesenews.it/2018/10/cacciatore-colpito-errore-grave/758752/

bello fresco

Il problema è un altro. Chiunque può suicidarsi con un fungo (amanita phalloides) o sparandosi con il fucile da caccia, e fin qui nessuno di lamenta se non i parenti. Diverso è il rischio di provocare la morte di terzi ignari, che nel caso della caccia è molto più alto della raccolta dei funghi o altre attività ludiche svolte nei boschi. Ci vorrebbe una regolamentazione più stringente per la caccia, ipotizzando anche l'omicidio doloso laddove si ipotizza il colposo, la deterrenza a volte funziona…

sembola
petauro

Inizino a vietare la caccia, poi al resto ci pensiamo.

Che è quello che dice la SAT delle mountain bike quando gli si fa notare il degrado ambientale. Vietiamo le mtb, poi si vede…

petauro

Come le auto, sul numero è chiaro che possa succedere qualsiasi cosa in qualsiasi momento così come a meno che uno non sia ubriaco o drogato, non viene tacciato di assassinio, questa è fatalità…

Qualsiasi morte causata da un incidente in cui una qualsiasi norma del CdS non sia stata rispettata configura il reato di "omicidio stradale", punibile con una pena che non può essere inferiore ai due anni di carcere (la metà, quindi uno nel caso del minimo della pena, se c'è corresponsabilità). Se il guidatore è ubriaco o drogato le pene sono più gravi ma è omicidio stradale anche se si era perfettamente sobri.

petauro

(per la cronaca trovo incredibile che mezzi di 2 tonnellate a 50 all'ora minimo condividano la strada con i pedoni, ma fin quando non cambieranno le cose questo ci teniamo, con incidenti annessi, il cacciatore invece ci mettono una legge di 10 minuti per lanciarlo fuori dai boschi per sempre…)

Facciamola questa legge, allora. Fino a che non esiste, la situazione è esattamente quella della strada. questo ci teniamo, incidenti annessi. Può non piacere, ma la realtà questa è.

sembola
petauro

Inizino a vietare la caccia, poi al resto ci pensiamo.

Che è quello che dice la SAT delle mountain bike quando gli si fa notare il degrado ambientale. Vietiamo le mtb, poi si vede…

petauro

Come le auto, sul numero è chiaro che possa succedere qualsiasi cosa in qualsiasi momento così come a meno che uno non sia ubriaco o drogato, non viene tacciato di assassinio, questa è fatalità…

Qualsiasi morte causata da un incidente in cui una qualsiasi norma del CdS non sia stata rispettata configura il reato di "omicidio stradale", punibile con una pena che non può essere inferiore ai due anni di carcere (la metà, quindi uno nel caso del minimo della pena, se c'è corresponsabilità). Se il guidatore è ubriaco o drogato le pene sono più gravi ma è omicidio stradale anche se si era perfettamente sobri.

petauro

(per la cronaca trovo incredibile che mezzi di 2 tonnellate a 50 all'ora minimo condividano la strada con i pedoni, ma fin quando non cambieranno le cose questo ci teniamo, con incidenti annessi, il cacciatore invece ci mettono una legge di 10 minuti per lanciarlo fuori dai boschi per sempre…)

Facciamola questa legge, allora. Fino a che non esiste, la situazione è esattamente quella della strada. questo ci teniamo, incidenti annessi. Può non piacere, ma la realtà questa è.

sembola
petauro

Inizino a vietare la caccia, poi al resto ci pensiamo.

Che è quello che dice la SAT delle mountain bike quando gli si fa notare il degrado ambientale. Vietiamo le mtb, poi si vede…

petauro

Come le auto, sul numero è chiaro che possa succedere qualsiasi cosa in qualsiasi momento così come a meno che uno non sia ubriaco o drogato, non viene tacciato di assassinio, questa è fatalità…

Qualsiasi morte causata da un incidente in cui una qualsiasi norma del CdS non sia stata rispettata configura il reato di "omicidio stradale", punibile con una pena che non può essere inferiore ai due anni di carcere (la metà, quindi uno nel caso del minimo della pena, se c'è corresponsabilità). Se il guidatore è ubriaco o drogato le pene sono più gravi ma è omicidio stradale anche se si era perfettamente sobri.

petauro

(per la cronaca trovo incredibile che mezzi di 2 tonnellate a 50 all'ora minimo condividano la strada con i pedoni, ma fin quando non cambieranno le cose questo ci teniamo, con incidenti annessi, il cacciatore invece ci mettono una legge di 10 minuti per lanciarlo fuori dai boschi per sempre…)

Facciamola questa legge, allora. Fino a che non esiste, la situazione è esattamente quella della strada. questo ci teniamo, incidenti annessi. Può non piacere, ma la realtà questa è.

Marco Toniolo
_Alessandro_

A seguito di un tuo commento abbastanza "curioso" ti ho fatto una domanda diretta.

Mi hai rispsto con una domanda che riguardava il mio privato.

Sono stato gentile e ho risposto alla tua anche se non è l'oggetto della discussione parlare dei miei affari personali.

Alla luce di questo ti chiedo per la terza volta: "Marco Toniolo, stai dicendo o lasciando intendere che tutti quelli che hanno un porto d'armi sono degli psicopatici?"

non ti rispondo perché la tua domanda non c'entra una mazza con quello che ho scritto.

Skywalker67
marco

Psicopatico = uno che spara ad un cespuglio "perché qualcosa si muove", senza sapere a cosa sta sparando.
E sono gentile, perché più che psicopatico lo definirei coglione.

Hai perfettamente ragione a definirlo come tale, e costui dovrebbe vedersi revocata la licenza di caccia a vita, per manifesta mancanza dei requisiti di legge.

Da qui però a fare di tutta un'erba un fascio, dicendo che tutti i cacciatori sono come lui, mi spiace, il passo per me è capzioso.

Tc70
albatros_la

Non fosse per il fatto che inzozzano il telaio e i vestiti quando i loro resti vengono proiettati dalla ruota, dovresti far gara a centrarle, perché le lumache rosse (Arion lusitanicus), volgarmente dette limacce, sono una specie infestante non autoctona la cui colonizzazione, ai danni delle lumache autoctone, è colpa dell'incuria e dell'approssimazione dell'uomo. Prima di trent'anni fa non ce n'erano (pare siano arrivate con i sacchi del terriccio), e la popolazione di lumache autoctone era in equilibrio sostenibile. Oggi queste sono state cannibalizzate dalle lumache rosse, che distruggono e mangiano tutto…

L'altro problema è che non hanno ne antagoniosti ne predatori…e non è l'unica speccie…ci sono pure i bivalvi lacustri…ma questa è un altra storia e saremmo OT 😉

Marco Toniolo
Skywalker67

Hai perfettamente ragione a definirlo come tale, e costui dovrebbe vedersi revocata la licenza di caccia a vita, per manifesta mancanza dei requisiti di legge.

Da qui però a fare di tutta un'erba un fascio, dicendo che tutti i cacciatori sono come lui, mi spiace, il passo per me è capzioso.

hai letto la notizia che stai commentando? Il francese ha sparato al britannico "per errore". Ora, un biker è un po' diverso da un cervo, camoscio o cerbiatto, o fagiano eppure è stato impallinato tanto quale il tipo di Olgiate Olona, purtroppo lasciandoci le penne. Quindi possiamo definire il 22enne cacciatore un psicopatico/coglione che mai e poi mai dovrebbe aver avuto un'arma in mano, o nel migliore dei casi un avvinazzato che ha tolto la sicura senza accorgesene (però che caso, andare a beccare l'unica cosa vivente in un bosco e stecchirla).

A me i cacciatori non piacciono, perché ammazzano per piacere. A ciò ci aggiungiamo gli incidenti. Io questa gente non la voglio nella natura.

Questo è quello che penso. Libero di pensarla diversamente.

motobimbo
sembola

Il "cacciatore che spara alla cazzo" è una figura che ci immaginiamo noi non cacciatori, nessuno salvo qualche pazzo spara perchè "pensa che sia un fagiano", se non altro perchè se non vedi come speri di prenderlo? Nel fitto del bosco? Ma davvero?

purtroppo non è così…..interrogato sulla vexata quaestio un amico cacciatore ha confermato proprio questa tesi….la maggior parte degli incidenti si verificano proprio per questo motivo, ovvero il tipo "non vede" a cosa sta sparando….e….nella maggior parte degli incidenti di questo tipo…..la maggior parte delle volte….il tipo…..indossa goretex pure nella biancheria intima….e l'arma è di pregio assoluto.

sembola
marco

ah no? Successo ieri:

Cosa sia successo effettivamente non lo sappiamo, ma consentimi di avere qualche dubbio sulla ricostruzione di stampa, un fagiano non gli spari nel fitto perchè non lo vedi , non puoi mirarlo e tronchi e rami limitano la gittata. Il fatto poi che il nipote sia stato colpito alla testa ed al collo mi fa pensare ad un situazione molto diversa.

Ad ogni modo, è evidente che una problematica di "visibilità" esiste, anche quando non c'è alcuna imprudenza da parte del cacciatore. Per dire, se il cacciatore spara contro una lepre o un fagiano che prende il volo, coma fa a sapere che nella macchia dietro all'animale c'è qualcuno?
Qualcuno suggeriva di fare rumore, a me pare un'idea sensata.

Marco Toniolo
sembola

Cosa sia successo effettivamente non lo sappiamo, ma consentimi di avere qualche dubbio sulla ricostruzione di stampa, un fagiano non gli spari nel fitto perchè non lo vedi , non puoi mirarlo e tronchi e rami limitano la gittata. Il fatto poi che il nipote sia stato colpito alla testa ed al collo mi fa pensare ad un situazione molto diversa.

Ad ogni modo, è evidente che una problematica di "visibilità" esiste, anche quando non c'è alcuna imprudenza da parte del cacciatore. Per dire, se il cacciatore spara contro una lepre o un fagiano che prende il volo, coma fa a sapere che nella macchia dietro all'animale c'è qualcuno?
Qualcuno suggeriva di fare rumore, a me pare un'idea sensata.

scusa sembola, ma hai letto la news che stai commentando, quella di Morzine?

sembola

motobimbo purtroppo non è così…..interrogato sulla vexata quaestio un amico cacciatore (di quelli che lo fanno da sempre e che ci vive in campagna) ha confermato proprio questa tesi….la maggior parte degli incidenti si verificano proprio per questo motivo, ovvero il tipo "non vede" a cosa sta sparando….e….nella maggior parte degli incidenti di questo tipo…..la maggior parte delle volte….il tipo…..indossa goretex pure nella biancheria intima….e l'arma è di pregio assoluto. Curioso che le mie fonti riferiscano esattamente il contrario riguardo al "non vedere". Mentre riferiscono che la quasi totalità di incidenti avviene per imprudenze, fucili lasciati carichi, posizionamenti errati e via andare. marco hai letto la notizia che stai commentando? Il francese ha sparato al britannico "per errore". Ora, un biker è un po' diverso da un cervo, camoscio o cerbiatto, o fagiano eppure è stato impallinato tanto quale il tipo di Olgiate Olona, purtroppo lasciandoci le penne. Quindi possiamo definire il 22enne cacciatore un psicopatico/coglione che mai e poi mai dovrebbe aver avuto un'arma in mano, o nel migliore dei casi un avvinazzato che ha tolto la sicura senza accorgesene (però che caso, andare a beccare l'unica cosa vivente in un bosco e stecchirla). Allo stato attuale delle informazioni, no, non possiamo, "per errore" può voler dire tutto e niente. Può significare che ha visto una sagoma muoversi ed ha sparato senza sincerarsi di cosa fosse, ed ij questo caso sarei d'accordo co nte. Ma può anche significare che ha sparato ad un cervo e che il colpo non… Continua a leggere »

crystlejameson1
sembola

Su questo siamo d'accordo. L'opera di prelievo che operano e che è oggettivamente necessaria (parlo per la Toscana e per gli ungulati) non può cancellare le responsabilità passate ed in alcuni casi presenti sull' introduzione di specie alloctone. Da noi è necessaria ma non può essere un passapartout che tutto giustifica.

No, non siamo d'accordo, come già linkato, non solo i cinghiali sono stati introdotti apposta per poter essere cacciati, ma la caccia stessa provoca più danni e il proliferare incontrollato dei cinghiali

sembola

Non fa "letteratura" nè la mia esperienza nè quella di altri. Così come l'esperienza del Forum, facili ironie a parte, vale come l'articolo di giornale.
Ci sono dei dati che quantifichino gli incidenti che hanno coinvolto persone estranee all'attività venatoria? Se ci sono, vediamoli. Se non ci sono non possiamo pretendere di decidere l'entità di un fenomeno con la pancia.
E' una questione di metodo.

I Dati – sintesi
Stagione venatoria 2017-2018 – Vittime per armi da caccia/cacciatori
TOTALI
in entrambi gli Ambiti
Civili non cacciatori: 34 = 24 feriti e 10 morti
Cacciatori: 80 = 60 feriti e 20 morti
3 i MINORI VITTIME: 2 feriti e 1 morto
Totale: 114 vittime per armi da caccia/cacciatori

Fonte: https://st.ilfattoquotidiano.it/wp-content/uploads/2018/02/01/DOSSIER-VITTIME-2017-2018-AVC.pdf

http://www.greenreport.it/news/aree…lla-caccia-due-mesi-mezzo-17-morti-27-feriti/ (che cita rapporto WWF)

motobimbo
sembola

Curioso che le mie fonti riferiscano esattamente il contrario riguardo al "non vedere". Mentre riferiscono che la quasi totalità di incidenti avviene per imprudenze, fucili lasciati carichi, posizionamenti errati e via andare.

si….tolte le disattenzioni che probabilmente costituiscono una grossa fetta delle cause di incidenti…..io mi riferivo a incidenti "di quel tipo" cioè quelli causati da un grilletto tirato non accidentalmente ed anche dalla voglia di farlo (questa ultima la aggiungo io)….il mio amico esperto sostiene che sono molto frequenti i casi in cui partono pallettoni senza avere ne la dimestichezza ne il talento ne il fiuto necessari a farli partire…..ma questo è il meno…..lui sostiene che molte volte è l'intuito fallace che spinge il ditino….sai….a volte può essere che qualcuno vede cose che non esistono…..

Marco Toniolo
sembola

Allo stato attuale delle informazioni, no, non possiamo, "per errore" può voler dire tutto e niente. Può significare che ha visto una sagoma muoversi ed ha sparato senza sincerarsi di cosa fosse, ed ij questo caso sarei d'accordo co nte. Ma può anche significare che ha sparato ad un cervo e che il colpo non andato a segno ha colpito lo sfortunato biker, o perchè sulla linea di tiro o per un rimbalzo, per la caccia agli ungulati si usano munizionamenti con una gittata rilevante mentre le cartucce per la caccia vagante non hanno effetti dopo poche decine di metri.

Lo stato attuale delle informazioni è che questo è morto a causa di un colpo sparato da un cacciatore, e che il tipo di Olgiate Olona ha preso una fucilata in faccia dallo zio con cui era a caccia. Il tutto negli ultimi 2 giorni.

Il resto sono opinioni.

crystlejameson1
sembola

Curioso che le mie fonti riferiscano esattamente il contrario riguardo al "non vedere". Mentre riferiscono che la quasi totalità di incidenti avviene per imprudenze, fucili lasciati carichi, posizionamenti errati e via andare.

Vediamole queste fonti…

petauro
albatros_la

Senza entrare nel merito del discorso, sono d'accordo che si tratti di un buon business per chi vende armi, anche se verosimilmente non così gonfio come quello che mantiene i produttori (ovvero la Difesa, anche con commesse estere). Ciò detto, penso si tratti di una questione ideologica piuttosto che strettamente politica.
Di fatto ci sono ad oggi circa 570mila cacciatori in Italia mentre gli aventi diritto al voto sono circa 51 milioni 300mila persone. A conti fatti si tratta dell'1.1% (quarant'anni fa era il 3 %). È vero che si raschiano voti davvero ovunque, ma trovo improbabile che il politico di turno spenda del tempo importante per quel misero 1 % quando può far leva su altre questioni di maggior interesse per le masse (non dico giuste, eh, parlo di cose proficue per il suo portafoglio di voti).

Questa è una questione che mi ha sempre sorpreso e incuriosito, anche perchè a fronte di richieste di divieti e restrizioni in generale, ho sempre sentito/letto che certe cose non venivano fatte a causa del peso politico/voti.
L'unica cosa che mi sia venuta in mente è che tra i cacciatori ci siano anche persone molto influenti sul territorio, non me lo spiego in altro modo.

Koroviev

Io proporrei una caccia con le bici.al cacciatore Quando poi ne avvisti uno, acceleri e gli vai a sbattere come capita. Se poi cade per terra, sempre e solo con la bici, continui a saltargli sopra 🙂

sembola
marco

Lo stato attuale delle informazioni è che questo è morto a causa di un colpo sparato da un cacciatore, e che il tipo di Olgiate Olona ha preso una fucilata in faccia dallo zio con cui era a caccia. Il tutto negli ultimi 2 giorni.
Il resto sono opinioni.

Appunto, opinioni e non fatti.

Marco Toniolo
sembola

Appunto, opinioni e non fatti.

I fatti parlano da sé, ma si possono usare opinioni per difendere l'indifendibile.

crystlejameson1
Skywalker67

Andare in cerca di funghi è un'attività pacifica, ma quanti cercatori di funghi muoiono in autunno nei boschi?
Vietiamo quindi la ricerca dei funghi?

Cerchiamo di non generalizzare: tra i cacciatori ci sono pazzi scatenati come ci sono tra i bikers, tra gli automobilisti e in qualunque categoria.
E se proprio dobbiamo andare a guardare i numeri puri per decidere cosa vietare, le auto sono di svariati ordini di grandezza in testa a qualsiasi classifica di pericolosità, ma purtroppo le decisioni si prendono sempre di pancia e mai di testa.

Fai lo stesso errore di Sembola quando dice che muoiono più ciclisti investiti. La macchina può al massimo essere considerata un'arma impropria, non è costruita per uccidere e, nella maggior parte dei casi è necessaria. Un fucile è un'arma costruita per uccidere, e, nel caso di un cacciatore, NON è necessaria. E' una differenza non da poco

sembola
khalit

Vediamole queste fonti…

Si tratta di "fonti" orali, cacciatori come quelli citati da motobimbo">motobimbo, non "fonti" in senso tecnico.

Che non sono neppure gli articoli di giornale o i numeri di un sito di propaganda, che mette insieme l'incidente di caccia come i due di questi giorni al suicidio o al demente che spara ai ragazzi che gli hanno rotto una finesta a pallonate.

Capisco che partiamo da presupposti diversi, ne prendo atto.

Del resto questo è il paese la cui opinione pubblica è convinta che ci siano sei volte più immigrati di quelli che ci sone effettivamente.

crystlejameson1
sembola

Si tratta di "fonti" orali, cacciatori come quelli citati da motobimbo">motobimbo, non "fonti" in senso tecnico.

Che non sono neppure gli articoli di giornale o i numeri di un sito di propaganda, che mette insieme l'incidente di caccia come i due di questi giorni al suicidio o al demente che spara ai ragazzi che gli hanno rotto una finesta a pallonate.

Capisco che partiamo da presupposti diversi, ne prendo atto.

Del resto questo è il paese la cui opinione pubblica è convinta che ci siano sei volte più immigrati di quelli che ci sone effettivamente.

Ok, stabilisci tu quali sono le fonti, magari una di cui tutti possiamo usufruire. I tuoi amici temo non valgano perchè probabilmente non frequentiamo le stesse persone. Credo comunque che tra associazioni di vittime della caccia, quotidiani e le tue fonti "orali", queste ultime siano le meno attendibili. Quindi sarebbe il caso di smetterla di chiedere fonti e poi rifiutarle e sarebbe il caso di fornirne qualcuna

sembola
marco

I fatti parlano da sé, ma si possono usare opinioni per difendere l'indifendibile.

I fatti sono che, anche prendendo per buone le cifre di un sito di propaganda anticaccia, in quindici anni a spanne ci sono state 30×15=600 persone estranee alla caccia coinvolte. Nello stesso tempo ce ne sono state (solo tra i ciclisti) una media di 315 x 15 = 4725 morte e molte migliaia ferite. Ma l'auto al massimo è un'arma impropria, per cui quei cinquemila saranno morti di noia.

Non è una difesa di nulla, se non del buonsenso e delle proporzioni.

sembola
khalit

Ok, stabilisci tu quali sono le fonti, magari una di cui tutti possiamo usufruire. I tuoi amici temo non valgano perchè probabilmente non frequentiamo le stesse persone. Credo comunque che tra associazioni di vittime della caccia, quotidiani e le tue fonti "orali", queste ultime siano le meno attendibili. Quindi sarebbe il caso di smetterla di chiedere fonti e poi rifiutarle e sarebbe il caso di fornirne qualcuna

Guarda, io lavoro in ambito scientifico.
Le uniche fonti in senso proprio che hanno valore sono solo quelle provenienti da situazioni autorevoli ed affidabili, per capirci tipo ISTAT o simili.
Tutto il resto non vale un fico secco, non vale la mia esperienza aneddotica come non vale quella di Motobimbo come non vale la tua, proprio perchè non oggettiva (luoghi e modalità diverse e non confrontabilI). Il che non significa che io, o tu o Motobimbo siamo dei bugiardi, semplicemente le esperienze non sono fatti enumerabili ed oggettivi.
Così come i dati riportati da un sito di dichiarata propaganda pro o contro qualcosa non hanno valore, meno che mai senza alcuna fonti citata (esempio, pur con tutti i caveat del caso le notizie di stampa).

Ripeto, è una questione di metodo. Se parliamo di opinioni, di principi, di etica è ovvio che ognuno ha i suoi e che per sè stessi sono inviolabili.

motobimbo

sembola Si tratta di "fonti" orali, cacciatori come quelli citati da motobimbo, non "fonti" in senso tecnico. Che non sono neppure gli articoli di giornale o i numeri di un sito di propaganda, che mette insieme l'incidente di caccia come i due di questi giorni al suicidio o al demente che spara ai ragazzi che gli hanno rotto una finesta a pallonate. Capisco che partiamo da presupposti diversi, ne prendo atto. Del resto questo è il paese la cui opinione pubblica è convinta che ci siano sei volte più immigrati di quelli che ci sone effettivamente. capisco perfettamente il tuo punto di vista scientifico….e rincaro la dose pro domo tua….è ridicolo parlare di dati di fatto quando è solo la percezione quella che conta…..vedi immigrati ad esempio…..non frega un cazzo a nessuno che siano diminuiti….ed è anche assolutamente inutile sciorinare dati che ne ATTESTINO LA DIMINUZIONE quando la percezione è totalmente diversa (non discutiamo su cosa si basa la percezione perchè altrimenti andiamo troppo lontano e troppo fuori dal punto)….qual'è il punto? il punto è quello che hai delineato tu poco fa, ovvero: non ha alcuna importanza che ci sia gente che muore colpito da un pallettone destinato ad un cinghiale, così come non ha importanza che muoiano decine di ragazzi in una scuola statunitense poichè ce ne sono un paio di loro che hanno comprato un paio di UZI (dico una pistola automatica a caso la prima che mi viene in mente) e lo vogliono usare per motivi loro… Continua a leggere »

petauro

sembola Che è quello che dice la SAT delle mountain bike quando gli si fa notare il degrado ambientale. Vietiamo le mtb, poi si vede… Il degrado ambientale è quello di Cala Civette in Maremma, dove alle spalle della spiaggia, sotto gli alberi lo stronzo più piccolo è lungo mezzo metro e cammini su un tappeto di pannolini per mocciosi. sembola Qualsiasi morte causata da un incidente in cui una qualsiasi norma del CdS non sia stata rispettata configura il reato di "omicidio stradale", punibile con una pena che non può essere inferiore ai due anni di carcere (la metà, quindi uno nel caso del minimo della pena, se c'è corresponsabilità). Se il guidatore è ubriaco o drogato le pene sono più gravi ma è omicidio stradale anche se si era perfettamente sobri. Ci mancherebbe altro, la differenza è che ogni santo giorno sei costretto a prendere l'auto almeno 2 volte, in qualsiasi stato di salute o quasi e anche senza telefono, velocità e sostanze e in stato di perfetta lucidità una distrazione può creare un dramma, che non solo non era voluta ma nemmeno prevedibile. Da quì, al netto ripeto di altre cause, tutte le attenuanti del caso. sembola Facciamola questa legge, allora. Fino a che non esiste, la situazione è esattamente quella della strada. questo ci teniamo, incidenti annessi. Può non piacere, ma la realtà questa è. Eh no caro, per dividere le auto (CHE SERVONO A TUTTI) dai pedoni, ci vogliono decenni, andando bene, per liberare i… Continua a leggere »

crystlejameson1

sembola Guarda, io lavoro in ambito scientifico. Le uniche fonti in senso proprio che hanno valore sono solo quelle provenienti da situazioni autorevoli ed affidabili, per capirci tipo ISTAT o simili. Tutto il resto non vale un fico secco, non vale la mia esperienza aneddotica come non vale quella di Motobimbo come non vale la tua, proprio perchè non oggettiva (luoghi e modalità diverse e non confrontabilI). Il che non significa che io, o tu o Motobimbo siamo dei bugiardi, semplicemente le esperienze non sono fatti enumerabili ed oggettivi. Così come i dati riportati da un sito di dichiarata propaganda pro o contro qualcosa non hanno valore, meno che mai senza alcuna fonti citata (esempio, pur con tutti i caveat del caso le notizie di stampa). Ripeto, è una questione di metodo. Se parliamo di opinioni, di principi, di etica è ovvio che ognuno ha i suoi e che per sè stessi sono inviolabili. Per quanto ne so, non ci sono ricerche ISTAT sulle vittime della caccia. Le fonti che ti ho linkato, a loro volta citano, per ogni caso preso in oggetto, le notizie di cronaca riportate dai giornali. Ora, purtroppo non esiste nessuna ricerca su arXiv.org ne su ilmiofucileèpiùgrossodeltuo.net, ma oltre alla cronaca che riportano morti oggettive (puoi discutere l'utilizzo del dat0, non il dato in se), ci sono dati del wwf e ricerche etologiche che confutano qualsiasi favola legata all'utilità sociale della caccia, e queste non sono opinioni. Ripeto: dati sulle morti = fatti ricerche etologiche =… Continua a leggere »

pk71
Minitrek

infatti e' quello che mi ha detto un cacciatore qualche tempo fa.
alcuni non danno nemmeno voce e anche quelli che la danno non aspettano molto prima di sparare: e se ci fosse il cercatore di funghi che e' caduto nel cespuglio, ha battuto la testa svenendo e non puo' rispondere?
e il danno e' fatto.
ma psicopatico e' anche chi fa i fuori pista mettendo a rischio la vita altrui pero', eh

In questo caso la giustizia divina vorrebbe che il cacciatore (che per alcuni è direttamente il Male personificato), accortosi dell’omicidio, trafughi il cestino con i funghi. Arrivato a casa se li pappa con gusto, ma il fungaiolo aveva commesso un errore nella scelta e, giustizia divina appunto, muore avvelenato anche il cacciatore assassino.
Gli altri vissero felici e contenti giocando a calcio comodamente dei propri divani (perché andare a correre resta un’attività pericolosa).

Skywalker67
khalit

Fai lo stesso errore di Sembola quando dice che muoiono più ciclisti investiti. La macchina può al massimo essere considerata un'arma impropria, non è costruita per uccidere e, nella maggior parte dei casi è necessaria. Un fucile è un'arma costruita per uccidere, e, nel caso di un cacciatore, NON è necessaria. E' una differenza non da poco

Fai lo stesso errore dei tanti che cercano di assegnare una volontà agli oggetti.
Un fucile, una pistola, un arco, un'auto sono oggetti.
Non hanno un fine (uccidere).
E' la volontà dell'uomo a dargli una destinazione d'uso.
L'oggetto, di per se, è inerte, non fa nulla.
Può essere strumento di caccia, di difesa, di svago, di sport o di altro ancora.
E' la mano di chi lo utilizza che ne fa un mezzo per compiere un'azione, qualunque essa sia.
E' sempre e solo l'uomo che ne determina l'uso.
Finiamola di ripulirci la coscienza scaricando sugli oggetti intenti che non hanno: non esiste la montagna assassina, l'auto o il treno impazziti, il fucile micidiale, siamo unicamente noi esseri umani a utilizzarli, nel bene e nel male; tentare di scaricare le colpe delle nostre azioni sugli oggetti è puerile e fuorviante.

lumerennù

klasse Per me va bene la caccia anzi ben venga. Quanti cacciatori si sparano tra di loro e non finiscono sui giornali? L'importante è stare attenti sia da parte di noi bikers che da parte dei cacciatori. Questo pugno di ferro a chi molla per prima non porta da nessuna parte. Se si sa che ci sono zone che in quel preciso giorno sono riservate alla caccia per quale stupido motivo devo andare proprio lì? E le risposte saranno sempre le stesso, " perché nessuno può vietarmi nulla". Ragazzi facciamo tutti un passo indietro e adeguiamoci tutti verso tutti. I cinghiali in città non li vogliamo, i cervi contro il mio suv nuovo neanche ma poi quando si parla di caccia si pensa alla Mattanza dei tonni. Accendiamo il cervello prima di scrivere con io vieterei questo o quello. Anche perché chi spara paga regolarmente un permesso cosa che noi con le bici non facciamo per andare nei boschi. premesso che non amo la caccia, tranne quella al cinghiale perché, di chi sia la colpa non mi interessa, il dato di fatto è che i cinghiali sono tantissimi e dannosi, oltre che buoni a tavola. Quando incontro le battute al cinghiale, che sono regolarmente segnalate, cambio subito zona, brontolando, ma la cambio e mi consolo pensando allo spezzatino di cinghiale. Anche se non ci piace, la montagna è di tutti, anche dei cacciatori (che ripeto, non mi sono simpatici, allo stesso modo dei motociclisti o peggio, fuoristradisti a 4 ruote).… Continua a leggere »

crystlejameson1

Gli oggetti

Skywalker67

Fai lo stesso errore dei tanti che cercano di assegnare una volontà agli oggetti.
Un fucile, una pistola, un arco, un'auto sono oggetti.
Non hanno un fine (uccidere).
E' la volontà dell'uomo a dargli una destinazione d'uso.
L'oggetto, di per se, è inerte, non fa nulla.
Può essere strumento di caccia, di difesa, di svago, di sport o di altro ancora.
E' la mano di chi lo utilizza che ne fa un mezzo per compiere un'azione, qualunque essa sia.
E' sempre e solo l'uomo che ne determina l'uso.
Finiamola di ripulirci la coscienza scaricando sugli oggetti intenti che non hanno: non esiste la montagna assassina, l'auto o il treno impazziti, il fucile micidiale, siamo unicamente noi esseri umani a utilizzarli, nel bene e nel male; tentare di scaricare le colpe delle nostre azioni sugli oggetti è puerile e fuorviante.

Gli oggetti hanno una destinazione d'uso: il treno, il trasporto di beni e persone. Il fucile, uccidere. Puerile e fuorviante è ribaltare questo dato oggettivo. Poi posso pure prendere un mazzo di fiori e soffocarci qualcuno, ma non tutti i mazzi di fiori vengono acquistati per questo scopo. Così come posso comprare un fucile ed utilizzarlo come zeppa traballante per il tavolo. I mazzi di fiori vengono venduti per farne omaggio, i fucili per uccidere. Poi raccontati quello che vuoi…

motobimbo
Skywalker67

Fai lo stesso errore dei tanti che cercano di assegnare una volontà agli oggetti.
Un fucile, una pistola, un arco, un'auto sono oggetti.
Non hanno un fine (uccidere).
E' la volontà dell'uomo a dargli una destinazione d'uso.
L'oggetto, di per se, è inerte, non fa nulla.
Può essere strumento di caccia, di difesa, di svago, di sport o di altro ancora.
E' la mano di chi lo utilizza che ne fa un mezzo per compiere un'azione, qualunque essa sia.
E' sempre e solo l'uomo che ne determina l'uso.
Finiamola di ripulirci la coscienza scaricando sugli oggetti intenti che non hanno: non esiste la montagna assassina, l'auto o il treno impazziti, il fucile micidiale, siamo unicamente noi esseri umani a utilizzarli, nel bene e nel male; tentare di scaricare le colpe delle nostre azioni sugli oggetti è puerile e fuorviante.

sono abbastanza d'accordo….non ci sono ne oggetti ne sostanze che ne si possa autodecretare l'uso umano (proprio od improprio) a prescindere….vedi l'alcool ad esempio….e per quanto riguarda i "tools"…..mica si può impedire l'uso del cacciavite perchè qualche volta….qualcuno…..lo ha usato per cacciare l'occhio di qualcun altro….

Hot
Skywalker67

Finiamola di ripulirci la coscienza scaricando sugli oggetti intenti che non hanno: non esiste la montagna assassina, l'auto o il treno impazziti, il fucile micidiale, siamo unicamente noi esseri umani a utilizzarli, nel bene e nel male; tentare di scaricare le colpe delle nostre azioni sugli oggetti è puerile e fuorviante.

Puoi aver ragione e sai quanto io stimi le tue opinioni.
Ma il problema deriva dalla destinazione d'uso.
Un fucile o una pistola non vengono costruiti principalmente per portare una famiglia dal punto A al punto B, usando l'autostrada.
Si tratta di oggetti che possono essere usati per sparare al poligono o per uccidere selvaggina, o per commettere rapine ammazzando delle persone.
Con il mio telefono portatile posso fare telefonate e tante altre cose inutili, ma non uccidere una persona (o bisogna che mi impegno davvero)
Quindi è vero che un conto è l'oggetto e un altro l'uso che se ne fa.
Ma se si tratta di un oggetto che sputa pallottole credo sia evidente che si tratta di qualcosa di diverso di un frullatore

lumerennù
lumerennù

premesso che non amo la caccia, tranne quella al cinghiale perché, di chi sia la colpa non mi interessa, il dato di fatto è che i cinghiali sono tantissimi e dannosi, oltre che buoni a tavola.
Quando incontro le battute al cinghiale, che sono regolarmente segnalate, cambio subito zona, brontolando, ma la cambio e mi consolo pensando allo spezzatino di cinghiale.
Anche se non ci piace, la montagna è di tutti, anche dei cacciatori (che ripeto, non mi sono simpatici, allo stesso modo dei motociclisti o peggio, fuoristradisti a 4 ruote).
Chiediamo sempre rispetto per noi, ci incazziamo per i divieti, impariamo a fare lo stesso per gli altri.
Amen.

crystlejameson1
motobimbo

sono abbastanza d'accordo….non ci sono ne oggetti ne sostanze che ne si possa autodecretare l'uso umano (proprio od improprio) a prescindere….vedi l'alcool ad esempio….e per quanto riguarda i "tools"…..mica si può impedire l'uso del cacciavite perchè qualche volta….qualcuno…..lo ha usato per cacciare l'occhio di qualcun altro….

Ancora… il cacciavite serve ad avvitare e svitare, il fucile ad uccidere…

giorgiocat

sembola Esiste già, è appunto l'esame di abilitazione all'attività venatoria che prevede sia esami teorici che pratici. Il problema, come per la patente di guida, è che il rinnovo non è puntuale come il primo rilascio. sembola Che gli incidenti avvengano è fuori discussione, ed ogni incidente è un incidente di troppo. Altra cosa è credere che "i cacciatori" come categoria sparino ordinariamente "verso qualcosa che crede un animale" o che siano "tutti ubriachi". Quanto alla percezione vs realtà, ho la presunzione di dire che la realtà della campagna la conosco piuttosto bene, perlomeno nelle zone della Toscana che frequento. E' una regione con ancora una forte attività venatoria, per cui chi va in mtb tutto l'anno ha lì'opportunità (o la necessità) di vedere le cose per quello che sono e non in modo diverso. Non parliamo di "modalità analoghe", come puntualizza anche lo stesso autore del post che ho citato. Ripeto, se ci limitiamo al nostro ambito, sul forum in quindici anni abbiamo letto di tre (o due) biker feriti. Sono tre di troppo, ma sono tre, mentre nel frattempo sono morti TREMILA ciclisti sulle strade italiane. Su cosa temere maggiormente io non ho alcun dubbio. sembola Appunto. Anche se 114 incidenti su 750.000 licenze (prendo i dati per buoni) sono lo 0.01%, o 1,5 incidenti ogni 10.000 licenze. Scusami ma questa volta mi sembra tu stia difendendo ( spero inconsapevolmente) l'indifendibile. Che uno debba stare attento alle pallottole volanti perchè vuole fare passeggiata in un bosco è una… Continua a leggere »

FastaBike
FastaBike

Concordo, e ripeto la mia convinzione. Gli interessi economici non sono solo nella vendita delle armi (ci sono sempre meno cacciatori, quindi meno fucili comprati) ma sono soprattutto nella vendita delle prede…cinghiali e uccellini non c’è differenza.

P.S. Gli uccellini che si mangiano con la polenta, fanno male all’agricoltura?
Le nutrie che fanno danni agli argini (e non sono più utlli visto che nessuno compra più le pellicce) non vengono cacciate perchè? forse perchè non sono buone da mangiare

bonny92

Boh, resta il fatto che sparare in un luogo dove ci sono anche altre persone è pericoloso, per lo più se in questi posti non si può avere una visuale del tutto libera…difficilmente si uccide ma non dev'essere comunque simpatico beccarsi un impallinata..conosco chi a perso la vista per dei pallini vaganti, poi l'invalidità a vita dobbiamo pagargliela noi non il demente che spara a cazzum.
Qui in franciacorta quest'anno è un pò che hanno cominciato a sparare, non so a cosa ma hanno ricominciato, in un uscita normale di 3/4 ore di spari ne sento a centinaia.. per me è una cosa assurda che sia ancora permesso farlo.

_Alessandro_

Nel mio intervento io parlavo di caccia, mtb, alpinismo e motociclismo. Tu rispondi così:

marco

non confondiamo delle attività pacifiche con quelle degli psicopatici che sparano appena si muove qualcosa

Io parlavo di caccia, quindi non mi è chiaro se per te tutti i cacciatori sono degli psicopatici.

Tanti bla bla bla e infine la perla…

marco

non ti rispondo perché la tua domanda non c'entra una mazza con quello che ho scritto.

MAI UNA GIOIA

D-Lock
petauro

sembola">sembola

https://www.ilfattoquotidiano.it/20…ta-la-stagione-venatoria-o-la-guerra/4128095/

https://www.repubblica.it/cronaca/2…finita_trenta_morti_in_cinque_mesi-187866112/

Eh già, proprio percezione personale…

https://www.varesenews.it/2018/10/cacciatore-colpito-errore-grave/758752/

Se volete iniziamo a postare tutto quello che troviamo così sembola">sembola non teme che vediamo pericoli dove non ci sono. Ovvio che il sensazionalimso lo scatena il morto, e infatti anche qui sul forum compaiono solo news di ciclisti morti, ma di episodi solo lievemente meno gravi ne capitano praticamente ogni weekend. Che non ci vada di mezzo un ciclista secondo me è solo statistica, non siamo il 100% dei frequentatori dei boschi, ci sono altri cacciatori, chi passeggia, chi coglie castagne o funghi, etc.

Hot

Un morto o un ferito sono eventi drammatici.
Indipendentemente se la vittima è un ciclista o un palombaro

Skywalker67

khalit Gli oggetti Gli oggetti hanno una destinazione d'uso: il treno, il trasporto di beni e persone. Il fucile, uccidere. Puerile e fuorviante è ribaltare questo dato oggettivo. Poi posso pure prendere un mazzo di fiori e soffocarci qualcuno, ma non tutti i mazzi di fiori vengono acquistati per questo scopo. Così come posso comprare un fucile ed utilizzarlo come zeppa traballante per il tavolo. I mazzi di fiori vengono venduti per farne omaggio, i fucili per uccidere. Poi raccontati quello che vuoi… Io non mi racconto le favolette, a differenza di altri. Nel tuo esempio, tu hai deciso che il mazzo di fiori (ti) venisse venduto per soffocare qualcuno, e questo è ciò che conta in relazione all'azione da te commessa. Oppure la destinazione d'uso degli oggetti è decisa a maggioranza, in funzione di cosa ci fa la maggior parte di coloro che li compera? Secondo me i fiori vengono venduti per fare soldi. Come li utilizzi poi chi li compra, è il compratore stesso che lo decide. Questo fa sì che i fiori siano uno stumento di guadagno? Sei tu che hai dato un fine ai fiori che hai comprato, senza di te quei fiori sarebbero rimasti nel campo o nella serra senza far male ad alcuno, esattamente come un fucile nella sua custodia. Io la mia pistola la uso per fare sport (bucare fogli di cartone e vincere una gara), per me è un attrezzo di destinazione sportiva, qualcun altro la usa per fare buchi in esseri… Continua a leggere »

D-Lock
sembola

Ad ogni modo, è evidente che una problematica di "visibilità" esiste, anche quando non c'è alcuna imprudenza da parte del cacciatore. Per dire, se il cacciatore spara contro una lepre o un fagiano che prende il volo, coma fa a sapere che nella macchia dietro all'animale c'è qualcuno?
Qualcuno suggeriva di fare rumore, a me pare un'idea sensata.

Qualcuno potrebbe azzardarsi a suggerire che nel dubbio si rinuncia a sparare se non si ha una traiettoria completamente pulita che contempli anche cosa c'è DOPO la preda, ma immagino sia chiedere troppo.

crystlejameson1

Skywalker67 Io non mi racconto le favolette, a differenza di altri. Nel tuo esempio, tu hai deciso che il mazzo di fiori (ti) venisse venduto per soffocare qualcuno, e questo è ciò che conta in relazione all'azione da te commessa. Oppure la destinazione d'uso degli oggetti è decisa a maggioranza, in funzione di cosa ci fa la maggior parte di coloro che li compera? Secondo me i fiori vengono venduti per fare soldi. Come li utilizzi poi chi li compra, è il compratore stesso che lo decide. Questo fa sì che i fiori siano uno stumento di guadagno? Sei tu che hai dato un fine ai fiori che hai comprato, senza di te quei fiori sarebbero rimasti nel campo o nella serra senza far male ad alcuno, esattamente come un fucile nella sua custodia. Io la mia pistola la uso per fare sport (bucare fogli di cartone e vincere una gara), per me è un attrezzo di destinazione sportiva, qualcun altro la usa per fare buchi in esseri viventi; chi decide qual'è la destinazione dell'oggetto? La legge, l'etica, al massimo possono decidere se il mio fine è lecito e quello di un altro no, ma non decidono il fine dell'oggetto, quello lo decide chi lo usa, tant'è che la stessa legge riconosce che un oggetto può essere utiilizzato più facilmente di un altro per offendere (atto ad), ma non dice che l'oggetto è offensivo di per sè. Solo chi è superficiale confonde la maggiore o minore facilità di un oggetto… Continua a leggere »

crystlejameson1
Skywalker67

Solo chi è superficiale confonde la maggiore o minore facilità di un oggetto ad essere utilizzato come strumento di offesa con la sua destinazione d'uso.

Questa è una vera chicca. Sotto molteplici aspetti.

abala
abala

La caccia va abolita senza indugi
Unisciti alla discussione…

step90
marco
emmellevu

Ovviamente … sono senza parole !!!

Già non amo la caccia in sè, perchè non capisco dove stia il divertimento nello sparare a povere bestiole indifese (che non c'entra nulla con la caccia per la sopravvivenza dei nostri avi). Se poi si mettono a sparare ai cristiani … :ueh:

Condoglianze alla famiglia del biker.

Anticipo la risposta dei cacciatori
Ma tu non capisci: i cacciatori salvano la natura uccidendo gli animali in eccesso o quelli che danno fastidio, tipo i cinghiali. Sono i veri ecologisti di questo pianeta.

Il bello sarebbe vedere i cacciatori di fronte a degli animali che possano difendersi sparando anche loro. Scommetto che la caccia sparirebbe.

Peccato che la caccia fa più danni di quanto immaginano. Per non parlare del bracconaggio con cui rovinano anche gli ecosistemi.. Ma vaglielo a spiegare a certa gente…

kremer

Intanto in Liguria é successo questo http://www.ivg.it/2018/10/la-denunc…telli-di-pericolo-per-la-caccia-al-cinghiale/
posso confermare che quei cartelli ormai sono ovunque, anche se non mi é ben chiaro che valore abbiano, comunque se uno non volesse andare in zone segnalate dai cartelli, fa prima a starsene a casa.

Inviato dal mio ONEPLUS A5010 utilizzando Tapatalk

abala
abala

Proporrei un nuovo referendum per abolire la caccia

Tc70
marco

A me i cacciatori non piacciono, perché ammazzano per piacere. A ciò ci aggiungiamo gli incidenti. Io questa gente non la voglio nella natura…

Ne conosco molti di cacciatori e nessuno lascia le proprie prede a marcire a terra,se le mangiano e con gusto…non è per piacere,ma per qualcos'altro…gli errori nella vita li commettiamo tutti,dallo sciatore che ammazza sulle piste da sci al cacciatore che per errore ammazza un malcapitato,fungaiolo,trekker o mtbiker che sia o all'autista di turno che ubriaco esce da uno stop e fa un strage in un colpo solo…più che altro rivedrei meglio la concessione delle licenza qualsiasi essa sia,ma sopratutto quelle delle armi da fuoco,preparando e formando al meglio il futuro utilizzatore facendo fare anche dei test pratici e psicologici…un ragazzo di 20 anni con un fucile in mano ,cosa vuoi che ne sappia di tutte queste cose,è li da solo eccitato,magari impaurito ed è un attimo fare errori…pagherà le sue conseguenze,ma il problema sarebbe da analizzare a monte,per aver risultati a valle,ora le licenze si concedono troppo facilmente,basta aver pochi eur da investire,seguire un piccolo corso ed il gioco è fatto…poi succedono di queste disgrazie…e' tutto da rifare c'è poco da fare…

Marco Toniolo
Tc70

Ne conosco molti di cacciatori e nessuno lascia le proprie prede a marcire a terra,se le mangiano e con gusto…non è per piacere,ma per qualcos'altro.

Per il sapore primordiale di mangiare la propria preda? Perché è divertente sparare a essere viventi che si muovono? Perché così dimostri di essere uomo?
Ma in tutto questo, a casa li aspetta Wilma con la clava? O viceversa?
[​IMG]

Marco Toniolo
Marco Toniolo

Com'è beffardo il destino: il biker morto gestiva un ristorante vegetariano a Les Gets. Il cacciatore dice di averlo scambiato per un cinghiale:

Tc70
marco

Per il sapore primordiale di mangiare la propria preda? Perché è divertente sparare a essere viventi che si muovono? Perché così dimostri di essere uomo?
Ma in tutto questo, a casa li aspetta Wilma con la clava? O viceversa?
[​IMG]

Seguendo questo ragionamento,bisognerebbe andare in tutti i mattatoi del mondo,anche in quei luoghi sparano ad esseri viventi che si muovono e sparano pure con divertimento,solo che li gli esseri viventi non hanno la possibilità di fuga…poi però l'hamburger,la fiorentina,il brasato,lo stinco,le coscette…ecc.ecc.

_Alessandro_
D-Lock

Però chissà perchè nessuno dice niente dei pescatori…se vogliamo metterla sull'animalismo sarebbe da metter dentro anche questa categoria,anche loro fan parte del sapor primordiale del gusto di mangiarsi il pescato…altrimenti sì deve parlar solo di disgrazia,di attività più pericolosa di altre,nient'altro.

Sei troppo pacato e ragionevole per i toni che ha preso questa discussione. Ti consiglio di abbandonare.

marco

Per il sapore primordiale di mangiare la propria preda? Perché è divertente sparare a essere viventi che si muovono? Perché così dimostri di essere uomo? Ma in tutto questo, a casa li aspetta Wilma con la clava? O viceversa?

Senza parole.

l.j.silver
Tc70

Seguendo questo ragionamento,bisognerebbe andare in tutti i mattatoi del mondo,anche in quei luoghi ''sparano'' ( la parola sparano è solo dimostrativa)…ad esseri viventi che si muovono e ''sparano'' pure con divertimento,solo che li gli esseri viventi non hanno la possibilità di fuga…poi però l'hamburger,la fiorentina,il brasato,lo stinco,le coscette…cosi come le pappardelle al cinghiale,lo spiedo,il ragù di cervo…ecc.ecc.
Però chissà perchè nessuno dice niente dei pescatori…se vogliamo metterla sull'animalismo sarebbe da metter dentro anche questa categoria,anche loro fan parte del sapor primordiale del gusto di mangiarsi il pescato…altrimenti sì deve parlar solo di disgrazia,di attività più pericolosa di altre,nient'altro.

i pescatori non si impadroniscono del mare , ne sparano a chi lo frequenta oltre a loro e già questo non mi pare poco….

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

brubikeboard

i cacciatori come gli e-bikers: .astardii..!! drogatii..!
Divieto.
A morte. Tuti.

Tc70
l.j.silver

i pescatori non si impadroniscono del mare , ne sparano a chi lo frequenta oltre a loro e già questo non mi pare poco….

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

Bisognerebbe spiegarlo a Greenpeace quando vanno contro le baleniere…ma al di la di questo…il discorso deve essere scisso…tra etico/animalista e disgrazie/prevenzioni…non dovrebbe essere difficile…;-)

lollo72
lollo72

Ovviamente grande solidarietà hai famigliari della vittima . A me indegna il fatto che il colpevole dell’omicidio non sia stato ancora arrestato ( non me ne frega nulla se è in ospedale sotto shock !) e condannato solamente per omicidio colposo ; altro che “colposo” quello è “doloso” , se esci con un’arma per andare a caccia lo fai con l’intenzione di uccidere ( e qui ci sarebbe anche la premeditazione ! ) se tiri il grilletto per sparare lo fai coscenziosamente , volontariamente sapendo quali sono le conseguenze ; se non sai a cosa spari , prendi male la mira o non sei certo dell’esito NON SPARI , se lo fai te ne assumi tutte le responsabilità ; altro che “incidente” se maneggi un’arma concepita per sparare ed uccipere e te ne vai in giro con quello scopo (andare a caccia) sii conscio e responsabile di ciò che fai .

l.j.silver
Tc70

Bisognerebbe spiegarlo a Greenpeace quando vanno contro le baleniere…ma al di la di questo…il discorso deve essere scisso…tra etico/animalista e disgrazie/prevenzioni…non dovrebbe essere difficile…;-)

mi sembrano 2 cose un pochino differenti…
a me è successo innumerevoli volte di incontrare cacciatori , ma balenieri giapponesi mai, neppure quando vado al mare

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

Sailman
lollo72

Ovviamente grande solidarietà hai famigliari della vittima . A me indegna il fatto che il colpevole dell'omicidio non sia stato ancora arrestato ( non me ne frega nulla se è in ospedale sotto shock !) e condannato solamente per omicidio colposo ; altro che "colposo" quello è "doloso" , se esci con un'arma per andare a caccia lo fai con l'intenzione di uccidere ( e qui ci sarebbe anche la premeditazione ! ) se tiri il grilletto per sparare lo fai coscenziosamente , volontariamente sapendo quali sono le conseguenze ; se non sai a cosa spari , prendi male la mira o non sei certo dell'esito NON SPARI , se lo fai te ne assumi tutte le responsabilità ; altro che "incidente" se maneggi un'arma concepita per sparare ed uccipere e te ne vai in giro con quello scopo (andare a caccia) sii conscio e responsabile di ciò che fai .

Quello che dicevo io qualche tempo fa: dài 20 anni a questo coglione che spara nei cespugli, vedrai che da domenica prossima i suoi colleghi penseranno almeno fino a uno prima di sparare.

Tc70
l.j.silver

mi sembrano 2 cose un pochino differenti…
a me è successo innumerevoli volte di incontrare cacciatori , ma balenieri giapponesi mai, neppure quando vado al mare
e te lo dico da sostenitore di sea sheperd….

''i pescatori non si impadroniscono del mare,ne sparano a chi lo frequenta…''

Questo lo hai detto tu,io mi sono attenuto alle tue parole con un esempio…ripeto la cosa va scissa altrimenti non ce se ne viene più fuori,si corre il rischio di entrare in un turbinio di discorsi pro/contro senza fine…buon proseguimento 😉

Marco Toniolo
Tc70

''i pescatori non si impadroniscono del mare,ne sparano a chi lo frequenta…''

Questo lo hai detto tu,io mi sono attenuto alle tue parole con un esempio…ripeto la cosa va scissa altrimenti non ce se ne viene più fuori,si corre il rischio di entrare in un turbinio di discorsi pro/contro senza fine…buon proseguimento 😉

sui mari ultrapescati si potrebbero riempire altre 100 pagine del forum. È una strage che non si vede, ma c'è.

l.j.silver
Tc70

''i pescatori non si impadroniscono del mare,ne sparano a chi lo frequenta…''

Questo lo hai detto tu,io mi sono attenuto alle tue parole con un esempio…ripeto la cosa va scissa altrimenti non ce se ne viene più fuori,si corre il rischio di entrare in un turbinio di discorsi pro/contro senza fine…buon proseguimento 😉

mi spiace ma mi trovi in disaccordo, per avere problemi coi famigerati balenieri giapponesi devo andare nel bel mezzo dell' oceano.
per averceli coi cacciatori mi basta fare una passeggiata nel bosco…
la cosa mi sembra un tantino diversa non trovi?

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

Tc70
marco

sui mari ultrapescati si potrebbero riempire altre 100 pagine del forum. È una strage che non si vede, ma c'è.

Vero,non sembra,nessuno ci fa caso,ma c'è anche nei fiumi…

Sailman
marco

sui mari ultrapescati si potrebbero riempire altre 100 pagine del forum. È una strage che non si vede, ma c'è.

Però su questo, permettimi, possiamo tutti fare qualcosa mangiando anche pesci che non siano Branzini e orate (non di acquacoltura), tonni, scampi o gamberi.
Esistono nel mare nostrum specie di pesci che i pescatori non pescano, o pescano e poi buttano, perché non hanno richiesta per il solo fatto di avere magari più lische, o di avere un sapore più deciso, o di essere più difficili da cucinare….

Marco Toniolo
Sailman

Però su questo, permettimi, possiamo tutti fare qualcosa mangiando anche pesci che non siano Branzini e orate (non di acquacoltura), tonni, scampi o gamberi.
Esistono nel mare nostrum specie di pesci che i pescatori non pescano, o pescano e poi buttano, perché non hanno richiesta per il solo fatto di avere magari più lische, o di avere un sapore più deciso, o di essere più difficili da cucinare….

non volevo andare a parlare anche di pesca, comunque con me sfondi una porta aperta

Tc70

l.j.silver mi spiace ma mi trovi in disaccordo, per avere problemi coi famigerati balenieri giapponesi devo andare nel bel mezzo dell' oceano. per averceli coi cacciatori mi basta fare una passeggiata nel bosco… la cosa mi sembra un tantino diversa non trovi? Appunto,in entrambi i casi ci devi andare…tutti sanno il periodo di apertura e chiusura della pratica venatoria e si agisce di conseguenza,non possiamo proibire loro di sparare,la Legge lo permette e chi usufruisce di boschi durante tale periodo,dovrebbe prendere le sue dovute precauzioni,il bosco è di tutti non solo 'nostro'…con questo non giustifico il fatto e il ragazzo ha commesso un errore che gli costerà caro,piu' che altro condanno,e qui ritorno a quanto detto qualche post fa,il modo troppo facile,senza un minimo di esperienza e di pratica in cui queste licenze vengono rilasciate,durante il corso pre-licenza,dovrebbero introdurre oltre al riconoscimento delle specie animali,anche il comportamento da attuare oltre a quello stabilito e di aggiungere la clausula che ora nei boschi ci sono anche i bikers oltre i trekkers/fungaioli…e fare anche un esame pratico,per vedere se l'individuo è idoneo a tale pratica…un pò come la patente,se falli vieni cannato sia in teoria che in pratica,e anche l'auto è un mezzo pericoloso quanto un fucile,visto i morti che fa,la passeggiata la si può fare anche in paese…ma se la patente auto fosse rilasciata facilmente come tante licenze di caccia,i morti sarebbero molti di più…e non è un caso che in molti incidenti si scopre poi che la patente è stata… Continua a leggere »

lollo72
lollo72

Una parte del tuo discorso non regge :”tutti sanno il periodo di apertura e chiusura della pratica venatoria e si agisce di conseguenza,non possiamo proibire loro di sparare,la Legge lo permette e chi usufruisce di boschi durante tale periodo,dovrebbe prendere le sue dovute precauzioni,il bosco è di tutti non solo ‘nostro’.” . Il bosco è appunto di tutti non solo dei cacciatori , non centra nulla che abbiano un permesso per sparare , non devo sapere quando è aperta o chiusa la stagione venatoria e “attrezzarmi” di conseguenza ; l’unica cosa che devo sapere è che un cacciatore non può sparare ad una persona e se lo fa non c’è “incidente” che tenga l’arma è in suo possesso e ne deve essere totalmente responsabile . La licenza di caccia e la patente di guida poi non il trovo molto paragonabili ! però come sono recentemente state appesantite le pene con l’introduzione dell’omicidio stradale , mi aspetterei che anche a chi “sbaglia” sparando venissero tolte le attenuanti dell’involontarietà e venisse giudicato per atto “doloso” visto che è conscio di cosa provoca un’arma .

mirc0

ho una variante sul tema:
https://giornaleditreviglio.it/cron…ciatore-mentre-gioca-a-soft-air-e-grave-foto/
al cacciatore diamo almeno le attenuanti generiche per atteggiamento fagianesco del ferito?

l.j.silver

Tc70 Appunto,in entrambi i casi ci devi andare…tutti sanno il periodo di apertura e chiusura della pratica venatoria e si agisce di conseguenza,non possiamo proibire loro di sparare,la Legge lo permette e chi usufruisce di boschi durante tale periodo,dovrebbe prendere le sue dovute precauzioni,il bosco è di tutti non solo 'nostro'…con questo non giustifico il fatto e il ragazzo ha commesso un errore che gli costerà caro,piu' che altro condanno,e qui ritorno a quanto detto qualche post fa,il modo troppo facile,senza un minimo di esperienza e di pratica in cui queste licenze vengono rilasciate,durante il corso pre-licenza,dovrebbero introdurre oltre al riconoscimento delle specie animali,anche il comportamento da attuare oltre a quello stabilito e di aggiungere la clausula che ora nei boschi ci sono anche i bikers oltre i trekkers/fungaioli…e fare anche un esame pratico,per vedere se l'individuo è idoneo a tale pratica…un pò come la patente,se falli vieni cannato sia in teoria che in pratica,e anche l'auto è un mezzo pericoloso quanto un fucile,visto i morti che fa,la passeggiata la si può fare anche in paese…ma se la patente auto fosse rilasciata facilmente come tante licenze di caccia,i morti sarebbero molti di più…e non è un caso che in molti incidenti si scopre poi che la patente è stata comprata… Normale ci siano divergenze di parere,ognuno ha la sua,mi piace anche discuterne, e mi spiace non riuscire ad entrare in sintonia con alcuni,pazienza l'importante è che ci si rispetti reciprocamente Peace and love 😉 no guarda niente peace & love… Continua a leggere »

cianci
cianci

mi dispiace molto , per lui che ha perso la vita, per la famiglia colta da questa disgrazia improvvisa e anche per cacciatore che ha malauguratamente ammazzato una persona. Dev’essere un peso per tutti diverso ma sicuramente devastante. Condoglianze.
Per quanto riguarda la caccia, la pesca (io pesco prevalentemente no kill quando mi faccio giri lunghi dietro casa, o per mangiare alla sera, se la trota è oltre misura) non entro nei particolari se sia giusta o sbagliata, perché come tutte le pratiche sportive-ricreazionali-ludiche-hobbistiche, non si può fare di tutta l’erba un fascio.
Ci sarà chi lo fa con un’etica migliore ed una peggiore.
Certo, conosco molti che cacciano per postare la foto su instagram, per il trofeo, e quella gente la cancellerei dalla faccia della terra nello stesso modo.
Non vorrei generalizzare , insomma.
comunque condoglianze e occhi aperti ragazzi!

Tc70
lollo72

Una parte del tuo discorso non regge :"tutti sanno il periodo di apertura e chiusura della pratica venatoria e si agisce di conseguenza,non possiamo proibire loro di sparare,la Legge lo permette e chi usufruisce di boschi durante tale periodo,dovrebbe prendere le sue dovute precauzioni,il bosco è di tutti non solo 'nostro'." . Il bosco è appunto di tutti non solo dei cacciatori , non centra nulla che abbiano un permesso per sparare , non devo sapere quando è aperta o chiusa la stagione venatoria e "attrezzarmi" di conseguenza ; l'unica cosa che devo sapere è che un cacciatore non può sparare ad una persona e se lo fa non c'è "incidente" che tenga l'arma è in suo possesso e ne deve essere totalmente responsabile . La licenza di caccia e la patente di guida poi non il trovo molto paragonabili ! però come sono recentemente state appesantite le pene con l'introduzione dell'omicidio stradale , mi aspetterei che anche a chi "sbaglia" sparando venissero tolte le attenuanti dell'involontarietà e venisse giudicato per atto "doloso" visto che è conscio di cosa provoca un'arma .

L'ho già detto,ognuno la pensa alla propria maniera,tu la tua io la mia,giuste o sbagliate che siano…con questo chiudo e buon proseguimento a tutti.

ant1606
stefano86
stefano86

Qua non si è a discutere se la caccia sia o meno da vietare (personalmente la odio) qua si sta parlando del fatto che un cacciatore pure giovane quindi con riflessi decenti e si spera nel pieno della condizione psico fisica ha sparato a una persona che in sto caso è un biker ma che poteva benissimo essere un bambino a spasso con famiglia evidentemente senza nemmeno ragionare o guardare a cosa cavolo stava tirando!!! Santo dio sta gente va in giro armata a sparare ai fantasmi al minimo rumore che sentono e infatti ogni anno riescono a spararsi nel culo tra di loro, ma pensare che potrebbero non essere i soli no?!
Spero almeno che la giustizia sia un po meglio che in Italia

giorgiocat
stefano86

Qua non si è a discutere se la caccia sia o meno da vietare (personalmente la odio) qua si sta parlando del fatto che un cacciatore pure giovane quindi con riflessi decenti e si spera nel pieno della condizione psico fisica ha sparato a una persona che in sto caso è un biker ma che poteva benissimo essere un bambino a spasso con famiglia evidentemente senza nemmeno ragionare o guardare a cosa cavolo stava tirando!!! Santo dio sta gente va in giro armata a sparare ai fantasmi al minimo rumore che sentono e infatti ogni anno riescono a spararsi nel culo tra di loro, ma pensare che potrebbero non essere i soli no?!
Spero almeno che la giustizia sia un po meglio che in Italia

Eh insomma quello che dici tu e generalizzare con "la caccia è sbagliata" non è che siano cose molto diverse !

stefano86
stefano86

non sto generalizzando dico solo che prima di fare danni almeno guarda dove spari!

giorgiocat

Skywalker67 Io non mi racconto le favolette, a differenza di altri. Nel tuo esempio, tu hai deciso che il mazzo di fiori (ti) venisse venduto per soffocare qualcuno, e questo è ciò che conta in relazione all'azione da te commessa. Oppure la destinazione d'uso degli oggetti è decisa a maggioranza, in funzione di cosa ci fa la maggior parte di coloro che li compera? Secondo me i fiori vengono venduti per fare soldi. Come li utilizzi poi chi li compra, è il compratore stesso che lo decide. Questo fa sì che i fiori siano uno stumento di guadagno? Sei tu che hai dato un fine ai fiori che hai comprato, senza di te quei fiori sarebbero rimasti nel campo o nella serra senza far male ad alcuno, esattamente come un fucile nella sua custodia. Io la mia pistola la uso per fare sport (bucare fogli di cartone e vincere una gara), per me è un attrezzo di destinazione sportiva, qualcun altro la usa per fare buchi in esseri viventi; chi decide qual'è la destinazione dell'oggetto? La legge, l'etica, al massimo possono decidere se il mio fine è lecito e quello di un altro no, ma non decidono il fine dell'oggetto, quello lo decide chi lo usa, tant'è che la stessa legge riconosce che un oggetto può essere utiilizzato più facilmente di un altro per offendere (atto ad), ma non dice che l'oggetto è offensivo di per sè. Solo chi è superficiale confonde la maggiore o minore facilità di un oggetto… Continua a leggere »

iaco70

Certo che la responsabilità è di chi ha il fucile, non certo del bike. Ma anche un automobilista ha la responsabilità di dare precedenza ai pedoni,ma quando attraversi non stai comunque attento?

esempio per nulla appropriato.
e poi, un automobilista ha l'obbligo di dare la precedenza ai pedoni solo in prossimità delle strisce pedonali, negli altri casi è il contrario.
Sorry, non sono io che devo stare attento a che non mi sparino, sono gli altri a non dover sparare "a casaccio".

giorgiocat
stefano86

non sto generalizzando dico solo che prima di fare danni almeno guarda dove spari!

No stavo dicendo che visto che pure un cacciatore nel pieno delle sue facoltà psicofisiche (giovane e sveglio), come sostenevi tu e come è stato nella realtà, ha ucciso una persona, il passo per dire che la caccia è sbagliata in generale è molto breve

Dandelion
sembola

Vedrai che risate quando sarà possibile avere le armi con più facilità. Almeno, risate amare per te che sei di là dal confine, per noi ci sarà ben poco da ridere.

In Italia, ed in Europa, sarà molto difficile che questo succeda. Il recente recepimento dell'ultima direttiva comunitaria in materia (entrata in vigore il 14 settembre se non erro) ha posto limiti ancora più severi.

Fabyo75
Fabyo75

Qui in provincia di Varese come è iniziata la stagione venatoria d’improvvisso ci si trova con il sentiero bloccato salti distrutti secondo voi chi può essere???

D-Lock
Fabyo75

Qui in provincia di Varese come è iniziata la stagione venatoria d’improvvisso ci si trova con il sentiero bloccato salti distrutti secondo voi chi può essere???

I cinghiali ovviamente, ma vedrai che adesso quei benefattori dei cacciatori sistemeranno tutto.

(Tristi saluti da un altro varesotto)

Hot
giorgiocat

Guarda però mi sa che stiamo giocando con la retorica e cercando di confondere le acque. Un telefono è fatto per comunicare e un'automobile per spostarsi. Se ne può fare un uso criminoso? Certo.
Ma con un fucile in un bosco mi dici quale buona azione puoi compiere se non uccidere e rischiare di uccidere?

Prova a telefonare usando una Beretta 92 puntata alla tempia…

markxxx79

Intanto domenica , altro impallinato per errore :
https://www.google.it/amp/s/milano….s/varese_spara_a_nipote_caccia-208920935/amp/

giorgiocat
markxxx79

Intanto domenica , altro impallinato per errore :
https://www.google.it/amp/s/milano….s/varese_spara_a_nipote_caccia-208920935/amp/

Beh qua si parla di due cacciatori…scusami ma contenti loro…

markxxx79
giorgiocat

Beh qua si parla di due cacciatori…scusami ma contenti loro…

be certo , ma è sempre un essere umano colpito , ma soprattutto è il concetto stesso identico e sbagliato , non vedo e non sò che cosa c'è , ma sparo ugualmente sperando di beccare qualcosa …
…in questo caso il nipote !

Hot
markxxx79

be certo , ma è sempre un essere umano colpito , ma soprattutto è il concetto stesso identico e sbagliato , non vedo e non sò che cosa c'è , ma sparo ugualmente sperando di beccare qualcosa …
…in questo caso il nipote !

Come risolvere i conflitti familiari… 🙂

markxxx79
Hot

Come risolvere i conflitti familiari… 🙂

forse voleva una mancia più alta…

markxxx79
Hot

Come risolvere i conflitti familiari… 🙂

forse voleva una mancia più alta…

giorgiocat
markxxx79

be certo , ma è sempre un essere umano colpito , ma soprattutto è il concetto stesso identico e sbagliato , non vedo e non sò che cosa c'è , ma sparo ugualmente sperando di beccare qualcosa …
…in questo caso il nipote !

Si ma quello che voglio dire é che se non si rendono conto quando ci sono di mezzo loro… figurati quando ci sono gli altri

Sent from my SM-G935F using MTB-Forum mobile app

giorgiocat
markxxx79

be certo , ma è sempre un essere umano colpito , ma soprattutto è il concetto stesso identico e sbagliato , non vedo e non sò che cosa c'è , ma sparo ugualmente sperando di beccare qualcosa …
…in questo caso il nipote !

Si ma quello che voglio dire é che se non si rendono conto quando ci sono di mezzo loro… figurati quando ci sono gli altri

Sent from my SM-G935F using MTB-Forum mobile app

Sailman
mcpelo68
fabius8

Secondo me scrivi senza pensare.
1) io la caccia non è che l'abolirei….la debellerei proprio come si fa con una virus…così tanto per chiarirci le idee
2) chi va a caccia deve avere dei seri problemi di frustrazione..(prova ad andare a caccia a mani nude se ci riesci… almeno avresti il gusto di dire: l'ho cacciato con le mie mani!) altrimenti sei solo noia mischiata con la polvere.
3) quei dementi che fanno le battute di caccia normalmente hanno un Q.I. che non è nemmeno comparabile all'Homo Erectus…quindi vi lascio immaginare il livello..
più volte mi è capitato di imbattermi in queste simpatiche "combriccole"..e l'ultima volta mi sono sentito dire: ehi tu, fai attenzione che qui ci siamo noi….stiamo cacciando! Abbbe allora….veramente dovreste fare attenzione voi a me…non mi sembra di essere ne un cinghiale ne un fagiano….ne una lepre!
indi per cui? indi per cui per me la caccia andrebbe debellata come ho scritto sopra.
Punto.
Condoglianze a tutta la famiglia!

se domani dessero la possibilità di far il tesserino x la caccia al cacciatore, andrei ora a mettermi in fila!!!sai che bello aver finalmente in mano qualcosa di lungo e duro da puntar in faccia altrui?!!??:smile::smile:

D-Lock
mcpelo68

se domani dessero la possibilità di far il tesserino x la caccia al cacciatore, andrei ora a mettermi in fila!!!sai che bello aver finalmente in mano qualcosa di lungo e duro da puntar in faccia altrui?!!??:smile::smile:

Ma col tesserino a quanti cacciatori al giorno ho diritto?

bikerbull

fabius8 Secondo me scrivi senza pensare. 1) io la caccia non è che l'abolirei….la debellerei proprio come si fa con una virus…così tanto per chiarirci le idee 2) chi va a caccia deve avere dei seri problemi di frustrazione..(prova ad andare a caccia a mani nude se ci riesci… almeno avresti il gusto di dire: l'ho cacciato con le mie mani!) altrimenti sei solo noia mischiata con la polvere. 3) quei dementi che fanno le battute di caccia normalmente hanno un Q.I. che non è nemmeno comparabile all'Homo Erectus…quindi vi lascio immaginare il livello.. più volte mi è capitato di imbattermi in queste simpatiche "combriccole"..e l'ultima volta mi sono sentito dire: ehi tu, fai attenzione che qui ci siamo noi….stiamo cacciando! Abbbe allora….veramente dovreste fare attenzione voi a me…non mi sembra di essere ne un cinghiale ne un fagiano….ne una lepre! indi per cui? indi per cui per me la caccia andrebbe debellata come ho scritto sopra. Punto. Condoglianze a tutta la famiglia! Se dovessero dare retta a tutti quelli del ''io abolire i'', i primi a scomparire saremmo noi nei boschi (MTB) e subito dopo i cugini su asfalto (BDC), o forse il contrario:-x::yeah!:. Perché non mi va di postare tracce che fanno risalire ai protagonisti ma mi piacerebbe inviare la traccia di un tratto di pietraia in un percorso vita nelle mie zone, circa 350 mt. Record di percorrenza 37 secondi, poi 38 e via discorrendo. Praticamente quasi 35 Km/h. L'Homo Erectus c'è anche tra di noi fidati.… Continua a leggere »

bruno cg
bruno cg

Da quando ho letto un articolo di un biker “infastidito” da un cinghiale mi sono dotato di questo: https://fahrradklingel-shop.d

ant1606
FastaBike

Le nutrie che fanno danni agli argini (e non sono più utlli visto che nessuno compra più le pellicce) non vengono cacciate perchè? forse perchè non sono buone da mangiare

A qualcuno piacciono.
Nella zona piu' multietnica di Torino si trovano arrostite sui banchetti di "street food" nigeriano (ovviamente illegali). Le catturano a poca distanza, dove pullulano nel fiume Dora, e le autorita' non riescono a fermare il fenomeno. O forse fa comodo che qualcuno contribuisca a ridurne la popolazione 🙂

bonny92
ant1606

A qualcuno piacciono.
Nella zona piu' multietnica di Torino si trovano arrostite sui banchetti di "street food" nigeriano (ovviamente illegali). Le catturano a poca distanza, dove pullulano nel fiume Dora, e le autorita' non riescono a fermare il fenomeno. O forse fa comodo che qualcuno contribuisca a ridurne la popolazione 🙂

Oh signur!
Va beh, almeno fanno qualcosa di utile…

bgcarlo

Abito in collina, i cacciatori arrivano a pochi metri da casa. Allucinante! C’è poi la ciclabile del Fiume Marecchia (provincia di Rimini) dove in qualsiasi giorno della settimana c’è tanta gente, da chi fa sport alle famiglie con i bambini… eppure fischiano i pallini attorno al viso ed un Biker un paio di settimane fa è stato colpito vicino ad un occhio scatenando una serie di reazioni fra i pro e i contro la caccia. Io non sono favorevole alla caccia, ma aldilà di questo penso che ci vorrebbe buonsenso. Da parte mia mi vesto il più colorato e fluo possibile, casco compreso

Inviato dal mio iPhone utilizzando MTB-MAG.com

Marco Toniolo

THONON-LES-BAINS – La procura di Thonon-les-Bains ha chiarito alcuni dettagli dell'incidente di caccia avvenuto lo scorso fine settimana a Montriond, nell'Alta Savoia, a causa del quale un ciclista britannico di 34 anni ha perso la vita.

L'incidente è avvenuto intorno alle 18 di sabato. La battuta di caccia era iniziata alle 6.30 di quella mattina ed era ripresa alle 16.30. Otto gli uomini che vi prendevano parte: «sei tra i 20 e i 23 anni e due di una quarantina d'anni» ha precisato il procuratore Philippe Toccanier. I cacciatori si erano posizionato lungo una linea elettrica che costeggiava il sentiero percorso dal mountain biker. Secondo la prima ricostruzione il 34enne indossava abiti dai colori sgargianti ed è impossibile che non sia stato notato dal 22enne che ha aperto il fuoco: «La zona era allo scoperto, la visuale perfetta».

Lo sparo è stato «particolarmente letale per numerosi organi vitali»: il proiettile è entrato dalla scapola sinistra ed è arrivato fino alla clavicola destra. I partecipanti alla battuta di caccia sono stati tutti interrogati, a eccezione del giovane che ha aperto il fuoco che è ancora ricoverato in ospedale in stato di choc.

Il sindaco di Montriond, in seguito all'incidente, ha temporaneamente sospeso l'attività venatoria nel territorio comunale e all'Ufficio nazionale della caccia e della fauna selvatica è stato richiesto un rapporto per stabilire quale infrazioni ai regolamenti sono state compiute sabato.

https://www.tio.ch/dal-mondo/cronac…o-da-un-cacciatore—la-visuale-era-perfetta-

Hot

Un povero stronzetto armato che si è rovinato la vita ammazzando un povero cristo innocente. A cui la vita l'ha tolta, distruggendo anche la sua famglia.
Come è possibile che uno così potesse girare armato senza avere la minima coscienza di ciò che poteva combinare?

marco

il 34enne indossava abiti dai colori sgargianti ed è impossibile che non sia stato notato dal 22enne che ha aperto il fuoco: «La zona era allo scoperto, la visuale perfetta».

Nessuna scusante nessuna attenuante.
Un coglione, armato di fucile, libero di circolare nei boschi.

marpa

Dallo svolgimento dei fatti sembra una scena di Rambo. Mi domando se ragazzi di 20-23 anni (ma probabilmente anche più vecchi) si rendono conto di avere in mano un’arma e siano in grado di riflettere prima di puntare e sparare.

Marco Toniolo
marco

THONON-LES-BAINS – La procura di Thonon-les-Bains ha chiarito alcuni dettagli dell'incidente di caccia avvenuto lo scorso fine settimana a Montriond, nell'Alta Savoia, a causa del quale un ciclista britannico di 34 anni ha perso la vita.

L'incidente è avvenuto intorno alle 18 di sabato. La battuta di caccia era iniziata alle 6.30 di quella mattina ed era ripresa alle 16.30. Otto gli uomini che vi prendevano parte: «sei tra i 20 e i 23 anni e due di una quarantina d'anni» ha precisato il procuratore Philippe Toccanier. I cacciatori si erano posizionato lungo una linea elettrica che costeggiava il sentiero percorso dal mountain biker. Secondo la prima ricostruzione il 34enne indossava abiti dai colori sgargianti ed è impossibile che non sia stato notato dal 22enne che ha aperto il fuoco: «La zona era allo scoperto, la visuale perfetta».

Lo sparo è stato «particolarmente letale per numerosi organi vitali»: il proiettile è entrato dalla scapola sinistra ed è arrivato fino alla clavicola destra. I partecipanti alla battuta di caccia sono stati tutti interrogati, a eccezione del giovane che ha aperto il fuoco che è ancora ricoverato in ospedale in stato di choc.

Il sindaco di Montriond, in seguito all'incidente, ha temporaneamente sospeso l'attività venatoria nel territorio comunale e all'Ufficio nazionale della caccia e della fauna selvatica è stato richiesto un rapporto per stabilire quale infrazioni ai regolamenti sono state compiute sabato.

https://www.tio.ch/dal-mondo/cronac…o-da-un-cacciatore—la-visuale-era-perfetta-

secondo me nella pausa fra la mattina e la sera si erano scolati l'impossibile

Hot
marco

secondo me nella pausa fra la mattina e la sera si erano scolati l'impossibile

Giusto per migliorare l'acutezza visiva e i riflessi

Robirat

Ho la fortuna di abitare in un paradiso per la mtb, esco dal cancello e sono già per boschi. Il rovescio della medaglia è che i cacciatori arrivano veramente vicino alle case infrangendo la legge. Io rispetto a malincuore la loro caccia ma loro non rispettano spesso la legge.le Domeniche i martedi e venerdi dove la caccia è sospesa da noi, loro spesso sono ugualmente in giro a sparare. Spesso i sentieri che faccio sono versmente in mezzo al bosco e non vorrei essere uccisa per un pirla del genere. L'altro ieri ero in cortile e ne ho visti cinque o sei col fucile su per la collina davanti a casa a circa 100 metri dalla casa dei miei vicini.

Sailman

Comunque, parlando di proposte e conoscendo le "abitudini" dei cacciatori, prevedere il reato di "caccia in stato di ebbrezza" con relativo alcool test per chi va a caccia non mi pare così impraticabile.
E servirebbe comunque come aggravante in caso di incidenti simili.

mcpelo68
Hot

Un povero stronzetto armato che si è rovinato la vita ammazzando un povero cristo innocente. A cui la vita l'ha tolta, distruggendo anche la sua famglia.
Come è possibile che uno così potesse girare armato senza avere la minima coscienza di ciò che poteva combinare?

Nessuna scusante nessuna attenuante.
Un coglione, armato di fucile, libero di circolare nei boschi.

stronzetto che si è rovinato la vita? se và bene appena si "riprende" farà la scarrellata di di tutti i talk show della TV…diventando na star …alla faccia del povero cristo! "mi spiace x lui" ma…in galera deve andare ,E STARCI .. a maggior ragione se il ciclista era (come pensavo ) vestito ben visibile!

crystlejameson1

marco THONON-LES-BAINS – La procura di Thonon-les-Bains ha chiarito alcuni dettagli dell'incidente di caccia avvenuto lo scorso fine settimana a Montriond, nell'Alta Savoia, a causa del quale un ciclista britannico di 34 anni ha perso la vita. L'incidente è avvenuto intorno alle 18 di sabato. La battuta di caccia era iniziata alle 6.30 di quella mattina ed era ripresa alle 16.30. Otto gli uomini che vi prendevano parte: «sei tra i 20 e i 23 anni e due di una quarantina d'anni» ha precisato il procuratore Philippe Toccanier. I cacciatori si erano posizionato lungo una linea elettrica che costeggiava il sentiero percorso dal mountain biker. Secondo la prima ricostruzione il 34enne indossava abiti dai colori sgargianti ed è impossibile che non sia stato notato dal 22enne che ha aperto il fuoco: «La zona era allo scoperto, la visuale perfetta». Lo sparo è stato «particolarmente letale per numerosi organi vitali»: il proiettile è entrato dalla scapola sinistra ed è arrivato fino alla clavicola destra. I partecipanti alla battuta di caccia sono stati tutti interrogati, a eccezione del giovane che ha aperto il fuoco che è ancora ricoverato in ospedale in stato di choc. Il sindaco di Montriond, in seguito all'incidente, ha temporaneamente sospeso l'attività venatoria nel territorio comunale e all'Ufficio nazionale della caccia e della fauna selvatica è stato richiesto un rapporto per stabilire quale infrazioni ai regolamenti sono state compiute sabato. https://www.tio.ch/dal-mondo/cronac…o-da-un-cacciatore—la-visuale-era-perfetta- D'accordo Marco, ma questo report lascia il tempo che trova, d'altronde è un articolo di cronaca, chi ci… Continua a leggere »

D-Lock
khalit

D'accordo Marco, ma questo report lascia il tempo che trova, d'altronde è un articolo di cronaca, chi ci dice che non sia stato scritto da qualcuno di parte? (cit.)
Inoltre il metodo scientifico non è applicabile, è successo in Francia, hanno leggi diverse, anche la legge di gravitazione universal si applica differentemente… diamine, parlano addirittura francese! (cit.)
E diciamola tutta: chi ci assicura che il biker inglese non abbia assalito il cacciatore brandendo impropriamente il forcellino? (cit.)

Hai dimenticato "il bosco è di tutti" e "imporre divieti è sempre una cosa sbagliata".

crystlejameson1
D-Lock

Hai dimenticato "il bosco è di tutti" e "imporre divieti è sempre una cosa sbagliata".

Giusto! E le balene? Chi ci pensa alle balene?

ste97

una giovane vita stroncata e due famiglie che rimarranno segnate, quella della vittima e quella del [email protected] armato. questa e la famosa caccia di selezione, si abbattono solo animali con evidenti problemi e lo si fa per migliorare la specie, questo e un servizio che i cacciatori ci offrono, non e vero che si spara a tutto cio che si muove, assolutissimamente no. non riesco piu a dispiacermi quando succede che si sparano tra di loro.

Marco Toniolo
khalit

Giusto! E le balene? Chi ci pensa alle balene?

ti sei anche dimenticato della caccia selettiva, dove sparano solo quando sicuri di prendere un animale e non un poveraccio. I cacciatori salvano il pianeta, se tutti cacciassimo non ci sarebbe bisogno di allevamenti, si vivrebbe tutti meglio.

crystlejameson1
marco

ti sei anche dimenticato della caccia selettiva, dove sparano solo quando sicuri di prendere un animale e non un poveraccio. I cacciatori salvano il pianeta, se tutti cacciassimo non ci sarebbe bisogno di allevamenti, si vivrebbe tutti meglio.

Accidenti… la mia superficialità e infantilità non ha scusanti…:-(

::::FLARE::::

Trascuriamo completamente le questioni etiche e animaliste, che sono sempre soggette alla sensibilità individuale. Quello che invece è un dato incontrovertibile è questo: nella stagione 2017-2018 le vittime in campo venatorio sono state in totale 84 feriti e 30 morti.84 feriti e 30 morti. In pochi mesi. Roba che solo le faide mafiose in alta stagione. Basta questo per capire quanto sia un'attività follemente pericolosa, e cosa peggiore, quasi sempre letale non per chi la pratica, ma per chi non ne ha niente a che fare. Dovrebbe bastare questo per far dire a chiunque che non dovrebbe esistere. Un pò come se fossero legali le gare di auto su strada aperta al traffico. L'idea è disturbante, ma la caccia non è molto diversa in quanto a probabilità di ledere l'altrui diritto alla vita, siamo solo malauguratamente abituati a conviverci.
E la tradizione non è un pretesto per mantenere vive abitudini incivili e nefandezze varie. Oggi figuratevi che votano anche alle donne, e i maestri non fanno più inginocchiare i ragazzini sui ceci. Per dire.
I dati sopra riportati vengono da vittimedellacaccia.org, verificateli e date un'occhiata al loro sito nel contempo, ci sono approfondimenti di carattere legale e altre cose interessanti.

crystlejameson1
::::FLARE::::

Trascuriamo completamente le questioni etiche e animaliste, che sono sempre soggette alla sensibilità individuale. Quello che invece è un dato incontrovertibile è questo: nella stagione 2017-2018 le vittime in campo venatorio sono state in totale 84 feriti e 30 morti.84 feriti e 30 morti. In pochi mesi. Roba che solo le faide mafiose in alta stagione. Basta questo per capire quanto sia un'attività follemente pericolosa, e cosa peggiore, quasi sempre letale non per chi la pratica, ma per chi non ne ha niente a che fare. Dovrebbe bastare questo per far dire a chiunque che non dovrebbe esistere. Un pò come se fossero legali le gare di auto su strada aperta al traffico. L'idea è disturbante, ma la caccia non è molto diversa in quanto a probabilità di ledere l'altrui diritto alla vita, siamo solo malauguratamente abituati a conviverci.
E la tradizione non è un pretesto per mantenere vive abitudini incivili e nefandezze varie. Oggi figuratevi che votano anche alle donne, e i maestri non fanno più inginocchiare i ragazzini sui ceci. Per dire.
I dati sopra riportati vengono da vittimedellacaccia.org, verificateli e date un'occhiata al loro sito nel contempo, ci sono approfondimenti di carattere legale e altre cose interessanti.

L'associazione è già stata citata e alcuni dei dati riportati. Ma ci è stato detto che sono di parte e manipolano i dati come vogliono (anche se, a pensarci bene, non ci sono stati forniti dati che potessero avvalorare questa tesi, affirmanti incubit probatio…)

::::FLARE::::
khalit

L'associazione è già stata citata e alcuni dei dati riportati. Ma ci è stato detto che sono di parte e manipolano i dati come vogliono (anche se, a pensarci bene, non ci sono stati forniti dati che potessero avvalorare questa tesi, affirmanti incubit probatio…)

Se ho un attimo oggi li contatto e chiedo da che fonte traggono i dati. Interessa anche me la questiome, non mi basta che un dato mi compiaccia o venga da una fonte ideologicamente affine per considerarlo implicitamente affidabile.

crystlejameson1
::::FLARE::::

Se ho un attimo oggi li contatto e chiedo da che fonte traggono i dati. Interessa anche me la questiome, non mi basta che un dato mi compiaccia o venga da una fonte ideologicamente affine per considerarlo implicitamente affidabile.

Ed è un'ottima abitudine. Dal file PDF si evince che raccolgono i fatti di cronaca (citati nel documento) riportati dai media e stilano una casistica. Semmai (visto quanto contestato) potresti chiedere quale metodologia adottano.

l.j.silver

e siamo solo all'inizio…….:!: SETTEMBRE -06.09.2018 – NUORO 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Parte fucilata, cacciatore 39enne di Ottana ferito da un compagno di battuta a Olzai, un 64enne. Fonte:http://www.lanuovasardegna.it -08.09.2018 – MESSINA 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Barcellona P.G., un uomo di 59 anni ferito in un incidente di caccia sulle colline di Protonotaro da un compagno durante una battuta di caccia. Fonte: http://www.amnotizie.it -09.09.2018 – PERUGIA 1 MORTO CACCIATORE – AUTOLESIONE – AMBITO VENATORIO Massa Martana, cacciatore muore durante una battuta. Si tratterebbe di un 60enne. Fonte:http://www.ilgazzettino.it *-13.09.2018 – AGRIGENTO 1 MORTO NON CACCIATORE – AMBITO EXTRAVENATORIO Agricoltore ucciso. Confessa un uomo di 84 anni per continue tensioni e liti per questioni di vicinato: avrebbe esploso – a pochi metri di distanza – due colpi di fucile legalmente detenuto. Fonte:http://www.agrigentonotizie.it -14.09.2018 – GENOVA 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Campo Ligure, detiene illegalmente fucile da caccia e si ferisce: denunciato. Un 66enne di Campo Ligure è finito all'ospedale con una ferita da arma da fuoco a un polpaccio. Fonte: http://www.ligurianotizie.it -15.09.2018 – MANTOVA 1 MORTO CACCIATORE – AMBITO EXTRAVENATORIO Roncoferraro. Parte un colpo mentre pulisce il fucile, muore cacciatore in casa. Fonte:http://www.vocedimantova.it – 16.09.2018 – SAVONA 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Cacciatore si ferisce nei boschi di Magliolo. Fonte: http://www.rsvn.it *-17.09.2018 – CESENA 1 FERITO NON-CACCIATORE – MINORE – AMBITO VENATORIO Cesena. Spari vicino a casa, cacciatore ferisce un bambino di 8 anni che era nel cortile con i genitori. È stato colpito alla schiena… Continua a leggere »

mcpelo68

l.j.silver e siamo solo all'inizio…….:!: se facessimo un decimo degli incidenti che fan costoro, ci avrebbero gia' chiuso l'accesso ai sentieri….. SETTEMBRE -06.09.2018 – NUORO 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Parte fucilata, cacciatore 39enne di Ottana ferito da un compagno di battuta a Olzai, un 64enne. Fonte:http://www.lanuovasardegna.it -08.09.2018 – MESSINA 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Barcellona P.G., un uomo di 59 anni ferito in un incidente di caccia sulle colline di Protonotaro da un compagno durante una battuta di caccia. Fonte: http://www.amnotizie.it -09.09.2018 – PERUGIA 1 MORTO CACCIATORE – AUTOLESIONE – AMBITO VENATORIO Massa Martana, cacciatore muore durante una battuta. Si tratterebbe di un 60enne. Fonte:http://www.ilgazzettino.it *-13.09.2018 – AGRIGENTO 1 MORTO NON CACCIATORE – AMBITO EXTRAVENATORIO Agricoltore ucciso. Confessa un uomo di 84 anni per continue tensioni e liti per questioni di vicinato: avrebbe esploso – a pochi metri di distanza – due colpi di fucile legalmente detenuto. Fonte:http://www.agrigentonotizie.it -14.09.2018 – GENOVA 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Campo Ligure, detiene illegalmente fucile da caccia e si ferisce: denunciato. Un 66enne di Campo Ligure è finito all'ospedale con una ferita da arma da fuoco a un polpaccio. Fonte: http://www.ligurianotizie.it -15.09.2018 – MANTOVA 1 MORTO CACCIATORE – AMBITO EXTRAVENATORIO Roncoferraro. Parte un colpo mentre pulisce il fucile, muore cacciatore in casa. Fonte:http://www.vocedimantova.it – 16.09.2018 – SAVONA 1 FERITO CACCIATORE – AMBITO VENATORIO Cacciatore si ferisce nei boschi di Magliolo. Fonte: http://www.rsvn.it *-17.09.2018 – CESENA 1 FERITO NON-CACCIATORE – MINORE – AMBITO VENATORIO Cesena. Spari vicino a casa, cacciatore ferisce… Continua a leggere »

MauroPS
ste97

una giovane vita stroncata e due famiglie che rimarranno segnate, quella della vittima e quella del [email protected] armato. questa e la famosa caccia di selezione, si abbattono solo animali con evidenti problemi e lo si fa per migliorare la specie, questo e un servizio che i cacciatori ci offrono, non e vero che si spara a tutto cio che si muove, assolutissimamente no. non riesco piu a dispiacermi quando succede che si sparano tra di loro.

il problema è proprio che questo servizio non dovrebbero farlo dei comuni cittadini dotati di fucile…
non si può lasciare agli amatori il compito di contenere la fauna selvatica, magari portandosi anche le prede a casa per mangiarle.

crystlejameson1
mcpelo68

mbhè mi meraviglio però dei…raccoglitori di kiwi a faenza!! ma non potevano star attenti?

Cesena. Spari vicino a casa, cacciatore ferisce un bambino di 8 anni che era nel cortile con i genitori. È stato colpito alla schiena da un pallino.

Ma si può stare in cortile con i genitori mentre i cacciatori esercitano il loro sacrosanto diritto di sparare a prede ben selezionate? E' da irresponsabili!

crystlejameson1

Ciclista impallinato dal cacciatore. L’uomo stava percorrendo la ciclabile sul fiume Marecchia: colpito al volto

E questo qui? Ma vai al lavoro in macchina, no?

crystlejameson1
sembola

Ripeto, se ci limitiamo al nostro ambito, sul forum in quindici anni abbiamo letto di tre (o due) biker feriti. Sono tre di troppo, ma sono tre, mentre nel frattempo sono morti TREMILA ciclisti sulle strade italiane. Su cosa temere maggiormente io non ho alcun dubbio.

Anche se 114 incidenti su 750.000 licenze (prendo i dati per buoni) sono lo 0.01%, o 1,5 incidenti ogni 10.000 licenze.

E, a proposito di metodo scientifico ed onestà intellettuale, non si può parlare di ambito limitato (tre morti citati sul forum) e poi fare paragoni ben più generali (3000 ciclisti sulle strade.. sono morti riportate TUTTE sul forum?)
Ma volendo giocare a questo gioco:

Numero di morti di ciclisti stradali percentuali annui: 300 (fonte: http://www.nonsprecare.it/ciclisti-incidenti-stradali-italia)
Numero di patenti ATTIVE in italia: 38.731.069 (fonte: https://www.repubblica.it/motori/se…atenti_ne_abbiamo_quasi_40_milioni-169958703/)
Percentuali di morti su numero di patentati: 0,0008%

Numero di morti di persone coinvolte nella caccia (2017 – 2018): 30 (Fonte: vedi il post vittime della caccia sopra)
Numero di licenze per caccia: 750.000
percentuali di morti su numero di licenze: 0,004%

Se ci limitiamo ai soli ciclisti riportati sul forum (2) la percentuale è: 0,0003%

Ora, non ho i dati che riguardano il numero di mountain biker rispetto al numero di ciclisti da strada, city biker e occasionali, ma ad occhio bisognerebbe rivedere "cosa temere maggiormente", sia come casistica più ampia (0,004% contro 0,0008%) sia come casistica proporzionale (0,0003% contro 0,0008%, che è di poco minore, ma con un numero di persone coinvolto decisamente maggiore)

bikerbull
D-Lock

Hai dimenticato "il bosco è di tutti" e "imporre divieti è sempre una cosa sbagliata".

Leggendo sarcasmo, la frase ''imporre divieti è sempre sbagliato'' sa di contro-politica all'italiana, perdonami.
Chi parla di non imporre divieti penso intenda (o almeno io la intendo cosi) che la pratica di sostituire l'educazione, la formazione e il senso civico con i divieti secondo me è sbagliata e tappa-buchi. Nessuno penso proclami anarchia totale.
Le persone a mio modo di vedere andrebbero educate e formate tramite anche pene severe e certe. E' inutile vietare tutto per poi dare pene da scuola materna se uno infrange la legge.
Un esempio off topic:

https://www.google.com/maps/@46.343…4!1soYg-tnNfPlmzZymOM2L9Tw!2e0!7i13312!8i6656

https://www.google.com/maps/@46.327…=293.0367&pitch=0&thumbfov=100!7i13312!8i6656

situazione base simile: paese, limite orario 50Km/h
differenze: striscia continua da una parte (non oltrepassabile)ITALIA, striscia discontinua dall'altra (oltrepassabile)SVIZZERA
Indovina dove si scambia un paese per un autostrada.
In Italia è vietato tutto ormai, ma tutti se ne sbattono il cazzo perché tanto tra un patteggiamento e uno sconto di pena la galera non la si vede mai.
Io sono dell'idea che più' equilibrio tra divieti (abusati secondo me) e formazione (bastone e carota) sia la ricetta giusta.

PS. ultimo esempio poi non scasso più'. Vado in bici in Engadina e Prettigovia da parecchi anni. I biker suonano il campanello e gli escursionisti si spostano, ma convivono. In Italia il biker se ne sbatte le scatole, l'escursionista anche di più' ed ecco pronto il divieto per MTB.

Questo in Italia, in Francia non so.

D-Lock

bikerbull">bikerbull guarda che infatti parafrasavo un altro utente che diceva che non dovevamo dare addosso ai cacciatori e chiederne l'esclusione dall' usufrutto dei boschi perchè potrebbe capitare la stessa cosa poi a noi. Niente di più lontano da come la penso io, non sono un anarchico e penso che per contenere la stupidità e l'egoismo delle persone, le leggi servono eccome, e vanno fatte rispettare. Ma secondo me i bikers (come gruppo in generale, adesso non iniziate a citare quelli che agiscono come criminali, singolarmente vanno puniti tutti) sono un soggetto non pericoloso tra chi va per boschi, specie se paragonati ai cacciatori.

crystlejameson1

bikerbull Leggendo sarcasmo, la frase ''imporre divieti è sempre sbagliato'' sa di contro-politica all'italiana, perdonami. Chi parla di non imporre divieti penso intenda (o almeno io la intendo cosi) che la pratica di sostituire l'educazione, la formazione e il senso civico con i divieti secondo me è sbagliata e tappa-buchi. Nessuno penso proclami anarchia totale. Le persone a mio modo di vedere andrebbero educate e formate tramite anche pene severe e certe. E' inutile vietare tutto per poi dare pene da scuola materna se uno infrange la legge. Un esempio off topic: https://www.google.com/maps/@46.343…4!1soYg-tnNfPlmzZymOM2L9Tw!2e0!7i13312!8i6656 https://www.google.com/maps/@46.3272184,9.4181375,3a,75y,86.11h,82.08t/data=!3m7!1e1!3m5!1saQm6WjIy_E7pOUsVQq8ONg!2e0!6s//geo3.ggpht.com/cbk?panoid=aQm6WjIy_E7pOUsVQq8ONg&output=thumbnail&cb_client=maps_sv.tactile.gps&thumb=2&w=203&h=100&yaw=293.0367&pitch=0&thumbfov=100!7i13312!8i6656 situazione base simile: paese, limite orario 50Km/h differenze: striscia continua da una parte (non oltrepassabile)ITALIA, striscia discontinua dall'altra (oltrepassabile)SVIZZERA Indovina dove si scambia un paese per un autostrada. In Italia è vietato tutto ormai, ma tutti se ne sbattono il cazzo perché tanto tra un patteggiamento e uno sconto di pena la galera non la si vede mai. Io sono dell'idea che più' equilibrio tra divieti (abusati secondo me) e formazione (bastone e carota) sia la ricetta giusta. PS. ultimo esempio poi non scasso più'. Vado in bici in Engadina e Prettigovia da parecchi anni. I biker suonano il campanello e gli escursionisti si spostano, ma convivono. In Italia il biker se ne sbatte le scatole, l'escursionista anche di più' ed ecco pronto il divieto per MTB. Questo in Italia, in Francia non so. Purtroppo chi ha parlato di sbaglio nell'imporre i divieti l'ha fatto seguendo un altro ragionamento: "meglio non vietare qualcosa a loro o… Continua a leggere »

ste97
MauroPS

il problema è proprio che questo servizio non dovrebbero farlo dei comuni cittadini dotati di fucile…
non si può lasciare agli amatori il compito di contenere la fauna selvatica, magari portandosi anche le prede a casa per mangiarle.

la mia era ironia, oltre il 90% spara non appena vede muoversi qualcosa, che sia una femmina con piccoli o un maschio perfettamente sano, che sia il collega che è andato a [email protected] in mezzo ai cespugli o per l' appunto uno sventurato ciclista di passaggio, intanto si spara, poi si vede, ogni tanto va male.

_Alessandro_
khalit

E, a proposito di metodo scientifico ed onestà intellettuale […] ma ad occhio bisognerebbe rivedere "cosa temere maggiormente", sia come casistica più ampia (0,004% contro 0,0008%) sia come casistica proporzionale (0,0003% contro 0,0008%, che è di poco minore, ma con un numero di persone coinvolto decisamente maggiore)

Non ho capito. Cosa dovremmo "temere maggiormente" : percentuali alte o basse?

crystlejameson1
_Alessandro_

Non ho capito. Cosa dovremmo "temere maggiormente" : percentuali alte o basse?

Mi riferivo al messaggio quotato nel mio post in cui si invitava a temere maggiormente (da parte dei fruitori delle due ruote) gli automobilisti rispetto ai cacciatori

Marco Toniolo

la storia diventa incredibile. Leggete cosa dicono di lui madre e sorella: https://www.thesun.co.uk/news/7499226/marc-sutton-death-france-family/
E a quanto pare la caccia era illegale..

tostarello

“He deserved to be shot like an animal — he was the biggest animal there was."

:OOO:

D-Lock

Non capisco, vogliono dipingerlo come una merda d'uomo che quindi meritava di morire?

mcpelo68
tostarello

“He deserved to be shot like an animal — he was the biggest animal there was."

:OOO:

non ho parole…

crystlejameson1
mcpelo68

non ho parole…

"After news of his death broke Marc's sister Katie Toghill, 32, claimed he repeatedly raped and beat her when they were children"

Il Sun è un giornale sensazionalistico e scandalistico, non è proprio conosciuto per la professionalità dei suoi giornalisti. Non credo ci sia un piano per infangare il ciclista in favore dell'assassino, semplicemente era una notizia ghiotta tanto da scavare nel torbido…

crystlejameson1
mcpelo68

non ho parole…

"After news of his death broke Marc's sister Katie Toghill, 32, claimed he repeatedly raped and beat her when they were children"

Il Sun è un giornale sensazionalistico e scandalistico, non è proprio conosciuto per la professionalità dei suoi giornalisti. Non credo ci sia un piano per infangare il ciclista in favore dell'assassino, semplicemente era una notizia ghiotta tanto da scavare nel torbido…

l.j.silver

pensavo non si potesse fare peggio di "libero" ma vedo che the sun ci riesce benissimo….

Marco Toniolo
khalit

"After news of his death broke Marc's sister Katie Toghill, 32, claimed he repeatedly raped and beat her when they were children"

Il Sun è un giornale sensazionalistico e scandalistico, non è proprio conosciuto per la professionalità dei suoi giornalisti. Non credo ci sia un piano per infangare il ciclista in favore dell'assassino, semplicemente era una notizia ghiotta tanto da scavare nel torbido…

non è solo il sun: https://www.independent.co.uk/news/…-biker-france-rape-death-killed-a8587851.html
https://www.dailymail.co.uk/news/ar…Alps-rapist-Im-glad-hes-dead-says-MOTHER.html

un bel casino

l.j.silver

che storia pazzesca, il padre risponde alle accuse di madre e figlia, dicendo che è un antica faida familiare e che sono in cerca di visibilita'…..
che posticino anche l'Inghilterra…..

MauroPS

bè non è detto che uno solo perché fa mountain bike come noi sia per forza una brava persona.
due: è se non fosse stato un errore ma un omicidio?

Hot
MauroPS

è se non fosse stato un errore ma un omicidio?

Se è vero ciò che si dice del tipo tutto è possibile.
Ma che storia…

Tc70

[email protected] al di là delle faide famigliari,se vero che il cacciatore 22enne era in una battuta non legalizzata ed aveva solo il porto d'armi per pistola…scusate,in questo caso il 'cacciatore' ha davanti a se un bel ergastolo e spero lo sconti fino alla fine,ma stiamo scherzando?…Non è un errore,è un incoscienza e un atto criminale,punto e basta e sapete che io tendo sempre a trovare una mediazione delle parti,ma in questo caso,SE vero,mi auguro che il 22enne sconti la pena massima,lui e anche gli altri 17 che erano abusivamente con lui. Va bene tutto,ma quando si sfora [email protected] non ve bene nulla.

_Alessandro_
khalit

Mi riferivo al messaggio quotato nel mio post in cui si invitava a temere maggiormente (da parte dei fruitori delle due ruote) gli automobilisti rispetto ai cacciatori

Questo era chiaro… ma quel rapporto che hai fatto non misura di certo "cosa temere maggiormente"… In effetti ha ragione il buon Sembola nel sostenere che, per la categoria ciclisti, sono da temere più le auto dei cacciatori. Con questo nessuno vuol sminuire i problemi della caccia e/o la pericolosità delle armi da fuoco.

crystlejameson1
marco

non è solo il sun: https://www.independent.co.uk/news/…-biker-france-rape-death-killed-a8587851.html
https://www.dailymail.co.uk/news/article-6284027/British-man-mistakenly-killed-Alps-rapist-Im-glad-hes-de

_Alessandro_

Questo era chiaro… ma quel rapporto che hai fatto non misura di certo "cosa temere maggiormente"… In effetti ha ragione il buon Sembola nel sostenere che, per la categoria ciclisti, sono da temere più le auto dei cacciatori. Con questo nessuno vuol sminuire i problemi della caccia e/o la pericolosità delle armi da fuoco.

Hai ragione, per dovere di precisione, avrei dovuto inserire una proiezione sui giorni dell'anno (365 per le automobili, circa 50 per la caccia) che darebbe circa 0,8 morti al giorno per la strada e 0,6 morti al giorno per la caccia. Purtroppo non sarebbe ancora abbastanza accurato proprio perchè i periodi non sono paragonabili, dovremmo tenere la caccia aperta tutti i giorni dell'anno, a qualsiasi ora del giorno e della notte e poi potremmo fare un raffronto valido. Dovremmo poi, avere un quadro più completo della fruizione, in termini numerici, dei boschi da parte dei ciclisti mtb in rapporto ai ciclisti da strada (mtb, bdc, city bike, nonnetto che fa la spesa, bambino che va al parco etc). Ma visto l'esiguo scarto percentuale già esistente con le parziali percentuali che abbiamo raffrontato, non ti viene in mente che, dal momento che sembola non ha portato alcun argomento fattuale, ne tantomeno logico, forse ragione ragione proprio non ce l'ha. Capisco che i bias di conferma siano duri a morire, ma con percentuali così vicine in proporzione a rapporti numerici così esigui, un dubbio dovrebbe venire anche a te, credo.

Dandelion

Qui anche in italiano Chi era veramente Marc Sutton rimarrà avvolto per sempre nel mistero. Lui non potrà più difendersi dalle accuse rivoltegli da sua madre e da una sua ex ragazza dopo essere stato ucciso per sbaglio da un cacciatore che lo aveva scambiato per un animale. Da una parte ci sono loro, dall’altra la donna che Sutton ha amato fino all’ultimo giorno della sua vita. In mezzo, una marea di parole, di gravi accuse e il disprezzo di una madre verso un figlio che, come lei stessa ha dichiarato, “meritava di morire”. Sutton, 34 anni, è stato ucciso sabato mentre era in sella alla mountain bike lungo un sentiero a Montriond nelle Alpi francesi, vicino a Morzine: un cacciatore lo ha scambiato per un animale e ha fatto fuoco. «Spero che tu marcisca all'inferno Marc Thomas Sutton – ha scritto sua madre Katrina – La mia unica delusione è che sei morto all'istante. Per le persone che rimangono inorridite leggendo tutto questo, vi dico che non sono un troll, ma la donna che gli ha dato la vita. Quest'uomo era un mostro. Il cacciatore ha mirato bene. È una questione di karma». La donna ha dichiarato che il figlio era una pedofilo violento e che si sentiva sollevata dalla sua morte: «Ho pianto per il sollievo, sono contenta che sia morto. Meritava di essere ucciso come un animale: era il più grande animale che potesse esserci». In difesa di Sutton ha parlato la sua ultima compagna, Jo Watts,… Continua a leggere »

l.j.silver

Dandelion Qui anche in italiano Chi era veramente Marc Sutton rimarrà avvolto per sempre nel mistero. Lui non potrà più difendersi dalle accuse rivoltegli da sua madre e da una sua ex ragazza dopo essere stato ucciso per sbaglio da un cacciatore che lo aveva scambiato per un animale. Da una parte ci sono loro, dall’altra la donna che Sutton ha amato fino all’ultimo giorno della sua vita. In mezzo, una marea di parole, di gravi accuse e il disprezzo di una madre verso un figlio che, come lei stessa ha dichiarato, “meritava di morire”. Sutton, 34 anni, è stato ucciso sabato mentre era in sella alla mountain bike lungo un sentiero a Montriond nelle Alpi francesi, vicino a Morzine: un cacciatore lo ha scambiato per un animale e ha fatto fuoco. «Spero che tu marcisca all'inferno Marc Thomas Sutton – ha scritto sua madre Katrina – La mia unica delusione è che sei morto all'istante. Per le persone che rimangono inorridite leggendo tutto questo, vi dico che non sono un troll, ma la donna che gli ha dato la vita. Quest'uomo era un mostro. Il cacciatore ha mirato bene. È una questione di karma». La donna ha dichiarato che il figlio era una pedofilo violento e che si sentiva sollevata dalla sua morte: «Ho pianto per il sollievo, sono contenta che sia morto. Meritava di essere ucciso come un animale: era il più grande animale che potesse esserci». In difesa di Sutton ha parlato la sua ultima compagna, Jo… Continua a leggere »

_Alessandro_
khalit

Hai ragione, per dovere di precisione, avrei dovuto.

Secondo me fai un errore di fondo.

Con la tua statistica stai misurando cosa è più pericoloso e non cosa dobbiamo temere di più (e pensi di misurare l'altro).

crystlejameson1
_Alessandro_

Secondo me fai un errore di fondo.

Con la tua statistica stai misurando cosa è più pericoloso e non cosa dobbiamo temere di più (e pensi di misurare l'altro).

Cosa è più pericoloso è un dato oggettivo, cosa temiamo di più è soggettivo (aracnofobia, agorafobia, tricofobia etc). Io sto misurando (in maniera non esaustiva, vista la parzialità dei dati) l'incidenza percentuale degli incidenti di caccia in base al periodo annuo e il numero dei cacciatori, quelli di strada in base alle patenti e al periodo annuo, riferiti, purtroppo ad un numero non stimabile (in un periodo non raffrontabile "equamente") di ciclisti, sia per una che per l'altra incidenza. Questo è il dato oggettivo. Il resto è una tua, perdonami, proiezione mentale

P.s. ho corretto successivamente un refuso: non esaustiva

_Alessandro_
khalit

Cosa è più pericoloso è un dato oggettivo, cosa temiamo di più è soggettivo (aracnofobia, agorafobia, tricofobia etc).

Perdonami tu se insisto 🙂 Mi sembra che stiamo discutendo civilmente e visto il periodo è già una bella cosa.

Allora: partiamo dal presupposto che i dati siano reali e completi.

La domanda è :a che serve fare quel rapporto? Detto in altre parole: cosa indica per te quel rapporto?

crystlejameson1
_Alessandro_

Perdonami tu se insisto 🙂 Mi sembra che stiamo discutendo civilmente e visto il periodo è già una bella cosa.

Allora: partiamo dal presupposto che i dati siano reali e completi.

La domanda è :a che serve fare quel rapporto? Detto in altre parole: cosa indica per te quel rapporto?

Si, la discussione civile è cosa rara di questi tempi 😉
Ti dirò: fare quel rapporto, per me, non serve assolutamente a niente. E' solo un esercizio di retorica. Mi ci sono cimentato perchè qualcuno chiedeva scientificità nelle affermazioni (senza però offrire controfattualità).
Secondo me, l'unico dato che andrebbe considerato nell'equazione errata cacciatore:automobilista = mtbiker:bdcbiker è che il traffico automobilistico è necessario. In rari casi è ludico (se vado a prendermi una birra la sera, per esempio), per il resto si va a lavoro in macchina, o la macchina E' il lavoro (tassisti, autotrasportatori etc). La caccia, come etologicamente dimostrato, non solo non è necessaria, ma è dannosa e controproducente. Ogni morte è tragica, ma morire per e con queste premesse è inaccettabile.

_Alessandro_

khalit Si, la discussione civile è cosa rara di questi tempi 😉 Ti dirò: fare quel rapporto, per me, non serve assolutamente a niente. […] La caccia, come etologicamente dimostrato, non solo non è necessaria, ma è dannosa e controproducente. Ogni morte è tragica, ma morire per e con queste premesse è inaccettabile. Ci capiamo. Anche secondo me non serve a niente fare quel rapporto se non a indurci a pensare cose errate.Ti dico come la vedo io. Cosa mette più a rischio la salute di un ciclista medio? E' indubbio che, allo stato attuale dei fatti, questo qualcosa siano le auto. Spiego: numero di morti in Italia l'anno sono? 300? E feriti che non sono meno importanti? Migliaia? Posso dire (senza dati verificati) che le vittime delle auto sono probabilmente di gran lunga superiori alle vittime di cacciatori? Penso di sì. La questione è che il numero di morti o feriti è di per sé indice di rischio. Girala come vuoi… Poi parliamo delle fobie. Esempio stupido. Le statistiche del ministero dicono che il morso dei ragni uccide un ciclista ogni 3 anni.Ci sarà tizio, ciclista, che quando esce in bici ha più paura dei ragni che delle auto. Liberissimo di pensarlo, ma assolutamente illogico. E infine di vietare la caccia. Il vietare la caccia è secondo me tutto un altro argomento che, sempre secondo me, non ha nulla a che vedere con i ciclisti. Se hai duemila motivi per vietare la caccia, il numero di morti/feriti da questa… Continua a leggere »

crystlejameson1

_Alessandro_ Ci capiamo. Anche secondo me non serve a niente fare quel rapporto se non a indurci a pensare cose errate.Ti dico come la vedo io. Cosa mette più a rischio la salute di un ciclista medio? E' indubbio che, allo stato attuale dei fatti, questo qualcosa siano le auto. Spiego: numero di morti in Italia l'anno sono? 300? E feriti che non sono meno importanti? Migliaia? Posso dire (senza dati verificati) che le vittime delle auto sono probabilmente di gran lunga superiori alle vittime di cacciatori? Penso di sì. La questione è che il numero di morti o feriti è di per sé indice di rischio. Girala come vuoi… Poi parliamo delle fobie. Esempio stupido. Le statistiche del ministero dicono che il morso dei ragni uccide un ciclista ogni 3 anni.Ci sarà tizio, ciclista, che quando esce in bici ha più paura dei ragni che delle auto. Liberissimo di pensarlo, ma assolutamente illogico. E infine di vietare la caccia. Il vietare la caccia è secondo me tutto un altro argomento che, sempre secondo me, non ha nulla a che vedere con i ciclisti. Se hai duemila motivi per vietare la caccia, il numero di morti/feriti da questa causata, direi che è molto ma molto debole. Poi ognuno la pensi come vuole. Liberissimi… Eh no, non ci capiamo 🙂 Non puoi dirlo. Un valore assoluto non è indice di nulla se non in relazione con un altro. Non puoi dire che il mio "esercizio retorico" induce a pensare cose errate.… Continua a leggere »

crystlejameson1

P.s. Perdonami, ma non ho capito il discorso sulle fobie… (my bad)

giorgiocat

Però una bella famigliola… Comunque dubito ( ma a 'sto mondo oramai tutto è possibile) che abbia a che fare con l'incidente…E' solo che poi i giornali pur di scrivere vanno a scavare nei casi di cronaca già tragici, per renderli voyeristicamente appetibili

mirc0

Dopo le fucilate si sparano cazzate
https://milano.repubblica.it/cronac…allini_vaganti_polemica_cacciatori-209487003/

Marco Toniolo
mirc0

Dopo le fucilate si sparano cazzate
https://milano.repubblica.it/cronac…allini_vaganti_polemica_cacciatori-209487003/

l'importante è che si sparino fra di loro, ma abbiamo visto che non è sempre il caso: https://roma.repubblica.it/cronaca/…una_battuta_di_caccia_al_cinghiale-209485463/
https://genova.repubblica.it/cronaca/2018/09/30/news/imperia_ragazzo_ucciso_da_cacciatore-207750963/

tunerz

beh,settimana scorsa un genio ha sparato a 2mt da me,sul sentiero in direzione di un rifugio..ma i cacciatori sono sempre santi..sono biker ed escursionisti che si travestono da cinghiali&simili per farsi usare come bersagli..

giorgiocat
marco

l'importante è che si sparino fra di loro, ma abbiamo visto che non è sempre il caso: https://roma.repubblica.it/cronaca/…una_battuta_di_caccia_al_cinghiale-209485463/
https://genova.repubblica.it/cronaca/2018/09/30/news/imperia_ragazzo_ucciso_da_cacciatore-207750963/

Roba da pazzi…
Per me senza se e senza ma:
ABOLIAMO LA CACCIA!

andymcnab4

Parlo per esperienza personale essendo figlio di cacciatore e ex nella pratica. Al di la di quelle che sono le dinamiche balistiche di un fucile da caccia. Qui la caccia non centra un bel niente, come al solito si vuol sempre generalizzare, un fatto ben più grave, che al mondo ci sono sempre più persone indisciplinante, (e geneticamente idiote) sia che guidino una macchina o che utilizzano un arma (per me è la stessa cosa). Nella pratica della caccia ci sono delle regole precise "scritte" e chiare cosi come tutto quello che concerne l'utilizzo di un arma. Chi ottiene la licenza di caccia sa benissimo quali siano queste regole, prima si identifica e poi si spara. Non si può sparare in un cespuglio che si muove con la presunzione di saper cosa non si vede. E una regola che esiste da quando esistono le armi, anche perché quando si sostiene l'esame per la licenza, devi conoscere e identificare una specie prima di sparare. Perché non puoi fare di un bersaglio tutto ciò che si muove. Anche a me è capitato di passare in zone dove c'erano cacciatori, sono consapevole che ci sono dei co****ni in giro, gli stessi che poi si mettono al volante, oppure che camminano sui sentieri occupandoli totalmente senza darti spazio per passare, per non parlare di chi sversa rifiuti in giro. Quello che mi sento di consigliare e di vestirsi con colori vistosi e no tutti di nero come mi è capitato di vedere certi ciclisti… Continua a leggere »

maxalghi92
giorgiocat

Però una bella famigliola… Comunque dubito ( ma a 'sto mondo oramai tutto è possibile) che abbia a che fare con l'incidente…E' solo che poi i giornali pur di scrivere vanno a scavare nei casi di cronaca già tragici, per renderli voyeristicamente appetibili

vero anche questo

markxxx79

andymcnab4 Parlo per esperienza personale essendo figlio di cacciatore e ex nella pratica. Al di la di quelle che sono le dinamiche balistiche di un fucile da caccia. Qui la caccia non centra un bel niente, come al solito si vuol sempre generalizzare, un fatto ben più grave, che al mondo ci sono sempre più persone indisciplinante, (e geneticamente idiote) sia che guidino una macchina o che utilizzano un arma (per me è la stessa cosa). Nella pratica della caccia ci sono delle regole precise "scritte" e chiare cosi come tutto quello che concerne l'utilizzo di un arma. Chi ottiene la licenza di caccia sa benissimo quali siano queste regole, prima si identifica e poi si spara. Non si può sparare in un cespuglio che si muove con la presunzione di saper cosa non si vede. E una regola che esiste da quando esistono le armi, anche perché quando si sostiene l'esame per la licenza, devi conoscere e identificare una specie prima di sparare. Perché non puoi fare di un bersaglio tutto ciò che si muove. Anche a me è capitato di passare in zone dove c'erano cacciatori, sono consapevole che ci sono dei co****ni in giro, gli stessi che poi si mettono al volante, oppure che camminano sui sentieri occupandoli totalmente senza darti spazio per passare, per non parlare di chi sversa rifiuti in giro. Quello che mi sento di consigliare e di vestirsi con colori vistosi e no tutti di nero come mi è capitato di vedere certi… Continua a leggere »

crystlejameson1
Marco Toniolo
khalit

Intanto…

https://www.inbici.net/gn/un-altro-biker-fucilato-dai-cacciatori-e-successo-a-rieti/

non era in bici: https://roma.corriere.it/notizie/cr…ni-f4719e46-d4a5-11e8-ba10-7fdf35550b0a.shtml

crystlejameson1
marco

non era in bici: https://roma.corriere.it/notizie/cr…ni-f4719e46-d4a5-11e8-ba10-7fdf35550b0a.shtml

Grazie 😉

D-Lock

andymcnab4 Parlo per esperienza personale essendo figlio di cacciatore e ex nella pratica. Al di la di quelle che sono le dinamiche balistiche di un fucile da caccia. Qui la caccia non centra un bel niente, come al solito si vuol sempre generalizzare, un fatto ben più grave, che al mondo ci sono sempre più persone indisciplinante, (e geneticamente idiote) sia che guidino una macchina o che utilizzano un arma (per me è la stessa cosa). Nella pratica della caccia ci sono delle regole precise "scritte" e chiare cosi come tutto quello che concerne l'utilizzo di un arma. Chi ottiene la licenza di caccia sa benissimo quali siano queste regole, prima si identifica e poi si spara. Non si può sparare in un cespuglio che si muove con la presunzione di saper cosa non si vede. E una regola che esiste da quando esistono le armi, anche perché quando si sostiene l'esame per la licenza, devi conoscere e identificare una specie prima di sparare. Perché non puoi fare di un bersaglio tutto ciò che si muove. Anche a me è capitato di passare in zone dove c'erano cacciatori, sono consapevole che ci sono dei co****ni in giro, gli stessi che poi si mettono al volante, oppure che camminano sui sentieri occupandoli totalmente senza darti spazio per passare, per non parlare di chi sversa rifiuti in giro. Quello che mi sento di consigliare e di vestirsi con colori vistosi e no tutti di nero come mi è capitato di vedere certi… Continua a leggere »

crystlejameson1
marco

non era in bici: https://roma.corriere.it/notizie/cr…ni-f4719e46-d4a5-11e8-ba10-7fdf35550b0a.shtml

Marco, nell'articolo si parla di Nathan Lebolani. E' il ragazzo morto ad inizio mese. Sulla notizia che ho postato, però, non ho trovato molto di più… Aspettiamo domani, magari…

Marco Toniolo
khalit

Marco, nell'articolo si parla di Nathan Lebolani. E' il ragazzo morto ad inizio mese. Sulla notizia che ho postato, però, non ho trovato molto di più… Aspettiamo domani, magari…

dall'articolo ho capito che era a caccia anche lui

l.j.silver
marco

dall'articolo ho capito che era a caccia anche lui

comunque un altro morto perché sparano alla cieca, sembra una tragica abitudine sparare senza neppure vedere la preda. ..

Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

andymcnab4
D-Lock

Rieccoci, i cacciatori lo fanno unicamente per sostentare se stessi e le proprie famiglie, non uccidono niente di più di quello che possono consumare, cavolo che gente amorevole, sembrano i racconti dei pellerossa. Piangono persino quando uccidono un animale perché è una cosa che sono costretti a fare.

Rispetto il tuo pensiero, non è retorica, ma ciò che viene macellato ogni giorno per il consumo umano, in termini di cibo, ma soprattutto cosa ancora più ignobile per uso ornamentale, sia sconsiderato e ingiustificabile, tutto in nome del business.
Quindi chi punta il dito contro chi fa quella pratica, non è diverso da chi si reca in macelleria, più volte alla settimana.
Ti ripeto ci sono delle regole rigide sulla stagione venatoria, sulla quantità, su dove è quando. Che poi ci siano pochi controlli concordo con markxxx79">markxxx79, ma questa è una storia tutta italiana…
Come dico sempre io le regole vanno rispettate perché ci si crede e no per paura di essere sanzionati.
Cosi come non abbandonare bossoli vuoti in giro perché costituiscono un rifiuto… Su questo cosi come su tante cose una persona sana di mente ci giunge da sola senza alcuna regola scritta…

clark77

Non sono i ciclisti o gli escursionisti a dover stare attenti ma i cacciatori, e che paghino quando sbagliano a cominciare dal carcere e al risarcimento
alle famiglie delle vittime.

crystlejameson1

andymcnab4 Rispetto il tuo pensiero, non è retorica, ma ciò che viene macellato ogni giorno per il consumo umano, in termini di cibo, ma soprattutto cosa ancora più ignobile per uso ornamentale, sia sconsiderato e ingiustificabile, tutto in nome del business. Quindi chi punta il dito contro chi fa quella pratica, non è diverso da chi si reca in macelleria, più volte alla settimana. Ti ripeto ci sono delle regole rigide sulla stagione venatoria, sulla quantità, su dove è quando. Che poi ci siano pochi controlli concordo con markxxx79, ma questa è una storia tutta italiana… Come dico sempre io le regole vanno rispettate perché ci si crede e no per paura di essere sanzionati. Cosi come non abbandonare bossoli vuoti in giro perché costituiscono un rifiuto… Su questo cosi come su tante cose una persona sana di mente ci giunge da sola senza alcuna regola scritta… Qui non si sta parlando di etica. Si è fatto l'esempio di quanto siano dannosi i cacciatori per l'equilibrio della fauna (a dispetto delle favole che si raccontano sulla loro utilità per il suo equilibrio) non per contrapporli agli allevatori, quello è un discorso che riguarda la sensibilità personale. Qui si sta parlando dell'assurdità dell'essere costretti a girare in bici prendendo mille assurde precauzioni altrimenti si rischia di venire impallinato, neanche fossimo in zona di guerra! Se si ama tanto sparare, esistono mille poligoni in cui poterlo fare, e se si vuole sparare ad un bersaglio in movimento ci sono i tirassegno delle… Continua a leggere »

andymcnab4
khalit

Qui non si sta parlando di etica. Si è fatto l'esempio di quanto siano dannosi i cacciatori per l'equilibrio della fauna (a dispetto delle favole che si raccontano sulla loro utilità per il suo equilibrio) non per contrapporli agli allevatori, quello è un discorso che riguarda la sensibilità personale.
Qui si sta parlando dell'assurdità dell'essere costretti a girare in bici prendendo mille assurde precauzioni altrimenti si rischia di venire impallinato, neanche fossimo in zona di guerra! Se si ama tanto sparare, esistono mille poligoni in cui poterlo fare, e se si vuole sparare ad un bersaglio in movimento ci sono i tirassegno delle sagre di paese. E' assurdo che ogni anno ci siano decine di morti e si lasci correre la cosa come se fosse inevitabile. Non lo è!

In fatti nessuno ha parlato di etica, l'oggetto del post e che due persone che praticano ognuno il proprio hobby o passione sono incorso in un incidente che ha provocato la morte di uno dei due.
E la stessa cosa di un pedone che sta sul marciapiede e viene investito dell'ennesimo scellerato che quando guida controlla la propria bacheca su Facebook. La sostanza non cambia.
Sull'utilità o meno di tale pratica, non commento per non aprire un altro argomento poco attinente, al forum.

bikerbull
andymcnab4

Come dico sempre io le regole vanno rispettate perché ci si crede e no per paura di essere sanzionati.
Cosi come non abbandonare bossoli vuoti in giro perché costituiscono un rifiuto… Su questo cosi come su tante cose una persona sana di mente ci giunge da sola senza alcuna regola scritta

Da scalfire nelle