Niner in concordato preventivo

Niner in concordato preventivo

01/12/2017
Whatsapp
01/12/2017

Niner ha annunciato il concordato preventivo, Chapter 11, nell’ambito di un’operazione di vendita dell’azienda ad un gruppo di investitori del Colorado. Niner era alla ricerca di fondi per poter continuare ad operare, e pare ora aver trovato dei finanziatori che le permetteranno di mantenere intatta la struttura aziendale e di potersi dedicare a futuri progetti. Progetti che, stando a quanto affermato da Chris Sugai, uno dei fondatori di Niner, non erano finanziabili solo attraverso gli utili.

Secondo Raceware, il distributore italiano, Niner si concentrerà sullo sviluppo di una bici elettrica e (cit.):  il passaggio al concordato preventivo è stato un passaggio tecnico che concede alleggerimenti importanti dal punto di vista fiscale quando una azienda viene ricapitalizzata.

Potete leggere qui cosa è un concordato preventivo e quali conseguenze abbia sui creditori.

Questo il commento di Sugai:

When I co-founded Niner back in 2005 it was due to my passion for bikes. That passion has only grown stronger through the years. It’s a blast, and has bee, learning so much about this industry and meeting so many passionate people who share my love of cycling. In recent years, Niner’s growth has slowed. We need to be able to grow to continue to be innovative and make great, reliable products. So, we have found a local Colorado group of businessmen, who are passionate about cycling, who call themselves Columbia Basin Partners and they have agreed to purchase the company. Through the rumor mill or misinterpreting how Chapter 11 bankruptcy works, you may have heard that we are going out of business. This is simply not true. In order to make the sale happen, we have had to file for Chapter 11 bankruptcy which allows us to restructure our finances. We will emerge from Chapter 11 in roughly 60 day, on January 30, 2018 on more solid financial footing. In the meantime, we are well-funded and able to meet our financial obligations. Business is as usual around the offices. We are shipping bikes, helping riders with concerns, including warranty concerns, and all of our regular daily duties that makes Niner tick. Our team remains intact and is doing what we always do – working to support our riders and our local bike shops in whichever ways they need. My main goal, and our goal as a company, is to put big grins on the faces of mountain bikers and sure we are able to continue to support mountain biking. The 31 team members I have the pleasure of working with each day are avid riders. And we all believe in the power of mountain biking, the importance of supporting trail access and the ability for mountain biking to have an incredible impact on people’s lives. We’re in this for the long haul and soon will have the ability to innovate more and continue to create incredible products. And as always, we’ll continue to push for trail access so riders have great places to ride. 

We appreciate your support and hope to see you on the trails.

Peace,

Chris Sugai

 

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
teoDH

Purtroppo, il mercato bici è fatto, tolti due o tre grandi marchi, da persone poco competenti, specie per quel che riguarda le capacità di creare un business plan che anticipi le mode di consumo e dia una pianificazione del futuro dell’azienda… troppa gente che rincorre le mode del momento, che si sa, sono passeggere, e non ha le basi per creare una struttura stabile nel tempo… tolta specialized, aggiungiamoci forse trek, ci sono una miriade di aziende medio piccole che hanno ottime idee, bravi rider a svilupparli, ma non hanno dietro un management in grado di garantire longevità all’azienda… e così succedono cose come queste, Niner non è la prima e non sarà certo l’ultima… Il “paragone” con Musk, mi sembra però piuttosto forzato… certo non è Marchionne (buon per lui), ma ci sono persone, come lui e Jobs prima di lui, che progettano e impostano il futuro del mondo, Jobs ha dettato il futuro della comunicazione, Musk sta dettando il futuro della mobilità… gli investimenti sull’elettrico di VW e Audi dimostrano che la strada è quella, e non è stata Nissan, Toyota o Honda a dettarla, ma Musk… FCA ha invece un management che pensa a fare profitto e dare dividendi a chi li ha assunti… strutture diverse, entrambe valide, e con un piano ben preciso in testa… uno perde, l’altro guadagna… ma la storia non è fatta di solo profitto, ma di genio… Jobs l’ha dimostato con iphone, Musk l’ha dimostrato con Paypal, e mi auguro possa fare… Read more »

p84
p84

Da quanto so Specialized è stata acquistata da tempo dal gruppo Merida, e altri grandi che non hai menzionato fanno quasi tutti parte di grandi holding a livello mondiale. Mi riferisco al cosidetto “big four”, cioè Cannondale, Specialized, Trek e Scott

pk71
pk71

Alla fine della fiera, geni o imbecilli che siamo questi manager, nel piffero lo prendono i creditori.
Poi dire che jobs abbia fatto la storia per il genio e non per i profitti……mah?!?

Davide_sd

[QUOTE="marco, post: 8268690, member: 1"]Lungi da me il discutere su chi ha inventato lo smartphone, però Apple (meglio?) il prodotto ce l'aveva ed è stato scopiazzato da tutti gli altri. Tesla ha solamente infilato una batteria in una comune automobile, non ha reinventato l'auto. E non riesce a produrle.[/QUOTE]

Forse vuoi dire "non ha inventato la forma dell'auto, perché sempre 4 ruote ha", ma se avessi speso anche solo 5 minuti per capire le differenze tra una Tesla e un'auto normale probabilmente la penseresti in modo diverso.

Riguardo alla notizia, temo non sarà di certo l'ultimo marchio a subire questa sorte.

albatros_la
albatros_la

[QUOTE="marco, post: 8268690, member: 1"]Lungi da me il discutere su chi ha inventato lo smartphone, però Apple (meglio?) il prodotto ce l'aveva ed è stato scopiazzato da tutti gli altri. Tesla ha solamente infilato una batteria in una comune automobile, non ha reinventato l'auto. E non riesce a produrle.[/QUOTE]

Su Musk mi trovi d'accordo. Anzi, di più. La prima auto a superare i 100 km/h era elettrica. Nel 1899! Alla faccia dell'idea innovativa…

Lo stesso vale per lo smartphone. Il termine è stato coniato da Ericsson nel 1997, anche se l'IBM aveva un prodotto che si poteva definire tale una quindicina di anni prima. Blackberry e Nokia (con il 9000, nel 1996) sono arrivate sul pezzo prima di Apple. Apple, come Musk con l'auto elettrica, ha evoluto lo smartphone in un prodotto di successo.

frred

[QUOTE="marco, post: 8268720, member: 1"]Ne ho spesi ben di più di 5, mi sono anche letto tutte le varie attività "collaterali" di Tusk, tipo i razzi su Marte, e rimango della mia idea che sia un venditore di fumo.[/QUOTE]

 

Di venditori di fumo il mondo è pieno e ne è lastricata la strada della storia.

"Stay angry, Stay foolish" ha fatto credere al fondo quanto fosse fico avere un Apple (a prescindere dalla validità del prodotto"

"The Martian" pure (Anvedi quanto corre sta Tesla, vedi video vari su youtube).

Ma in entrambi i casi hanno creato qualcosa di funzionante. Iphone, mac e altri gioiellini tecnologici l'uno,  razzi che atterrano in verticale su una chiatta nell'oceano e rilanciati in poco tempo nello spazio, Paypal l'altro.

Poi gli umani comprano android e turbodiesel……

McVit_II

[QUOTE="marco, post: 8268690, member: 1"]Lungi da me il discutere su chi ha inventato lo smartphone, però Apple (meglio?) il prodotto ce l'aveva ed è stato scopiazzato da tutti gli altri. Tesla ha solamente infilato una batteria in una comune automobile, non ha reinventato l'auto. E non riesce a produrle.[/QUOTE]

Bè, anche Apple ha solamente infilato Internet in un comune telefonino, quindi non ha reinventato nulla.

salukkio
salukkio

Specialized ha inserito il porta oggetti nella bici. Non ha inventato nulla

frred

Aggiungo un PS: Sto per sostituire una delle auto di famiglia con una elettrica. Tesla…. NO Nissan Leaf.

McVit_II

[QUOTE="marco, post: 8268764, member: 1"]Haha, hai ordinato una tesla?

Sent from my iPhone using MTB-Forum mobile app[/QUOTE]

Hihihi….. guarda, faccio volentieri a meno di entrambi!!! :loll::loll:

Davidone
Davidone

Mi auguro che Niner continui a produrre ancora belle bici come la mia, del resto poco importa

Pietro.68
Pietro.68

il concordato preventivo è una forzatura che ha come unico risultato quello di fo***re tutti i creditori.
Se un’azienda non ce la fa più va messa sul mercato. Se c’è o c’era qualcosa di buono qualcuno se la compra. Se non la vuole nessuno e fallisce vuol dire che è meglio così.

Danixele

A me interessa quasi nulla di Musk o altri magnati ma per amor del vero,

può essere che Musk sia anche un c*glione, ma è fondatore oltre che di Tesla e Pay Pal, anche di SPACE X, vettore spaziale utlizzato dalle maggiori agenzie spaziali del mondo, fa concorrenza alla Russia in questo campo e sopperisce alla attuale mancanza di un vettore dal lato americano.

Utilizzando per altro un vettore a rientro controllato che dopo essere lanciato, rietra autonomamente e in modo verticale atterrando a poca distanza dalla rampa di lancio, una cosa mai vista nella storia dell'umanità.

Poi che non lo faccia per il bene del mondo direi che è banale, ma ecco io i c*clioni li vedo da altre parti.

valleyman

[QUOTE="frred, post: 8268765, member: 3024"]Aggiungo un PS: Sto per sostituire una delle auto di famiglia con una elettrica. Tesla…. NO Nissan Leaf.[/QUOTE]

Non ho letto delle belle recensioni sull'auto, sopratutto sull'autonomia e relativo decadimento della carica, spero per te che siano migliorate…

frred

Nella versione 2017 l’autonomia è di 200 km (150 reali) batterie in locazione e quindi il decadimento non è un problema. Consumi effettivi 13 kw per 100 km ovvero al costo del kw attuale circa € 3,63. Col fotovoltaivo (che ho) circa € 0.9.
Alla guida è un portento, allestimenti esagerati e prenderò una base

motobimbo

[QUOTE="marco, post: 8268874, member: 1"]Ieri un mio amico mi ha mandato una storiella sul magnifico 2017. È in inglese ma vale la pena:

Strange Economics…Anyone questioning whether financial markets are in a bubble should consider what we witnessed in 2017:

• A painting (which may be fake) sold for $450 million.

• Bitcoin (which may be worthless) soared nearly 900% from $952 to ~$10,000.

• The Bank of Japan and the European Central Bank bought $2 trillion of assets.

• Global debt rose above $225 trillion to more than 324% of global GDP.

• US corporations sold a record $1.75 trillion in bonds.

• European high-yield bonds traded at a yield under 2%.

• Argentina, a serial defaulter, sold 100-year bonds in an oversubscribed offer.

• Illinois, hopelessly insolvent, sold 3.75% bonds to bondholders fighting for allocations.

• Global stock market capitalization skyrocketed by $15 trillion to over $85 trillion and a record 113% of global GDP.

• The market cap of the FANGs increased by more than $1 trillion.

• S&P 500 volatility dropped to 50-year lows and Treasury volatility to 30-year lows.

• Money-losing Tesla Inc. sold 5% bonds with no covenants as it burned $4+ billion in cash and produced very few cars.[/QUOTE]

ne prendo una: BITCOIN…..fantastico!

McVit_II

" IBM Simon È il primo smartphone della storia. Un vero tuttofare per l'epoca (1994). Oltre alle funzioni di un normale telefono, Simon includeva anche quelle tipiche di un pda dell'epoca come il calendario, la rubrica, l'orologio, il calcolatore, un blocco note, le e-mail e qualche gioco. Inoltre scrivevi direttamente sullo schermo con una penna a stilo…"

[ATTACH=full]246112[/ATTACH]

McVit_II

"Nokia 7110 È il primo cellulare dotato di browser wap per l'accesso all'Internet mobile. Il celebre modello si apriva a scatto per mostrare la tastiera: l'apertura a scatto fu sperimentata per la prima volta sul suo precursore, il Nokia 8110, nel film “Matrix”, per un migliore effetto scenico, e poi introdotta nel commercio su grande scala. Visualizzare la pagina di un sito usando il wap sulle onde del Gsm era un'agonia, neanche lontanamente vicini alla velocità di 14,4 kbps promessa, ma ha aperto le porte a uno dei trend che oggi va per la maggiore. Ma era il 1999."

[ATTACH=full]246113[/ATTACH]

pk71
pk71

Nella storia umana non è mai esistito che sia “spinto” un prodotto per le proprie caratteristiche di umanità, sostenibilità, economicità. Tutto quello che esiste è stato inventato o scoperto per soldi. Solo e soltanto per quello. È possibile che la rivoluzione elettrica, tanto “spinta” sull’onda del riscaldamento globale e sul consumo consapevole delle risorse (fatti reali e seri), faccia eccezione?
Mah!
P.S. Consiglio: tenetevi stretti i contanti invece di pensare a paypal e a bitcoin come innovatori, perché se questi staccano la spina si rimane in mano con una carta di plastica con un cip e non ci si mangia con quella

gargasecca

[QUOTE="McVit_II, post: 8269023, member: 236939"]"Nokia 7110 È il primo cellulare dotato di browser wap per l'accesso all'Internet mobile. Il celebre modello si apriva a scatto per mostrare la tastiera: l'apertura a scatto fu sperimentata per la prima volta sul suo precursore, il Nokia 8110, nel film “Matrix”, per un migliore effetto scenico, e poi introdotta nel commercio su grande scala. Visualizzare la pagina di un sito usando il wap sulle onde del Gsm era un'agonia, neanche lontanamente vicini alla velocità di 14,4 kbps promessa, ma ha aperto le porte a uno dei trend che oggi va per la maggiore. Ma era il 1999."

[ATTACH=full]246113[/ATTACH]

…. e cosa avrebbe inventato Apple???…… ;-)[/QUOTE]


Ce l' ho in un cassetto a casa…lo vuoi??


😐

McVit_II

[QUOTE="pk71, post: 8269183, member: 36998"]ritardando ulteriormente le vere innovazioni, e quelle poche che emergono terminano in mercati di nicchia o falliscono per mancanza di utili.[/QUOTE]

La vera rivoluzione sarebbe smetterla di pensare ad un mondo auto-centrico e studiare sistemi di spostamento alternativi.

Se rimaniamo fissati con il dover utilizzare per forza una cazzo di automobile per muoverci, motore diesel benzina o elettrico che sia, allora il danno Ambientale non si fermerà mai perchè l'auto in sè ha bisogno di strade, e se un sentiero di montagna me lo fai diventare strada asfaltata il danno maggiore è comunque fatto, sia che poi lo calchi un'auto a benzina sia che lo calchi un auto ad idrogeno…..

Quanti boschi e foreste hanno disboscata per farci passare delle strade, e quindi delle auto???

L'auto elettrica o idrogeno è un palliativo, la vera rivoluzione sarebbe smetterla di pensare alle auto come risorsa primaria di spostamento!!

mastroxc
mastroxc

Quotone!

pk71
pk71

Certo, magari con il teletrasporto……

McVit_II

PS: mi è rimasto impresso quello che mi disse il rifugista dell'epoca del rifugio su al M.te Beigua (Liguria): a quel rifugio ci arrivava una stradina sterrata……. trasformata poi in vera e propria strada asfaltata appositamente per farci passare il Giro d'Italia e tutta la sua carovana di motori al seguito……. credo che questo sia l'emblema dei controsensi di cui l'umanità infarcisce la propria esistenza!!!!! :-O

D-Lock

[QUOTE="McVit_II, post: 8269192, member: 236939"]La vera rivoluzione sarebbe smetterla di pensare ad un mondo auto-centrico e studiare sistemi di spostamento alternativi.

Se rimaniamo fissati con il dover utilizzare per forza una cazzo di automobile per muoverci, motore diesel benzina o elettrico che sia, allora il danno Ambientale non si fermerà mai perchè l'auto in sè ha bisogno di strade, e se un sentiero di montagna me lo fai diventare strada asfaltata il danno maggiore è comunque fatto, sia che poi lo calchi un'auto a benzina sia che lo calchi un auto ad idrogeno…..

Quanti boschi e foreste hanno disboscato per farci passare delle strade, ad uso e consumo delle auto??

L'auto elettrica o idrogeno è un palliativo, la vera rivoluzione sarebbe smetterla di pensare alle auto come risorsa primaria di spostamento!![/QUOTE]

La vera rivoluzione sarebbe evitare di spostarci tutti come formiche impazzite. Abbiamo la tecnologia per far girare le idee senza doverci muovere per forza. Che non vuol dire chiuderci in casa e usare solo internet, ma ottimizzare i motivi per cui ci si sposta. Spendere tre ore al giorno in coda in autostrada per andare al lavoro è una cosa senza senso. Molti sono obbligati a farlo, ma non credo ce ne sia uno che lo farebbe più felicemente se usasse una tesla o un treno a energia solare. Il tempo che perdiamo nessuno ce lo ridà indietro, qualunque sia la paga che ci danno in cambio.

Sent from my SM-J327U using MTB-Forum mobile app

sembola

Musk, come Jobs per altri versi, è un personaggio che invoglia alla partigianeria… 😉 Detto questo definirlo un venditore di fumo mi pare eccessivo, con SpaceX ha realizzato quello che attualmente è l'unico vettore orbitale commerciale statunitense, e che per giunta fa riatterrare il primo stadio. Mi sembra che del l'arrosto ci sia, insomma, anche se parliamo di un settore dalle dinamiche particolari. Con Tesla c'è il dubbio che abbia fatto il passo più lungo della gamba, produrre auto in migliaia di esemplari non è come costruire dieci vettori, le sfide tecniche, organizzative e finanziarie sono completamente diverse. Il rischio concreto è che quando si arriverà a passare dagli early adopters che ti hanno finanziato con gli anticipi al prodotto di massa ci sarà da competere con colossi che hanno anche la competenza specifica del settore, con esiti prevedibili.

Per tornare parzialmente in topic,  Mercedes punta forte sull'elettrico…

uomoscarpia
uomoscarpia

[QUOTE="marco, post: 8269133, member: 1"]Se lo dici tu https://www.topgear.com/car-news/tokyo-motor-show/toyota-hydrogen-fuel-cells-are-ultimate-eco-car

A me pare chiaro che girare a batterie come una macchina telecomandata sia una strada senza uscita (e non abbiamo ancora parlato dello smaltimento di batterie che pesano quintali, mica quelle delle bici elettriche), ma l'hype del momento è questa, quindi tutti a comprare macchine che non esistono pendendo dalle labbra del solito venditore di fumo.[/QUOTE]

E Marco il problema ENORME della auto elettriche è che necessariamente bisogna rifare tutte le dorsali elettriche se diventano di massa, già oggi con i 3KW di casa ci vogliono 30 ore a ricaricare una Tesla. Pensate a qunado magari il 20% avrà l'auto elettrica con un'infrastruttura non adeguata…..auguri

D-Lock

Io onestamente confido più nella guida autonoma che nell'auto elettrica. Avere uno strumento di trasporto personale che non va guidato è un salto enorme. Se proprio devo investire del tempo per spostarmi, almeno lo uso per fare altro mentre il computer guida (e lo fa rispettando il codice, senza distrarsi col telefono o addormentarsi).

Sent from my SM-J327U using MTB-Forum mobile app

uomoscarpia
uomoscarpia

[QUOTE="D-Lock, post: 8269455, member: 14872"]Io onestamente confido più nella guida autonoma che nell'auto elettrica. Avere uno strumento di trasporto personale che non va guidato è un salto enorme. Se proprio devo investire del tempo per spostarmi, almeno lo uso per fare altro mentre il computer guida (e lo fa rispettando il codice, senza distrarsi col telefono o addormentarsi).

Sent from my SM-J327U using MTB-Forum mobile app[/QUOTE]

A me piacerebbe l'auto a guida autonoma solo per un motivo: la condivisione dell'auto. Già ora la mia auto è usata per un 5% del tempo ed il resto è parcheggiata in garage o in un parcheggio al lavoro. Se invece la mia stessa auto tornasse a casa da sola potrebbe usarla magari una mia morosa, mio padre, mia sorella, mia zia. Ovvio che una cosa del genere porterebbe al collasso della produzione auto, ne basterebbe magari 1/4 di quelle che circolano ora e per la maggior parte del tempo sono ferme.

D-Lock

L'auto come servizio e non come bene posseduto è una bella cosa. Già c'è il car sharing, ma se vivi fuori dalle città è impossibile.

Sent from my SM-J327U using MTB-Forum mobile app

iaco70

[QUOTE="frred, post: 8268919, member: 3024"]Nella versione 2017 l'autonomia è di 200 km (150 reali) batterie in locazione e quindi il decadimento non è un problema. Consumi effettivi 13 kw per 100 km ovvero al costo del kw attuale circa € 3,63. Col fotovoltaivo (che ho) circa € 0.9.

Alla guida è un portento, allestimenti esagerati e prenderò una base[/QUOTE]

e con 200km di autonomia dove ci vai? ok se la usi solo per andare da casa al lavoro (e lavori vicino) ma già da Milano a Bologna non ci arrivi… figuriamoci se devi girarci per lavoro

nemox
nemox

Quello che mi lascia più perplesso tra scelte industriali di Musk è quella di impiantare la Gigafactory cioè la megafabbrica che ha lo scopo di abbattere il costo delle attuali batterie ai polimeri. Ma questa è una tecnologia che non pare avere grandi margini di sviluppo, mentre tutto il resto del mondo è alla spasmodica ricerca di nuove e più efficienti batterie che verosimilmente prima o poi arriveranno.
A quel punto Tesla cosa farà, rimarrà con il cerino in mano?

iaco70

[QUOTE="McVit_II, post: 8269192, member: 236939"]La vera rivoluzione sarebbe smetterla di pensare ad un mondo auto-centrico e studiare sistemi di spostamento alternativi.

Se rimaniamo fissati con il dover utilizzare per forza una cazzo di automobile per muoverci, motore diesel benzina o elettrico che sia, allora il danno Ambientale non si fermerà mai perchè l'auto in sè ha bisogno di strade, e se un sentiero di montagna me lo fai diventare strada asfaltata il danno maggiore è comunque fatto, sia che poi lo calchi un'auto a benzina sia che lo calchi un auto ad idrogeno…..

Quanti boschi e foreste hanno disboscato per farci passare delle strade, ad uso e consumo delle auto??

L'auto elettrica o idrogeno è un palliativo, la vera rivoluzione sarebbe smetterla di pensare alle auto come risorsa primaria di spostamento!![/QUOTE]

e tu cosa fai per questo? qual'è intanto il tuo contributo? perchè è facile dire "sarebbe smetterla di… " ma poi?

cowboykite80

[QUOTE="nemox, post: 8269475, member: 13731"]Quello che mi lascia più perplesso tra scelte industriali di Musk è quella di impiantare la Gigafactory cioè la megafabbrica che ha lo scopo di abbattere il costo delle attuali batterie ai polimeri. Ma questa è una tecnologia che non pare avere grandi margini di sviluppo, mentre tutto il resto del mondo è alla spasmodica ricerca di nuove e più efficienti batterie che verosimilmente prima o poi arriveranno.

A quel punto Tesla cosa farà, rimarrà con il cerino in mano?[/QUOTE]

Stanno tutti correndo per cercare di abbattere i costi di produzione delle batterie allo stato solido. Il primo che riuscirà a produrne a costi decenti avrà vinto e sarà una vera rivoluzione.

Sent from my HUAWEI CAN-L01 using MTB-Forum mobile app

sembola

é innegabile che Tesla abbia messo in moto un processo che non potrà essere indolore per tutti…

andrea_89
andrea_89

@Marco Toniolo si potrebbe chiederti se hai una Toyota per come la difendi
Che le batterie comportino un problema di smaltimento è innegabile, ma è un problema solo perché fino ora non se ne è mai preso atto (anche se in quel di Trento c’è chi ci si sta dedicando) e viste la quantità di batterie che si usano direi che capire come riciclarle è fondamentale a prescindere dalle auto.
I motori ad idrogeno sono altamente INefficenti ed il margine di miglioramento è molto limitato, oltre ad avere un processo produttivo anch’esso poco efficiente. Se si passasse ad auto ad H significherebbe dover movimentare volumi di H spaventosi: hai accennato ai problemi delle reti elettriche necessarie alle auto elettriche ma non ti rendi conto di quello che richiederebbe l’H.
Toyota saranno 20 anni che provano a fare qualcosa di diverso ma è solo ‘marketing’, non hanno mai peoposto un’alternariva valida e convincente al motore termico
Alla recente Fiera di Padova di auto d’epoca, VW era presente all’entrata della fiera per far provare gratuitamente la golf elettrica

sembola

[USER=1]@marco[/USER] appunto per questo pi pare difficile dure che si tratta solo di un venditore di fumo 😉

Certo, che sia in grado di competere e di fare profitti è ancora tutto da dimostrare…

[USER=113914]@andrea_89[/USER] il problema delle infrastrutture di distribuzione e della produzione esiste, inutile nasconderselo…

andrea_89
andrea_89

@Marco Toniolo Toyota però ha i piedi per terra grazie ai motori convenzionali, comodo così o no?
Non confondere efficienza ed autonomia: l’autonomia è sicuramente il punto debole dell’elettrico ma ha un’efficienza tripla rispetto i motori convenzionali e oltre con l’idrogeno; inoltre stiamo confrontando un motore che è a fine vita evolutiva mentre l’altro è appena all’inizio. Peso…l’auto elettrica non è così tanto più pesante rispetto a quelle tradizionali a meno di girare in riserva, ed anche qua l’elettrico ha possibilità di miglioramento
Produzione della corrente, eh qui si va sfocia nel politico-economico…in Spagna si stanno sviluppando una nuova generazione di panelli solari ad alta efficienza
Le possibilità di sviluppo con l’elettrico sono molto ampie, purtroppo però di mezzo c’è la politica e l’economia (vista solamente nel breve tempo)

sembola

[USER=1]@marco[/USER], se sia un venditore di fumo o semplicemente un imprenditore che si scontro con difficoltà legate ad un settore particolare sarà il tempo a dirlo. Quanto all'  "hype" può darsi che ci sia ma è sostanzialmente condiviso da tutti i produttori a tutti i livelli… Audi che chiude con i prototipi e corre un Formula E, oppure la Toyota (proprio lei ;-)) che nelle pubblicità in tv cita i suoi modelli ibridi come "l'inevitabile" fanno capire da che parte tiri il vento…

pilade66
pilade66

Mi dispiace che niner navighi in cattive acque. Ne possiedo attualmente una, una la vendetti e mi auguro che continui ad esistere da sola, sganciata dai colossi trek/giant/specialized, che rimanga fighetta e di nicchia. Poi se un domani dovesse esser assorbita da qualche gigante, quella che ho la conserverò insieme alle altre e mi cercherò un altro marchio esclusivo e solitario, fuori dai colossi “big cycles”. Saluti sportivi.

pk71
pk71

[USER=351]@sembola[/USER]  vorrei ricordare che Audi correva la 24ore con i diesel poco tempo fa……

La vera differenza nel futuro la farà l’efficienza, in poter produrre energia da ogni singola molecola, ovviamente dovrà essere accompagnata da una filosofia di mantenimento o, meglio,  riduzione dei consumi.

sembola

[QUOTE="pk71, post: 8269943, member: 36998"][USER=351]@sembola[/USER]  vorrei ricordare che Audi correva la 24ore con i diesel poco tempo fa……

La vera differenza nel futuro la farà l’efficienza, in poter produrre energia da ogni singola molecola, ovviamente dovrà essere accompagnata da una filosofia di mantenimento o, meglio,  riduzione dei consumi.[/QUOTE]

anche perché il regolamento era particolarmente favorevole ;-l

sembola

[USER=1]@marco[/USER] qua sono d'accordo con te al 100%…finché sei l'unico o quasi a vendere un prodotto "nuovo" in un mercato di nicchia tutto bene, poi quando il prodotto diventa di massa hai a che fare con aziende che hanno esperienza, soldi e marketing infinitamente superiori e la musica cambia…

iaio
iaio

I dipendenti ed i collaboratori di Niner fanno delle biciclette uniche. Gli auguro che a marchio e tutti gli altri asset sia data degna continuità da qualche valido mercante del settore

salukkio
salukkio

Italia e nuove infrastrutture nella stessa frase? Non riusciamo a far passare un tubo di gas in Puglia,  non riusciremo mai a fare una rete idrogeno (che é molto più pericoloso) nazionale

Sent from my SM-G935F using MTB-Forum mobile app

angelobizz
angelobizz

Tutti ad affannarci a capire, disquisire, ecc… ma:
basta che la temperatura superi i 25 gradi e tutti (nel mondo “ricco”) ad accendere i condizionatori, perché non si sopporta un po di caldo (tanto per dire come siamo attenti al pianeta dalla nostra scrivania), e le reti elettriche in tilt… figuriamoci se dovessimo caricare le auto!!
Non c’è mai stata e mai ci sarà una attenzione al pianeta da parte di chi tira i fili (e non sono i politici, che sono dei figuranti momentanei). Ora tutti a cavalcare quest’onda dell’elettrico. Come la storia dei pannelli fotovoltaici, e l’avversione degli “ambientalisti” verso l’eolico. Molto più belli gli ettari seminati a pannelli, che nessuno sa dove finiranno fra n. anni, piuttosto che pale fatte di ferro riciclabile… mah…
Se si voleva, 30 anni fa saremmo andati a gas, per darci qualche anno per sviluppare un uso ottimale del metano naturale; 20 anni si poteva tutti girare con il metano prodotto dalla me..a, per darci il tempo di sviluppare l’idrogeno, ed oggi potremmo tutti andare ad idrogeno tranquillamente.
STANNO PROGETTANDO VOLI TURISTICI SULLO SPAZIO, da una parte.. E NON SI RIESCE A NON USARE IL CARBONE dall’altra…

teoDH

[QUOTE="marco, post: 8269681, member: 1"]Personalmente ritengo Toyota uno dei marchi più con i piedi per terra che ci siano, al contrario un Tusk (o lo stesso Jobs) non attecchiscono molto con me, perché sono il 90% chiacchiere e il resto fatti. Non ho Toyota, se ti interessa, e la Golf elettrica è solo l'inizio della fine di Tesla, in attesa delle elettriche di BMW, Audi e Mercedes.[/QUOTE] La Golf elettrica forse segna l'inizio di un approccio reale all'elettrico da parte delle grandi case… ma non con i presupposti che VW sta pianificando… VW la sua figura di M già l'ha fatta in modo plateale con il dieselgate, e comprare batterie probabilmente fatte in cina (con tutta la relativa problematica ambientale) per fare un'auto da 200 km di autonomia, quando allo stesso prezzo compri una tesla 3 con il doppio dell'autonomia, che si ricarica in 1/3 del tempo, e che ha celle prodotte da Tesla stessa e non da terzisti cinesi, non credo possa dare una grande spinta al mercato, specie per il fatto che molti di quelli che stanno valutando l'elettrico come futuro acquisto guardano a cose diverse rispetto a quelli che comprano un'auto qualsiasi. L'unica, al momento, che ha un progetto serio sull'elettrico è Nissan… Toyota è al palo con l'ibrido, honda non ha ancora capito cosa fare da grande, i tedeschi si stanno organizzando, e FCA se ne sbatte… A mio parere, il buon Musk avrà ancora il dominio per altri 5 anni, poi penso venderà tutto e… Read more »

angelobizz
angelobizz

Beh, lasciando da parte il diselgate (che a seguire ha coinvolto tanti altri oltre a Vw) e che per me è la più grossa pagliacciata mediatico/giudiziale degli ultimi anni visto che la situazione era nota – e scritta sui giornali specializzati… – da almeno 20 anni, Toyota ha inventato e anticipato un ibrido che sta ancora facendo scuola e ora con l’idrogeno mi sembra stia facendo il bis, arrivando prima degli altri; Musk non mi sembra abbia il dominio di nulla, e non credo lo avrà… i suoi numeri sono di nicchia estrema (vedi classifiche di vendita). Certo sono auto fantastiche, ha innovato, e hanno una immagine, e il sistema di vendita, e va contro corrente, ecc ecc… ma se mai riuscirà a produrre la Model 3, e se riuscirà a sopravvivere, rimarrà di nicchia. FCA: Marchionne mi fa venire l’orticaria solo a guardarlo, ma per la prima volta ha detto una cosa che condivido: l’elettrico è una pericolosa arma a doppio taglio, e aggiungo io soprattutto adesso che i politici cavalcano l’onda senza capirci una mazza (vedi il mio commento sopra)

mauro-gegegenova
mauro-gegegenova

ho letto tutto….
quindi Steve Musk ha inventato la ruota
(subito da 29) dall’esplosione del bilancio di Niner visualizzato sul display deltelefono di Marconi (o Dell)?