Nuova sede avveniristica per Mondraker

31

Mondraker presenta oggi il suo nuovo quartier generale, inaugurato recentemente a Elche, nei pressi di Alicante, la città dove nacque il brand iberico. Un edificio fuori dal comune che si connette con l’immagine del brand, unendo funzionalità e design, riunendo ufficio e struttura produttiva in un unico spazio.



.

Il nuovo edificio mostra un design minimalista e all’avanguardia che evoca la tecnologia presente nelle biciclette Mondraker. Strutture in cui prevalgono il comfort e il rendimento di tutti i dipendenti, creando un ambiente di lavoro in cui sono incoraggiati il ​​lavoro di squadra e il flusso di informazioni tra i reparti.

Le nuove strutture dispongono di ampi spazi di lavoro interni ed esterni, in cui esporre le diverse collezioni di prodotti Mondraker e testare le ultime novità.

Il suo design circolare invita a esplorare liberamente il luogo da tutte le direzioni. 12.000 metri quadrati di superficie dove il 99% delle biciclette viene ideato, sviluppato e assemblato. L’architettura anticonformista dell’edificio si distingue per la sua forma ispirata alla struttura di una ruota. Un cilindro in vetro e acciaio che predomina nell’ambiente per la sua unicità.

Le ultime tecnologie hanno permesso di combinare la facciata trasparente con una rete esterna in acciaio che gestisce il controllo solare per ridurre al minimo il consumo di energia. La luce naturale è stata una chiara priorità dove le ampie superfici vetrate consentono di godere del sole mediterraneo durante tutto l’anno, creando un ambiente di lavoro caldo e accogliente.

La forte crescita del marchio ha dato origine a nuove esigenze, risolte grazie alla nuova sede. Lo spazio di lavoro per le diverse squadre è stato una priorità, creando l’ambiente necessario per il corretto sviluppo del marchio a tutti i livelli. I reparti più tecnici, come R&D, Engineering o Design, dispongono di nuove risorse che incorporano le più innovative tecnologie nei loro processi.

A loro volta, i reparti di produzione hanno una nuova struttura. Lo stabilimento di produzione, in cui sono assemblati praticamente tutti i modelli, è in grado di raddoppiare l’attuale produzione di biciclette. Un forte impegno per una continua evoluzione.

mondraker.com

 

Commenti

  1. frenk:

    Chiaro, ma non è obbligatorio rispondere a commenti con superficialità se non si conosce ciò di cui si parla.



    Potrei sbagliarmi... ma nessuno lo ha mai definito "bio". Io no di certo.



    Su questo concordo assolutamente e allora sì che avrebbe avuto "un occhio per l'ambiente" (usando parole tue)... ma non abbattendo dei poveri alberi per fare qualcosa che avrebbe avuto solo l'aspetto trendy del fake green che va tanto di moda adesso ma che di eco friendly avrebbe avuto ben poco rispetto ai moderni canoni di eco sostenibilità in bio edilizia.
    conosco benissimo di cosa parlo, ho qualche dubbio su di te, ma magari potresti però aggiornarmi con questi nuovi materiali, così posso giudiucare meglio.

    Che la bio edilizia in legno sia fake green lo dici tu, e senza portare nessuna argomentazione, almeno per ora.

    certo che è sempre un "piacere" discutere con te.
  2. marco:

    ehm

    https://www.theguardian.com/environment/gallery/2021/apr/16/forests-felling-swedens-ancient-trees-biodiversity-sami-environment
    ok, abbattere alberi secolari non è il massimo e va contro le regole della bioedilizia e mi dispiace che le renne non abbiano più licheni da mangiare.
    poi bisogna vedere se questi alberi finiscono in mobili ikea, nella stufe a pellet o nella bioedilizia.
    come al solito la coperta è corta, la casa in sughero non si può fare, neanche in bamboo, almeno da non voler trasformare le aree agricole in campi di bamboo, che poi richiede 5 anni di crescita per lignificare ed essere pronto, richiedesse solo 1 settimana come dice qualcuno vivremmo tutti in case di bamboo felici e contenti.
Storia precedente

[Video] Scout e Sentinel ora anche in alluminio

Storia successiva

Ad un passo dal Paradiso

Gli ultimi articoli in News

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…