Nuovi Garmin Edge 1030 Plus e 130 Plus

Nuovi Garmin Edge 1030 Plus e 130 Plus

Staff, 16/06/2020
Whatsapp
Staff, 16/06/2020

[Comunicato stampa] Navigazione immediata e intuiva all’avanguardia, approfondimenti sulle prestazioni con piani di allenamento personalizzati e funzionalità di sicurezza e tracciamento: i nuovi Garmin Edge 1030 Plus ed Edge 130 Plus non solo indicheranno il percorso corretto da seguire, su e fuori strada, ma monitoreranno ogni singola pedalata, fornendo utili indicazioni per migliorare sempre di più.

Garmin Edge 1030 Plus ed Edge 130 Plus consentono ai ciclisti di sincronizzare automaticamente gli allenamenti indoor e outdoor da Garmin Connect™ o altre app di allenamento, tra cui TrainingPeaks® e TrainerRoad, direttamente sul dispositivo. Durante una pedalata, inoltre, i nuovi dispositivi Garmin utilizzano i dati rilevati per fornire ai ciclisti le informazioni principali sulle loro prestazioni, tra cui VO2 max e frequenza cardiaca, mentre la funzione ClimbPro indica lo sviluppo di ogni salita presente sul percorso precaricato che si sta seguendo e il relativo livello di pendenza.

Da non dimenticare la sicurezza, fattore fondamentale per Garmin, tanto che l’azienda ha sviluppato tecnologie dedicate tra cui il rilevamento degli incidenti Incident Detection, l’opzione LiveTrack per consentire ai propri cari di seguire la posizione in tempo reale dell’utente e visualizzare l’intero percorso pianificato per vedere dove si stanno dirigendo, oltre alla serie di radar retrovisori Varia con il nuovomodelloVaria RTL515.

Garmin Edge 1030 Plus

Il nuovo GPS bike computer Garmin 1030 Plus è senza dubbio il punto più alto che Garmin abbia mai raggiunto in termini di navigazione, analisi delle prestazioni e sicurezza per il ciclismo. Sarà il compagno ideale per le uscite in bicicletta sulle storiche salite delle grandi competizioni, ma anche per i viaggi più impegnativi e lunghi.

Con processore notevolmente migliorato, ampio schermo da 3,5” pollici, touch-screen rapido e reattivo anche in caso di pioggia o di utilizzo con i guanti, oltre che perfettamente leggibile anche sotto la luce diretta del sole, Edge 1030 Plus ha cartografia Cycle Maps di Europa, Africa e Nord America integrata e fornisce al ciclista indicazioni precise, svolta dopo svolta. In caso di deviazione, ricalcola velocemente la rotta, permettendo anche di ripercorrere la strada a ritroso per tornare sul

tracciato originario o al punto di partenza. Questo permette quindi di avere un’esperienza di navigazione completa e accurata, anche lungo percorsi fatti per la prima volta.

Consente inoltre di creare itinerari, personalizzati sulle proprie esigenze e caratteristiche, direttamente dal device, oppure di scegliere tra quelli proposti dalla funzione Trendline™ Popularity Routing. Gli utenti di Strava o Komoot possono inoltre impostare i percorsi preferiti e importarli direttamente sul dispositivo. Inoltre, per tutte le volte che si affrontano percorsi in collina o lungo strade alpine, molto utile la funzione ClimbPro che mostra sullo schermo lo sviluppo altimetrico di ogni salita presente sull’itinerario.

Analizza in modo dettagliato ogni uscita, fornendo dati su VO2 Max post pedalata, stima del tempo di recupero e tanto altro ancora. Accompagna inoltre l’utente anche a migliorarsi, pedalata dopo pedalata, fornendo piani di allenamento e utili suggerimenti, a partire dall’accensione del dispositivo. Infine, consente ai ciclisti di capire come il loro corpo si adatti ai diversi ambienti in cui si trovano a pedalare attraverso l’analisi della temperatura e dell’altitudine, suggerendo anche quando fermarsi per mangiare o reidratarsi.

Massima attenzione anche al fattore la sicurezza: grazie alla funzione LiveTrack è possibile non solo comunicare in tempo reale la propria posizione e la distanza pedalata a chi è a casa, ma adesso anche quanto ancora manca per raggiungere la destinazione prefissata. Confermati il sistema di messaggistica di gruppo, il rilevamento degli incidenti e la compatibilità con i dispositivi della rinnovata serie radar Garmin Varia, come Varia RTL 515, e anche con i dispositivi di comunicazione bidirezionale inReach.

Edge 1030 Plus offre fino a 24 ore di autonomia durante l’utilizzo del GPS, che raddoppiano utilizzando l’alimentatore Garmin Charge™ opzionale. È compatibile con gli smart trainer Tacx®, in modo che i ciclisti possano effettuare allenamenti di qualità indoor oppure pedalare anche quando le condizioni meteorologiche non lo permettono.

Il nuovo 130 Plus

Compatto, robusto e altamente funzionale: così si presenta il nuovo bike computer Garmin Edge 130 Plus, con display in bianco e nero da 1,8” pollici, nitido e di facile lettura sia sotto la luce diretta del sole che in condizioni di scarsa illuminazione, su cui visualizzare le opzioni del menù tramite comodi pulsanti laterali.

Con il supporto dei satelliti GPS, GLONASS e Galileo, Edge 130 Plus è ideale in particolar modo per le uscite in mountain bike. Fornisce agli amanti delle ruote grasse tutte le informazioni di navigazione per affrontare i percorsi caricati tramite Course Creator sull’app Garmin Connect o scelti scelti tramite la funzione Popularity Routing Trendline™ che fornisce i percorsi più frequentati e quindi più sicuri. I tracciati possono ora essere anche pianificati e importati da applicazioni di terze parti quali Strava e Komoot.

Oltre all’altimetro integrato, Edge 130 prevede funzioni che saranno particolarmente apprezzate dagli amanti della MTB. Potranno infatti visualizzare la distanza dalla cima, l’ascesa rimanente e, con la funzione ClimbPro, la pendenza di ogni salita presente sul percorso. Sicuramente utile per migliorare le proprie prestazioni, le dinamiche di analisi per il mondo off-road, tra cui il GRIT, che analizza la tipologia delle caratteristiche del tracciato, e il FLOW, che analizza la conducibilità della bicicletta. Presente anche il conteggio dei salti, il tempo di volo e la lunghezza degli stessi. Infine, registra dati quali VO2 max, frequenza cardiaca, calorie bruciate e tanto altro. Ultimo, ma non per importanza, il fattore sicurezza: Edge 130 Plus con la funzione LiveTrack permette di comunicare in tempo reale la propria posizione e la distanza pedalata a chi è a casa, ma anche quanto manca per raggiungere la propria destinazione. Tramite Incident Detection è in grado di rilevare un incidente e condividere in modo automatico la posizione con i contatti di emergenza precedentemente salvati.

La batteria ha un’autonomia fino a 12 ore con GPS attivo e fino a 10 ore quando si utilizzano due sensori connessi.

I nuovi Garmin Edge 1030 Plus ed Edge 130 Plus sono disponibili nei migliori punti vendita da subito ad un prezzo consigliato al pubblico, rispettivamente, a partire da 599,99 Euro e da 199,99 Euro.

Per informazioni: www.garmin.com/it-IT

 

Commenti

  1. ymarti:

    belli, ma il v02max lo calcola senza sensore di potenza?
    salukkio:

    Credo sia ancora necessario.
    Anche sul mio Edge 520 serve il sensore di potenza, mentre sul 520 plus, non serve.. non capisco come ragionano, se è una cosa software andrebbe aggiunta su tutti dai.. comunque non credo serva qua, penso lo stimi con la fascia cardio come su altri, mentre se metti anche il sensore e la fascia allora sicuramente è più preciso.

    Valtrompia1970:

    Io con i Garmin ho sempre avuto problemi di connettività. L'810 che avevo dopo un po' non si connetteva più con il cell tramite bluethoot. Ora ho un 830. all'inizio tutto ok. Poi all'improvviso nienet connessione con il cell tramite bluethoot ed al pc tramite cavo non lo vedeva. Però la connessione tramite la rete wifi era ok. Decido di fare un reset completo. Risultato: funziona con il cell tramite bluethoot ma non non si connette più con la rete wifi. In compenso con il cavo collegato al pc nulla!!
    anche a me dopo aver fatto il cambio smartphone, il mio 520 non riuscivo più sincronizzarlo con niente, sono una volta ogni tanto riuscivo a vederlo con il bluetooth, ma niente sincronizzazione.. alla fine stanco ho risolto rimuovendo il dispositivo sul garmin connect e poi riassociando riavviando il tutto ed ha funzionato.
  2. io credo che se adottassero un sistema operativo android tutto andrebbe a posto.
    il fatto è che ogni 2 barra 3 anni, e ce se ne accorge quando parte la solita rottamazione svuota-magazzini (ma quante ne hanno fatte), devono immettere nel mercato un device nuovo, facendo credere che è migliore dei precedenti, salvo accorgersi alla prova dei fatti che i problemi ci sono ancora e sono sempre gli stessi... software super bacato e decisamente poco intuitivo, scarsa connettività, spegnimenti improvvisi, mancata ricezione dei satelliti, touch mooolto poco sensibile e preciso, hardware obsoleto, assistenza quello che è.
    chiaro che c’è tutto ‘sto casino, basta vedere la quantità di modelli che producono, alla faccia dell’ottimizzazione della gestione del processo di produzione, dove in questo caso “efficienza“ è solo una parola di x lettere a seconda del linguaggio utilizzato.
    p.s. è possibile, o qualcuno sa come fare, invertire una traccia presente nel device, per poi poterla seguire al contrario?