Orbea Onna

Orbea Onna: la front entry level che si ispira alla Alma

27

Orbea presenta oggi la Onna, una front entry level in alluminio idroformato destinata a chi vuole avvicinarsi alla MTB o a chi cerca una bici da XC dal prezzo molto contenuto. Sì, perché la Onna trae ispirazione dalla Alma, la hardtail XC race in carbonio del marchio basco e ricalca parte delle quote geometriche ma con taglie leggermente più corte per una posizione in sella meno aggressiva e quindi un approccio più confortevole.

Orbea Onna

Le Onna è dotata di ruote da 29″ a eccezione delle taglie piccole che montano le 27.5″ mentre è disponibile anche una gamma Junior per ragazzi, basata sul telaio in taglia XS con ruote da 27.5″. Il passaggio dei cavi è interno al telaio e predispone il montaggio di un reggisella telescopico. La Onna è dotata anche di supporti per portapacchi, per chi vuole sfruttare la Onna per bike packing o in città. La disponibilità è immediata e la bici si trova già da oggi in molti negozi. Tramite il programma Rider Connect potete scoprire il negozio più vicino a voi dove vedere la Onna o eventualmente quello dove prenotarla. Maggiori informazioni nel comunicato stampa di seguito.

[Comunicato stampa] In basco, la parola “Ona” significa “buono”. Nel caso di Orbea, “Onna” ha un significato in più, dato che è il nome di una delle prime rivoltelle che Orbea sviluppò intorno al 1840. Adesso Orbea ha appena presentato la bicicletta Onna, un nuovo modello per risvegliare la curiosità per la MTB con divertimento, controllo ed efficienza.

Orbea Onna

Disegnato partendo da zero per soddisfare le esigenze di chi sta cercando la sua prima vera MTB, questo modello raggruppa tutte le tendenze e dettagli tecnici delle biciclette XC moderne insieme alla tranquillità della garanzia a vita di Orbea.

  • Onna è stata disegnata da zero come una bicicletta divertente ed efficiente con cui scoprire la passione per la MTB o anche per iniziare con l’XC.
  • Con una geometria che offre divertimento e controllo, questo nuovo modello è stato progettato selezionando il migliore alluminio e impiegando le migliori tecniche di fabbricazione di telai.
  • Alla garanzia a vita sul telaio si aggiunge la qualità dei componenti come i freni a disco idraulici in tutta la gamma, cavi interni e un’accurata selezione di forcelle.

Divertimento con controllo, comfort ed efficienza

Nelle prime avventure in MTB, è normale sentire una certa insicurezza. Il corpo deve abituarsi a nuovi movimenti e si scopre la sensazione di cosa significhi pedalare sui sentieri. Tenendo conto di tutto ciò, Orbea ha voluto offrire controllo, comfort ed efficienza nella sua nuova Onna affinché la bicicletta semplicemente accompagni nell’avventura.

La geometria della bicicletta è stata concepita per fornire il maggiore controllo possibile in tutte le situazioni, offrendo una posizione comoda per vivere qualsiasi avventura. A ciò si aggiunge la potente e affidabile frenata dei dischi idraulici Shimano, montati su tutti i modelli di Onna per esplorare qualsiasi sentiero con sicurezza.

Inoltre, il tubo sterzo è conico, come avviene nelle biciclette di questa gamma di prezzo. Il tubo sterzo conico fornisce maggiore rigidità nella parte anteriore e pertanto maggiore controllo e precisione quando si guida la bicicletta. Consente inoltre di avere forcelle di una gamma più alta, più leggere e con più regolazioni.

Orbea Onna

Orbea seleziona il materiale per ogni tipo di bicicletta, uso e tipo di rider, per cui per la Onna è stato scelto l’alluminio idroformato.

Taglie perfetta per qualsiasi rider

Una delle novità della Onna è la possibilità di scegliere tra cinque taglie, ideate per adattarsi a qualunque persona. Si potrà scegliere tra le taglie XS, SM, MD, LG e XL, inoltre le dimensioni delle ruote sono state adattate per ciascuna taglia allo scopo di trovare l’equilibrio perfetto tra resa e maneggevolezza.

La taglia XS monta ruote da 27,5”, mentre per la taglia SM si potrà scegliere tra ruote da 27,5 o 29”, in funzione delle caratteristiche e preferenze del rider. Infine, le taglie più grandi – MD, LG e XL – montano ruote da 29”.

Tutti i dettagli di valore

Spesso le biciclette di questa fascia di prezzo non catturano molto l’attenzione, ma questo non è il caso di Orbea e della nuova Onna. Si è prestato particolare attenzione ad alcuni aspetti che danno alla bicicletta un valore maggiore.

Per esempio, non è abituale vedere nei modelli di questa fascia di prezzo il cablaggio interno che ha poco da invidiare alle biciclette di gamma superiore. Tutti i modelli della Onna hanno questo tipo di cablaggio, che significa avere una bicicletta silenziosa e senza sfregamenti che possono rovinare il telaio. Inoltre, esteticamente la bicicletta risulta più pulita ed elegante, con linee più minimaliste.

Anche se il reggisella telescopico può essere persino più caro della stessa Onna, il telaio è compatibile per montarne uno. In tal modo, se l’utente continua a crescere come biker e vuole affrontare nuove difficoltà tecniche o un nuovo livello di avventura, il telaio è pronto.

La Onna dispone anche di punti di montaggio per includere diverse opzioni di portapacchi e consente di montare un cavalletto. Due opzioni che sicuramente risveglieranno l’interesse di chi sta cercando una bicicletta per muoversi in città.

Prima revisione e un anno di Wikiloc inclusi

Orbea ti aiuta a scoprire i percorsi in MTB e le montagne della tua zona, inoltre non vuole che degli imprevisti fermino la tua curiosità di esplorare e divertirti con la tua Onna. Acquistando e attivando la garanzia a vita della tua Onna, riceverai anche una prima revisione gratuita e un anno di iscrizione a Wikiloc.

La Onna può essere prenotata

Attraverso il programma Rider Connect di Orbea, sarà possibile prenotare una Onna vicino a casa tua e trovarne una nel negozio più vicino. Sul sito di Orbea troverai tutte le informazioni al riguardo.

Allestimenti e prezzi

Orbea

 

Commenti

  1. Zeus78:

    con quel budget (1000-1300) io avrei preso sicuramente la xc120 o se volevo bruciare completamente il budget la xc500...
    entrambe hanno tutto quello che cerchi, forse peccano un pò sui freni, ma gli sram level non sono sicuramente peggiori degli shimano mt 200 che sono proprio i più basici in casa shimano e, come già detto, un telaio non boost è già vecchio come esce dal negozio e per di più con ruote da 27.5 che ormai stanno scomparendo anche sulle bici trail/am/enduro ecc.
    l'unica cosa che preferisco della radon rispetto alle rockrider elencate è la trasmissione, che per quanto base ha una cassetta 10/51 che a parità di corona ha più copertura sia sul lungo che sul corto, oltre ovviamente ad una scalatura migliore...
    però penso che cambiare corpetto e cassetta sia comunque meno oneroso del cambiare una forcella e scendere anche di quasi due chili di peso...
    poi ovvio che ognuno valuta e sceglie quello che più ritiene giusto...
    se hai gia preso la radon (non ho capito questo passaggio) buone pedalate
    Sono abbastanza d’accordo, ma non é che il 11/50 di xc 120/500 non abbia un buon range rispetto al 10/51 ;-)
  2. Eccomi, si la Radon l'ho presa ed è 29" non 27"
    la forcella è boost Judy AIR con comando al manubrio. (PP-12x110)
    monta un Deore 12V 10-51 con corona da 32 (io ho messo una 34)
    passaggio cavi interno . (il tubo posteriore passa esterno ma si può mandare interno tranquillamente)
    Le ruote non sono TR, e il telaio è QR al posteriore. queste sono le note negative.

    Le RR 120/500 ho aspettato settimane se non mesi per una taglia L mai riuscito a trovarla disponibile.

    la RR120/500 cmq mi storce il naso la Cassetta Sram PG1230 11-50.
    e i freni Level che fanno cagare... li ho provati e tutta la vita gli Shimano mt 200.
    quindi avrei dovuto spendere soldi per i freni, il corpetto e la cassetta.
    passaggio cavi esterno

    io il 10 lo uso tantissimo e per me +è un Must Have.
    l'unica cosa che vorrei fare è trovare un paio di cerchi TR senza svenarmi, ma effettivamente con il
    corpetto MS 9x135 non è così facile, almeno che recuperare il mozzo e raggiare ex-novo.


    se cmq fosse stata disponibile la Radon Jealous AL 8.0 non ci avrei pensato un secondo.

    PS. è una seconda Bici, la tengo al lavoro e la uso in pausa pranzo.
    come prima MTB ho una Canyon Lux CF 6
  3. Zero Cool:

    Innanzitutto complimenti per l’acquisto ;-)
    Però rimango convinto che corpetto/pp costino decisamente di un buon paio di ruote TR in più con standard “vecchio”.. senza considerare poi la differenza di peso.. per quanto riguarda i freni é una questione personale, anche io non amo Sram, ma su un frontino da xc non credo ci sia una differenza abissale tra un mt200 ed un level.. quindi insomma, confermo che io non avrei scelto là radon, ma il mondo é anche bello perché vario ;-)
    Grazie!
    cmq sono d'accordo con te.
    Standard Boost e TR sono dei Must al giorno d'oggi.
    Purtroppo i prezzi e le disponibilità costringono ad accettare un compromesso.
    Mi ritengo molto soddisfatto della mia Radon, nonostante il prezzo da entry level, è una mtb veramente consistente!
Storia precedente

Ibis corre in coppa del mondo con il team 31

Storia successiva

Nuove scarpe Specialized S-Works Vent EVO

Gli ultimi articoli in News

La miniera

Le miniere di carbone del Belgio, da dove proviene Thomas Genon, il protagonista di questo video,…