Presentata la nuova Intense M16

[ad3]

Dopo averla vista in azione alla World Cup di Lourdes, ora possiamo scoprire maggiori dettagli sulla M16, la nuova macchina da Downhill di Intense. Con la M16, la storica azienda americana è giunta alla quinta evoluzione della sua serie M, con anni di perfezionamenti ottenuti grazie ai continui test e alla presenza sui campi di gara.



.

WEBM16-3

La M16 è stata sviluppata per ospitare le ruote da 27.5″. Le geometrie sono state concepite per l’ambito race, come tradizione della serie M di Intense. Come sulla M9, il telaio della M16 mantiene la possibilità di modificare sia la curva di compressione che l’escursione alla ruota, grazie a due opzioni di alloggiamento per ciascuna estremità dell’ammortizzatore.

M16_Alloy_FINAL_web

WEBM16-2

Geometrie:

M16_Alloy_FINAL_web

Allestimento:

  • Telaio: M16 275 alluminio Idroformato – 215 – 241mm di escursione
  • Forcella: RockShox Boxxer World Cup
  • Ammortizzatore: Cane Creek Double Barrel Coil
  • Mozzi: anteriore 32 fori NO TUBES 3.30 110×20mm – posteriore 157x12mm con corpetto XD
  • Cerchi: NO TUBES Rapid 30 Team 27.5″
  • Raggi: Sapim
  • Copertoni: Maxxis Minion 27.5×2.5”
  • Comando: SRAM X01 DH 7 velocità
  • Cambio: SRAM X01 DH 7 velocità
  • Guarnitura: SRAM X01 DH 36T
  • Cassetta: SRAM XG-1195 10-24 7 velocità
  • Sella: WTB Volt Team
  • Reggisella: Thomson Elite 31.6mm zero offset
  • Manubrio: Renthal Fatbar Lite 20mm rise 740mm wide
  • Serie sterzo: Cane Creek 40
  • Freni: Shimano Saint
  • Manopole: Intense Dual Density Lock-On

WEBM16-4

Intense Cycles

[ad12]

Storia precedente

Nuova linea di occhiali 100%

Storia successiva

Taratura delle sospensioni #1: elemento elastico

Gli ultimi articoli in News

Tornantini esposti

In questo ultimo episodio della serie “Let’s ride” di Ludo May, ci dirigiamo a Embrun, nelle…

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…