Revonte One, la bici col cambio automatico

15

La finlandese Revonte ha lavorato su una bici elettrica dotata di cambio automatico. Questo si basa su una cadenza regolata da un software, modificabile anche dall’utente tramite comand0 remoto a manubrio.

[fncvideo id=233600]



.

La stessa Revonte scrive che in fuoristrada spesso si preferisce usare dei rapporti “personalizzati”, a seconda del terreno e delle proprie preferenze, motivo per cui è disponibile anche una modalità semiautomatica in cui si possono scegliere le marce tramite comando a manubrio.

Altri dettagli si trovano sul sito Revonte.

 

Commenti

  1. Il cambio automatico resta un'opzione interessante in allenamento, per rendere più ripetibili le condizioni, anche se non credo che la userei in un'uscita con gli amici. Per quanto riguarda l'XC ho paura che non consenta di anticipare la cambiata sugli ostacoli improvvisi, la vedo più una cosa da BdC dove le condizioni sono più prevedibili. Tra l'altro in quel caso consentirebbe di correggere automaticamente errori di valutazione su una salita, dove può capitare poi di non avvedersi prontamente dell'errore e pedalare a lungo fuoricadenza.
    Comunque penso che se la tendenza verso l'elettronica sarà confermata, diventerà presto un'opzione molto richiesta.
  2. Dopo aver preso una legnata sul cambio e piegato il forcellino anche il mio è diventato un cambio automatico, altro che software :)
  3. In teoria si, non dovrebbe neanche essere troppo complesso, ma il problema sono le gambe.
    Un motore genera sempre la stessa potenza a parità di giri/min quindi puoi stabilire a priori il rapporto e quindi la velocità finale.
    Le gambe no, puoi produrre con 90 pedalate al min 300w (si fa per dire) oppure 100w a secondo della situazione ad esempio nel primo caso sei impegnato in una gare nel secondo nel giro con la moglie e figli.
    Il sistema quindi dovrebbe riconoscere la situazione e regolarsi di conseguenza, le variabili in gioco sono moltissime e vanno come già detto dalla situazione alla preparazione atletica allo stato di forma alla voglia di pedalare al percorso ecc.
    Risultato: il sistema potrebbe sceglierti il rapporto non adatto non potendo valutare tutte le situazioni e come queste possono cambiare durante una pedalata.
    Una soluzione potrebbe essere gestire varie configurazioni con un comando a manubrio ad esempio ma a questo punto gestisci direttamente il cambio.
Storia precedente

Il silenzio

Storia successiva

Bikehotels Alto Adige: prenota adesso, annulla gratis

Gli ultimi articoli in News

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…