Revonte One, la bici col cambio automatico

Revonte One, la bici col cambio automatico

Staff, 19/03/2020
Whatsapp
Staff, 19/03/2020

La finlandese Revonte ha lavorato su una bici elettrica dotata di cambio automatico. Questo si basa su una cadenza regolata da un software, modificabile anche dall’utente tramite comand0 remoto a manubrio.

La stessa Revonte scrive che in fuoristrada spesso si preferisce usare dei rapporti “personalizzati”, a seconda del terreno e delle proprie preferenze, motivo per cui è disponibile anche una modalità semiautomatica in cui si possono scegliere le marce tramite comando a manubrio.

Altri dettagli si trovano sul sito Revonte.

 

Commenti

  1. A me l’idea del cambio automatico non dispiace affatto e poi se e‘ possibile anche cambiare con in paddle se uno vuole e‘ come utilizzare il cambio tradizionale . Leggendo sul loro sito la cosa che mi fa pensare che avrà un po’ “effetto scooter” e‘ il fatto che lo paragonano alla Prius che ha un cambio CVT Che però al vantaggio di poter creare qualsiasi Rapporto tra i due estremi low speed high speed . Comunque la cosa interessante è che ci sono aziende che fanno ricerca sulle e-bike e questo è positivo sia per ridurre i pesi e per migliorare le prestazioni a favore del divertimento
  2. Una domanda per chi ne sa più di me: su di una bici muscolare, è possibile interfacciare un cambio elettronico tipo Di2 con un misuratore di potenza/sensore giri?
    Così da passare automaticamente ad un diverso rapporto, al raggiungimento di una certa combinazione di giri e coppia
  3. avalonice:

    In teoria si, non dovrebbe neanche essere troppo complesso, ma il problema sono le gambe.
    Un motore genera sempre la stessa potenza a parità di giri/min quindi puoi stabilire a priori il rapporto e quindi la velocità finale.
    Le gambe no, puoi produrre con 90 pedalate al min 300w (si fa per dire) oppure 100w a secondo della situazione ad esempio nel primo caso sei impegnato in una gare nel secondo nel giro con la moglie e figli.
    Il sistema quindi dovrebbe riconoscere la situazione e regolarsi di conseguenza, le variabili in gioco sono moltissime e vanno come già detto dalla situazione alla preparazione atletica allo stato di forma alla voglia di pedalare al percorso ecc.
    Risultato: il sistema potrebbe sceglierti il rapporto non adatto non potendo valutare tutte le situazioni e come queste possono cambiare durante una pedalata.
    Una soluzione potrebbe essere gestire varie configurazioni con un comando a manubrio ad esempio ma a questo punto gestisci direttamente il cambio.
    Beh però, magari sbaglio, secondo me su una bici elettrica la cambiata automatica diventa una cosa interessante... almeno dal punto di vista tecnico.
    I nuovi rulli smart, tramite un rilevatore di potenza, possono gestire la potenza sviluppata dal ciclista. Dato che le e-bike non fanno altro che moltiplicare la potenza sviluppata, con un bel softwarino collegato a cambio e misuratore di potenza si potrebbe gestire in maniera automatica potenza sviluppata dal rider e anche cadenza. Se poi pensi che a tutto questo ci puoi aggiungere un rilevatore di pendenza... sarebbe un bell’esercizio di tecnologia applicata