Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

[Test] Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

/
1

Quest’estate ho avuto il piacere di provare la mia prima Nukeproof, la Giga 290 Carbon Factory. Ai tempi, quando ero un ragazzino che correva nel cross country sulla East Coast, i mitici mozzi del marchio del Michigan erano qualcosa che ho sempre desiderato ma che non sono mai riuscito a ottenere. Dopo un paio di decenni, il marchio è diventato un’importante azienda produttrice di bici con vendita diretta al consumatore (in USA, non in Europa), proveniente dalle isole britanniche, che offre proposte di alto valore che vanno dai principianti ai livelli da gara. Solo nell’ultimo anno il marchio è tornato a casa, per così dire, e ha iniziato a distribuire le sue biciclette negli Stati Uniti da Salt Lake City, nello Utah. Negli ultimi mesi ho provato la Giga 290 Carbon Factory, che rientra nella categoria “Super Enduro”. Continuate a leggere per scoprire come si è comportata…

Nukeproof Giga 290 Carbon Factory


Dettagli Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

  • Telaio in carbonio
  • Ruote da 29″
  • Escursione: 180mm anteriore/ 170mm posteriore
  • Passaggio gomme: 2.5
  • Freno posteriore 200mm direct post mount
  • Forcellino UDH
  • Pellicola protettiva in vinile già installata al momento della vendita
  • Tglie: S-XXL
  • Peso: 16.2 kg  (senza pedali, pellicolata, parafango posteriore, portaborraccia e gomme latticizzate)
  • Prezzo: 6.999€

.

Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

A partire dalle sospensioni, questa bici è dotata di Fox Factory all’anteriore e al posteriore. Davanti la 38 parla da sola. Da qualche anno è la migliore forcella della categoria, a mio parere. Ritorno regolabile ialle alte e basse velocità, costruzione eccellente con una brillante integrazione del parafango e valvole di spurgo, il tutto su 180 mm di escursione. Sul retro c’è il Float X2, un ammortizzatore che ha avuto una reputazione contrastante, per usare un eufemismo. Quando funzionano correttamente, queste unità sono davvero eccellenti, ma hanno la tendenza ad aerare/cavitare e a richiedere una manutenzione prematura. Ha una corsa di 205 mm X 60 mm, con ritorno regolabile alle alte e basse velocità e una leva di lockout.

Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

Questo modello è dotato di una trasmissione Shimano XT completa. La corona da 30T abbinata alla cassetta posteriore da 10-51T offre un’ampia gamma di rapporti.

Complimenti a Nukeproof per aver scelto le carcasse “Double Down” sia all’anteriore che al posteriore di questa bici. Data l’escursione della Giga e la sua propensione per i terreni più accidentati, si tratta di una scelta appropriata, che vale la pena di tenere presente quando si valuta il peso della bicicletta completa. Ho trovato la combinazione Maxxis Assegai anteriore da 2,5″ e DHR2 posteriore da 2,4″ estremamente prevedibile e versatile. Ho guidato questa configurazione molte volte in passato e non mi sono mai lamentato. Infine, complimenti a Nukeproof per aver utilizzato una mescola Maxxgrip più morbida all’anteriore e una Maxxterra più resistente al posteriore.

Un’altra configurazione che ho avuto modo di testare nel corso degli anni è il set di ruote DT Swiss EX1700. È in circolazione da qualche anno e c’è un motivo per cui decine di aziende scelgono queste ruote per le bici a lunga escursione raggio. Sono relativamente leggere, molto resistenti e facili da manutenere. Nel complesso, sono un ottimo prodotto senza fronzoli per il quale non dovrete preoccuparvi.

Oltre a gestire il cambio, sono anche di Shimano i freni XT a quattro pistoncini da 200 mm. La mia esperienza con questo gruppo frenante è stata a dir poco perfetta. La potenza, la sensazione della leva, la modulazione e la regolazione sono state eccellenti.

La parte anteriore del cockpit è completamente composta da componenti di casa Nukeproof, molti dei quali sono pezzi firmati da Sam Hill. Mi è piaciuto molto l’attacco manubrio da 45 mm e infatti ne ho uno uguale su una bici personale. Le manopole non mi sono piaciute molto: sono a basso profilo e resistenti, ma un po’ dure per i miei gusti. Per quanto riguarda il manubrio, mi è sembrato un Renthal Fatbar – una buona cosa – ma con una maggiore inclinazione all’indietro.

Complimenti a Nukeproof per aver incluso il suo guidacatena a copertura totale. È pulito e funziona benissimo.

Per quanto riguarda alcuni dettagli del telaio, c’è un bel parafango posteriore inserito nella parte posteriore che offre una buona copertura e non fa rumore. Abbiamo avuto un’estate piuttosto secca, quindi non posso parlare della sua efficacia, ma sembra che possa essere utile in caso di bagnato. Il tubo obliquo è dotato di una robusta protezione in gomma che offre un’ampia copertura. Infine, anche le protezioni in gomma stampata sul tubo piantone e sul fodero hanno funzionato bene, mantenendo un’ottima silenziosità sul retro.

Passando in rassegna altri aspetti delle caratteristiche del telaio della Giga, notiamo la presenza di un supporto per accessori sotto il tubo obliquo, che è la cosa migliore che si possa fare per un porta attrezzi. Sul tubo obliquo, Nukeproof è stata molto creativa per ospitare una borraccia full size, ma vale la pena notare che solo il loro portaborraccia (incluso) funziona su questo modello. Infine, sulla destra è possibile dare un’occhiata ad alcuni dei rivestimenti in vinile inclusi. Si tratta di un elemento che normalmente può costare qualche centinaio di euro, soprattutto se si paga l’installazione, e che protegge molto bene il vostro investimento, quindi è bello vederlo incluso nel prezzo.

Infine, per quanto riguarda il passaggio dei cavi, la bici è dotata di un passaggio interno completamente rivestito, ma devo sottolineare che sulla mia bici il cavo del deragliatore posteriore è stato fatto passare nel punto in cui sarebbe stato fatto passare il freno posteriore su una bici con configurazione per il freno sinistro/posteriore e destro/anteriore. È la prima volta che capisco il dolore che provano alcuni britannici quando acquistano biciclette americane!

La Giga è dotata di una regolazione della progressione sul leveraggio principale che può essere facilmente regolata sul sentiero tramite una singola chiave a brugola da 8 mm. Poiché la mia bici era dotata di un ammortizzatore ad aria, ho lasciato l’impostazione più lineare, ovvero circa il 24% di progressione. La possibilità di passare a una progressione maggiore, pari al 29%, è perfetta per chi sta pensando a un ammortizzatore a molla.

Non ho avuto alcun problema con il reggisella telescopico BikeYoke. Anzi, mi è piaciuto molto. I 185 mm di escursione sono stati una delizia per le mie lunghe gambe e mi piace il fatto che si possa resettare/ridimensionare con una chiave a brugola da 4 mm e un rapido ciclo della corsa. Detto questo, la leva del dropper della Brand-X, dal nome ironico, era piuttosto terribile e scomoda da usare. Se questa fosse la mia bici personale sarebbe la prima cosa che cambierei.

Geometria Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

Una panoramica della geometria mostra una bicicletta molto ben studiata. La mia Giga taglia Large presenta un angolo del tubo sella ripido, un angolo del tubo di sterzo moderatamente aperto e un buon equilibrio tra le lunghezze del reach e del fodero. Se c’è un piccolo appunto da fare è che questa bici non presenta una lunghezza dei foderi scalata in base alla taglia, come fanno molte altre bici. Per questo motivo, ritengo che i 445 mm siano perfetti per i telai di taglia media e XL, ma potrebbero essere un po’ lunghi per la S e un po’ corti per i modelli XXL. Non è un grosso problema, ma vale la pena notarlo.

 

Sul sentiero

Iniziando dalla salita, l’angolo di sella di 77,75° significa che, nonostante la pesantezza di questa bici, se si ha la pazienza e le gambe necessarie si possono affrontare salite di discreta lunghezza senza distruggersi. Quando una bici diventa più “lunga”, diventa sempre più importante essere in grado di spostare il corpo in avanti nella posizione giusta quando si sale e Nukeproof ha centrato questo aspetto. Anche per quanto riguarda la cinematica, non è prona a bobbare eccessivamente. Si può dire che il peso è probabilmente il più grande ostacolo in termini di arrampicata. Tuttavia, questo dato va contestualizzato, poiché la bici è dotata di copertoni Double Down, di un paracatena a copertura totale e di un rivestimento in vinile. Sono tutti elementi molto usati dagli enduristi che molti marchi non includono e che finiscono per costare ai consumatori qualche centinaio di euro dopo l’acquisto, aggiungendo anche un po’ di peso.

In termini di discesa, dopo i primi giri stavo cercando di capire quale altra bici mi ricordasse la Giga, poi alla fine ho capito. Per molti aspetti ricorda l’attuale Specialized Enduro, soprattutto per quanto riguarda le sospensioni e la geometria. Ha un tasso di progressione molto simile e anche la geometria è abbastanza simile, mentre condividono lo stesso tasso di leva medio (2,83:1). La Nukeproof ha un angolo sella più ripido e la compatibilità con l’UDH, mentre la Specialized ha un portaoggetti nel tubo obliquo e forse un telaio leggermente più vivace. In ogni caso, ho trovato questa bici estremamente calma e stabile. Oserei persino dire che sembrava un po’ desensibilizzata alla velocità e chiedeva sempre di più, indipendentemente da quanto la spingessi. Il rovescio della medaglia è che quando le cose si fanno lente ha bisogno di un po’ più di input da parte del pilota. Ciò premesso, si tratta comunque di un mezzo molto agile nel grande schema delle cose e mi sono davvero divertito su terreni stretti e tortuosi. Inoltre, si potrebbe pensare di passare a una forcella da 170 mm per ravvivare un po’ le cose, se questo ha senso per i sentieri in cui girate. Tuttavia, se si percorrono spesso sentieri accidentati, la Giga non è troppo lontana dalle capacità di una bici da DH ed è estremamente sicura e affidabile.

Come accennato in precedenza, la regolazione della progressione è un’ottima idea e mi è sembrato che le sospensioni avessero il giusto mix che la maggior parte dei biker cerca: sensibili ad inizio corsa, sostenute a metà e buona resistenza ai fondocorsa. Non sono mai arrivato a fondo corsa, anche se l’O-ring indicava che avevo raggiunto la massima escursione alcune volte. Sfruttarla tutta, ma non sentirne la fine, è l’ideale. L’ammortizzatore posteriore è stato fornito con un singolo riduttore di volume, in modo da poter giocare con la curva rimuovendolo o aggiungendone un altro per adattarlo ai propri gusti. Ho apprezzato anche l’occhiello inferiore dell’ammortizzatore con cuscinetti sigillati, ma ho avuto una brutta notizia sul fronte dell’ammortizzatore posteriore. Questo modello Float X2 è stato vittima del temuto e già citato problema di cavitazione. Da quanto ho capito, Fox sta affrontando questo problema riparando gli ammortizzatori o sostituendoli con modelli 2024 aggiornati, quindi, pur essendo un inconveniente, non è la fine del mondo, poiché le prestazioni sono eccellenti e molto ben sintonizzate con la Giga quando funziona correttamente.

Nukeproof Giga 290 Carbon Factory

Ho trovato che la Giga ha una guida molto neutra. Non mi è sembrato che avesse un gran pedal kickback e non ho rilevato alcuna interferenza delle sospensioni nelle frenate più brusche. Il telaio è molto rigido e robusto, per cui si comporta molto bene in curva, con il vantaggio di una maggiore stabilità in velocità grazie al suo basso centro di massa. Durante tutti i miei test non ho avuto un solo pezzo di hardware che si sia staccato o allentato e tutti i cuscinetti funzionano senza problemi. Indubbiamente mi è venuta un po’ di nostalgia guardando il leveraggio dell’ammortizzatore, perché il suo layout è lo stesso – concettualmente parlando – di una delle mie prime bici da downhill, una Turner DHR del 2000. In ogni caso, il leveraggio ha superato la prova del tempo ed è stato privo di preoccupazioni.

Per quanto riguarda i componenti, ho trovato molti dei prodotti di casa Nukeproof abbastanza buoni e il mix di Shimano XT e Fox di punta è stato per lo più eccellente, con l’eccezione dell’ammortizzatore posteriore.

Ho riscontrato un fastidioso rumore di cavi che mi ha richiesto un po’ di tempo per essere risolto. Tuttavia, quando ho legato insieme i due cavi nel punto in cui uscivano dal tubo obliquo, il rumore è scomparso, quindi è stato facile risolverlo. Tutti gli elementi protettivi della bicicletta hanno funzionato a meraviglia e Nukeproof merita un grande plauso per aver incluso il rivestimento completo in vinile. Infine, pur apprezzando il manubrio relativamente alto e l’attacco manubrio da +/-5 mm, preferisco un avantreno piuttosto alto e mi è sembrato ancora leggermente basso con soli quattro distanziali da 5 mm. Includere sei distanziali sarebbe un tocco di classe e darebbe all’utente finale una maggiore possibilità di regolazione. Nel grande schema delle cose, tuttavia, questo è un dettaglio minore che potrebbe essere risolto con un manubrio più alto.

Conclusioni

Mi sono trovato molto bene con la Nukeproof Giga 290 Carbon Factory, tanto che ho pensato di costruirne una per la stagione del bike park del prossimo anno. È un ottimo mezzo gravity all around per chi vuole una bici da bike park che sia anche in grado di affrontare frequenti gare di enduro. È abbastanza capace da farvi dubitare dell’utilità di possedere una bici da downhill, al di fuori delle gare. A parte questo, è stato il telaio stesso a conquistarmi, il che è un bene perché è l’investimento principale in una bicicletta. Questo modello è dotato di sospensioni di punta e freni eccellenti. La trasmissione e il set di ruote, già collaudati e affidabili, sono di grande aiuto. È bello che Nukeproof si occupi di tutti i dettagli: i pneumatici adeguati all’uso, la pellicola protettiva e cose come l’attacco per gli accessori e la progressione regolabile sono di grande utilità. Anche le sospensioni e la geometria sono a mio avviso vincenti. Nel complesso, sono un grande fan di questa bici e penso che a 6.899 dollari offra un buon rapporto qualità/prezzo. Il fatto che sia in vendita in quantità e taglie limitate a soli 5.174 dollari (al momento della stesura di questo articolo) è ancora meglio.

www.nukeproof.com

Commenti

  1. In italiano fila tutto liscio..
    ma quindi è un marchio americano che poi si è trasferito in inghilterra ed è ora tornato in America?
    Vabbè comunque concordo in pieno con quello che ha scritto e confermo che anche io tolsi praticamente subito x2 perché non mi piaceva e passato al cane creek kitsuma mi sono innamorato di questa bici in discesa.
Storia precedente

Bici della settimana: DH autocostruita da bambino di Jitensya

Storia successiva

Laghi e Monti Bike: fra Italia e Svizzera in MTB

Gli ultimi articoli in News

Il nuovo truck di Mondraker

Benvenuti al nostro tour esclusivo dell’impressionante truck Mondraker Factory Racing! Unisciti a noi per scoprire ogni…

La vita di un trail

Cumberland ospita una delle reti di sentieri più vivaci dell’Isola di Vancouver, ma una rete di…