[Test] Pantaloni Troy Lee Designs Sprint Ultra

[Test] Pantaloni Troy Lee Designs Sprint Ultra

Ian Collins, 05/08/2020
Whatsapp
Ian Collins, 05/08/2020

Un paio di anni fa Troy Lee Designs ha iniziato una collaborazione con Adidas in campo bici e motocross. Utilizzando nuovi tessuti con l’obiettivo di aumentare l’elasticità e la libertà di movimento, molti atleti sponsorizzati TLD, come per esempio Brendan Fairclough, ne sono stati molto felici, quindi è nata la linea Sprint Ultra. Abbiamo messo alla prova un paio di pantaloni dalla nuova collezione per un test di durata.

Dettagli

  • Vita bassa, gambe articolate e aderenti
  • Tessuto TLD Ultra Tech
  • Protezione in cuoio anti abrasione da catena
  • Prezzo: online intorno ai 170€
  • Taglie: 30, 32 (in test), 34, 36
  • Tre colori: Black, White, Red

Chiusura a due bottoni con una robusta cerniera.

L’elasticità del ginocchio permette di adattarsi sia alle ginocchiere leggere che a quelle da DH.

Sopra puoi vedere il taglio angolato della vita, cruciale per tenere lo sporco fuori dai pantaloni e impedire ai pantaloni di scendere.

La fascia in silicone in vita offre una protezione aggiuntiva dallo scivolamento.

Un pannello in pelle sulla gamba destra protegge i pantaloni dalla catena.

Due linguette laterali in velcro per la regolazione in vita.

Cuciture completamente nastrate per longevità ed elasticità.

Ventilazione generosa in varie zone dei pantaloni.

Sul campo

Partendo dalla vestibilità, il 32″ è abbastanza preciso come dimensioni. Le linguette in velcro sui fianchi sono ben pensate ed efficaci. Parlando della vita, la fascia più alta sulla schiena tiene fuori lo sporco dai pantaloni. Davanti hanno un taglio più basso, quindi in posizione di riding non ci sono problemi di fastidi o irritazione. Per quanto riguarda la vestibilità, i pantaloni TLD erano piuttosto corti in passato, ma gli Sprint Ultra sono una manciata di centimetri più lunghi, quindi se necessario si possono accorciare con un orlo mentre prima non era ovviamente possibile allungarli.

È per i materiali che Troy Lee ottiene il punteggio più alto. Il tessuto scelto per la Sprint Ultra è tra i migliori che abbia mai indossato. Rispetto agli spessi tessuti di Cordura del passato uniti a materiali più elastici, gli Sprint Ultra sono robusti ma incredibilmente elastici e sembrano pantaloncini da surf di alta qualità.

Il più grosso difetto di questi pantaloni è che non hanno nemmeno una tasca. Essendo progettato come abbigliamento da gara minimalista ad altissime prestazioni, TLD ha scelto di rinunciare alle tasche. Dopo un po’ di feedback hanno deciso di introdurre le tasche per il modello Sprint Ultra del 2021. Personalmente, l’ho trovato fastidioso nelle uscite pedalate e meno in quelle meccanizzate. Anche abbandonando il telefono per un giro, vorrei comunque un posto dove riporre la chiave dell’auto o una barretta. In genere ho indossato i bibs SWAT con questi pantaloni. Chi usa una zaino non lo vedrà come un problema ma non includere una tasca è stato un errore e correggerlo per il 2021 è la mossa giusta.

Per quanto riguarda la traspirabilità, ho indossato questi pantaloni per la maggior parte dell’inverno, per tutta la primavera e anche per una parte dell’estate. Le perforazioni abbondanti e piuttosto grandi sono ben posizionate, incoraggiando l’aria a muoversi attraverso i pantaloni. Ad alta velocità puoi sentire l’aria che scorre, il che è piacevole nei giorni più caldi. Un’altra caratteristica degna di nota è il pannello in pelle leggera in corrispondenza dell’interno del polpaccio destro, utile a prevenire l’usura prematura per lo sfregamento della catena. Infine le cuciture sono completamente nastrate all’interno, il che impedisce lo sfilacciamento e migliora la durata.

Conclusioni

Se riesci a perdonare la mancanza di una tasca, ti verrà difficile trovare qualsiasi altro difetto allo Sprint Ultra. I tessuti, il taglio e le cuciture sono assolutamente impeccabili. Hanno resistito senza problemi ad alcune cadute. Penso che Troy Lee abbia trovato con i materiali il perfetto equilibrio tra flessibilità, robustezza e traspirabilità. Sono buoni pantaloni per qualsiasi cosa dal trail alla DH. Se il discorso tasche è un problema, aspetta qualche mese per la versione 2021.

 

Commenti

  1. da provare. I fox flexair dopo un paio di lavaggi si lasciano un pò andare (anche le scritte "termosaldate" )

    Ma con la tasca dove si trovano?

    Grazie del report!
  2. frenk:

    Il test non è di Marco ma di Ian. Chiunque di noi pubblichi un test, nonostante ci sia il nostro nome (e le foto che ci ritraggono!), pensate sempre che sia di Marco...
    Avevo visto il nome del tester. Il mio pensiero era a 360 gradi. Forse ho scritto di fretta e mi rendevo conto, mentre formulavo la frase, che la stessa poteva venire interpretato come poi è successo. In effetti ci poteva stare, non mi sorprendo più di nulla.
    Cerco di spiegarmi.

    Marco ha provato mille e mille cose. Questo a significare che un tester prova tante cose e ha esperienza per decidere e giudicare. Se un test è pubblicato sul sito inventato da Marco, che stimo e di cui mi fido, credo che il giudizio possa essere condivisibile, indipendentemente dal tester. Da me sicuramente, e dai redattori, in linea generale. Ma forse sbaglio?

    Poi qui è scritto. Il poi è riferito a quanto sopra...da leggere come "in ogni caso è riportato dal tester"

    Buona giornata a tutti