MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Trek Powerfly FS9 E-Bike

Trek Powerfly FS9 E-Bike

Trek Powerfly FS9 E-Bike

13/02/2015
Whatsapp
13/02/2015

Ci troviamo nella Sierra Nevada, in Spagna, per la presentazione della nuova mountain bike elettrica di trek, la Powerfly FS9 con 120mm di escursione.

The new 120mm Trek Powerfly FS9

Specifiche

• 27.5”, 120mm di escursione
• Tecnologia di casa Trek: ABP, E2, QR15, 142×12
• Copri motore proprietario con passaggi cavi e sistema di ritenzione della catena
• Protezione per il motore
• Sospensioni sviluppate insieme a Rock Shox
• Pronta per l’uso delle luci
• 5 taglie

The p400 Bosch motor is focused on smooth power.

Il motore Bosch P400

Il motore Bosch p400 è stato montato in maniera tale da far lavorare le sospensioni in tipica maniera Trek (appofondimenti seguiranno). La trasmissione è affidata ad uno SRAM X1, mentre la forcella è una Rock Shox Revelation e l’ammo un Monarch Debonair. I freni sono invece affidati ad Shimano, con dei potenti XT.

Montaggio

Telaio

Alpha Platinum Aluminium 27.5” frame, ABP Convert, E2 tapered head tube, internal derailleur & e-system routing, Motor Armor, 120mm travel

Sospensione anteriore

RockShox Revelation 27.5″ RCT3 w/Solo Air, 32mm stanchions, rebound, adjustable low speed compression, 3 position compression, E2 tapered steerer, 15mm Maxle Lite, 120mm travel

Sospensione posteriore

RockShox Monarch Debonair RL, rebound, lockout, tuned by Trek, 7.25×2.0″

Taglie

15.5, 17.5, 18, 19.5, 21″

Ruote

Front hub, SRAM MTH716, 15mm thru axle. Rear hub, SRAM MTH746, 12mm thru axle. Rims, Bontrager Duster 32-hole Tubeless Ready disc, Bontrager XR3 Team Issue, Tubeless Ready, 27.5×2.35″

Trasmissione

Shifters, SRAM X1, 11 speed. Rear derailleur, SRAM X1. Crank, RIDE+ aluminium w/integrated bashguard, 15 teeth. Cassette, SRAM XG-1180 10-42, 11 speed. Chain, SRAM PCX1.

Componenti

Saddle, Bontrager Evoke 2, chromoly rails. Seatpost, RockShox Reverb dropper seatpost, 31.6mm, zero offset. Handlebar, Bontrager Low Riser, 31.8mm, 15mm rise. Stem, Bontrager Race Lite, 31.8mm, 7 degree. Headset, FSA, E2, sealed bearings. Grips, Bontrager Race Lite, lock-on.

Freni

Shimano Deore XT Trail hydraulic disc.

Batteria

Bosch PowerPack 400Wh.

Extra

Trek Motor Armor, Trek Motor Covers, Bosch front & rear light cables, AXA battery lock. Controller Bosch Intuvia Performance w/remote.

Motore

Bosch Performance Cruise 25km/h.

Prezzo

€ 4699

Geometria

Lo scopo di Trek è quello di proporre una bici fruibile da tutti i tipi di biker sui sentieri, strizzando l’occhio anche ad un eventuale utilizzo su strada (per esempio per andare al lavoro). È un mezzo che Trek vede come primo approccio alla mountain bike per molti potenziali clienti: prima la usano su strada, poi si avventurano offroad (Trek lo chiama “l’effetto SUV). Rimane, comunque, una trail bike. L’ampio spettro di taglie è stato pensato per raggiungere anche il pubblico femminile. Trek stima nel 30% la percentuale di E-Bike che verranno vendute alle donne.

The numbers here tell the story with 120mm of travel and a fairly conservative 68 degrees combined with the short chainstays give a snappy yet not aggressive bike.

I numeri parlano per una bici ben bilanciata, con foderi posteriori abbastanza corti ed un angolo sterzo di 68°, per rendere la bici agile ma non troppo aggressiva.

Trek expalined how these numbers translated into a better pivot location which gives less chain induced suspension movement and a better ride.

Trek ha spiegato che la geometria è stata pensata per posizionare in maniera ideale gli snodi e ridurre l’effetto del tirocatena sulla sospensione posteriore.

A prima vista la Powerfly appare subito come una bici da trail che piacerà anche a chi non è già un biker appassionato.

IMG_9578

La nostra bici in prova, pronta per il primo giro.

IMG_9496

Gommatura intermedia, per un uso non esasperato.

The suspension rate is better as they have been able to use a longer shock and thus improve the rear suspension performance compared to other bikes on the market.

TrekPowerflyFS9_detail1

Potrete leggere i dettagli nel prossimo articolo, ma l’1×11 è stato molto apprezzato.

Danuser-141020172427-7

Trail riding. Per questo è stata pensata la Powerfly.

Danuser-141020154502

Prima di salire in sella e provare la Powerfly, sembra che Trek abbia pensato bene a tutti i dettagli per proporre una trail bike che possa piacere ad un largo pubblico, ed anche a chi ama pedalare sui sentieri. È una mountain bike normale? Difficile a dirsi. Il suo peso va oltre i 20 kg, ed è molto rigida, per supportare il peso aggiunto della batteria e del motore, motivo per cui il tipo di riding sarà piuttosto diverso dal solito, anche per i 400 watt di potenza disponibili.

Trek ha individuato nel mercato europeo una veloce crescita nel segmento delle bici elettriche e, dopo essere stata alla finestra ad osservarne gli sviluppi, ha deciso di buttarsi nella mischia.

State sintonizzati per le nostre prime impressioni di guida.

Trek Bikes

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
michimau

“anche per i 400 watt di potenza disponibili.”
Peccato che in Italia la potenza massima ammessa per le bici elettriche sia di 250 Watt….. oltre viene considerata un motociclo e ci vuole la targa, la patente e l’ assicurazione, ecc.ecc.
Velocità max 25 km/h….. già me li vedo tutti in coda a manipolare il limitatore via software.
Prezzo 4.699 euro !!! E qui penso che non si formerà molta coda…..
Non ho letto nulla riguardo l’ autonomia dichiarata….. forse hanno capito che tanto non ci crede più nessuno ?

Devastazione
Devastazione

Si fomera’ coda eccome. L’acquirente medio di questo mezzo avra’ un eta’ dai 55 ai 65 anni. A quell’eta’ si spera che : 1) i figli siano fuori dalle balle 2) il mutuo della casa sia pagato. Ok….forse sto parlando di anni ’80 e ’90….:-)) . Comunque sia a quell’eta’ uno i soldi per comprarsi qualche giocattolino costoso in teoria dovrebbe averli. Bella,non vedo l’ora di essere anzianotto per prendermela pure io :-)))))). Pesera’ 15 kg in meno e si ricarichera’ a batterie solari !

checo79
checo79

la sagra dei luoghi comuni?

Devastazione
Devastazione

Cavolo che forte,sei spiritoso. Bene così 😉

daniele0511

Sarebbe interessante capire se i 400W siano nominali o di picco. Nel primo caso allo stato attuale della normativa in Italia non sarebbe catalogabile come ebike e quindi necessiterebbe di bollo assicurazione e casco.

Anche se non è escluso che si arrivi ad una regolamentazione unica a livello europeo.

Filippo Modenese

bosch fornisce 250w nominali e 500 di picco per il mercato europeo e una limitazione a 25kmh.

lo stesso motore in versione USA va a 350w nominali e 20 miglie orarie di limitazione (32 km/h) e sempre 500 circa watt di picco.

sbloccandolo x un uso solo offroad si possono usare tutti i 500watt e non cè limitazione. in questo caso la bici è molto divertente e in piano è facile viaggiare a oltre 40 orari..

non è divertente come la mia enduro in discesa ma
in salita hai un sorriso ebete stampato che non ti va via…

michimau

Il problema è che i 250 Watt ed i 25 Km/h sono già il limite dei paesi europei…..

daniele0511

No, la potenza è liberalizzata, nel senso che nulla vieta che venga stabilita una soglia diversa ma con velocità limitata. Se ti interessa cerco la decisione UE in merito, è roba di qualche anno fa.

checo79
checo79

semplicemente chi ha scritto lárticolo ha confuso la capacitá della batteria da 400wh con i watt del motore che sono i canonici 250W a norma

Filippo Modenese

hanno fatto confusione non essendo avvezzi di energia elettrica.

400 sono Wh, ossia la capacita nominale della batteria.
per capirli la quantita di energia che eroga la batteria.
un po come la capienza di un serbatoio.

per legge le ebike sono da 250w nominali.
di picco pero vanno abbondante oltre(500w)

più o meno pesa come una bici da DH di 4/5 di anni fa. e mi sembravano fossero cmq divertenti…
bella la linea ma a vio avviso visto il peso e la potenza in piu del motore trovavo più adatto un allestimento da enduro spinto con 160/160 di escursione…

Worldbike Formia

Il peso è sicuramente comparabile alle freeride di qualche anno fa, ma in questo caso è prevalentemente concentrato nella zona bassa del triangolo anteriore (poco più avanti del movimento centrale), vale a dire dove si trova batteria e motore.
Nelle “vecchie” DH/Freeride il peso era distribuito tra telaio, forcella, ruote, ammortizzatore ed aveva soprattutto la finalità di rendere tutto estremamente robusto e rigido, perciò direi che è difficile compararle in termini di risultato finale.

In salita la vorrei, eccome, una e-bike, ma in discesa per il momento preferisco di gran lunga la mia enduro.

Devastazione
Devastazione

Molto molto bella !

Pitaro
Pitaro

Non capisco perché continuino a mettere forcelline da xc/trail su bici che pesano già più di 20kg e hanno un motore…

fitzcarraldo358
fitzcarraldo358

vero!

lenorecannan6
lenorecannan6

in teoria è vero…ma un perché c’è …. il prezzo finale !

ducams4r
ducams4r

Beh, questo forum è ormai chiaramente “endurocentrico” , quindi vorremmo vedere tutti delle bike/e-bike con almeno 160mm di escursione, ma il mercato internazionale della mtb fa tanti numeri su altri segmenti, vedi trail e xc. Tanto per dirne una in toscana, nelle gare locali di xc hanno aggiunto anche la categoria e-bike, corrono tutti insieme ma con classifiche separate.

Pitaro
Pitaro

Non è questione di “endurocentrismo”, e personalmente anche se mi piace più la discesa della salita mi attirano di più le bici con escursioni ridotte.
Dico solo che, pur mantenendo la corsa attuale, ci vedrei bene forcelle più solide visto che sono anche più sollecitate rispetto alle bici normali e che il vantaggio di peso diventa trascurabile su una e-bike.
Non credo sia un problema per Trek farsi adattare una forcella…

nsfzcbr
nsfzcbr

Pesa circa 8/9 kg in piú di una muscolare della medesima tipologia. Se dovessi prestare la mia bici a uno che pesa 8 kg piú di me gli dovrei montare una fox 36 altrimenti mi sfascia tutto 🙂

dlacego

Quando età e condizioni fisiche non permettono di pedalare queste bici sono sicuramente una manna dal cielo, ammetto anche io quando le forze non ci saranno più (dopo i 60 o anche più in la spero), sarò un potenziale acquirente. Giovani in piena salute che prendono questo tipo di bici mi fanno sorridere… azz allenativi che vi fa anche bene 🙂

Mario.lop
Mario.lop

…magari c’è chi è soddisfatto del proprio allenamento, ma vuole ampliare il suo range utile, oppure vuole avere la libertà di fare il doppio della salita e discesa, in mezza giornata perchè poi dedica il suo tempo a fare altri sport…

dlacego

Magari si, ma magari anche anche no. Conosco molta gente che pratica più sport assieme, lavoro in questo ambito, e sinceramente nessuno di loro usa bici elettriche per “aumentare il “range utile”.

Mario.lop
Mario.lop

allora è un caso che la maggior parte delle persone che conosco io, hanno la bici elettrica per fare più dislivello a parità di fatica… e che con la muscolare potrebbero anche permettersi di partecipare a qualche garetta locare di xc senza arrivare ultimi… informati.. che ti fa anche bene! 🙂

dlacego

Be se il tuo obiettivo è non arrivare ultimo alla gara di paese, capisco che parliamo su piani e di persone diverse…

checo79
checo79

la sagra dei luoghi comuni?

MarcoM85BG
MarcoM85BG

C’è chi come me a 30 anni vorrebbe solo andarci al lavoro SENZA SUDARE (e non dirmi che non sudi con la bici normale anche solo sulla ciclabile per 15Km) e all’uscita dopo aver timbrato cambiarmi e uscire vestito per una raidata di parecchio disli sui monti vicino a casa! Si tratta solo di far combaciare tempo disponibile, versatilità del mezzo anche per uso quotidiano e puro divertimento… Un senso ce l’ha, perchè poi uno come me nel fine settimana non si fa mai mancare il classico giro AM completo con la mia normalissima enduro! Ma soprattutto sarebbe finalmente l’occasione per non dover più possedere un’auto… Dannato traffico lo odio! Si potrà che ancora non abbiamo ancora fatto questo passo culturale? Altri paesi e culture sono mooolto più avanti.

dlacego

Be visto in questo modo ha senso!

newtonheron97
newtonheron97

Trovo ben integrata la parte power, la guardo e vedo una mtb con una bella linea e un’ottima componentistica.
In generale il potenziale di questo prodotto è altissimo, e se le proposte andranno in questa direzione credo che il mercato sarà molto significativo, sia come numeri venduti che come operatori che ci si infileranno.
Perplessità tecnica: la bici sarà anche 20 kg, ma ha una corona da 15 che col 42 di pignone fa 0,36 di rapporto, considerato che mulinellare a 0,6 (22/36) per me è già abbastanza assurdo, qualcuno mi aiuta a capire che senso ha? col motore oltretutto?

Filippo Modenese

il motore ha una riduzione interna quindi il 15 è equivalente al 37

Manny
Manny

Quoto Filippo ma non capisco cosa vuol dire “mulinellare a 0,6 (22/36)…”
Non ho la E-bike ma arrivo ad un rapporto 22×36 (ruote 26″) che nelle salite toste è sempre molto gettonato, in montagna le difficoltà da affrontare spesso lo richiedono.

E comunque non ci vedrei niente di male ad avere la stessa agilità su un mezzo rivolto, con il massimo rispetto, ad una particolare utenza.

martejo

Personalmente sono molto attratto dall’elettrico in tutti i settori. Anche per la bici trovo l’applicazione di questi motori molto interessante. Peccato per i prezzi, ma il discorso vale anche per le bici senza il motore.
Tanto per aggiungere qualcosa, vedrei bene un pulsante che ti possa erogare un pò di energia nel caso si dovesse spingere per un tratto. Con 20 kg da spingere ti spacchi, se hai la ruota che gira ad una velocità minima riusciresti a farlo.

life
life

Provai all’expo bici di padova le ebike di scott , e avevano un simpatico e pratico tastino sul manubrio che una volta premuto avviava il motore per spingere la bici a piedi , fantastico !!!

Filippo Modenese

esiste gia il tasto walk. lo premi e la bici sale da sola fino a 5 km/h.
se sei sopra invece non va non pedalando.

oppure lo stesso tasto walk si usa per partire su pendenze impossibili finche il sensore non sente lo sforzo(bastano pochi gradi di manovella)

martejo

Perfetto è proprio quello a cui pensavo…

life
life

A me leggere di prodotti del genere mi da una serenità enorme …

Capisco che c’e’ tantissima gente che pur avendo lavoro , poco tempo , famiglia e figli riesce comunque a trovare il tempo per andare in mtb e allenarsi quel minimo che serve per fare salite e discese.

Ma personalmente , se mai un domani non dovessi avere la possibilità , o il tempo di allenarmi , questi gioiellini permetteranno a molta gente di non allontanarsi dalla propria passione , e ci ritroveremo sui monti e sui trail gente che sui 50-60 anni è ancora in sella alla propria bike … o e-bike.

E sono molto felice di questo … pensare poi tra 20-30 anni a cosa arriverà il campo delle ebike mi mette tanta curiosità e ancora più gioia … 😀

Filippo Modenese

io ho una muscolare hardtail in carbonio da 29″ e una ebike full da 27,5.

sono due cose diverse ma è facile sbagliare pensando che con l’ebike non si faccia fatica.
sei tu che decidi quanta fatica fare.

per chi ha poco tempo, l’idea di farsi la sera dopo il lavoro in un’ora e mezza 50 km di trail tra salita e discesa non è contemplabile.
invece con la ebike lo è. e volendo fai bene o male la stessa fatica che fai con una muscolare. la differenza è che sali a 20 km orari su salite dove di solito sali a 7.
ben diverso è andare con altri amici che non hanno l’ebike. salire a 7km/h in compagnia vuol dire non fare fatica…quindi quando avrete 60 anni potrete seguire tranquillamente i vostri compagni piu giovani…

MarcoM85BG
MarcoM85BG

Hai descritto esattamente il motivo per cui la prenderei: andarci al lavoro tutti i giorni senza sudare al mattino ed essere quindi presentabile per 8 ore consecutive per poi al ritorno cambiarmi e farmi 2 orette di giri sui monti vicino a casa. Più divertimento, zero traffico (solo ciclabili e offroad) e zero auto… E pure l’aria più pulita!

Fracaruso02
Fracaruso02

sul bosch il 15 equivale a 37.5

Riki174
Riki174

Spiega: interessante

Filippo Modenese

il problema era ridurre il numero di giri elevato del motore elettrico alle battute classiche di una guarnitura di una bici. lo si fa con dei riduttori che pero occupano spazio e peso. dalla 1° alla 2° generazione Bosch ha ridotto la corona anteriore esternalizzando di fatto l’ultima riduzione avendo un motore piu piccolo e leggero.
la corona benche sia in asse con le pedivelle ne è scollegata(ha una ruota libera interna) e gira 2.5 volte rispetto alle stesse.
all’interno del motore cè un ingranaggio che moltiplica il rapporto delle pedivelle per restare al passo con la coroncina. è tutto molto naturale cosi non si sente la fermata brusca del motore ma ti sembra di pedalare su una bici classica sentendoti pero marco aurelio fontana…

Riki174
Riki174

Eccellente spiegazione.
Non avevo realizzato che la corona non fosse solidale alla guarnitura.
Grazie

gotto
gotto

Penso che in montagna prevalga e prevarrà sempre la meccanica al posto dell’ elettronica (parlo di probabili inconvenienti che possono capitare). Se si guasta qualcosa ritrovarsi a dover portare a casa un mezzo sui 20 kg. non sarebbe una bella esperienza, mentre con un mezzo meccanico sarebbe tutt’altra faccenda, che se ben attrezzati, il problema quasi non sussisterebbe. Anche questa eventualità è da valutare. Detto questo porta aperta alle E-bike.

BEM1974
BEM1974

ma esiste qualcuno disposto a pagare una bici elettrica 4700€ per fare cosa? allora mi compro un enduro 125 usato e scorrazzo liberamente!!

daniele0511

“liberamente” sui sentieri con una moto è un po’ difficile, visto che ci son divieti quasi dappertutto.

davidhill333
davidhill333

Che nessuno rispetta!! dalle mie parti (liguria levante) girano quasi indisturbati

daniele0511

Resta il fatto che quasi sempre le moto non possono girare e quindi se incocci nel forestale (ormai diventati come gli elfi, si dice che esistono ma nessuno li ha mai visti) son dolori. Ma restano comunque anche altri incentivi, come non pagare la benzina, il bollo, l’assicurazione… premesso che una moto va da sè, e una ebike se non pedali non si muove…

BEM1974
BEM1974

hai perfettamente ragione ma io credo che anche il “fare fatica” ovvero il vecchio caro sport….faccia parte del ciclismo….poi voglio dire ti compri una full con 120 mm per andare al lavoro e spendi 4700€ bah..questi faranno i loro conti ma non capisco quale sia l’utente a cui si rivolge il prodotto!?

Devastazione
Devastazione

Hai completamente mancato il senso di questa bici,come fanno molti. Un conto è andare in moto,un conto è pedalare. Perché ricordati che su una E bike si pedala lo stesso,ma un conto è farlo a 20/30/40 anni,un conto è farlo a 60/70….

Mario.lop
Mario.lop

….pensa che c’è gente che spende quei soldi per una bici da strada senza frani a disco e sospensioni… la cosa buffa è che non è neppure top di gamma! 😛

simo89
simo89

Secondo me 120mm su una bici elettrica bastano e avanzano….come già detto da altri l’età media dei clienti di questa bici saranno over 50 “malti” di bicicletta, quindi non credo che abbiano bisogno di una enduro da 160mm con tutto rispetto. Le bici elettriche le vedo molto nei negozi di noleggio dove arriva la famigliola non allenati e si fanno il giro in montagna senza difficoltà e con una full si divertono anche perché indubbiamente più sicura. Per quanto riguarda il prezzo non mi sembra esagerato vista la bici e la tecnologia che c’è.

sten1959
sten1959

Io i 50 li ho passati da qualche anno e giro con due full: una 120/120 ed una Strive 160/160
Mi spieghi in che senso chi ha 50 anni “non ha bisogno di un’enduro” ?

Magari la cosa ti stupirà ma mi diverto come un matto.

simo89
simo89

Mi riferivo al fatto che passati i 50 magari si fanno giri più tranquilli dove non serve avere 160mm di escursione…dopo ci sono casi in cui i 50enni danno la paga al 20enne bulletto di turno.

Nicograndi
Nicograndi

Quoto in pieno, io ho 54 anni e sono il più giovane del gruppo: escursioni, minima 150/150, massima 180/170 e nessuna ebike.

Nicograndi
Nicograndi

Naturalmente quotavo sten1959.

Ispettore Zenigata
Ispettore Zenigata

Personalmente sono perplesso….
potrebbe essere un ottimo mezzo di mobilità urbana, ma se vado a lavorare in bici, devo avere un luogo sicuro dove lasciarla, uno spogliatoio, magari una doccia…..quanti posti di lavoro ci sono che rispettano queste caratteristiche in Italia? Andarci in centro……… manco morto.
appena svoltato l’angolo sparisce la bici, la catena ed eventualmente quello a cui l’ho legata.
quando diventeremo un paese civile, potrebbero diventare una soluzione intelligente al problema del traffico
Sull’uso fuoristrada? ho visto persone superarmi a 20 km/h mentre io arrancavo, sono scelte. Posso capire l’applicazione per quei mezzi “difficili da pedalare” meno per dei mezzi da trail.
Comunque mi lasciano perplesse 2 cose:
1 le batterie, capire quanto effetto memoria possono avere, visto che ricariche frequenti senza arrivare a batteria completamente scarica possono ridurre progressivamente la carica. perchè purtroppo senza l’ausilio elettrico la vedo dura spingere con 20 kg. I
2 il telaio dedicato quindi non convertibile in bici standard e viceversa

Credo che le e-bike inizieranno a sfondare quando peseranno 5 kg in più rispetto alle bici tradizionali, costeranno 500 € in più, e avranno un sistema compatibile con telai delle bici standard.
Ci sono già kit che si avvicinano a ciò, ancora qualche tempo e i tempi matureranno…..

Nitrox416
Nitrox416

D’accordissimo con te in tutto soprattutto nella prima parte, per quanto riguarda le perplessità consentimi di togliertene almeno una: le moderne batterie che si usano nei cellulari, fino alle ultime macchine e in questo caso anche nelle e-bike, sono a litio e queste batterie non soffrono dell’effetto memoria, oltre a essere molto più performanti delle vecchie nimh-nicd. Semmai dopo parecchi cicli, ma si parla di qualche migliaio di km, potrebbero esaurire la loro vita utile ma penso che si scassi prima la bici
Ciao

Balzy
Balzy

Leggo che molti danno per scontato che la e-bike sarà la bicicletta-tipo di chi ha superato già i 50 anni. Forse non ci si rende conto che è già sogno e appannaggio di molti trentenni che non hanno lo sbattimento di allenarsi per far fatica nelle salite (come se per scendere non sia necessario alcun allenamento).

Io le trovo un’ottima soluzione per la mobilità urbana. Per la montagna ho la sensazione provata da, mi sembra, Toniolo in qualche articolo fa: “Non capisco che diritto hai te di girare senza fatica laddove io mi sono fatto il mazzo un anno intero per arrivarci.”

Niente polemica con nessuno, è solo un mio pensiero personalissimo.

Stedy_96
Stedy_96

quindi uno che sale con una front da 10 kg ha meno diritto di uno che porta su una trail da 12 Kg che di conseguenza ha meno diritto di chi porta su una enduro da 14Kg ??!! 🙂

daniele0511

Come soluzione per la mobilità urbana l’ebike è un’ottima soluzione. Ma per la mobilità urbana non si capisce a cosa possa servire una full da 120mm di escursione…

Stedy_96
Stedy_96

a me questa bici non sembra proprio studiata per la mobilità urbana…

colleenhamer
colleenhamer

Quando non ce la farò più a pedalare una bici da trail allora investirò 30 euro per due bastoncini da nordich walking ….. Alla faccia dei markettari delle multinazionali.

Mario.lop
Mario.lop

Bella questa Powerfly… ma quand’è che montano il motore su una Remedy?

Filippo Modenese

meglio su una slash…

newtonheron97
newtonheron97

@Filippo Modenese grazie del chiarimento, pensavo pedivelle solidali corona.

In questo caso però se il motore va in palla ci si trova a pedalare un mezzo da 20 kg, con moltiplica interna al movimento centrale e relativi attriti, con una corona da 37,5… Auguri

Filippo Modenese

se ti si rompe qualcosa fai marcia indietro e salvi il salvabile…tipo
se ti si rompe il deragliatore ti ritrovi nelle stesse condizioni anche con una muscolare…

in piu hai sempre una stima di quanta strada puoi fare…

l ‘unico problema è che visto che le salite sono ora alla portata di chiunque, non sempre lo sono le discese, come scritto nell’articolo di marco toniolo che condivido.
ma è un problema comune a chi usa gli shuttle o le risalite in funivia…

per il resto, con una buona ebike ci si tolgono diverse soddisfazioni…
http://www.youtube.com/watch?v=p8-p5P6Nins

Filippo Modenese
Riki174
Riki174

Ahah…che sboronata il sorpasso ai bitumari incarogniti in salita!!!
Si saranno risentiti?
Eeehhh…ma lui che diritto aveva di stare su una strada asfaltata in salita con una e-bike?
Criminale!!! 🙂

breinok
breinok

Guardando la foto del para motore, capisco il video postato in un commento a questo articolo: http://www.mtb-mag.com/leretico/
🙂

The leg
The leg

Ho 2 vicini di casa appassionati a loro modo di ciclismo bitumaro.
Il primo è un sessantenne in pensione che alle 7 della mattina è già in sella e lo rivedi dopo pranzo.
Consuma le sue bici fino all’osso e pratica le randonee.
Il secondo, pur cambiando bici tutti gli anni (abbiamo lo stesso meccanico che lo assiste come Briatore in gioielleria), esce solo di domenica e non manca ad un aperitivo al bar della mia via.
Attraverso il gazzettino meccanico ho saputo che il primo questo inverno si è regalato il Di2 shimano.
Il secondo la mtb elettrica.
Non so se sono off topic ma leggendo l’articolo mi è venuto in mente questo episodio.

ferrilamiere
ferrilamiere

per la mia bikervecchiaia le prenderò in considerazione certamente

Anto62
Anto62

Con 400 watt equiparazione a ciclomotore… Ecco perché dopo l’ ultimo test di potenza che ho fatto mi hanno obbligato a pagare bollo e assicurazione!

KATARRUSO
KATARRUSO

Sicuramente il settore merita.
Io ne ho provate un po .
E in sentiero ho trovato un 40enne proprio con questa trek.
Me l’ha fatta provare. Ok i 20-21 kg si sentono.
E la fatica la si fa uguale, più vuoi assistenza più devi pedalare.

Solamente mi lascia perplesso, per non dire altre parole.
L’utilizzo di un sistema chiuso motore e batteria.
Quello è e quello ti devi sorbire. 5 Mila euro e non rompere i cog….
Cioè boh…. Venderle anche senza motore e batteria?
Bosch e proprietaria pure della posizione di 6 viti per mettere un carter?
E se proprio vogliamo far le pulci c’è troppa roba.
250 w e la riduzione più semplice?
Anche se il loro sistema mi pare furbo per un ventaglio di situazioni ampio.

Teoricamente solo l’aggravio di motore e “minuteria meccanica”
Più una batteria (batteria seria e non -di serie-) dovrebbe aggirarsi in 2 massimo 3 kg.
Poi tutto dipende tutto e relativo ecc

E parlo con cognizione.
Per aver progettato calcolato e realizzato proto elettrici.

L’accrocchio bosh con batteria centralina ecc cosa peserà ?
Può essere 6-7-8kg??? Mistero?

Penso anche io che per la mobilità urbana sono una manna.
Vedrete tra 10 anni….
Ma già da un po girano in città.

KATARRUSO
KATARRUSO

Parlare di watt di un motore non vuol dire.
100watt ok ma a a quanti giri e quanti volt?

Un dato più concreto e la costante giri/volt
Ossia per esempio 100 giri per ogni volt fornito.

E sapendo la scarica che da la pila , il tipo di motore, nonché i volt max…. Si riescono a fare elucubrazioni …. Si immagina se un motore ha più o meno coppia ecc.
Il punto debole dei motori, specie brushless cinesi sono i cuscinetti, e di fatto bosch ci ha preso.
Disallineando l’asse motore dall asse pedivelle.
Si sono risparmiati mille rogne e meno assistenza.
Altrimenti se inizia a ballare un cuscinetto non puoi usarla….
Devi averne uno scatolone in garage.
Ogni 3-4000 Km cambiare cuscinetti….

In laboratorio mi sono partiti i cuscinetti di un motore al terzo test al banco….

Ezio Ognibene
Ezio Ognibene

Bello, ma non è una bici.

barbasma
barbasma

io vado in bici per non avere pensieri, già mi danno fastidio i cambi (infatti giro singlespeed appena posso) figuriamoci pensare ad una batteria che finisce…

però non vedo nulla di male nelle mtb a pedalata assistita… se penso a poter fare dei dislivelli che non potrei mai permettermi in un giorno girando da tra valli alpine…. la cosa mi attira molto…

non certo per fare le salitine della brianza… quelle si fanno pedalando… parlo di fare gavia e scendere nei boschi… o stelvio…

però attualmente per una buona ebike bisogna spendere almeno 3-4000 mila euro… roba che non spendo manco per la mia mtb attuale… senza contare che siamo veramente agli albori… nei fatti stanno mettendo dei motori elettrici su mtb normali e secondo me il salto di qualità vero ci sarà quando faranno delle mtb costruite intorno al motore e non viceversa… con sospensioni ottimizzate.. con trasmissioni ottimizzate… con batterie che peseranno un decimo di quelle attuali… allora diventeranno interessanti.

ma come per le auto… le batterie attualmente costano troppo e durano troppo poco.

Nicograndi
Nicograndi

Esatto, pochi parlano dei tempi di decadimento delle batterie (tenendo conto anche dell”uso, più o meno gravoso) e dei loro costi di sostituzione.

gotto
gotto

Mi sono perso l’ autonomia della batteria?..

porksfree
porksfree

Provata oggi la sorellina minore. Una bici elettrica è divertente, salire a 22/25 sullo scassato dove solitamente vai a 8 ti lascia un sorriso beffardo. Va benino anche in discesa (ero appena sceso da una remedy 8) e su single track ripidini, certo è una bici pesante con tutti i suoi limiti per chi vuole scendere forte ed agile (frenata, cambi di direzione e lavoro delle sospensioni). Però, quando la gamba non ti aiuterà, sarà una scelta da considerare (a me mancano poche primavere). La batteria non ti lascia molta autonomia e senza energia è impedalabile, per effetto della demoltiplica del motore.

manzong
manzong

Io non credo sia un “disonore” utilizzare una Ebike. Io ho 50 anni e dal 1986 vado in MTB. Negli ultimi anni, tra meno tempo a disposizione e un corpo che inevitabilmente cambia (in peggio..) ci faccio un pensierino per il prossimo futuro, alla bellezza di andare in montagna in bici non ci rinuncio!

Castellazzi
Castellazzi

Trattasi GIÀ di telai disegnati su un motore. È già il secondo anno.

KATARRUSO
KATARRUSO

Pensate anche solo a chi si è giocato ginocchia tendini menischi ecc…
Già dopo 2 ore soffre…

E un po come i suv da 200 allora
Non è che sono obbligatori ma fanno Figo.
Farà anche Figo sta bici e non è obbligatoria;
Peró… Beh chi ha problemi fisici ha un ausilio.

Mario.lop
Mario.lop

Cmq per quel che mi riguarda, ha poco senso una E-bike full da 120mm allo stato attuale per una serie di motivi:
se uno ha 4500€ da spendere in una bici, significa che è molto “appassionato”, quindi presumibilmente utilizza a sufficienza la bici per avere un allenamento tale da permettergli di compiere giri sui 1800-2000m di dislivello (roba da 4-5-6h).
Se uno è orientato sui 120mm di escursione, è molto probabile che non gli interesserà particolarmente il divertimento in discesa=> preferisce la salita o cmq i grandi giri; considerando che una full da 120mm può arrivare senza grosse difficoltà a 11kg, è probabile che l’acquirente sia più appagato da un mezzo performante che che non da un mezzo che lo aiuti nella condizione in cui si trova già ben messo!

Al contrario trovo che abbia molto più senso un ebike da almeno 160mm con spiccato orientamento Gravity, visto che il peso non può scendere sotto i 21-22kg meglio avere un mezzo per divertirsi in discesa che permetta di risalire velocemente o cmq che permetta di avere un dislivello utile pari a una bici da all mountain con un ben più grande potenziale in discesa!

daniele0511

Difficile poter correlare un’elevata disponibilità di spesa all’allenamento.

Voglio dire, una cosa è sostenere che chi va molto in bici tendenzialmente ha bici di buon livello piuttosto che dei cancelli, l’inverso (chi compera bici di buon livello va molto in bici) è un’affermazione piuttosto avventurosa…

Mario.lop
Mario.lop

…più che di disponibilità economica si tratta giustificare una spesa elevata. Nel senso che se uno utilizza molto la bici è più probabile che decida di “investire” cifre considerevoli nella propria attività preferita. Cosa che magari non è giustificabile per chi va a farsi il giretto di 400m di dilsivello alla domenica.
L’inverso non l’ho mai sostenuto… anzi sono quasi i rari i casi che il valore della bici è proporzionale alle prestazioni del rider…

jchris
jchris

Ho una Haibike Xduro Nduro 180-180 ammortizzata Fox36 Talas e Fox CTD X Factory (con piggy back). http://www.haibike.de/produkte_detail_it,,19661,detail.html Il mio modo di utilizzarla lo lego principalmente al tempo a disposizione. Poco tempo (1h)? Aumento l’aiuto, risalgo a 25 all’ora e mi faccio 3 risalite (e quindi 3 discese) nel tempo in cui prima ne facevo una. A volte ci scappa pure la quarta. Tanto tempo (3h)? Minimizzo l’aiuto e mi faccio giri da 42km,1200 mt di dislivello e 1800Kcal bruciate. Qualcuno parlava del rimanere a piedi: per rimanere a “secco” devi essere davvero st…ehm, diciamo distratto, perchè il computer segnala l’autonomia di utilizzo in base al consumo del momento…esattamente come con le macchine. Per il resto si rompono le stesse cose delle bici muscolari: cambio catena etc. Nelle uscita in compagnia, se mi adeguo al passo degli altri, fatico poco, è vero. Gli umani, benchè allenati, son lenti. Abbiamo fatto una comparativa e salendo con una enduro muscolare di altissima gamma a 155 bpm e 11 km/h, sulla mia bisogna andare a 19 km/h per mantenere gli stessi bpm. Quando si decide che è giornata di discesa, i miei amici salgono furgonando io cedo il posto sul furgone e salgo pedalando. In discesa è poco agile,per il peso e per l’angolo di sterzo che ho portato a 64.5. Il davanti è inchiodato a terra ma la cosa mi dà molta sicurezza. Ci ho fatto un giro con la consorte (pedalatrice occasionale) , io muscolare e lei con la mia endurona… Read more »

daniele0511

Più che altro avrà mercato tra chi può permettersi una bici da 4500 euro. Mercato che esiste, per carità, ma che è ben lungi dall’ essere un segmento maggioritario nonostante quello che qualcuno crede.