MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | TyreInvader di Effetto Mariposa: cos’è e come si monta

TyreInvader di Effetto Mariposa: cos’è e come si monta

TyreInvader di Effetto Mariposa: cos’è e come si monta

17/12/2018
Whatsapp
17/12/2018

Vi avevamo anticipato dell’uscita imminente di un nuovo prodotto di Effetto Mariposa, il TyreInvader. Nel video qui sopra Alberto, il proprietario di EM, ci mostra di cosa si tratta e fa vedere come montarlo.

I vincitori di 1 paio di TyreInvader ciacuno (contattate in messaggio privato Effetto Mariposa qui sul forum per farveli spedire): Riki174, tylerdurden71, cavec162 riceveranno il TyreInvader. Invece Rad77, emml, lux187, jimmy27, vincent46 e capocchione vincono maglietta per simpatia della risposta.

[Comunicato stampa] Gli inserti per pneumatici (comunemente chiamati “salsicciotti”) sono diventati popolari in alcuni mercati, ma sono anche un argomento molto polarizzante, una questione di amore e odio. Con Tyreinvader, Effetto Mariposa si propone di crearne uno che si distingua da tutti gli altri.

PERCHÉ SONO NATI GLI INSERTI PNEUMATICO
Gli pneumatici tubeless (con sigillante) contribuiscono sicuramente a ridurre al minimo le forature, ma non le eliminano del tutto. Con la giusta forza, specialmente su terreni rocciosi, è possibile schiacciare e tagliare uno pneumatico tubeless, spingendolo molto forte contro il cerchio. Anche i cerchioni possono essere danneggiati in tali circostanze.
Per evitare ciò, alcuni marchi hanno iniziato ad offrire inserti per pneumatici, alcuni piatti, altri rotondi (come le ciambelle, da cui il nome “salsicciotti”) alcuni con altre forme ancora.
Questi prodotti sono diventati popolari tra gli agonisti, in particolare per le discipline Gravity (Enduro, DH) ma alcuni anche nel cross country: eliminano virtualmente le pizzicature e, in alcuni casi, consentono al ciclista di continuare a pedalare dopo una foratura.

PROBLEMI COMUNI DEGLI INSERTI PNEUMATICO
Elenchiamo qui di seguito i principali limiti degli attuali inserti pneumatico, esaminando contemporaneamente la soluzione che proponiamo con il nostro Tyreinvader.

Peso
Il peso degli inserti attuali varia generalmente tra 100 e 250 g per ruota. Mentre può essere accettabile per scopi Gravity (o e-bike), diventa problematico per una bicicletta che deve essere pedalata in salita. Le ruote pesanti rallentano sempre la maneggevolezza della bicicletta, indipendentemente dalla pratica.
Tyreinvader parte da 50 g (Tyreinvader 40) e raggiunge i 90 g per il Tyreinvader 60 . I pesi * per i diversi Tyreinvaders si riferiscono al prodotto non tagliato (per ruote da 29 “), quindi è ancora più basso se adattato a ruote da 27,5 ” o 26″:
Tyreinvader 40 = 53 g
Tyreinvader 50 = 68 g
Tyreinvader 55 = 80 g
Tyreinvader 60 = 92 g
* Tolleranza sul peso nominale: + / – 5%

Alcuni produttori di inserti incoraggiano i ciclisti a passare a pneumatici più leggeri per compensare parzialmente l’aumento di peso. Non siamo d’accordo con questo approccio, dato che i fianchi leggeri offrono una protezione limitata contro le rocce taglienti e l’abrasione, contro cui gli inserti non possono fare molto.
Cambiamento radicale delle sensazioni di guida
La maggior parte degli inserti occupa molto spazio all’interno della cavità interna dello pneumatico, riducendo il volume d’aria e l’influenza che la pressione di gonfiaggio ha sulle sensazioni di guida (poiché l’inserto viene spesso compresso durante la normale marcia, non solo durante gli impatti più decisi). Alcuni altri inserti portano il concetto all’estremo, riempiendo completamente lo pneumatico.

Non discutiamo sulla validità di questo approccio, abbiamo semplicemente scelto con Tyreinvader di consentire ai biker di utilizzare la pressione come parametro principale per mettere a punto il comportamento degli pneumatici. La presenza di Tyreinvader potrebbe comunque essere percepibile all’interno delle ruote, quindi è consigliabile utilizzarli in allenamento prima che in gara.

Assorbimento del sigillante
Alcuni inserti “spugnosi” finiscono per assorbire completamente il sigillante… prevenendo le pizzicature ma esponendo il pneumatico alla semplice foratura. Tyreinvader è fatto di EVA, un polimero a cellule chiuse, e non assorbe alcun liquido.
Poiché gli inserti hanno superfici bagnate dal sigillante, una frazione di esso non sarà disponibile per spostarsi e svolgere il proprio lavoro. Per questo motivo, anche con Tyreinvader consigliamo di aumentare leggermente la quantità di sigillante normalmente impiegato, di 30 ml.

Difficoltà di montaggio
Gli inserti possono essere molto difficili da montare.
Tyreinvader richiede abilità meccaniche medie: il nostro inserto non sarà in grado di resistere a chi sa montare un pneumatico tubeless ostinato! 
Basta tagliare Tyreinvader seguendo le istruzioni (per 27.5″e 26″; non serve tagliare per 29″), unire le sue due estremità con le due fascette (fornite), montarlo all’interno del pneumatico (si allungherà un po’ per adattarsi alla circonferenza), aggiungere il sigillante, e si è pronti per pedalare. I nostri video tecnici possono chiarire ogni dubbio a riguardo.
Valvole tubeless specifiche
A causa della loro forma rotonda, alcuni inserti si appoggiano alla base della valvola tubeless una volta montati, impedendo il normale gonfiaggio a meno che non si utilizzino valvole tubeless speciali (spesso fornite dal produttore di inserti, ma normalmente piuttosto pesanti).
Tyreinvader non interferisce con il gonfiaggio, con qualsiasi valvola tubeless.

Durata
Abbiamo visto inserti distrutti dopo una discesa in condizioni difficili, poiché alcune schiume non sono fatte per resistere ad impatti ripetuti, ma piuttosto a smorzarli degradandosi rapidamente.
Utilizziamo EVA, un polimero a celle chiuse comunemente usato per le suole delle scarpe da corsa, capace di un assorbimento urti molto elevato e con grandi proprietà meccaniche. Ci sono altri inserti premium con una buona durata, ma normalmente pesano / costano molto più di Tyreinvader.

Modalità Run flat
Continuare a pedalare senza pressione nelle gomme dovrebbe avvenire solamente in situazioni di emergenza. In queste circostanze, gli inserti che si muovono liberamente all’interno dello pneumatico (spesso per facilitare il montaggio) spingono il pneumatico contro il cerchio passivamente, a causa del peso del ciclista che li comprime.
Tyreinvader è aderente al cerchio per una chiara scelta progettuale, per aiutare a mantenere il pneumatico sulla ruota in caso di emergenza

E i piccoli alieni ed il carattere “arcade”?
Chi non ricorda SpaceInvaders? Anche chi sia troppo giovane per farlo, può riscoprire questo capostipite della storia dei video giochi grazie al retrogaming. E comunque il nostro prodotto – per tipologia – invade effettivamente lo pneumatico, quindi “Tyreinvader” è calzante.
I ritagli a forma di alieno sul profilo di Tyreinvader servono a diversi scopi: per risparmiare peso, per consentire al sigillante un facile movimento e perchè no, per dargli un aspetto inconfondibile.

Versioni
Tyreinvader 40
Tyreinvader 50
Tyreinvader 55
Tyreinvader 60
Vedere la tabella per le larghezze cerchio / pneumatico consigliate.

Prezzo
Tyreinvader parte da 39,99 € (IVA inclusa, per Tyreinvader 40, 2 pezzi).
Tyreinvader è Made in Italy
Disponibilità
: a partire da gennaio 2019

Effetto Mariposa

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
uomoscarpia
uomoscarpia

ma non è la stessa cosa dell’huck norris?

effettomariposa
effettomariposa

Effettivamente la forma è simile, ma ad esempio esistono anche molti inserti a sezione tonda e tutti diversi tra loro per caratteristiche.
Ci differenziamo dall’inserto che citi in molti aspetti non secondari per il funzionamento, a partire dal materiale…

teoDH

Non è un salsicciotto ma il prezzo è finalmente razionale!

Cavalera cicli
Cavalera cicli

beh dai, un Huck Norris forato 3 anni dopo, ah già, anche quello originale era forato..almeno questo ha un nome simpatico..ah già..beh dai, non male 🙂

effettomariposa
effettomariposa

Ci sono un bel po’ di differenze in realtà… mentre chiaramente, se distinguiamo solamente tra “sezione tonda” e “sezione appiattita”, il Tyreinvader appartiene alla seconda categoria (come l’antesignano Hucknorris). Usando un materiale come l’EVA invece di un espanso in PU, le caratteristiche sono compleatamente diverse. Anche la modalità di giunzione fa una grande differenza…

Mauro Franzi

@Effetto Mariposa: con l’uso (vibrazioni, deformazioni del pneumatico…) i lati non tendono a scendere all’interno del cerchio? Avete già fatto dei test in questo senso?

effettomariposa
effettomariposa

Giusta osservazione. E’ importante scegliere la corretta dimensione di Tyreinvader seguendo la nostra tabella, che definisce quale versione scegliere in base alle accoppiate di cerchi/pneumatici. Dato che Tyreinvader ha una calzata piuttosto stretta sul cerchio, se scelto e montato correttamente rimane in posizione anche in condizioni di riding molto impegnativo. Tra i vari tester, lo abbiamo dato anche ad atleti sponsorizzati che corrono in EWS…

lumerennù
lumerennù

A leggere quanto scritto pare che ci siano solo vantaggi, in termini di prestazioni e prezzo.
E’ previsto un test?

Mostro
Mostro

Molto interessante! Inoltre dico: se proprio si ha il copertone talmente compromesso che non si riesce a riparare, a differenza del salsicciotto, metto la camera d’aria e ritiro l’inserto in zaino o l’arrotolo sul manubrio/ telaio.
Insomma, stesse abitudini, minor pizzicate (e 40€ in meno in tasca 😆)

effettomariposa
effettomariposa

Hai toccato un punto importante che abbiamo considerato: l’imballaggio del Tyreinvader è un sacchetto impermeabile e richiudibile. Occupa poco spazio e lo puoi lasciare nello zaino idrico, in modo da poter riporre Tyreinvader piegato senza preoccuparti di sporcarti con il lattice.

tylerdurden71
tylerdurden71

Evviva 😀! Vinto… avrò modo di testarli… per la cronaca ho avuto molti inseri, da huck norris, passando per procore, soulciccia e banger. Avrò modo di recensitlo facendo un confronto non per sentito dire. Grazie mtb forum e effetto mariposa 😀

effettomariposa
effettomariposa

Grazie per aver giocato con noi e complimenti per aver vinto! Mi farai poi sapere il resoconto sul campo… 😉

MaurizioA
MaurizioA

La domanda che mi chiedo con questo o similari inserti per pneumatici e’:
Attualmente utilizzo pneumatici da 2.4 protection con 80-90gr di caffelattex per utilizzo allmontain con ottimi risultati contro le forature e pizzicature.
Ora se volessi utilizzare questi Vs inserti +caffelattex con pneumatici senza protezione quindi piu’ leggeri ma meno costosi come si comporta?

effettomariposa
effettomariposa

In realtà gli inserti per pneumatici non servono a tutti. Se non hai problemi di pizzicature sui percorsi che fai ed utilizzando le pressioni per te ideali, allora lascia stare, puoi ignorarli.
Se invece ti capita di pizzicare e gonfi a pressioni più alte di quelle che vorresti per paura di rovinare cerchi e/o pneumatici, puoi approfondire la cosa.
In ogni caso, non ti conviene appesantire le ruote con i “salsicciotti” per poi alleggerirle utilizzando gomme più sottili…

jimmy27
jimmy27

finalmente una risposta sensata! Bravi effettomariposa

capocchione
capocchione

Io ho vinto la maglia 😁

Come faccio ad averla?

capocchione
capocchione

Io ho vinto la maglia [emoji16]

Come faccio ad averla?

Inviato dal mio Mi A1 utilizzando Tapatalk

Vincent46
Vincent46

Ma non ho capito… su Marte ci vado con la maglietta di Effetto Mariposa o MTB Mag ? a chi devo scrivere ?

davidedamonte
davidedamonte

Da poco convinto sull’uso dei vari salsicciotti, leggendo l’articolo ho pensato più volte all'”uovo di Colombo”. Giunto al prezzo mi sono positivamente meravigliato e spero di poterlo acquistare al più presto.
Nutro qualche piccola perplessità sul rimanere perfettamente al suo posto; è difficile contollare se lo è. Comunque sulla carta lo giudico un ottimo prodotto, soprattutto per materiale e peso. Complimenti!

effettomariposa
effettomariposa

Ci abbiamo lavorato molto, e la semplicità del prodotto è in realtà apparente ;-).
Per quanto riguarda lo stare in posizione, è importante scegliere la misura giusta e montarlo correttamente, poi è praticamente impossibile che si muova.
Ma come dici tu, è il test sul campo l’unico che può dare certezze. Grazie per i complimenti!!!

robydr
robydr

Da quello che ho letto non si parla di stallonamenti,nel senso che le varie soulsiccia e simili lavorano anche contro questo problema.. Vorrei capire se questi inserti danno benefici a proposito… Ci vuole un test…….

andry-96
robyradon4.0

Da quello che ho letto non si parla di stallonamenti,nel senso che le varie soulsiccia e simili lavorano anche contro questo problema.. Vorrei capire se questi inserti danno benefici a proposito… Ci vuole un test…….

Ne parlano anche nell’articolo… comunque fa quello che fanno gli altri inserti simili, protegge da botte ai cerchi e stallonamenti

tommaso2848
tommaso2848

Il principio è quello del huknorris,ma il materiale diverso , hn aveva il problema che il lattice si raggrumava tutto intorno ai fori . Con l uso hn si tagliava tutto lungo il cerchio in quanto essendo piatto rimaneva sempre tra cerchio e copertone , ho qualche dubbio sul giunto a fascette di plastica ,molto più dure del EVA , che con l uso i fori si strappino.

effettomariposa
effettomariposa

Giuste obiezioni, che mi permettono di fare alcune precisazioni:
– l’hucknorris viene unito da una bandella in velcro, che può accumulare molto sigillante. Per le fascette in plastica le dinamiche sono un po’ diverse. Possono sempre fungere da punto di accumulo, ma è facile pulirle;
– in realtà l’inserto non rimane tra cerchio e copertone (anche io l’ho detto erroneamente nel video) ma attutisce l’impatto con una roccia, ad esempio, rimanendo sempre e soltanto all’interno del copertone. In ogni caso, è il materiale a fare la vera differenza, e l’EVA ad alta densità che utilizziamo ci ha spesso stupiti. Abbiamo anche fatto sessioni run flat di test, e il Tyreinvader ne è uscito praticamente intatto.
– l’EVA ha proprietà meccaniche molto elevate e grande resistenza alla lacerazione, per cui ti posso dire che è quasi impossibile strappare i fori (anche perchè le fascette che diamo in dotazione sono piuttosto larghe e distribuiscono bene il carico)

Pitaro

Quindi ricapitolando:
– Fa il suo lavoro
– Pesa poco
– Non assorbe il lattice
– Lunga durata
– 40€ la coppia
– Non è il 1° di aprile
– Non ho bevuto
Mi sa che questo lo provo!

Hot

Un Huck Norris in rosso…
Se ci sono altre differenze son tutte da dimostrare

andry-96
tommaso2848

Il principio è quello del huknorris,ma il materiale diverso , hn aveva il problema che il lattice si raggrumava tutto intorno ai fori . Con l uso hn si tagliava tutto lungo il cerchio in quanto essendo piatto rimaneva sempre tra cerchio e copertone , ho qualche dubbio sul giunto a fascette di plastica ,molto più dure del EVA , che con l uso i fori si strappino.

Come per Air Liner, anche se si strappa la fascetta l’inserto non può più scappare da nessuna parte

Pietro.68
MaurizioA

Ora se volessi utilizzare questi Vs inserti +caffelattex con pneumatici senza protezione quindi piu' leggeri ma meno costosi come si comporta?

ti protegge dalle pizzicature, ma non rinforza il fianco. per cui se prendi una roccia di fianco tagli comunque. Se prendi una botta su una roccia invece non pizzichi e non pieghi il cerchio.

Alex65

Mi piace, soprattutto in ottica cerchi in carbonio!!!

Valtrompia1970

Domanda stupida: ma in caso di foratura che il lattice non ripara si può inserire la camera d'aria tenendo l'inserto all'interno oppure no?

andy_g
andy_g

Ci avevo pensato anch’io e vedo qualche problema. Innanzitutto la camera andrebbe ovviamente all’esterno del tyreinvader quindi dovrebbe avere una valvola molto lunga da infilare in uno dei buchi. Questo porterebbe la pressione tutta all’esterno del tyreinvader che verrebbe schiacciato contro il cerchio con un’intercapedine d’aria non a pressione che farebbe lavorare male tutto il sistema, quasi come se la camera non ci fosse, in particolare in curva.

effettomariposa
effettomariposa

In caso di foratura, va rimosso il Tyreinvader prima di inserire la camera d’aria. Anche senza bisogno di tagliare le fascette, lo si può piegare ed inserire nel sacchetto (impermeabile) in cui lo forniamo alla vendita, in modo da non sporcarsi (dato che sarà realisticamente sporco di lattice). Questo chiaramente a patto di essersi portati dietro il sacchetto, magari nello zaino idrico.

Pietro.68
Valtrompia1970

Domanda stupida: ma in caso di foratura che il lattice non ripara si può inserire la camera d'aria tenendo l'inserto all'interno oppure no?

altro che stupida. Direi ottima domanda!

Pietro.68
Valtrompia1970

Domanda stupida: ma in caso di foratura che il lattice non ripara si può inserire la camera d'aria tenendo l'inserto all'interno oppure no?

altro che stupida. Direi ottima domanda!

sgamarco
sgamarco

nutro forti dubbi onestamente che rimanga in posizione cosi come si vede nello spaccato della foto.
La bici non va “solo dritta” e in curva la deformazione inficia, sempre a mio parere, oltre che sulla spalla dello pneumatico, anche sul Tyreinvader, quindi il cerchio se buco si rovina ugualmente.

Niko9

Le fascette proprio mi sdubbiano, in compressione lavorano diversamente rispetto alla gomma e l’inserto quindi è possibile ma forse poco probabile che in caso di impatto proprio in quel punto possano danneggiare il cerchio ? Magari si rompono prima ? La testina è bella dura.. e sono posizionate dove qualcuno potrebbe in base alla larghezza del cerchio avere i bordi …
penso che qualcosa in materiale tessile resistente fornito sarebbe migliore (mio pensiero), oppure una termosaldatura e i diversi formati.. per l’azienda forse più costoso ma più preciso…
per il resto prodotto interessante, poi valore aggiunto il made in italy !

Cino636
Cino636

Uso da un paio d’anni l’huck norris sul posteriore e lo reputo un ottimo prodotto con qualche limite, questo sulla carta sembra un evoluzione, bravi sicuramente lo provero’.

Se poi fosse acquistabile in versione mono per chi come me lo usa solo sul post sarebbe top 😉

lux187
lux187

Da provare , e prezzo ragionevole. CHE LA FORZA SIA CON TE…

Hot
Niko9

penso che qualcosa in materiale tessile resistente fornito sarebbe migliore (mio pensiero),

Esattamente, come fanno con gli Huck Norris

Cino636
Cino636

Uso da un paio d’anni l’huck norris sul posteriore e lo reputo un ottimo prodotto con qualche limite, questo sulla carta sembra un evoluzione che li risolve tutti, in piu’ è rosso e con gli allieni 🙂

Bravi sicuramente lo provero’.

Se poi fosse acquistabile in versione mono per chi come me lo usa solo sul post sarebbe top 😉

Nyberg
Nyberg

Ciao Cino,
mi allaccio al tuo commento in quanto pure io utilizzatore di Huck norris sul posteriore. Ottimo prodotto (leggero) per salvaguardare il cerchio, ma come i sistemi “salsicciotti” da me provati (mr. Wolf e PTN) ha il difetto dell’assorbimento del lattice o del “mischiamento del lattice con il materiale usurato dei vari sistemi sopra citati facendo perdere al lattice la sua funzionalità. Questo sistema Mariposa mi sembra ben fatto ma soprattutto non lanciano false dichiarazioni del tipo ” con questo sistema non bucherete mai”). Se monto una gomma leggera , anche con il salsicciotto posso tagliare , e se così dovesse succedere, il salsicciotto va cambiato. Butto via gomma e salsicciotto.
Discorso diverso per l’anteriore, dove non esprimo giudizi in quanto mai provato con sistemi di forma lineare , ma solo con un prodotto “salsicciotto” da 200gr e l’aggravio di peso..non mi ha dato una bella sensazione.

PaolinoWRC
PaolinoWRC

penso proprio che lo proverò!

PaolinoWRC
PaolinoWRC

Altra domanda….
è possibile che le fascette rovinino il nastro tubeless oppure non arrivano a toccarlo??

effettomariposa
effettomariposa

Non arrivano a toccarlo, dato che sono posizionate a 1 cm di distanza dai lati dell’inserto (su entrambi i lati), e l’inserto – anche nella peggiore delle compressioni – viene avvolto dal copertone e spinto contro i bordi del cerchio, senza scendere nel canale.

30x26
30x26

non entro nel merito della qualita’ di questo prodotto. in generale mi sfugge il senso di portarsi dietro peso e spendere soldi per correggere un semplice errore di pressione.
sulle auto , sulle moto, sui camion, sui 4×4 qualcuno bozza i cerchi o taglia gomme tubless con una frequenza tale da richiedere rimedi preventivi? non credo, semplicemente perche’ vengono gonfiate e pressioni ragionevoli.

cowboykite80
marco

premetto di non essere un grande fan dei salsicciotti, ma non tagli solo per errori di pressione. Il problema è che le gomme da mtb sono leggere e delicate rispetto a quelle di un'auto o di una moto. Un po' come tutti i componenti del settore ciclo.

Però se le gomme di un suv da 2500kg la gonfi a 0,5 bar non penso che durino granché.

30x26
30x26
marco

premetto di non essere un grande fan dei salsicciotti, ma non tagli solo per errori di pressione. Il problema è che le gomme da mtb sono leggere e delicate rispetto a quelle di un'auto o di una moto. Un po' come tutti i componenti del settore ciclo.

quante gomme tagliavamo quando usavamo le camere sui sentieri pedonali? quanti cerchi bozzavamo? semplicemente gonfiavamo in modo da non battere il cerchio come si fa su qualunque mezzo.
dal posizionamento mi pare che questo sistema possa scongiurare solo i danni causati dallo schiacciamento tra terreno e cerchio, cosa che con pressioni corrette non deve esistere, e se esiste non puo' essere devastante perche' sara' poco superiore all'evento massimo registrato fino a quel momento. per me uno che parte un po piu' alto, scende finche' in condizioni estreme non sente accenni di battuta e poi ci mette 2 decimi difficilmente avra' mai problemi devastanti per il materiale.

Mauro Franzi
30×26

quante gomme tagliavamo quando usavamo le camere sui sentieri pedonali? quanti cerchi bozzavamo? semplicemente gonfiavamo in modo da non battere il cerchio come si fa su qualunque mezzo….

Ah, i bei tempi andati con le camere ed i sentieri pedonali! 🙂

Seriamente: Marco ha ragione, i paragoni con i mezzi motorizzati lasciano il tempo che trovano proprio per una questione di pesi, dato che lì non si limano i grammi come invece accade in ambito mtb.
Quante volte hai dovuto spurgare i freni della tua auto? E la trasmissione quante volte l'hai dovuta sostituire perchè usurata? E "telai" di automobili che si criccano o si spaccano di netto ne vedi tanti quanti ne vedi in ambito mtb?

Passando al discorso pneumatici e ruote è la stessa cosa: se coperture da 2 kg montate su set ruote da 3 kg non fossero semplicemente improponibili, anche noi potremmo girare a pressioni sufficientemente basse senza andare incontro ad alcun problema.
Per come stanno le cose invece è una continua ricerca del giusto compromesso fra comfort, grip, affidabilità, pedalabilità etc.

Questo senza voler perorare la causa dei salsicciotti ed inserti vari, visto che personalmente all'incremento di peso+complicazioni di questi sistemi preferisco l'aumento di peso senza ulteriori complicazioni di coperture più robuste.

cowboykite80
marco

anche se gonfi quelle di una bici a 1/4 della pressione sensata sfasci tutto, io però devo ancora vedere uno che gira a 0.4 bar su una bici che non sia fat o che abbia bucato (la fat va comunque dritta alla prima curva, haha).

Seriamente, un errore di pressione di 0.2-0.3 bar ci può anche stare, ma in macchina non sfondi copertone e cerchio per una differenza del genere, in bici si.

0,4 no ma nei topic dedicati, alla ricerca del massimo grip, si leggono spesso pressioni di 0,8-1, è sensato?

jimmy27
jimmy27

Premessa: io sono uno di quelli ai quali non servono gli inserti per pneumatici.
Con le gomme tipo maxxis EXO o Schwalbe snakeskin hon ho problemi di tagli e pizzicature.
( capita di bucare un paio di volte l’anno ma con i vermicelli risolvo egregiamente in un attimo )

Dall’entrata in scena di Mr. Wolf se ne sono visti di tutti i tipi di salsicciotti, finalmente effettomariposa propone un inserto leggero e dal costo ragionevole, non promette miracoli e questo mi da piu fiducia rispetto ad altri millantatori di super prestazioni

Per chi ne sente il bisogno questo tyreinvader è da provare 😉

30x26
30x26
marco

Ripeto, personalmente bucherò un paio di volte all'anno con i tubeless, senza salsicciotti.

Appunto, l'utente normale farà un quarto o meno dei tuoi km. Gonfiando correttamente buchera' una volta ogni due anni. Serve davvero una contromisura per eventi così rari o basta fare le cose come vanno fatte senza inventarsi pressioni ridicole?

Dn73
30×26

Appunto, l'utente normale farà un quarto o meno dei tuoi km. Gonfiando correttamente buchera' una volta ogni due anni. Serve davvero una contromisura per eventi così rari o basta fare le cose come vanno fatte senza inventarsi pressioni ridicole?

Cmq nessun inserto evita la foratura . E non credo si montino per quello.
Servono ad evitare bozzi ai cerchi e stallonature. Eventi che in enduro ( enduro vero..gare, sentieri tosti ed ect..) possono accadere anche senza avere pressioni troppo basse.
Un altro effetto collaterale dei salcicciotti è quello di dare un comportamento diverso alle gomme. Un mio amico che li usa conferma la bontà della cosa io personalmente non li ho mai provati.

fafnir
Dn73

Cmq nessun inserto evita la foratura . E non credo si montino per quello.
Servono ad evitare bozzi ai cerchi e stallonature. Eventi che in enduro ( enduro vero..gare, sentieri tosti ed ect..) possono accadere anche senza avere pressioni troppo basse.
Un altro effetto collaterale dei salcicciotti è quello di dare un comportamento diverso alle gomme. Un mio amico che li usa conferma la bontà della cosa io personalmente non li ho mai provati.

Io ho qualche dubbio che in una gara enduro con gomme SG, Black dmnd, DD, etc e pressione corretta battere i cerchi sia un evento frequente, per persone con peso nella media.

Dn73
fafnir

Io ho qualche dubbio che in una gara enduro con gomme SG, Black dmnd, DD, etc e pressione corretta battere i cerchi sia un evento frequente, per persone con peso nella media.

Frequente no, possibile immagino di si.
Non solo in gara cmq…ma ripeto io non uso ne super gomme ne salsicce. Anzi salsicce ben volentieri ma a fine giro…

mcpelo68

evvai ..un'altro coso da infilare nei copertoni.

30x26
30x26
Dn73

Cmq nessun inserto evita la foratura . E non credo si montino per quello.
Servono ad evitare bozzi ai cerchi e stallonature. Eventi che in enduro ( enduro vero..gare, sentieri tosti ed ect..) possono accadere anche senza avere pressioni troppo basse.

chi procede con una logica , ovvero abbassa poco alla volta e poi butta dentro due decimi appena ha il dubbio di aver sentito battere , assai difficilmente ha eventi devastanti per il materiale.
non so cosa intendi per enduro vero , per me e' quello fatto in modo professionale oppure amatoriale basato su conoscenze tecniche. prova a mettere "ews tyre pressure" in google e verifica tu stesso le pressioni di base per top 3 maschili e femminili. donne da 55kg stanno 1.5ant-1.7post, uomini da 75kg a 1.8ant/2.0 post.

Mauro Franzi
30×26

…prova a mettere "ews tyre pressure" in google e verifica tu stesso le pressioni di base per top 3 maschili e femminili. donne da 55kg stanno 1.5ant-1.7post, uomini da 75kg a 1.8ant/2.0 post.

Senza bisogno di scomodare le EWS, dove in genere vengono usate coperture più strutturate, nella foto di sx il risultato dopo aver beccato una pietra seminascosta fra le foglie su un "sentiero naturale" con il pneumatico ad una pressione di circa 2.3 bar:

[​IMG]

uranus

Mi dite il motivo per cui dovrei preferirlo al ptn?

Mostro

In

uranus

Mi dite il motivo per cui dovrei preferirlo al ptn?

se è vero che non assorbe il il lattice, si usano valvole normali e in caso di emergenza si ripiega e si sostituisce con la camera d’aria ( certo è un po’ più voluminoso,ma parliamo di emergenza) perché no!
Il fatto che quasi non fa cambiare abitudini è una manna dal cielo per qualcuno che ne ha bisogno, vedi possessori di cerchi E13 per esempio…

uranus
Mostro

Se è vero che non assorbe il il lattice, si usano valvole normali e in caso di emergenza si ripiega e si sostituisce con la camera d’aria ( certo è un po’ più voluminoso,ma parliamo di emergenza) perché no!
Oltretutto per chi usa lo zaino può usare la sua confezione per riporlo senza sporcare.
Il fatto che quasi non fa cambiare abitudini è una manna dal cielo per qualcuno che ne ha bisogno, vedi possessori di cerchi E13 per esempio…

Il fatto che non assorba lattice e ancora da verificare…le valvole speciali si trovano in ogni confezione di ptn. Anaconda ecc..quindi non devo comprarle a parte
Chi fa gare..o utilizza mtb da xc non usa lo zaino..almeno io.. quindi mi ritroverei a risolvere un problema nello stesso modo.
Il peso non e inferiore ad un ptn…il costo nemmeno ad un anaconda
Non sono pagato da ptn o barbieri..ma voglio semplicemente sapere quali pregi ha in più che vi attira rispetto a prodotti già esistenti

Easy Biker

Mi inserisco nella discussione riguardo l'utilità degli inserti in generale, a mio parere usando la pressione giusta, la presenza del salsicciotto non è determinante. Quello che cambia però è la possibilità di usare pressioni più basse di quella "giusta" senza rischiare di rovinare il cerchio.

Anche se ovviamente va a gusti, poter abbassare la pressione di un paio di decimi, può essere vantaggioso per alcuni rider e per certi tipi di percorso.

Mauro Franzi
Easy Biker

…mio parere usando la pressione giusta, la presenza del salsicciotto non è determinante. Quello che cambia però è la possibilità di usare pressioni più basse di quella "giusta" senza rischiare di rovinare il cerchio.

Anche se ovviamente va a gusti, poter abbassare la pressione di un paio di decimi, può essere vantaggioso per alcuni rider e per certi tipi di percorso.

Così dicendo però ammetti che la pressione che chiami "giusta" è tale solamente dal punto di vista della sicurezza, mentre quella ottimale dal punto delle prestazioni è in realtà un po' più bassa. E qui si torna al punto di partenza e del senso di montare i salsicciotti e simili…o coperture più robuste.

Easy Biker

Beh ma una copertura più robusta a pressione bassa protegge meno il cerchio di una copertura standard con il salsicciotto.

A intuito mi vien da pensare che a parità di pressione il salsicciotto sia una protezione maggiore rispetto a qualche mm di gomma in più, inoltre dovrebbe anche proteggere maggiormente contro gli stallonamenti.

Ovviamente tutto è relativo a quale gomma "robusta" e quale salsicciotto prendiamo in esame, ovviamente.

La copertura robusta la vedo principalmente una protezione contro i tagli e le forature, piuttosto che i danni al cerchio.

Hot
jimmy27

Dall'entrata in scena di Mr. Wolf se ne sono visti di tutti i tipi di salsicciotti

Non é certamente stato il primo prodotto sul mercato… Ma solo quello che ha adottato un marketing aggressivo, spropositato, mendace e… in fondo fallimentare!
Non capisco come possa essere il termine di paragone

Mauro Franzi
Easy Biker

Beh ma una copertura più robusta a pressione bassa protegge meno il cerchio di una copertura standard con il salsicciotto.

A intuito mi vien da pensare che a parità di pressione il salsicciotto sia una protezione maggiore rispetto a qualche mm di gomma in più, inoltre dovrebbe anche proteggere maggiormente contro gli stallonamenti.

Ovviamente tutto è relativo a quale gomma "robusta" e quale salsicciotto prendiamo in esame, ovviamente.

La copertura robusta la vedo principalmente una protezione contro i tagli e le forature, piuttosto che i danni al cerchio.

Una copertura più pesante da anche maggiore sostegno, oltre ad avere "più gomma" che si frappone in un eventuale schiacciamento, quindi indirettamente protegge anche maggiormente il cerchio.
I salsicciotti e derivati tendenzialmente proteggono di piu, sono d'accordo, ma hanno anche i loro lati negativi.
Diciamo che in un caso o nell'altro è comunque una questione di compromessi.

Mostro
uranus

Il fatto che non assorba lattice e ancora da verificare…le valvole speciali si trovano in ogni confezione di ptn. Anaconda ecc..quindi non devo comprarle a parte
Chi fa gare..o utilizza mtb da xc non usa lo zaino..almeno io.. quindi mi ritroverei a risolvere un problema nello stesso modo.
Il peso non e inferiore ad un ptn…il costo nemmeno ad un anaconda
Non sono pagato da ptn o barbieri..ma voglio semplicemente sapere quali pregi ha in più che vi attira rispetto a prodotti già esistenti

Non posso criticare il mio PTN che si sta comportando bene! Ha una buona interazione con il liquido Vittoria (che sto usando da qualche anno) lasciando il “lattice” libero di circolare dentro il copertone facendogli fare la sua azione autoriparatoria, al contrario di certe mousse di grandi volumi !
Però non si può negare che sulla carta questo Huck Norris in EVA, in caso estremo di ruota irreparabile, non sia più facile operare direttamente su i sentieri. Con alcuni inserti la cosa risulta parecchio complessa!
Per quanto riguarda lo stoccaggio… neanche io uso lo zaino, vuol dire che se avrò necessità lo chiudo nella cinghia al posto della camera d’aria :medita:

cowboykite80
uranus

…voglio semplicemente sapere quali pregi ha in più che vi attira rispetto a prodotti già esistenti.

Non ho mai usato sistemi come questi perché uso pressioni adeguate alla mia incapacità e ai miei percorsi pero così ad intuito questo Mariposa non può assorbire niente, è in EVA a celle chiuse, viene usato per la produzione dell'intersuola delle scarpe sportive, non è una spugna. È una striscia lunga e piatta, sicuramente più pratica da stivare di un tubo. Inoltre essendo impermeabile si può lavare con la borraccia prima di riporlo, la salsicce assorbenti puoi lavarle ma trasuderanno sempre. Le valvole speciali sono nei kit ma se disgraziatamente devi cambiarle devi morire da loro.
C'è un minimo di studio che non sia quello di utilizzare l'isolante per i tubi. Potrebbe valere la pena di provarlo.

Mostro

E aggiungo!… che se per culo un alieno invasore si dovesse trovare in prossimità della valvola, io il controllo trimestrale del liquido, lo faccio con la siringa senza smontare 🙂

capocchione
capocchione

Mi è arrivata la maglia, grazie!!![​IMG]

Inviato dal mio Mi A1 utilizzando Tapatalk

Pietro.68

La pressione "giusta" è quella che da il miglior grip o quella che non fa bozzare il cerchio?