MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Canyon presenta la Sender in alluminio e i componenti G5

Canyon presenta la Sender in alluminio e i componenti G5

Canyon presenta la Sender in alluminio e i componenti G5

19/12/2017
Whatsapp
19/12/2017

Mentre la maggior parte dei lettori è distratta dalla presentazione delle nuove Spectral e Torque, Canyon presenta la terza novità della sua gamma 2018: la nuova Sender in alluminio. Un po’ più in sordina rispetto alla pompa magna delle sorelle di alta gamma, la presentazione della Sender AL rappresenta comunque un’importante novità per il nuovo range di prodotti di Canyon, sia per il fatto di offrire per la prima volta nella sua storia una vera DH pronto gara a prezzi indubbiamente accessibili, che per le ulteriori novità introdotte con questo modello, del tutto simile ma per molti aspetti differente dalla versione in carbonio, la Sender CF che abbiamo testato approfonditamente l’anno scorso.

Il design richiama totalmente quello della sorella in carbonio sia nelle linee che nei dati geometrici. La lega di alluminio utilizzata per il telaio è la 6066 e Canyon afferma di aver raggiunto un elevato standard di robustezza, tale da superare con abbondante margine gli stessi test effettuati sulla Sender CF per affrontare il circuito di UCI DH World Cup.

Lo schema di sospensione genera 200mm di escursione e si basa su un sistema con giunto Horst identico a quello della versione CF ma sulla versione AL sono stati eliminati i link che attivano l’ammortizzatore in modalità pull. L’ammortizzatore viene quindi compresso in modalità push direttamente dal rinvio facente la funzione di fodero alto e la curva di compressione è stata adattata alla linearità dell’ammortizzatore a molla di serie, nello specifico un RockShox Super Deluxe Coil metrico da 250mm di interasse.

La curva di compressione è idealmente suddivisa in 3 fasi, concetto introdotto proprio con la Sender CF e ribadito sia con la Sender AL che con gli ultimi modelli presentati, la Spectral e la Torque. La prima parte, fino alla zona di sag, offre un comportamento sensibile per mantenere il contatto con il terreno assorbendo ogni minima asperità. La seconda parte, quella centrale, è stabile e garantisce una sospensione sostenuta e reattiva. La parte terminale è moderatamente progressiva per contrastare i bottom out permettendo di sfruttare agevolmente tutta la corsa.

Lo schema ricrea il comportamento della versione carbon per quanto concerne le 3 caratteristiche chiave: anti-rise, anti-squat e pedal kick-back. La prima fa riferimento al comportamento della sospensione in frenata, che resta attiva continuando ad assorbire gli urti e le asperità, fornendo grip e aderenza. La seconda e la terza sono in relazione tra loro e Canyon ha cercato il giusto compromesso per garantire la massima stabilità in pedalata riducendo al contempo il pedal kick-back che disturba e stanca le gambe del rider.

Così come sulla Sender CF, anche sulla Sender AL si può intervenire sulle geometrie del telaio. Qui non è prevista la regolazione dell’angolo di sterzo come sulla CF ma si può modificare la lunghezza del carro su due quote, 430mm oppure 446mm, semplicemente invertendo gli inserti dei dropout che reggono il perno ruota e spostando di conseguenza il supporto della pinza freno nella relativa posizione.

Numerosi i dettagli accessori del telaio votati alla protezione del telaio e alla silenziosità della bici. Alcuni sono ripresi dalla versione CF come il lungo parafango posteriore flessibile, la protezione dei foderi bassi in gomma a doppia mescola, sul lato drive per la catena e sul lato non-drive per il tallone. Altri sono novità introdotte con questa nuova serie di modelli, come il guscio sotto al tubo obliquo che funge da protezione e da canalina per il cavo del cambio e la tubazione del freno, oppure la forma del carro che garantisce spazio extra alla catena nella zona limitrofa ai pignoni più piccoli, riducendo al minimo ogni rischio di rumore da sbatacchiamento.

Geometrie

Allestimenti e prezzi

Sender AL 6.0

Sender AL 7.0

Gamma componenti G5

In questo turbinio di presentazioni di nuovi prodotti della casa teutonica regina della vendita diretta, c’è un’ultima novità. Si tratta della gamma di componenti G5 dedicati al gravity: manubri in carbonio e in alluminio e attacchi manubrio sia diretti che tradizionali. Questi prodotti saranno presenti sulla maggior parte degli allestimenti 2018 di Sender, Torque e Stitched e sarà possibile acquistarli singolarmente sul loro sito.

I componenti G5 sono nati dal lavoro incrociato dei test in laboratorio e dalle prove sul campo dei rider del Canyon Factory Racing. Dai dati raccolti nei test di resistenza a rottura che ci ha fornito Canyon, i manubri hanno nettamente superato i più celebri prodotti della concorrenza. Il manubrio in carbonio inoltre si avvantaggia dei controlli con i macchinari CT scanner di Canyon, un macchinario del tutto simile alla TAC del campo medico con il quale l’integrità della struttura del carbonio viene esaminata e approvata. Lo stesso procedimento che Canyon impiega per i suoi telai. Primi e tuttora tra i pochi a utilizzare un simile macchinario nel mondo del ciclismo.

G5 Handlebar CF

  • Materiale: fibra di carbonio
  • Larghezza: 780mm e 800mm
  • Rise: 10mm, 20mm e 30mm
  • Angoli: 5° upsweep e 8° backsweep
  • Peso: 254 grammi e 260 grammi

G5 Handlebar AL

  • Materiale: lega 7075 AL
  • Larghezza: 780mm e 800mm
  • Rise: 10mm, 20mm e 30mm
  • Angoli: 5° upsweep e 8° backsweep
  • Peso: 386 grammi e 406 grammi

G5 Stem Direct Mount

  • Materiale: lega 6061 AL
  • Costruzione a sandwich con 6 viti
  • Lunghezza: regolabile 45/50mm
  • Rise: 0mm regolabile a +5mm tramite spessore sotto le piastre e altri +5mm tramite spessore interno al clamp manubrio che non modifica la quota di reach
  • Peso: 174 grammi

G5 Stem Standard

  • Materiale: lega 6061 AL
  • Costruzione a sandwich con 6 viti
  • Lunghezza: 40mm e 50mm
  • Rise: 0mm
  • Angoli: 5° upsweep e 8° backsweep
  • Peso: 158 grammi e 182 grammi

G5 Grips

  • Lock-on singolo
  • Design sottile
  • Larghezza: 120mm
  • Peso: 114 grammi

Canyon

 

Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
prospero58
prospero58

bella ma proprio bella

motobimbo

non sembra aver destato molto interesse…. :loll:

darionollie_
darionollie_

…perchè quella da 29 ha già fatto abboccare tutti i pesci

fabio guidorzi
fabio guidorzi

bellissima, mi piacerebbe fare dh con questa

scnia
scnia

Leggermente differente dalla cf ma sempre gradevole alla vista. Sono contento del fatto che propongono sia Alu che cf che aldilà del discorso prezzo su questa categoria acquisterei solo Alu.

teoDH

ecco, queste sono cose interessanti, una DH ben montata al prezzo di un telaio….
Oltretutto, questo schema mi convince decisamente di più, è un horst con tutti i crismi (fulcro più basso dell’asse).
Rimane un po’ ridicolo lo schemino sulla curva di compressione… a parte i vecchi schemi regressivi, credo che uno schema così possa valere per il 95% dei link attualmente disponibili.

Marklenders
Marklenders

bella bella,piuttosto della torque prenderei questa…vedremo…

matteodereddu@gmail.com

La cara vecchia mondraker kaiser…ma si può fare una gamma di dh 27m5 quando il futuro è 29?

ricchiRock
ricchiRock

Da come si stanno ponendo coloro che a listino hanno le 29 (trek e commencal per adesso) sembra che queste siano “relegate” alle fasce altissime dei listini, e le 27,5 rimarranno per un bel po’ ancora credo!

darionollie_
darionollie_

…è da poco che vai in mtb , vero?

Lucky86
Lucky86

A me esteticamente non piace, sembra una bici che abbia già subito un incidente e si sia divisa in due…

andrea541970

Molto bella, a me piace.!!!