Come ricevere il bonus mobilità

118
YouTube video

 

Un contributo fino a 500 euro per l’acquisto di biciclette, anche a pedalata assistita, e di veicoli per la micromobilità elettrica quali monopattini, hoverboard e segway, o per l’utilizzo dei servizi di sharing mobility. È questo il “buono mobilità” che potrà coprire fino al 60% della spesa sostenuta per acquistare il mezzo o il servizio. Per agevolare l’utilizzo delle biciclette si modificherà il Codice della Strada prevedendo la realizzazione di apposite bike lane.



.

Il buono mobilità spetta ai maggiorenni residenti nei capoluoghi di Regione, nelle Città metropolitane, nei capoluoghi di Provincia ovvero nei Comuni con popolazione superiore a 50.000 abitanti ed avrà efficacia retroattiva: potranno infatti beneficiarne quanti, avendone i requisiti, abbiano fatto acquisti a partire dal 4 maggio 2020, giorno di inizio della Fase 2.

Per ottenere il contributo basterà conservare il documento giustificativo di spesa (fattura) e, non appena sarà on line, accedere tramite credenziali SPID (Sistema Pubblico di Identità Digitale) sull’applicazione web che è in via di predisposizione da parte del Ministero dell’ambiente e accessibile anche dal suo sito istituzionale.

Alternativamente alla procedura a rimborso, una volta che l’applicazione sarà operativa (entro 60 giorni dalla pubblicazione del provvedimento in Gazzetta Ufficiale) il buono mobilità potrà essere fruito attraverso un buono spesa digitale che i beneficiari potranno generare sull’applicazione web. In pratica gli interessati dovranno indicare sulla piattaforma il mezzo o il servizio che intendono acquistare e la piattaforma genererà il buono spesa elettronico da consegnare ai fornitori autorizzati, insieme al saldo a proprio carico, per ritirare il bene o godere del servizio individuato.

Queste disposizioni resteranno in vigore solo fino al 31 dicembre del 2020. Nel 2021 torneranno invece efficaci le previsioni del decreto Clima che prevede un fondo a carico del Ministero dell’ambiente pari ad ulteriori 180 milioni di euro destinato ai residenti nei Comuni interessati dalle procedure di infrazione comunitaria per la non ottemperanza dell’Italia agli obblighi previsti dalla direttiva comunitaria relativa alla qualità dell’aria. A partire dal 1° gennaio 2021 sarà necessario rottamare un autoveicolo o un motociclo inquinante per beneficiare del buono mobilità. Saranno previsti incentivi pari a 1.500 euro per ogni autoveicolo rottamato e a 500 euro per ogni motociclo rottamato. Oltre ai beni e ai servizi previsti per il 2020, nel 2021 sarà possibile acquistare anche abbonamenti al trasporto pubblico locale e regionale che, si auspica, avrà nel frattempo ricostituito la capacità di trasporto previgente alle norme sul distanziamento sociale.

Fonte: governo.it

Vuoi risparmiare? Prova il nostro sistema di monitoraggio dei prezzi: shopping.mtb-mag.com !

 

Commenti

  1. saetta1980:

    Mi auguro che poi incrementino i fondi ; altrimenti sara’ una guerra .
    Spero inoltre che dicano da quando sarà online l’app altrimenti diventa un terno al lotto .
    Mia moglie per lavoro ha partecipato ad un click day per un rimborso dei DIP ; il sito apriva alle 9:00 la sua richiesta e’ stata accettata alle 9:00:28 e nonostante sia stata rapidissima non è rientrata nel rimborso ; vi rendete conto del culo che ci vorrà per averli ?!?
    esticazzi ..... SAETTA anche la moglie ... ma per 28 secondi ??? :paur:
  2. saetta1980:

    Mi auguro che poi incrementino i fondi ; altrimenti sara’ una guerra .
    Spero inoltre che dicano da quando sarà online l’app altrimenti diventa un terno al lotto .
    Mia moglie per lavoro ha partecipato ad un click day per un rimborso dei DIP ; il sito apriva alle 9:00 la sua richiesta e’ stata accettata alle 9:00:28 e nonostante sia stata rapidissima non è rientrata nel rimborso ; vi rendete conto del culo che ci vorrà per averli ?!?
    Il fondo per il rimborso dei DPI era pari a 50 mln ed è finito in meno tempo.
    Personalmente, meglio aumentare questo in modo da aiutare le aziende che hanno speso parecchio, piuttosto che quello per le bici.
  3. Gaul:

    Dipende sempre dai punti di vista.
    Il bonus mobilità è stato concepito per "scaricare" i mezzi pubblici nelle grandi città: in un periodo storico in cui è deleterio ammassarci in metro o autobus, hanno pensato a come incentivare forme di mobilità alternativa, ecosostenibile e... singola! Queste erano le intenzioni, sacrosante.
    Come è stato concepito dall'utenza il bonus? "Che figata, mi faccio la bici nuova senza spenderci un patrimonio" e via con l'assalto ai negozi di biciclette. Più che guardare all'esiguità del fondo stanziato io porrei l'attenzione maggiormente a quali erano le intenzioni e come sono state realizzate. Probabilmente se il bonus fosse stato ristretto a determinate tipologie di bici o fosse stato abbinato ad una app per verificare che effettivamente ti sei preso la bici per andare al lavoro (a fare spesa, in centro, ecc ecc) e non per divertirti su argini, nei boschi o fare 100 km con gli amici alla domenica, oggi non staremmo qui a parlare di click day, risorse insufficienti ecc ecc
    che poi non è detto che non cambino le carte in tavola con il decreto attuativo..difficile ma non impossibile. io avrei cambiato le quote, max 200 per muscolari e max 500 per le elettriche. Questo perchè l'obiettivo è incentivare la mobilità urbana, non farsi la bici nuova. Ma chi scrive questi decreti probabilmente non ha mai comprato una bici in vita sua
Storia precedente

Diamo i numeri! 12 ore di riding post 40ena e 2000m di dislivello

Storia successiva

TRP sfida i big con un cambio a 12 velocità

Gli ultimi articoli in News

Orbea Factory Team 2024

Orbea presenta il suo Factory Team 2024, con l’italiana Chiara Teocchi [Comunicato stampa] Nel 2024, l’Orbea…