Canyon Strive

La nuova Canyon Strive provata sui sentieri di Finale

72

Canyon presenta la nuova Strive. Dopo aver ormai rinnovato l’intera gamma, il marchio di Koblenz si è dedicato alla sua bici da enduro race. La Strive è stata aggiornata in ogni dettaglio per affinare le prestazioni in ambito agonistico ma resta strettamente fedele al precedente modello di cui rappresenta la naturale evoluzione. Abbiamo avuto la possibilità di provarla in anteprima per voi sui trail di Finale Ligure.

Gli ingegneri di Canyon hanno iniziato a lavorare al nuovo modello di Strive circa due anni e mezzo fa, prendendo spunto dai consigli del team per aggiornare il precedente modello affinché fosse assolutamente performante per le gare di Enduro World Series e per come si sono ulteriormente evolute nelle ultime stagioni.

Dettagli Canyon Strive

Maggiore escursione, nuove geometrie aggressive e regolabili, un telaio più rigido e robusto e un sistema di sospensione aggiornato mentre resta invariata l’adozione dello Shapeshifter. Andiamo a scoprire tutti i dettagli della nuova Strive.

  • Materiale telaio: fibra di carbonio
  • Formato ruote: 29″
  • Corsa anteriore: 170mm
  • Corsa posteriore: 160mm
  • Geometrie variabili: sì (reach)
  • Geometrie variabili in corsa tramite Shapeshifter
  • Interasse ammortizzatore: 230×65mm
  • Trasmissione: 1×12 (32t / 10-51)
  • Attacco portaborraccia
  • Attacco porta oggetti
  • Peso dichiarato: 15,84kg

Per quanto le linee generali del telaio siano rimaste invariate, il dettaglio della sezione dei tubi è stato completamente rivisto con forme più larghe e spigolose che assicurano maggiore rigidezza strutturale. A questo dettaglio viene associato un diverso lay up delle pelli di fibra di carbonio che vanno a formare un telaio più rigido e più robusto del precedente, ma di conseguenza anche più pesante, con circa 300 grammi di aggravio. Il peso del telaio completo comunque è di soli 2.700 grammi, circa 100 grammi più della Spectral.

Canyon Strive

Canyon resta fedele all’adozione del sistema Shapeshifter che consente di variare in corsa sia le geometrie che l’escursione posteriore della Strive tramite un comando remoto al manubrio. Lo Shapeshifter è la versione 2.0 quindi resta invariato rispetto al modello precedente e offre sempre una variazione di 1.5° sugli angoli e 15mm sull’altezza del movimento centrale, però viene abbinato a un ammortizzatore con maggiore corsa che implica due importanti cambiamenti.

Canyon Strive

Il primo è che l’ammortizzatore ha più volume d’aria, quindi una pressione inferiore, che consente un’attivazione più morbida e fluida dello Shapeshifter. La pressione da inserire nel piccolo ammortizzatore Fox che attiva lo Shapeshifter è la stessa che si ottiene regolando il sag dell’ammortizzatore principale.

Canyon Strive

Il secondo è che ora offre 160mm di escursione in posizione da discesa e 140mm in posizione pedal, quindi si ha maggiore escursione rispetto al precedente modello, soprattutto in posizione pedal che diventa più sfruttabile sia nelle salite sconnesse, dove garantisce maggiore trazione, sia nelle discese più scorrevoli e guidate dove offre un maggior compromesso tra stabilità e assorbimento.

Il sistema di sospensione della nuova Strive è stato rivisto, spostando il giunto Horst più in basso del perno ruota per una maggiore rigidezza del carro, mentre la cinematica è stata migliorata soprattutto per quanto riguarda l’anti-squat e la conseguente stabilità in pedalata. La curva di compressione offre la stessa progressività ma distribuita su un’escursione maggiore di 10mm per cui il comportamento generale è più plush.

Interessante la possibilità di variare la lunghezza del top tube per regolare il reach a proprio piacimento in un range di 10mm (+/-5mm) tramite le calotte della serie sterzo ellittiche che funzionano di fatto come una coppia di flip chip. Con questo sistema, ereditato dalla Sender, la bici da DH di Canyon, anche i rider a cavallo tra due taglie possono scegliere se prendere una taglia più lunga e accorciare il reach o viceversa. Inoltre diventa una possibile regolazione per settare la bici al meglio in ambito race in base ai tracciati su cui si deve gareggiare: tracciato veloce con reach lungo oppure tracciato tortuoso con reach corto.

Il triangolo anteriore offre spazio sia per un portaborracia sull’obliquo che per un porta oggetti sotto al top tube. In foto vediamo quello specifico prodotto da Canyon che abbiamo trovato già montato sulla bici, ma è possibile montare qualsiasi prodotto dedicato, dato che il passo delle viti è quello standard per il portaborraccia.

Il passaggio dei cavi è interno al telaio, guidato tramite tubi di schiuma espansa che facilitano il routing ed eliminano il rumore. A proposito di rumore, assolutamente efficace il batticatena che rende la Strive silenziosissima, cosa che già avevo apprezzato sulla Torque che infatti utilizza lo stesso batticatena. Abbondante e ben sagomata anche la protezione sotto al tubo obliquo.

Per quanto riguarda l’allestimento, Canyon ha optato per componenti al top, efficaci e affidabili. La forcella è una Fox 38 Factory da 170mm di escursione, abbinata a un ammortizzatore Float X2 sempre in versione Factory. La trasmissione Shimano ha cambio e comando XTR e cassetta XT 10-51 ed è abbinata a una guarnitura in carbonio NextR di RaceFace e a un guidacatena con paracolpi inferiore.

I freni sono sempre Shimano XTR, ovviamente a 4 pistoncini. Le ruote sono DT Swiss EX511 e sono montate tubeless con copertoni Maxxis, Assegai all’anteriore e Minion DHR II al posteriore, entrambi in mescola Maxxgrip e carcassa EXO+. Cockpit e telescopico sono prodotti della gamma G5 da gravity di Canyon.

Geometrie Canyon Strive

Le geometrie rappresentano probabilmente il cambio più radicale nello sviluppo della nuova Strive, proprio perché il precedente modello, in ambito agonistico, soffriva di geometrie decisamente conservative. La nuova Strive è invece molto aggressiva con un angolo di sterzo di ben 63°, un front-center importante e un carro relativamente corto per conservare maneggevolezza anche nei tracciati più tortuosi.

Allestimenti

La Strive è proposta in due allestimenti, ciascuno dei quali disponibile in due colorazioni, argento e nero o grigio e arancione. Per l’allestimento CFR la richiesta è di €6.299 mentre per l’allestimento CFR Underdog la cifra scende a €4.999.

Canyon

 

Commenti

  1. frenk:

    Non hanno dichiarato in che taglia hanno rilevato i pesi... ma OVVIAMENTE sono pesi SENZA pedali, come da prassi.
    di solito il peso è riferito alla taglia M, non mi sorprenderebbe che la L pesi anche qualcosina di più.
  2. ilnico90:

    ma che vuol dire è fatta solo per andare a tuono dai. secondo te la comprano solo i rider dell'ews allora e poco più.
    E' una bici come un altra.. per favore non diamo ste etichette alle bici. ogni bici può essere spinta a tuono. E anche su questo modello le loro intenzioni sono di venderla ai più, non solo agli smanettoni race. Garette occasionali la spectral o la torque?.. il vero motivo di questo modello è il marketing. Non è che questa è da gara e le altre no, non diciamo cose a caso.. ti ricordo che quando è uscita la torque 29, siccome era in varie versioni con formati diversi di ruota, loro sul sito la 29 la davano come "la perfetta bici da gara", E' puro marketing ripeto.
    Rileggi il messaggio a cui ho risposto... L'utente diceva che queste bici vanno bene solo per chi va a tuono perché troppo aperte ecc... E ho solo detto che è giusto così dato che se si vogliono geometrie meno estreme e pesi inferiori perché non si hanno le capacità, le necessità o l'allenamento per sfruttarle ci sono molte alternative.
    È come criticare una bici da Chrono perché è scomoda e pesante per l'utente medio che gira nel weekend.
Storia precedente

Thomas Slavik vince la Mad Of Lake 2022

Storia successiva

Fra trincee e gallerie

Gli ultimi articoli in Test