Sram brakes

La scienza della frenata

55

SRAM ha appena pubblicato un video sulla scienza che sta dietro ad un impianto di freni a disco: olio, materiali, pistoncini, diametro dischi, surriscaldamento. Tante variabili da prendere in considerazione per il prodotto adatto alla propria bici e al proprio stile di guida.



.

 

Commenti

  1. Gigispeed3:

    sulla mia speed triple, ho sostituito l impianto di serie un NISSIN, votandomi a San Brembo con una pompa radiale Brembo RCS, e pinze radiali Brembo serie oro e tubi in treccia.
    Mai un problema, staccate da paura sempre, sia su pista che in strada, ogni tanto vanno spurgati, ma niente di che.
    il costo è 4 volte tanto un impianto da bici e si parla solo del freno anteriore...
    pure io: da nissin a brembo RCS freno e frizione, che fasto!
  2. albatros_la:

    So che ne parlano molto bene. Non metto in dubbio che siano ottimi freni, così come lo sono state generazioni di XT e Saint a olio minerale. Il punto non è questo, il punto è che mi rompe un po' dover pagare a peso d'oro il liquido dei freni, cosa che col dot non è vera. Dovrò buttare le siringhe e comprarne di nuove, forse cambiare procedura di spurgo... Insomma, lo trovo un cambio costosi e inutile, almeno per me.
    Ho pagato una bottiglia di olio formula mi pare sui 16 euro e mi è andato avanti 4 anni, non mi sembra una tragedia su cui spendere più di 3 parole.
Storia precedente

Attacco manubrio gravity super leggero BikeYoke Barkeeper

Storia successiva

Schurter, Courtney e SRAM rinnovano i contratti con Scott-SRAM MTB Racing fino al 2024

Gli ultimi articoli in News

Posso la borraccia?

Durante l’ultima salita del Monte Grappa il dominatore del Giro d’Italia 2024, Tadej Pogacar, viene affiancato…