Ne rimarrà solo uno?

Ne rimarrà solo uno?


Sembrano passati secoli da quando si girava con le 26 pollici, e da quando gli “evangelizzatori” delle 29 provavano a sdoganarci delle bici dalle geometrie improbabili come se fossero le migliori sul pianeta solo perché avevano delle ruote più grandi. Secoli durante i quali si sono rottamante le 26, “inventate” le 27.5, quasi abbandonate le 29 su escursioni che non fossero da XC, per poi tornare sui ruotoni ed addirittura adottarli sulle bici da DH. Eppure, stiamo parlando sono di una decina di anni. Nel 2007 si cominciava a parlare di 29 anche sul forum, e timidamente qualche azienda proponeva biciclette per le quali si faceva fatica trovare gomme e ruote, per non parlare poi delle forcelle.

Gary Fisher Hi Fi Plus, anno 2008

Nel 2018, la situazione vede dilagare le 29 e arrancare le 27.5. Arrancare così tanto da rischiare l’estrema unzione. Facciamo il punto della situazione:

    • nel cross country nessuno usa più le 27.5. Da quando anche Scott e il suo beniamino Nino Schurter si sono decisi per le 29, le 27.5 sono sparite. Lo sapevate che Nino non ha mai usato una 27.5, ma che la sua Spark aveva ruote da 28 appositamente preparate per lui da DT Swiss? Scott arrivò in ritardo sulle 29 e, per contrastare i concorrenti, lanciò con decisione le 27.5, riuscendo ad invertire il trend. Anche un marchio come Specialized, che aveva a catalogo l’ottima Enduro 29, si ritrovò a dover proporre in fretta e furia una Enduro 27.5 per far fronte alle richieste del mercato. Non so se vi ricordate, ma il primo anno l’Enduro 650b teneva il telaio della 29, con il solo carro adattato alle ruote più piccole.
La Scott Spark 29 di Nino Schurter
  • Nel segmento trail/all mountain la differenza prestazionale fra una 29 moderna e una 27.5 è imbarazzante. Specialmente nell’escursione 130/140mm le 29 offrono più trazione, più sicurezza in discesa e di conseguenza più divertimento. Andate a vedere cosa hanno a catalogo marchi come Cannondale nel 2018 rispetto ad un paio di anni fa e vedrete che le 27.5 sono praticamente sparite anche qui. L’aver potuto accorciare i carri grazie alle trasmissioni 1x ha risolto molti problemi di guidabilità e agilità nello stretto. Forcelle con offset maggiori contrastano la forza di inierzia dei ruotoni, anche se il trend ora sembra andare nella direzione opposta. Angoli sella più verticali rendono le bici più pedalabili sul ripido tecnico.
  •  Nell’enduro la partita si sta ancora giocando, ma al momento le bici considerate veramente “cool” sono quelle con le ruote da 29. Anche qui, si stanno facendo passi da gigante in termini di geometrie e pedalabilità in salita. La nuova Orbea Rallon, passata da 27.5 a 29, in salita si pedala quasi come una trail, battendo addirittura quella che finora è sempre stata considerata l’enduro più polivalente, cioé quella di Specialized. Pur avendo le ruote da 29, le enduro non sono per forza degli autoarticolati, grazie di nuovo all’1x che consente di accorciare i carri. Vedere anche il test della Mondraker Foxy 29, senza parlare della mia bici preferita al momento, la Yeti SB 5.5.

    Mondraker Foxy 29
  • Addirittura nel downhill sembra che i ruotoni abbiano trovato uno spazio, malgrado tutti i problemi legati alla tanta corsa della ruota posteriore. Santacruz V10, Devinci Wilson, Specialized Demo, Trek Session 29, solo per citarne alcune.

A proposito di taglie, questo potrebbe essere forse l’unico fattore a tenere in vita le 27.5. Una Small da 29 pollici di solito è inguardabile, con il telaio sprofondato fra due ruotoni più grandi di lui.

Ci saranno ancora tante resistenze da parte di chi è pronto a giurare che una enduro da 27.5 si guida meglio di una 29 nello stretto ed è più agile, ma gli ultimi 10 anni dovrebbero insegnare che l’industria della MTB è molto reattiva e capace di cambiare geometrie e inventarsi nuovi accorgimenti che vanno incontro ai progettisti di telai. La Forward Geometry di Mondraker ha cambiato completamente le carte in tavola ed ha sicuramente contribuito alla spinta per avere retrotreni più corti, e quest’anno la Speed Balance Geometry di Transition dà un’ulteriore impulso in favore delle 29. Due geometrie che fanno da locomitiva per il resto, cosa difficile da pensare nel 2007.

Chissà dove saremo nel 2027?

Like
Like x 1
  1. mi sfugge il motivo per cui un carro boost sarebbe più corto :nunsacci: …ad ogni modo non penso che rimarrà un solo formato, faranno morire anche il 650b e butteranno fuori ruote ancora più grandi; intanto che pensano a "quanto" più grandi, temporeggiano sfornando i superboost 🙄

    0
  2. prendetela come una battuta poco seria….. nel 2027 saremo di nuovo su delle 26, ma con tutto il bagaglio tecnologico di questi anni….. come gli scarponi di alpinismo che nell’era giurassica erano di cuoio, per poi diventare tutti di plastica ed infine tornare, alcuni modelli, di cuoio molto tecnologico.

    0
  3. “Non so se vi ricordate, ma il primo anno l’Enduro 650b teneva il telaio della 29, con il solo carro adattato alle ruote più piccole”. Se non ricordo male era il contrario. Il primo anno l’enduro 650b aveva il triangolo anteriore xwing da 26″ e il carro più lungo per ospitare le 27,5.

    0
    1. Se e’ per quello a Canazei (dove i trail erano lunghi e molto veloci, quindi + adatti alle 29″) hanno dominato le 27,5″. Alex Lupato ha abbandonato la Slash in favore della Remedy e si trova meglio. Casadei e tutto il team CMC usa la SB6, il team di Zanchi la Nomad… Alla fine in mano loro conta solo trovare il setting che gli permetta di guidare con il loro stile e andare forte. Io penso che fino ad escursioni da 140/150 la 29″ abbia molti piu’ pregi che difetti ma sulle grandi escursioni le cose si bilanciano, dipende poi dalla tecnica e dallo stile di guida del rider se si trova meglio con 29″ o 27,5″.

      0
  4. A me pare che il mercato sia solo la moda del momento, e che le questioni tecniche siano del tutto secondarie. 2_3 anni fa una bici da enduro da 13 kg era ritenuta normale, ora vedo dei cancelli da 15.5 – 16 kg… Boh.. Io mi tengo la mia

    0
  5. Le geometrie sono migliorate tantissimo, su questo non c’è dubbio, ma che il tutto sia per merito dei formati ruote o nuovi standard é tutto da discutere!
    Mi piacerebbe provare una 26″ con le geometrie attuali, penso che andrebbe bene come le 27,5 e molte 29

    0
    1. Verissimo, se le 26 sono durate non so quanti decenni e solo nell’ultimo decennio si è iniziato a parlare di non so quanti formati un motivo ci sarà.
      Probabilmente un tempo il marketing era ancora poco sviluppato!
      E non prendetelo come un commento da hater, le bici vanno valutate nel loro complesso non solo nel formato ruote.
      C’è un abisso fra l’ultima Commencal 29 qui recensita e la Foxy e o la Pivot.
      Certo, anche il prezzo è diverso. Ma non è solo una questione di diametro.

      0
  6. “Addirittura nel downhill sembra che i ruotoni abbiano trovato uno spazio, … Santacruz V10, Devinci Wilson, Specialized Demo, Trek Session 29, solo per citarne alcune.” Citerei soprattutto Commencal che ha fatto sue due prove della WC 2018 con Amaury Pierron (la prima vinta da Gwin su YT 27.5)!

    0
  7. Esatto…una citazione a favore del 27.5 che domina in EWS con Samuele ci stava bene

    L’unica cosa sensata sarebbe quella di mantenere entrambi i formati e promuoverli entrambi (come fa YT) così che ognuno scelga il mezzo che più si adatta alle proprie misure, stili di guida e sentieri

    Io ammetto che probabilmente passerò a 29 per curiosità e per paura di acquistare qualcosa di “vecchio” perchè lo dicono loro ma ammetto che ho dei dubbi sul fatto che io riesca a guidare meglio il 29 rispetto al 27 (dove ho comunque molti problemi 😀 )

    0
    1. Anche io ero scettico sulle 29″, sempre usato 26″ e ho una Specy Enduro da 29, ma una volta provata la mia Exceed da 29″ ho cambiato idea. Sarà merito delle ruote o delle geometrie o quello che vuoi, ma permette una guida molto più ventral, più stabilità, più fluidità a superare gli ostacoli sia in salita che in discesa. Meno fuorisella in discesa……
      Diciamo che mi ha impressionato molto…..
      Detto questo, quando risalgo sulla mia Specy, me la godo con molta soddisfazione anche se è una 26″

      0
  8. Mi ritengo un biker di ampie vedute e aperto alle novità senza (troppi) pregiudizi così che quando provai una 29 la mia prima impressione fu; “ma perché non le hanno mai fatte così prima?!”, tale fu l’immediato feeling che ebbi con questo formato. C’è da dire che sono alto quasi 2m…

    0
  9. io rimango dell’idea che per una media statura ossia fino a 180cm siano più indicate in generale le 27.5 poi mi sbaglierò ma sia Sam (175cm) che Gwin (178cm) sembrano preferire tale misura e sono obiettivamente il riferimento per enduro e dh. Il bilanciamento generale e anche il feeling con il mezzo rende per persone con caretteristiche “medie” decisamente adeguata la taglia 27.5 a mio modo di vedere.

    0
  10. Io rimango della mia idea: 29 da xc a trail (130/130), per il resto 27.5. Logico che se un pro può scegliere una bici per ogni gara ben venga l’enduro da 29 e da 27.5, ma per un ciclista della domenica è meglio una 27.5 un po più guidabile.
    Inoltre se sulla 29 montiamo gomme da 2.30 e sulla 27.5 da 2.4 e oltre, i diametri non sono poi così differenti.
    L’unico motivo che mi spinge(rà?)rebbe ad acquistare una 29 da trail è la maggior resa in salita, a scapito di un po di veolcità in discesa (che alla mia età non sarebbe un male)…

    0
  11. cito:
    “Nel segmento trail/all mountain la differenza prestazionale fra una 29 moderna e una 27.5 è imbarazzante. Specialmente nell’escursione 130/140mm le 29 offrono più trazione, più sicurezza in discesa e di conseguenza più divertimento. Andate a vedere cosa hanno a catalogo marchi come Cannondale nel 2018 rispetto ad un paio di anni fa e vedrete che le 27.5 sono praticamente sparite anche qui.”

    Marco,
    se non erro Cannondale di trail/AM (Habit/Trigger) ha solo 27,5 e non 29
    Oppure ho mal interpretato la tua frase ?

    0
  12. Per quello che ho visto io (sto parlando di bici da ENDURO) quando uscirono le 27,5 e la gente “comune” ha iniziato a provarle c’è stata una corsa frenetica a “rottamare” le 26 presi dalle migliorie di quel formato ruota. Ma con le 29 ho visto anche molta gente fare retromarcia dopo l’acquisto e molti titubanti dopo averle provate consapevoli delle migliorie di questo formato ma anche di pecche nella guida più difficoltosa in alcune situazioni.Poi in altri campi tipo xc credo porti solo vantaggi.

    0
  13. jimmy27

    Le geometrie sono migliorate tantissimo, su questo non c'è dubbio, ma che il tutto sia per merito dei formati ruote o nuovi standard é tutto da discutere!
    Mi piacerebbe provare una 26" con le geometrie attuali, penso che andrebbe bene come le 27,5 e molte 29

    sugli standard posso essere d'accordo, sulle ruote invece dubito… la fisica non è opinabile. Ti troveresti meglio rispetto ad una 26 con geometrie "classiche", questo sicuro, ma trazione e capacità di superare un ostacolo di una 29 con una 26 te le scordi.
    Ricordo benissimo la prima volta che sono salito sulla 29 che utilizzo ora provenendo da una 26 (entrambe full). Dopo aver terminato un tratto abbastanza semplice che faccio spesso, mi fermo, mi giro verso il mio socio di uscite (lo aspetto parecchio mentre di solito il nostro passo era lo stesso) e con sorriso a 48 denti esprimo il mio giudizio: un missile.
    E in quanto ad agilità non ha nulla da invidiare. Al momento del cambio avrei acquistato una 27.5 nuova. Sono felice di aver trovato una buona occasione per una 29 usata.

    0
    1. Pero’ non hai argomentato fino in fondo.

      Ok sei andato meglio ma quanto era “geometricamente recente” la bici con cui andavi piu’ o meno simile al tuo amico rispetto all attuale?

      La mia mondraker dune 2010 era meno performante di quella che ho ora, FRY 27.5, ma era solo per il formato ruote o delle geometrie o un mix? Io credo molto piu’ per le ultime

      0
  14. che le enduro cool siano le 29 lo dite voi, come sempre abbastanza propensi ad appoggiare le nuove tendenze mi mercato. per me le bici a lunga escursione rimangono più belle con le ruote max 27.5.
    comunque secondo me, anche se di nicchia, le 27.5 continueranno ad esistere perchè hanno comunque ancora notevoli vantaggi e, cronometro alla mano, la differenza non è sicuramente tangibile.
    la guida ne risente in modo differente e ognuno può preferire l’uno o l’altro formato.
    comunque dite che le 29 sono ovunque, ma in realtà anche nelle escursioni minori molte case offrono il formato più piccolo, per questioni di agilità, peso o anche solo per questioni di taglie.
    una 29 entry level o comunque montaggio base pesa una tonnellata!

    0
  15. pcortesi

    Anche io ero scettico sulle 29", sempre usato 26" e ho una Specy Enduro da 29, ma una volta provata la mia Exceed da 29" ho cambiato idea. Sarà merito delle ruote o delle geometrie o quello che vuoi, ma permette una guida molto più ventral, più stabilità, più fluidità a superare gli ostacoli sia in salita che in discesa. Meno fuorisella in discesa……
    Diciamo che mi ha impressionato molto…..
    Detto questo, quando risalgo sulla mia Specy, me la godo con molta soddisfazione anche se è una 26"

    io ho l'aggravante che sono al limite inferiore per una 29, sono 167cm…spero di non sentirmi sui trampoli

    0
  16. Discorsi a parte le 27 tra ruota un po’ più grande e geometrie raffinate vanno meglio delle 26 ma sostanzialmente non necessita di cambiare il proprio stile di guida. Le 29 sopratutto quando le escursioni aumentano necessitano di essere guidate un po’ diversamente. Da questo tipo di adattamento più o meno riuscito dipende il gradimento da parte dei rider. I pro soprattutto in EWS non fanno troppo testo. Potrebbero guidare qualsiasi cosa e più di quanto si pensi guidano quello che gli danno… O che gli dicono di guidare…

    Io che non sono un gran rider apprezzo molto le 29. Però in ambito enduro tra geometrie e escursioni sono difficili da guidare perché rendono solo se si va ad un discreto ritmo. A passeggio sono difficili…

    0
  17. Trovo un pò di ironia in questo articolo o sbaglio ?
    Penso che 27,5 o 27,5 Plus non “moriranno” , specie nel segmento full a lunga escursione ed e-bike . Piuttosto oltre alle 26 tradizionali , a sparire velocemente mi pare siano state le fatt (comunque sempre da 26). Personalmente ho una 29 (Spesy Enduro steroidata del 2015) e specie in discesa sembra veramente dare più sicurezza , peccato che non riesca ad andare più forte di quanto facessi con la mia vecchia 26 Scott GeniusLT10 del 2012 ; purtroppo non ci sono geometrie tecnologie o formati ruota che contrastino sufficientemente la mia condizione fisica ed età anagrafica , probabilmente il mio futuro in mtb sarà elettrico .

    0
  18. wally73

    Discorsi a parte le 27 tra ruota un po' più grande e geometrie raffinate vanno meglio delle 26 ma sostanzialmente non necessita di cambiare il proprio stile di guida. Le 29 sopratutto quando le escursioni aumentano necessitano di essere guidate un po' diversamente. Da questo tipo di adattamento più o meno riuscito dipende il gradimento da parte dei rider. I pro soprattutto in EWS non fanno troppo testo. Potrebbero guidare qualsiasi cosa e più di quanto si pensi guidano quello che gli danno… O che gli dicono di guidare…

    Io che non sono un gran rider apprezzo molto le 29. Però in ambito enduro tra geometrie e escursioni sono difficili da guidare perché rendono solo se si va ad un discreto ritmo. A passeggio sono difficili…

    Quello che penso io… passare da 26 a 27.5 è difficile trovare una controindicazione…da 27.5 a 29 è molto più facile…

    Non mi farò scrupoli a venderla dopo un mese :soffriba::smile:

    0
  19. Visto il rinnovo di Santa proprio ieri…direi che il 27,5″ è vivo e vegeto.
    Anche nel nostro gruppo…abbiamo tutti la 27,52…a parte maestro @guapo73 che ha da poco fatto il passaggio e @bonfrizio

    0
  20. gargasecca

    Visto il rinnovo di Santa proprio ieri…direi che il 27,5" è vivo e vegeto.
    Anche nel nostro gruppo…abbiamo tutti la 27,5"…a parte maestro @guapo73 che ha da poco fatto il passaggio e @bonfrizio

    non confondere quello che è il trend con il presente. SC con le 27.5 da trail secondo me non ha fatto una grande scelta. La differenza di prestazioni in quel range di escursione è imbarazzante – a favore delle 29

    0
    1. La 5010 secondo me va intesa più che una semplice bici da trail è una bici per divertirsi in discesa, soprattutto sul guidato, senza badare al cronometro, e in questa ottica è più che logico che sia ancora con le ruote da 27,5

      0
  21. marco

    in effetti non c'entra niente….

    C'entra, c'entra… c'entra parecchio! Il Boost era stato ideato da Trek proprio per avere maggiore possibilità di accorciare i carri dei telai. Unito allo sviluppo delle trasmissioni 1x, che hanno eliminato la necessità dello spazio per il deragliatore, i mozzi Boost hanno fatto in modo di allargare ulteriormente la linea catena, potendo quindi allargare il carro. Il fatto di allargare il carro con i mozzi Boost è sempre stato interpretato come un sistema per avere ruote più rigide e carri più rigidi in prossimità del perno ruota ma in realtà lo scopo del Boost era quello di produrre carri più corti grazie alla maggiore larghezza, poiché grazie alla maggiore larghezza e rigidezza del carro ci si può permettere di realizzare "archetti" più sottili (intendo la parte del carro che si interpone tra il copertone e il telaio), guadagnando parecchi millimetri sulla lunghezza totale della quota di chainstay. Questo è stato il motivo principale, unito alle trasmissioni 1x, grazie al quale le 29 moderne hanno carri adeguatamente corti ed è lo stesso motivo per il quale su bici come la Firebird 29 che sto testando, grazie al Super Boost 157mm, si riescono a proporre carri da soli 429mm di lunghezza nonostante 162mm di escursione e ruote da 29 pollici.

    0
  22. frenk

    C'entra, c'entra… c'entra parecchio! Il Boost era stato ideato da Trek proprio per avere maggiore possibilità di accorciare i carri dei telai. Unito allo sviluppo delle trasmissioni 1x, che hanno eliminato la necessità dello spazio per il deragliatore, i mozzi Boost hanno fatto in modo di allargare ulteriormente la linea catena, potendo quindi allargare il carro. Il fatto di allargare il carro con i mozzi Boost è sempre stato interpretato come un sistema per avere ruote più rigide e carri più rigidi in prossimità del perno ruota ma in realtà lo scopo del Boost era quello di produrre carri più corti grazie alla maggiore larghezza, poiché grazie alla maggiore larghezza e rigidezza del carro ci si può permettere di realizzare "archetti" più sottili (intendo la parte del carro che si interpone tra il copertone e il telaio), guadagnando parecchi millimetri sulla lunghezza totale della quota di chainstay. Questo è stato il motivo principale, unito alle trasmissioni 1x, grazie al quale le 29 moderne hanno carri adeguatamente corti ed è lo stesso motivo per il quale su bici come la Firebird 29 che sto testando, grazie al Super Boost 157mm, si riescono a proporre carri da soli 429mm di lunghezza nonostante 162mm di escursione e ruote da 29 pollici.

    ecco perché l'avevo scritto, haha. Ce l'avevo sulla punta della lingua (not!).

    0
  23. marco

    non confondere quello che è il trend con il presente. SC con le 27.5 da trail secondo me non ha fatto una grande scelta. La differenza di prestazioni in quel range di escursione è imbarazzante – a favore delle 29


    Uhmm…ma anche le altre marche "blasonate" hanno degli ottimi ferri a 27,5"…vedi Rocky-Yeti-Transition…con escursioni variabili dai 130/160mm…:nunsacci:

    Per me il 27,5" è il miglior compromesso peso/resistenza e reperibilità, poi magari un giorno passerò anche io al 29" e scoprirò l' acqua calda…:-x:

    0
  24. marco

    non confondere quello che è il trend con il presente. SC con le 27.5 da trail secondo me non ha fatto una grande scelta. La differenza di prestazioni in quel range di escursione è imbarazzante – a favore delle 29


    Uhmm…ma anche le altre marche "blasonate" hanno degli ottimi ferri a 27,5"…vedi Rocky-Yeti-Transition…con escursioni variabili dai 130/160mm…:nunsacci:

    Per me il 27,5" è il miglior compromesso peso/resistenza e reperibilità, poi magari un giorno passerò anche io al 29" e scoprirò l' acqua calda…:-x:

    0
  25. gargasecca

    Uhmm…ma anche le altre marche "blasonate" hanno degli ottimi ferri a 27,5"…vedi Rocky-Yeti-Transition…con escursioni variabili dai 130/160mm…:nunsacci:

    Per me il 27,5" è il miglior compromesso peso/resistenza e reperibilità, poi magari un giorno passerò anche io al 29" e scoprirò l' acqua calda…:-x:

    Ce li hanno, ma non per questo ce li avranno anche in futuro o vanno meglio. Al momento pedalo fra la yeti sb 5.5 (29) e una pivot Mach 5.5 (27.5). Le differenze sono molto grandi, in favore della 29. Provate sugli stessi sentieri con le stesse condizioni.

    0
  26. Guido una 26 pollici del 2010 e fino a quando non riterrò di aver maturato sufficiente padronanza della tecnica, tutti questi discorsi li trovo assolutamente vacui. Onestamente sono stufo di queste querelle tra formati ruota, standard ecc., che spesso derivano da quella fascia di utenti (forse l’unica che conta) che ha oramai messo da parte lo spirito di apprendimento e di miglioramento personale, per andare a ricercare il decimo sul tempo dalla forcella, il boost, i 100 gr in meno e quant’altro. Ho già fatto questo discorso tempo fa e la sensazione è sempre quella avere a che fare con un mercato che si rivolge ad un pubblico maturo (nel senso anagrafico del termine) tanto appassionato quanto rassegnato a cercare la prestazione attraverso un esborso economico. Queste sono chiaramente generalizzazioni che valgono solo alla luce di un discorso macroscopico, sia ben chiaro.
    Secondo il mio modesto parere, tutte le critiche verso le direttive che i brand propongono trovano lamentela soltanto da chi ritiene che il divertimento su una MTB derivi da quanti pezzi nuovi (o sedicenti tali) sono montati su di essa.
    Non è una critica a chi ha commentato prima di me quanto piuttosto una denuncia a tutto il sistema 🙂

    0
      1. Non ho detto che VADO in MTB dal 2010, ma affermato che HO/POSSEGGO una bicicletta del 2010. Però se credi di essere un campione possiamo tranquillamente vederci su un sentiero e scoprire chi scende più forte, sempre se è questo ciò a cui alludi. Vado in giro soltanto dal 2014 e se c’è una cosa che mi è subito sembrata palese è che in Italia si perde troppo tempo dietro a cose futili quando poi, tecnicamente, siamo abbastanza osceni. Basti guardare quanti campioni sfornano i nostri sentieri e quanti ne formi la Francia, Spagna, Inghilterra e via discorrendo. Tralasciando i discorsi culturali e infrastrutturali che lasciano il tempo che trovano.

        0
        1. Quattro anni per ‘maturare la padronanza della tecnica’ mi sembrano tantini, se poi non si ha nemmeno la sensibilità per percepire la differenza e valorizzare la guida su una 26 piuttosto che una 29…

          0
          1. Bhà. Ho mai detto che la differenza tra una 26 e una 29 non si percepisce? Hai problemi di comprendonio Froster? Il mio discorso è molto più ampio e non si incentra assolutamente sulla differenza del diametro di ruote, che tra l’altro trova il mio appoggio per quanto riguarda le 29.
            Poi, ripeto, se dopo 4 anni di MTB pensi di poter andare a combattere in EWS o in WorldCup senza tornare a casa “con i piedi avanti” sono molto contento per te. Per quanto mi riguarda io più vado avanti più mi rendo conto che fare mountain bike a certi livelli è davvero da alieni. Ma dalle tue parole sono abbastanza convinto che abbiamo due metri di paragone totalmente differenti. Evidentemente ti accontenti di fare le mulattiere, non saprei.
            Se leggi il mio messaggio che ho scritto più giù forse non torni a commentare mettendomi parole in bocca senza alcun senso logico.
            Saluti

            0
  27. jimmy27

    Il super boost 157 esiste da sempre, lo usavano gia in dh. Spiegatemi a cosa é servito inventarsi il boost da 148 se già in un paio d'anni si sta passando al super boost????

    Il Super Boost 157 non è la stessa cosa del "vecchio" 157 da DH, sono interamente differenti e non compatibili: cambiano distanza tra le flange, linea catena e allineamento del disco, in pratica tutte le misure che lo interfacciano con il telaio, a parte la battuta. Comunque venendo alla tua domanda (che si intuiva fosse una domanda anche utilizzando un solo punto interrogativo invece che 4!), direi che la risposta è una sola: evoluzione. Perché realizzare computer con processori a 64bit se nel giro di pochi anni si è passati a processori a 128bit? Perché proporre televisori al plasma se nel giro di pochi anni si è passati a quelli a LED? Che piaccia o meno, si chiama evoluzione dei prodotti, vuoi perché si è arrivati a soluzioni migliori studiando le precedenti e affinandole, vuoi perché intanto si sviluppano nuovi materiali e/o processi produttivi. In ogni caso, non penso che il Super Boost 157 andrà a sostituire il Boost 148, anche solo perché non tutte le aziende sono in grado di costruire carri che traggano vantaggio dal Super Boost, così come molte aziende non sono state in grado di trarre beneficio dal Boost, continuando a produrre carri ugualmente lunghi ma che in più erano troppo larghi e ci picchiavi i talloni pedalando.

    0
    1. Il super boost da 157 e il “vecchio” dh da 157 sono perfettamente intercambiabili, il disco e la cassetta sono nelle medesime posizioni, che cambia é la posizione delle flange, ma questo non influisce sulle geometrie ma sulla rigidita fella ruota.

      0
  28. Mi trovo d’ accordo con l’ articolo (scritto per la massa dei biker) sulla superioritá del formato 29 in quasi tutti gli ambiti. Poi ognuno é ovviamente libero di girare con il formato che preferisce ma é inutile continuare a citare i vari campioni… in questo sport come in tanti altri quando ti avvicini a mezzi uguali a quelli usati dai professionisti ti trovi puntualmente o in difficoltá o non ti diverti.

    0
  29. Vedi l’allegato 256288 Io sono abbastanza ignorante, posso capire che una battuta dei mozzi più larga renda la struttura del carro più rigida poiché si va a ridurre il rapporto di leva della ruota nelle torsioni laterali…
    Ma non riesco a capire come allargare il triangolo virtuale tra centro della sospensione ed battute dei mozzi possa contribuire a renderlo più corto, visto che il diametro ruota non cambia ed anzi fisicamente un carro più largo avra i bracci più lunghi di uno più corto…
    Se "h" non varia ed aumenta "a" per forza di cose "l" deve essere più lungo…

    0
  30. nosferato

    Vedi l’allegato 256288 Io sono abbastanza ignorante, posso capire che una battuta dei mozzi più larga renda la struttura del carro più rigida poiché si va a ridurre il rapporto di leva della ruota nelle torsioni laterali…
    Ma non riesco a capire come allargare il triangolo virtuale tra centro della sospensione e battute dei mozzi possa contribuire a renderlo più corto, visto che il diametro ruota non cambia ed anzi fisicamente un carro più largo avra i bracci più lunghi di uno più corto…
    Se "h" non varia ed aumenta "a" per forza di cose "l" deve essere più lungo…

    Per "carro più corto" si intende la quota di chainstay, non la lunghezza dei foderi. Come ho già spiegato, allargando il carro si riesce a diminuire lo spessore dell'archetto del carro a pari rigidezza, ottenendo di conseguenza una quota di chainstay più corta per lo stesso diametro ruota.

    0
  31. darionollie_

    …si ma un computer che viaggia a 128 è nettamente più performante di uno a 64 . Cosa puoi fare con un superboost che non puoi fare con un boost?

    Teoricamente avere un carro più corto e rigido. Poi, che questo sia utile o meno, dipende dalle necessità di ognuno. La maggior parte della gente, per l'utilizzo che fa del computer, non ha bisogno di un processore più performante di 32bit, così come a moltissimi biker non servono affatto i vantaggi geometrici e di rigidezza di un mozzo Boost o Super Boost, ma in genere il progresso non è per questo tipo di utenti ma per chi i computer o le biciclette li sfrutta già al 100% delle loro possibilità e oltre.

    0
  32. frenk

    Teoricamente avere un carro più corto e rigido. Poi, che questo sia utile o meno, dipende dalle necessità di ognuno. La maggior parte della gente, per l'utilizzo che fa del computer, non ha bisogno di un processore più performante di 32bit, così come a moltissimi biker non servono affatto i vantaggi geometrici e di rigidezza di un mozzo Boost o Super Boost, ma in genere il progresso non è per questo tipo di utenti ma per chi i computer o le biciclette li sfrutta già al 100% delle loro possibilità e oltre.

    Oltretutto per un produttore tenere in linea e aggiornare due sistemi costa, e a volte i vantaggi sono indubbi anche per l'utente comune.
    Io lavoro per una società software, e le prestazioni del codice a 64bit sono immensamente superiori a quello a 32bit, e una volta che più o meno tutti hanno aggiornato i sistemi a 64bit, abbiamo dismesso il codice vecchio, cosi abbiamo anche meno codice da mantenere. Che poi il software girerebbe anche a 32bit e solo un pò più lento magari è vero (escludiamo l'utilizzo della memoria che si entrerebbe in un OT clamoroso), ma in questo modo chi vuole sfruttarlo a pieno lo può fare, e l'utente medio se ne avvantaggia in ogni caso, solo un pò meno.

    0
  33. ma allafine cosa importa….26, 27.5 o 29….?????
    Io ho una Trek Fuel Ex 8 con ruote da 28″ e una Stache 9 con ruotoni da 29 plus (3″)…
    e sapete una cosa…mi diverto tanto con una che con l’altra…perchè alla fine per me conta il provare sensazioni diverse..fare cose diverse…e quando andavo in giro con la mia Lee Cougan Nitro da 26″ ero pure felice come un bambino…

    DIVERTIAMOCI!!!!
    :-))))
    (che poi la cosa più importante è avere il tempo per uscire!!!!!)

    0
  34. Ciao a tutti
    Sono basso 168 cm
    Ho provato una enduro 29 prima di cambiare la mia spicy 26
    Ho scelto una giant reign 1.5 27.5 perché penso che la 29 per me è un po’ bruttina in taglia s.

    0
  35. Sono alto cm 1,72 e peso 64 kg la mia bicicletta e bilanciata quasi perfetta, la amo e una 650b!
    Sono un rider e la uso molto e veloce,guida pulita e attenta a ogni sasso,ogni buca,ogni terreno ho provato un 29 molte volte …ma il mio amore resta una la 27,5 e forse hanno ragione che la 29 in taglia S e proprio sbilanciata e bruttina da vedersi …e solo la mia personale opinione ..ma pensiamo a che ha inventato il formato 650b piccolo genio?

    0
  36. non credo proprio che resteranno solo le 29…..
    vanno benissimo le odierne e ne ho una anch’io, ma continua a piacermi di piu’ il formato con ruote “piccole”, sopratutto in enduro, ma anche trail, mi tengo stretto il mio 5010 che in quanto a giocosita’ e divertimento è imbattibile e non è questione di formato ruote, son le nuove geo che sono validissime.

    0
  37. Profezia da No strada mus :
    negli anni a venire i costruttori si spremeranno le meningi nell’ottenere geometrie sempre più raffinate per migliorare le 29, al punto tale che in molti abbandoneranno le 27,5 e passeranno alle ruotone definitivamente. Tutti i pro dall’XC alla DH sulle 29.
    Dopo questo esodo di massa, e l’apparente pace dei sensi e del mercato, sarà sfornato il nuovo formato del futuro (29,5 ? ) e il balletto ricomincerà

    0
  38. l.j.silver

    ma va, il mio 5010 v2 va molto molto meglio di tante pur ottime 29 che ho provato e me lo tengo stretto, lo cambierei solo per il nuovo.

    Sicuro che una Tallboy non vada anche meglio della 5010, giusto per rimanere in casa SC ? 😉

    0
    1. Io ho provato la tallboy prima di prendere la 5010 proprio perchè ero tentato dal formato 29. C’è una bella differenze tra le due se si spinge un po’ in discesa. La 5010 è più agile, nei salti si pompa meglio e i manual vengono facili facili. Certo la tallboy se si fa trailriding tranquillo “è più meglio”…
      Io dopo averle provate entrambe non ho avuto dubbi.

      0
  39. Io credo che l’evoluzione delle geometrie e dei materiali abbia talmente ridotto gli “svantaggi” delle 29 rispetto ai formati più piccoli che se potessimo girare bendati su due bici uguali in tutto tranne nel formato ruota difficilmente ci accorgeremmo della differenza di manovrabilità e rigidità.
    Restano i vantaggi fisici della 29; maggiore impronta a terra (a parità di sezione) e sicuramente maggior facilità nel superamento di ostacoli…….. il “manico”e la forma fisica però faranno SEMPRE la vera differenza!

    0
  40. l.j.silver

    ma va, il mio 5010 v2 va molto molto meglio di tante pur ottime 29 che ho provato e me lo tengo stretto, lo cambierei solo per il nuovo.

    ogni scarrafone è bello a mamma sua, ma non va meglio di una 29 da trail, neanche di casa SC (e la 5010 l'ho provata a lungo).

    0
  41. lecs

    Guido una 26 pollici del 2010 e fino a quando non riterrò di aver maturato sufficiente padronanza della tecnica, tutti questi discorsi li trovo assolutamente vacui. Onestamente sono stufo di queste querelle tra formati ruota, standard ecc., che spesso derivano da quella fascia di utenti (forse l'unica che conta) che ha oramai messo da parte lo spirito di apprendimento e di miglioramento personale, per andare a ricercare il decimo sul tempo dalla forcella, il boost, i 100 gr in meno e quant'altro. Ho già fatto questo discorso tempo fa e la sensazione è sempre quella avere a che fare con un mercato che si rivolge ad un pubblico maturo (nel senso anagrafico del termine) tanto appassionato quanto rassegnato a cercare la prestazione attraverso un esborso economico. Queste sono chiaramente generalizzazioni che valgono solo alla luce di un discorso macroscopico, sia ben chiaro.
    Secondo il mio modesto parere, tutte le critiche verso le direttive che i brand propongono trovano lamentela soltanto da chi ritiene che il divertimento su una MTB derivi da quanti pezzi nuovi (o sedicenti tali) sono montati su di essa.
    Non è una critica a chi ha commentato prima di me quanto piuttosto una denuncia a tutto il sistema 🙂

    hai ragione in tutto e per tutto, il problema è che il mercato che hai descritto è quello che spende e che ha permesso che non si riesca a comprare una bici decente full a 2000 euro, quando a quella cifra si compra una moto. quando il mercato si è abituato a quelle cifre il gioco è fatto e si continua con tutta questa scenetta di continua proposta della caxxata che ti fa andare meglio spendendo xxx euro.

    0
    1. Io penso che il mercato abbia assunto le proporzioni che merita. I prezzi sono sempre stati alti tutto sommato, anzi, prima erano davvero proibitivi mentre adesso grazie al ricambio frequente di chi se lo può permettere è possibile portarsi a casa biciclette usate poco e niente a prezzi bassissimi. Lo stesso vale per il nuovo, grazie a produttori che hanno ampliato l’offerta al pubblico attraverso forme di retail leggere (leggasi digitali). Per giunta, questa rincorsa ha permesso di investire molto in R&S, permettendo di migliorarne esponenzialmente le prestazioni. Tuttavia si sta drogando un pò troppo il sistema, soprattutto dal il punto di vista emotivo e simbolico. Si anestetizzano le persone lasciando credere loro che l’acquisto di un prodotto soppianterà tutti i problemi, provvederà ad allenarti durante il sonno come il Somatolyne e ti coprirà di cuscini alla prima caduta. Questo porta tante persone ad avvicinarsi ad uno sport che altrimenti resterebbe nell’ombra, ma dall’altra causa molta delusione e abbandono da parte di coloro che nutrivano ben altre aspettative. Questo è un vizio tipico del consumismo di cui è pieno il mondo moderno. Ho forte timore che stia emergendo una bolla dal quale difficilmente usciremo nel breve termine :S

      0
  42. vabbè tra un pò tireranno fuori un nuovo diametro di ruota e le precedenti saranno solo roba da discarica senza più valore commerciale e tutti andranno dietro alla nuova meraviglia tecnologica che ti permetterà di fare passaggi mai pensati prima con la solita facilità con cui si esce dal garage…

    0
  43. marco

    ogni scarrafone è bello a mamma sua, ma non va meglio di una 29 da trail, neanche di casa SC (e la 5010 l'ho provata a lungo).

    vero che ogni scarrafone ecc ecc
    ma è anche una questione di gusti, prima di prenderla ero indeciso ed avevo provato evil the following, transition smuggler e l' hightower, ma poi ho preferito questa.
    l' unica 28 che ho è na front, una niner ros 9 divertentissima..

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    0
  44. freeco

    Cosa vuol dire non va meglio? In salita? nei drittoni in discesa? In curva? In gara? A mio avviso rispetto alle 29 da trail SC non c'è paragone se si considera divertimento e agilità, sbaglio?

    1. salita non c'è paragone a livello di trazione, a favore della 29
    2. discesa il discorso trazione e sicurezza vale tale e quale
    3. nello stretto e agilità, le nuove 29 non hanno nulla da invidiare alle 27.5, anzi, è più facile tenere i pesi centrali. A breve uscirà il test di @muldox sulla Transition Sentinel, che se non sbaglio ha un angolo sterzo molto aperto. Girando con lui non ho notato nessuna differenza nella sua agilità in curva.

    0
  45. freeco

    Cosa vuol dire non va meglio? In salita? nei drittoni in discesa? In curva? In gara? A mio avviso rispetto alle 29 da trail SC non c'è paragone se si considera divertimento e agilità, sbaglio?

    1. salita non c'è paragone a livello di trazione, a favore della 29
    2. discesa il discorso trazione e sicurezza vale tale e quale
    3. nello stretto e agilità, le nuove 29 non hanno nulla da invidiare alle 27.5, anzi, è più facile tenere i pesi centrali. A breve uscirà il test di @muldox sulla Transition Sentinel, che se non sbaglio ha un angolo sterzo molto aperto. Girando con lui non ho notato nessuna differenza nella sua agilità in curva.

    0
      1. Chiedersi perché Tizio, Caio e Sempronio usano un formato piuttosto che un altro non serve a niente, indipendentemente che si parli di un campione o del tuo compagno di uscite. Io ho recentemente provato la Transition Patrol e subito dopo sono passato ala Sentinel, quindi le proposte nei due formati della stessa casa. Se dovessi ragionare in ottica puramente discesistica sceglierei (per poco) la Patrol, ma come bici a tutto tondo l’ago della bilancia pende nettamente a favore della Sentinel.

        0
  46. Lucky86
    lecs

    Guido una 26 pollici del 2010 e fino a quando non riterrò di aver maturato sufficiente padronanza della tecnica, tutti questi discorsi li trovo assolutamente vacui. Onestamente sono stufo di queste querelle tra formati ruota, standard ecc., che spesso derivano da quella fascia di utenti (forse l'unica che conta) che ha oramai messo da parte lo spirito di apprendimento e di miglioramento personale, per andare a ricercare il decimo sul tempo dalla forcella, il boost, i 100 gr in meno e quant'altro. Ho già fatto questo discorso tempo fa e la sensazione è sempre quella avere a che fare con un mercato che si rivolge ad un pubblico maturo (nel senso anagrafico del termine) tanto appassionato quanto rassegnato a cercare la prestazione attraverso un esborso economico. Queste sono chiaramente generalizzazioni che valgono solo alla luce di un discorso macroscopico, sia ben chiaro.
    Secondo il mio modesto parere, tutte le critiche verso le direttive che i brand propongono trovano lamentela soltanto da chi ritiene che il divertimento su una MTB derivi da quanti pezzi nuovi (o sedicenti tali) sono montati su di essa.
    Non è una critica a chi ha commentato prima di me quanto piuttosto una denuncia a tutto il sistema 🙂

    hai ragione in tutto e per tutto, il problema è che il mercato che hai descritto è quello che spende e che ha permesso che non si riesca a comprare una bici decente full a 2000 euro, quando a quella cifra si compra una moto. quando il mercato si è abituato a quelle cifre il gioco è fatto e si continua con tutta questa scenetta di continua proposta della caxxata che ti fa andare meglio spendendo xxx euro.

    Io penso che il mercato abbia assunto le proporzioni che merita. I prezzi sono sempre stati alti tutto sommato, anzi, prima erano davvero proibitivi mentre adesso grazie al ricambio frequente di chi se lo può permettere è possibile portarsi a casa biciclette usate poco e niente a prezzi bassissimi. Lo stesso vale per il nuovo, grazie a produttori che hanno ampliato l'offerta al pubblico attraverso forme di retail leggere (leggasi digitali). Per giunta, questa rincorsa ha permesso di investire molto in R&S, permettendo di migliorarne esponenzialmente le prestazioni. Tuttavia si sta drogando un pò troppo il sistema, soprattutto dal il punto di vista emotivo e simbolico. Si anestetizzano le persone lasciando credere loro che l'acquisto di un prodotto soppianterà tutti i problemi, provvederà ad allenarti durante il sonno come il Somatolyne e ti coprirà di cuscini alla prima caduta. Questo porta tante persone ad avvicinarsi ad uno sport che altrimenti resterebbe nell'ombra, ma dall'altra causa molta delusione e abbandono da parte di coloro che nutrivano ben altre aspettative. Questo è un vizio tipico del consumismo di cui è pieno il mondo moderno. Ho forte timore che stia emergendo una bolla dal quale difficilmente usciremo nel breve termine :S

    0
  47. D-Lock

    Sicuro che una Tallboy non vada anche meglio della 5010, giusto per rimanere in casa SC ? 😉

    sicurissimo, non k' ho presa a caso ma avendo avuto ul blur 4x e la blur trc ed essendo e la 5010 l' erede era proprio questo tipo di bici che cercavo.
    non è una trail nel vero senso della parola, ma è una trail per xhi ama divertirsi in discesa con un mezzo estremamente agile e reattivo, che non risente dell' inpigrimento dato dalla tanta escursione e da angoli troppo aperti….
    la tallboy va bene per pedalatori e non è il mio caso.

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    0
  48. Froster182

    Quattro anni per 'maturare la padronanza della tecnica' mi sembrano tantini, se poi non si ha nemmeno la sensibilità per percepire la differenza e valorizzare la guida su una 26 piuttosto che una 29…

    non siete un po' grandini per giocare a chi ce l' ha più lungo? [emoji6]

    Inviato dal mio Nexus 5 utilizzando Tapatalk

    0
  49. darionollie_

    Che c'entro io? Semmai i vostri tester vanno come loro?

    c'entra eccome, perché non vedo né tester né lettori che partecipano all'EWS e hanno le esigenze di quegli atleti. Ovvero, gare dove conta solo la discesa (o quasi), quando nella realtà chi si compra un'enduro lo fa anche per andarci in salita, e su questo le 29 hanno il naso avanti di km.
    In discesa, l'amatore apprezza di più la sicurezza di una 29 (più di quanto tanti qui osino ammettere) ma soprattutto non sarebbe per nulla svantaggiato per la reattività e agilità nello stretto, grazie alle nuove geometrie.

    Poi ci sono quelli che pedalano in salita con il casco integrale alzato e i guanti sotto l'elastico dei goggles anche per fare il giro domenicale, ma i poser sono sempre esistiti 😉

    0
  50. marco

    c'entra eccome, perché non vedo né tester né lettori che partecipano all'EWS e hanno le esigenze di quegli atleti. Ovvero, gare dove conta solo la discesa (o quasi), quando nella realtà chi si compra un'enduro lo fa anche per andarci in salita, e su questo le 29 hanno il naso avanti di km.
    In discesa, l'amatore apprezza di più la sicurezza di una 29 (più di quanto tanti qui osino ammettere) ma soprattutto non sarebbe per nulla svantaggiato per la reattività e agilità nello stretto, grazie alle nuove geometrie.

    Poi ci sono quelli che pedalano in salita con il casco integrale alzato e i guanti sotto l'elastico dei goggles anche per fare il giro domenicale, ma i poser sono sempre esistiti 😉

    Io sono passato da una Enduro Expert 29 del 2014 a una Insurgent quindi 27,5 e la confidenza che mi ha dato quest'ultima in discesa è enorme rispetto alla mia ex, dici che può essere solamente dovuto alle geometrie datate della Specialized?

    0
  51. endurik

    mi sfugge il motivo per cui un carro boost sarebbe più corto :nunsacci: …ad ogni modo non penso che rimarrà un solo formato, faranno morire anche il 650b e butteranno fuori ruote ancora più grandi; intanto che pensano a "quanto" più grandi, temporeggiano sfornando i superboost 🙄

    Io non capisco invece cosa centri il monocorona con i carri più corti, ci sono bici uscite nel 2013-2014 con carri della stessa lunghezza o addirittura più corti di quelle 2018 ed erano con la doppia.

    0
  52. Pito

    Io sono passato da una Enduro Expert 29 del 2014 a una Insurgent quindi 27,5 e la confidenza che mi ha dato quest'ultima in discesa è enorme rispetto alla mia ex, dici che può essere solamente dovuto alle geometrie datate della Specialized?

    direi di si, oltre che probabilmente alle sospensioni

    0
  53. Sul discorso ingegneristico in 10 anni la ricerca nei materiali, nelle geometrie e nelle soluzioni tecniche hanno portato a trovare nuovi formati e nuove soluzioni. Tra 10 anni forse vi saranno full da 29 con pedalata assistita, ed uscursioni completamente settabili da Smartphone, il tutto in un peso contenuto di 10kg… Ne rimarrà solo uno di certo il 29 se non addirittura il 29,5 🙂 un po' come nelle macchine.. è palese che tra 20 anni si useranno solo macchine elettriche, ma x questioni di mercato continuano a produrre diesel benzina ed ibride…

    Sent from my Falcon using MTB-Forum mobile app

    0
  54. fafnir

    Io non capisco invece cosa centri il monocorona con i carri più corti

    e io che ne so? giro con una bici 26" con la doppia, forcella e ruota anteriore da 27,5, chainstay da 435 e…non ci crederai…ma avanza…e gira pure … :smile::smile:

    0
  55. Sono pazzo di sicuro ma io la mia mtb 26 recalcitrante, nervosa , scattante come un cavallo imbizzarrito che ti fa sembrare impegnativa anche la discesina dietro casa che per il tempo e’ quella che fai piu’ spesso la amo ancora da morire , e mi fa venire un bel sorriso di soddisfazione che e’ quello per cui si dovrebbe andare in mtb se vista dal lato ludico . La 29 che fino a qualche anno fa’ era da sfigati ora si e’ vendicata e da sfigati e la 26…..ma io adoro andare controcorrente.Ho la 29 ma avrei anche potuto non comprarla .

    0
  56. darionollie_

    Sparo a indovinare…vai in mtb da non più di un annetto vero?

    No da 3, e per ora ho provato 26-27'5-29 full, front, e bike, trial enduro XC. Mi manca la fat e la dh e molto altro…. Le ho provate scambiandoci le bici con le varie persone con cui esco…. Esempio provo lapierre 26 XC montata tutt'al XTR in alluminio, grande bici ma ormai è un progetto passato e sorpassato, stessa cosa fortunatamente ho provato due Epic una del 2013 è una del 2017, secondo me un evoluzione c'è stata ed è inutile tornare indietro. Sono alto 1.70 non sono un gigante, avevo 1000 dubbi sulle 29, ora non tornerei più indietro. Certo se poi si è dei Pro allora li il discorso cambia, si va sui prototipi, loro possono usare anche 28,3 con telai ibridi carbonio ed all'ulluminio e geometrie specifiche in ogni gara se hanno abbastanza soldi dagli sponsor per farsi fare la biga ad doc.

    Sent from my Falcon using MTB-Forum mobile app

    0
  57. Badorx

    Ma davvero o scherzi?
    Mi ricordo che tu avevi a che fare con le Ibis, ne avevi montato una bellissima, ma mi pareva già 27,5.

    diciamo che è una battuta semiseria, ma corrisponde alla realtà; di ibis bellissime ne ho montate diverse, SL-R, HD3, HD4, ma tutte per altri, io pedalo ancora sulla mia vecchia HD da 26" con qualche upgrade :mrgreen:

    0
    1. Ah ecco!
      Anch’io giro con l’HD 26 con “qualche” upgrade, diciamo che me la sono cucita addosso e adesso con tutte ste fisime del formato ho anche paura di cambiar bici e rimanere deluso magari!
      Se posso, ti contatterei in pm per qualche consiglio o scambio di opinioni, forse tempo fa l’avevo anche già fatto.

      0
  58. mah?!?

    a tendere forse sarà così, però ora come ora le bici che mi piacciono di più sono la spectral che è 27.5 (canyon non ne fa 29 di pari AM) , una lapierre zesty (idem) e la rose pikes peak

    non esattamente modelli vecchi e che presto usciranno di produzione

    0
  59. marco

    c'entra eccome, perché non vedo né tester né lettori che partecipano all'EWS e hanno le esigenze di quegli atleti. Ovvero, gare dove conta solo la discesa (o quasi), quando nella realtà chi si compra un'enduro lo fa anche per andarci in salita, e su questo le 29 hanno il naso avanti di km.
    In discesa, l'amatore apprezza di più la sicurezza di una 29 (più di quanto tanti qui osino ammettere) ma soprattutto non sarebbe per nulla svantaggiato per la reattività e agilità nello stretto, grazie alle nuove geometrie.

    Poi ci sono quelli che pedalano in salita con il casco integrale alzato e i guanti sotto l'elastico dei goggles anche per fare il giro domenicale, ma i poser sono sempre esistiti 😉

    E se io da amatore preferissi le 27,5 perché mi diverte un mezzo reattivo e nervoso più di essere veloce? Non è per fare polemica ma per il 99% degli utenti la MTB più che velocità pura è divertimento e un mezzo stabile e tranquillo, anche più facile da usare, spesso non da le stesse emozioni, almeno questo per me

    0
  60. pozzoligio

    il futuro , già presente , è la Fantic integra xf1 elettrica , 29 davanti 27,5 dietro . tra pochi anni le bici muscolari non le vorrà più nessuno

    vuoi accendere un flame ?
    allora ti rispondo, non esistono bici muscolari, ma biciclette ed e-bike ,che sono un altra cosa e che a me per esempio non interessano ne oggi ne mai 😉

    0
    1. moltissime moto da fuoristrada hanno da sempre la ruota anterione di diametro maggiore di quella dietro , la fantic segue questa linea davanti 29 dietro 27,5 .
      per quanto riguarda le ebike (che non ho) saranno il futuro , io non comprero più una normale , la mia prossima sarà un elettrica , ho 57 anni e sento tantissimi miei coetanei pensarla allo stesso modo . DIVENTIAMO VECCHI !!!!

      0
  61. pozzoligio

    il futuro , già presente , è la Fantic integra xf1 elettrica , 29 davanti 27,5 dietro . tra pochi anni le bici muscolari non le vorrà più nessuno

    Bellissima, ho sempre sognato una frankenbike dalle linee così eleganti, sinuose e pure col motore!

    0
  62. pozzoligio

    il futuro , già presente , è la Fantic integra xf1 elettrica , 29 davanti 27,5 dietro . tra pochi anni le bici muscolari non le vorrà più nessuno

    Se alla Fantic fossero in grado di fare una bici guidabile sarebbe così

    0
  63. la mia speranza segreta è che le cosiddette muscolari vengano deprezzate una volta che " te le tirano dietro " ma a quel punto non saranno più mezzi eccezionali dal punto di vista tecnico e diventerebbero oggetto per collezionisti:i-want-t:

    0
  64. EMD9

    la mia speranza segreta è che le cosiddette muscolari vengano deprezzate una volta che " te le tirano dietro " ma a quel punto non saranno più mezzi eccezionali dal punto di vista tecnico e diventerebbero oggetto per collezionisti:i-want-t:

    A guardare i vari mercatini ed annunci mi sembra che già ora non si deprezzi nulla,certi modelli/marchi sembra addirittura acquistino valore da usati 🙂

    0
  65. EMD9

    la mia speranza segreta è che le cosiddette muscolari vengano deprezzate una volta che " te le tirano dietro " ma a quel punto non saranno più mezzi eccezionali dal punto di vista tecnico e diventerebbero oggetto per collezionisti:i-want-t:

    A guardare i vari mercatini ed annunci mi sembra che già ora non si deprezzi nulla,certi modelli/marchi sembra addirittura acquistino valore da usati 🙂

    0
  66. già, le E-bike mi pare abbiano più che altro rimpiazzato il giocattolo di chi aveva l'attitudine ad andare in moto con i relativi esborsi, trovandosi di fatto sempre più limitazioni tra divieti e controlli, passato magari prima per le DH sottovalutando il problema risalita…. ed arrivando infine alla E-bike per avere il piacere di andare un po dove si vuole in autonomia. oltre a chi per limiti fisici o di tempo disponibile per allenarsi, gradisce un aiutino che gli consenta la percorrenza di maggiori distanze con una certa velocità. un compaesano mi ha detto proprio un mese fa mentre lo sfottevo goliardicamente… " se non ho possibilità di fare 5000 km all'anno… come potrei avere l'allenamento per partire la sera farmi finito di lavorare, farmi un giro fino al Beigua e rientrare a casa entro due ore? poi se vuoi far fatica metti al minimo e pedali con 20 kg di bicicletta… fai tutta la fatica che vuoi"

    detto questo… non sono ancora psicologicamente pronto per la pedalata assistita anche se non escludo di ricorrerci in sostituzione ad esempio di una moto tipo trialalpinismo per la quale mi balenava l'idea da un paio d'anni, ma per il momento

    se se ne uscissero con una 28" e via tutto il resto…. contenti tutti e ci leviamo le seghe mentali , sarei il primo a comprarla

    0
  67. I diametri “grandi” (secondo la definizione attuale) sono la normalità della bici da inizio ‘900. Il 26 è stata un’anomalia (forse derivante dalla BMX?) che è subito diventata tradizione e che ci ha messo più di 25 anni ad essere superata, per tornare alla tradizione del ciclismo.

    0
  68. pozzoligio

    moltissime moto da fuoristrada hanno da sempre la ruota anterione di diametro maggiore di quella dietro , la fantic segue questa linea davanti 29 dietro 27,5 .
    per quanto riguarda le ebike (che non ho) saranno il futuro , io non comprero più una normale , la mia prossima sarà un elettrica , ho 57 anni e sento tantissimi miei coetanei pensarla allo stesso modo . DIVENTIAMO VECCHI !!!!

    Mi dispiace per i tuoi coetanei ma questa è la vita , dopo la bici elettrica seguirà la pillola blu e in ultima la panchina ai giardinetti a dar da mangiare ai piccioni.

    0
  69. pozzoligio

    moltissime moto da fuoristrada hanno da sempre la ruota anterione di diametro maggiore di quella dietro , la fantic segue questa linea davanti 29 dietro 27,5 .
    per quanto riguarda le ebike (che non ho) saranno il futuro , io non comprero più una normale , la mia prossima sarà un elettrica , ho 57 anni e sento tantissimi miei coetanei pensarla allo stesso modo . DIVENTIAMO VECCHI !!!!

    Il mio prozio ha 80 anni e si fa ancora i suoi 70/80 km due volte a settimana in bdc. A meno che uno non abbia problemi di salute, l'elettrica la vedo solo una scorciatoia. Ma a mio parere se servono ad avvicinare nuovi praticanti o a non allontanare i vecchi, ben vengano le elettriche

    0
  70. pozzoligio

    moltissime moto da fuoristrada hanno da sempre la ruota anterione di diametro maggiore di quella dietro , la fantic segue questa linea davanti 29 dietro 27,5 .
    per quanto riguarda le ebike (che non ho) saranno il futuro , io non comprero più una normale , la mia prossima sarà un elettrica , ho 57 anni e sento tantissimi miei coetanei pensarla allo stesso modo . DIVENTIAMO VECCHI !!!!

    Ma più SAGGI!!

    0
  71. quindi il cosiddetto 27,5 non è 27,5, il 29 non è 29…… Propongo il 27 3/4 o 27 5/8 effettivi e via tutti gli altri…. Non se ne può più… Ora sto valutando una 27.5 ed una 27.5 plus ed una 29. La papabile é la seconda ipotizzando di metterci le 29, la prima e la terza hanno geometrie che mi rendono perplesso per il mio uso, sai che bello? 27 5/8 inch…. E non se ne parla più… Cambi larghezza canale e battistrada, rapportatura in base alle preferenze e stop, oppure… 2 cerchi di mezzo pollice differenti solo in funzione dello pneumatico ma stessa geometria invariata ed invariabile, cambi cerchio solo in funzione della sezione del pneumatico ma la bici rirane la stessa perché il diametro totale non è praticamente uguale, ma esattamente uguale

    0
    1. Ovvero il modo in cui avevano provato a concepire e catalogare le ruote i francesi quasi un secolo fa. La nomenclatura è rimasta (650a-b-c, 700c…) svincolata però dai suoi significati originali. E perché? Perché catalogare le ruote in base al diametro complessivo, e i cerchi in base al diametro che la sezione del copertone impone per mantenere il diametro complessivo predeterminato comporta un sistema inevitabilmente complicato e approssimativo.

      0
  72. masao

    Il mio prozio ha 80 anni e si fa ancora i suoi 70/80 km due volte a settimana in bdc. A meno che uno non abbia problemi di salute, l'elettrica la vedo solo una scorciatoia. Ma a mio parere se servono ad avvicinare nuovi praticanti o a non allontanare i vecchi, ben vengano le elettriche

    il tuo prozio è un mito ! una persona che vorrei conoscere perché deve avere una visione della vita da far invidia!!!!

    0
  73. pozzoligio

    moltissime moto da fuoristrada hanno da sempre la ruota anterione di diametro maggiore di quella dietro , la fantic segue questa linea davanti 29 dietro 27,5 .
    per quanto riguarda le ebike (che non ho) saranno il futuro , io non comprero più una normale , la mia prossima sarà un elettrica , ho 57 anni e sento tantissimi miei coetanei pensarla allo stesso modo . DIVENTIAMO VECCHI !!!!

    motivo migliore per continuare a pedalare, passare all' aiutino aggrava solo la gia' irreversibile situazione……..
    imho ovviamente :mrgreen:

    p.s. sono un giovane cinquantacinquenne…..;-)

    0
  74. Prediligo percorsi all-Mountain impegnativi e trialistici e ogni WE mi sparo molti km x cercarne di sempre più tecnici. Poi, la sera, guardo il forum e sogno nuove bici che me li renderebbero più facili. Qualcosa non torna.

    0
  75. maxiline

    Prediligo percorsi all-Mountain impegnativi e trialistici e ogni WE mi sparo molti km x cercarne di sempre più tecnici. Poi, la sera, guardo il forum e sogno nuove bici che me li renderebbero più facili. Qualcosa non torna.

    Insoddisfazione indotta dalla pubblicita’ , dove chi ha la bici x e’ piu’ figo di quello che ha la bici z. Se dai retta ai magazine ogni mese dovresti cambiare mezzo, faremmo felici i venditori e tutto il mondo dei componenti per biciclette.

    0
  76. rockarolla

    Ovvero il modo in cui avevano provato a concepire e catalogare le ruote i francesi quasi un secolo fa. La nomenclatura è rimasta (650a-b-c, 700c…) svincolata però dai suoi significati originali. E perché? Perché catalogare le ruote in base al diametro complessivo, e i cerchi in base al diametro che la sezione del copertone impone per mantenere il diametro complessivo predeterminato comporta un sistema inevitabilmente complicato e approssimativo.

    no cavolo se l'hanno già fatto i francesi… i francesi mi stanno sulle balle…… va bene la 26":razz:irletto:

    0
  77. mah…è ovvio che siamo travolti da un fenomeno marketing ormai inarrestabile.
    Un po’ come l’iphone 7 che sei mesi dopo deve essere sostituito dall’8….manco portasse a vere rivoluzioni nella qualità della vita.
    Però è innegabile che negli ultimi anni l’evoluzione nella MTB ha portato a passi avanti considerevoli.
    Ogni tanto mi faccio un giro vintage con la mia 26′ del 2009 e la differenza con la mia Ibis MojoHD3 montata Eagle è abissale…
    Cerchi e copertoni più larghi, carbonio a profusione, maggiore rigidità, geometrie ottimizzate rendono gli attuali mezzi super performanti.
    Quando è uscito il formato 27.5 mi sembrava una trovata solo commerciale ma a dire il vero ora non tornerei indietro.
    Per quanto riguarda la differenza tra 27.5 e 29 negli ultimi anni sono passato da una Stump FSR 27.5 ad una Enduro Expert 29. La 29 andava benissimo ma mi mancavano la giocosità e la reattività della 27.5 e sono tornato al 27.5 con la Mojo.
    Personalmente non ho grandissima potenza nelle gambe e con le ruotone pativo un po’ i rilanci.
    Credo che ognuno dei due formati abbia vantaggi e svantaggi, per XC e trail credo il 29 sia inarrivabile ma mi diverte maggiormente il formato 27.5. Credo dipenda molto da stile di guida e tipo di percorsi che si affrontano

    0