MTB-MAG.COM - Mountain Bike Online Magazine | Paganella Bike: un angolo di Trentino a misura di biker

Paganella Bike: un angolo di Trentino a misura di biker

Paganella Bike: un angolo di Trentino a misura di biker

03/03/2018
Whatsapp
03/03/2018

Ieri, nell’ambito della notizia dei nuovi divieti in Trentino, ci è stato giustamente fatto notare che non si può fare di tutta l’erba un fascio, perché ci sono delle realtà che funzionano diversamente, anche in Trentino. Una di queste è la zona della Paganella, in cui siamo stati anni fa per un report sui sentieri e sulle infrastrutture per i biker.

Ci teniamo comunque a sottolineare che se la provincia di Trento legifera dei divieti, è piuttosto logico che la notizia si intitoli “Il Trentino vieta xx sentieri”. La geografia e i confini non sono un’opinione, e i divieti non li abbiamo messi noi.

Per il 2018 la stagione programmata alla Paganella è molto lunga, riportiamo di seguito il comunicato ufficiale e le date.

[Comunicato stampa] La stagione della Dolomiti Paganella Bike Area 2018 prevede oltre 160 giorni di avventura e divertimento distribuiti in 7 mesi: il prossimo 30 marzo, in occasione del week end di Pasqua, si parte con la MOLVENO ZONE, con i suoi tracciati Big Hero, Blade Runner, Goonies ed altri ancora. Consacrata dagli amanti delle discese MTB, la MOLVENO ZONE è l’area Bike Park più facile ed accessibile dell’altopiano della Paganella, adatta anche a neofiti e bambini dagli 8 anni in su. A seguire il 29 aprile si inaugurerà la FAIZONE, l’area Bike Park storica del Dolomiti Paganella Bike, composta da 4 tracciati principali più alcune varianti.

Saranno invece i Paganella Bike Days (2-3 giugno) a dare il via all’ ANDALO ZONE, con l’inaugurazione ufficiale del nuovo flow trail Willy Wonka!

La primavera e l’estate sono ormai alle porte e da queste parti ci si prepara ad offrire tutto ciò che occorre per goderne al meglio: una specifica segnaletica, mappe, proposte d’itinerari, tracce gps, servizio BiciBUS, shuttle, noleggi attrezzature, impianti di risalita, guide, corsi e molto altro ancora. 

All’interno del Dolomiti Paganella Bike si contano 8 impianti di Risalita in 3 diverse aree: è possibile acquistare Bike Pass per ogni singola corsa, per più corse, oppure il Bike Pass valido uno o più giorni, anche per tutti gli impianti di risalita del comprensorio.

Bike hotel, bike chalet, esercizi bike friendly, tour specifici e un servizio centralizzato di noleggio per ogni tipo di bike: il mondo MTB del Dolomiti Paganella Bike è una ruota che smette mai di girare… 

Per maggiori informazioni: www.dolomitipaganellabike.com/
Devi fare il Login per commentare
  Sottoscriviti  
Più nuovo più vecchio più votato
Notificami
gipipa
gipipa

Divieti da un lato e bike park dall’altro
Mi sembra evidente che ci vogliano confinare in riserve economicamente redditizie
Eliminando la possibilità di girare in libertà ed autonomia

gippi1984
gippi1984

Concordo…la strada mi sembra quella…purtroppo.
Non ho niente contro i bike park, anzi li frequento e sono molto divertenti, ma evidentemente in Trentino più che in altre regioni, con i divieti ai sentieri, “obbligano” gli appassionati a girare solo nei bike park.
Le aspirazioni economiche stanno minando la libertà…come in altri settori purtroppo.

ginelio
ginelio

Certo, e poi si deve andare a mangiare capriolo e funghi in scatola spacciato per fresco, fatto con le proprie manine da cuochi provenienti da mezzo mondo. Il Trentino Alto Adige è così, bello ma molto votato al turismo. Si spera che in altre regioni si continui a potere avere un po’ più di libertà

paoleto
paoleto

…….. però devo dire che qui nella zona basso Sarca e Ledro, è vero che alcuni sentieri sono stati chiusi, è altrettanto vero però che c’è ne sono ancora molti dove potersi divertire…senza dover andare per forza nei park…. 🙂

Mauro Franzi

@gippi1984 @gipipa Mi sa che avete letto con poca attenzione l’articolo, visto che si parla anche di itinerari al di fuori del bikepark. Qui trovate gli itinerari “ufficiali”: http://www.dolomitipaganellabike.com/trentino/it/percorsi

rocksteadyride
rocksteadyride

Volevo sottolineare che nella Bike Area Dolomiti Paganella ci sono 3 zone Bike Park (esclusive per i biker) e ben oltre 80 km di single trail in condivisione con i pedoni. Cerchiamo un pò di uscire dalle solite logiche e provare ad adottare una visione pù ampia.
Qui alcune info in più http://www.dolomitipaganellabike.com/trentino/it/percorsi/orientation-guide

mirc0

[QUOTE="muldox, post: 8335093, member: 20"][USER=117363]@gippi1984[/USER] [USER=17688]@gipipa[/USER] Mi sa che avete letto con poca attenzione l'articolo, visto che si parla anche di itinerari al di fuori del bikepark. Qui trovate gli itinerari "ufficiali": http://www.dolomitipaganellabike.com/trentino/it/percorsi[/QUOTE]

[QUOTE="rocksteadyride, post: 8335110, member: 245131"]Volevo sottolineare che nella Bike Area Dolomiti Paganella ci sono 3 zone Bike Park (esclusive per i biker) e ben oltre 80 km di single trail in condivisione con i pedoni. Cerchiamo un pò di uscire dalle solite logiche e provare ad adottare una visione pù ampia.

Qui alcune info in più http://www.dolomitipaganellabike.com/trentino/it/percorsi/orientation-guide[/QUOTE]

complimenti all'approccio Paganella. Una soluzione di convivenza va trovata

tuttavia altrove si sente sempre più "fragranza" della logica "riserva bike park" + divieti altrove

gippi1984
gippi1984

La mia non era una critica al bike park Paganella…anzi sono il primo a riconoscere il lavoro delle persone che se ne occupano e sono anche a conoscenza degli 80 km di single track (tant’è che ho in programma di andarci) condivisi con i pedoni , solo che mi amareggia l’idea di dividere in settori il nostro “mondo” e il resto.
Io sono più per educare pedoni/ciclisti e per il buon senso delle persone…ma forse è utopia 🙁

sandro
sandro

La logica è sempre quella.. prima ci si carica la bici in spalla per esplorare, poi ci si sente alpinisti, poi arrivano mode e molle, poi bike park e divieti… cercate di divertirvi se pagate x girare e se scendete desfroos nn rovinate i sentieri, a meno che nn abbiate poi voglia di sistemarli..

mikku
mikku

In realtà in Paganella non è tutto “bikepark” (intendendo bici con risalita meccanizzata) ma una sorta di compresorio ben organizzato anche per le bici a ruote grasse; sarebbe auspicabile mutuare l’esperienza nei territori limitrofi ad esempio in Bondone, con sentieri ben delineati, invece di creare divieti su strade forestali come per la collina est di Trento.

mikku
mikku

Ps: se non ricordo male peró, in Bondone si era messa di mezzo per frenare le biciclette non la SAT ma la LIPU, incredibile ma vero😱.
La Paganella è un esempio che le cose si possono fare, con buona pace per tutti👍

sembola

[QUOTE="sandro, post: 8335312, member: 6621"]…e se scendete desfroos…[/QUOTE]

Certo, chi gira fuori dai bikepark gira di "frodo" 🙄

Ce li meritiamo, i divieti.

boborossi1963
boborossi1963

Purtroppo la determina del dirigente provinciale riguarda solo la zona di competenza dell’APT TRENTO MONTE BONDONE che ha accettato supinamente le richieste della SAT, società di cui mi vergogno di essere socio. Mi sono lamentato con la SAT, mi hanno fatto capire che questo è solo l’inizio perchè analoghe richieste sono state inviate anche alle altre APT del Trentino. Spero che queste ultime siano più attente.

raffganz

[QUOTE="gipipa, post: 8335019, member: 17688"]Divieti da un lato e bike park dall'altro

Mi sembra evidente che ci vogliano confinare in riserve economicamente redditizie

Eliminando la possibilità di girare in libertà ed autonomia[/QUOTE]

Sempre detto: ed è lo stesso copione usato sul Garda e a Brunico

raffganz

Ma guarda un po' come si organizzano tutti per bene quando c'è da fare cassa, mentre se giri in libertà ti tartassano di divieti. Se la MTB diventa solo business siamo rovinati.

fafnir

[QUOTE="raffganz, post: 8335948, member: 33079"]Ma guarda un po' come si organizzano tutti per bene quando c'è da fare cassa, mentre se giri in libertà ti tartassano di divieti. Se la MTB diventa solo business siamo rovinati.[/QUOTE]Perché se dovessero mettere divieti ovunque tu non andresti più in MTB? Io non ho problemi a dirlo, se dovessero vietare la MTB nelle zone in cui giro io continuerei a girare lo stesso senza farmi il minimo problema. E se trovano il personale per fermarmi e farmi anche una multa il giorno dopo saro' in concessionario per una moto da enduro e avrò pure il dente avvelenato.

sembola

[QUOTE="fafnir, post: 8336029, member: 152310"]Perché se dovessero mettere divieti ovunque tu non andresti più in MTB? Io non ho problemi a dirlo, se dovessero vietare la MTB nelle zone in cui giro io continuerei a girare lo stesso senza farmi il minimo problema. E se trovassero il personale per fermarmi e farmi anche una multa (ipotesi abbastanza remota) il giorno dopo saro' in concessionario per una moto da enduro e avrò pure il dente avvelenato.[/QUOTE]

Con le moto non è finita così.

Certo, c'è chi se ne sbatte di multe e divieti. C'è anche chi non si diverte a sentirsi prendere a male parole sui sentieri e a vedersi additare come in teppista.

C'è poi un elemento che ancora nessuno ha citato. La "mtb sui sentieri" è un'attività di nicchia, per uno che esplora e cerca i viottoli ce ne sono cento volte di più che arrivano alla malga o al passo su fondo carrozzabile e tornano indietro per la stessa tipologia di percorsi. É inevitabile che il turismo e la politica cerchino i 99 e si possano permettere di buttare a mare l'uno. Se le APT trentine dovessero scegliere, credete che escluderebbero il pubblico dei merenderi o quello degli alpinisti? gli sciatori con lo skipass o i ciaspolatori?

fafnir

[QUOTE="sembola, post: 8336257, member: 351"]Con le moto non è finita così.

Certo, c'è chi se ne sbatte di multe e divieti. C'è anche chi non si diverte a sentirsi prendere a male parole sui sentieri e a vedersi additare come in teppista.

C'è poi un elemento che ancora nessuno ha citato. La "mtb sui sentieri" è un'attività di nicchia, per uno che esplora e cerca i viottoli ce ne sono cento volte di più che arrivano alla malga o al passo su fondo carrozzabile e tornano indietro per la stessa tipologia di percorsi. É inevitabile che il turismo e la politica cerchino i 99 e si possano permettere di buttare a mare l'uno. Se le APT trentine dovessero scegliere, credete che escluderebbero il pubblico dei merenderi o quello degli alpinisti? gli sciatori con lo skipass o i ciaspolatori?[/QUOTE]Io intendevo che se mettono regole assurde ed è evidente che non hanno il personale per farle rispettare, io le ignoro senza problemi soprattutto perché non sto facendo niente di male (moralmente parlando).

Il discorso sulle moto è perché nella mia zona c'è il divieto per le moto che a differenza delle bici fanno parecchi danni ai sentieri.

Girano senza problemi senza targa indisturbati, essendo impossibile fermarli e contestare l'infrazione.

sembola

[QUOTE="fafnir, post: 8336264, member: 152310"]Io intendevo che se mettono regole assurde ed è evidente che non hanno il personale per farle rispettare, io le ignoro senza problemi soprattutto perché non sto facendo niente di male (moralmente parlando).[/QUOTE]

Lasciamo perdere la moralità, che è soggettiva. Sempre moralmente parlando io potrei ritenere la proprietà un furto e ritenere di non fare nulla di male a sottrarti le bici 😉

La questione è diversa. Io vado in bici per divertimento, e sapere che verrei guardato male, ripreso e insultato (già capita ora, figuriamoci in territorio effettivamente vietato) già è sufficiente per divertirmi un bel po' meno.

Ed è proprio quello che è capitato con le moto. Quando devi fare lo slalom tra divieti, cacciatori, pattuglie della forestale e della provinciale alla fine o hai una passione enorme o smetti. Qua in Toscana ce ne sono moltissimi che sono passati alla mtb proprio per queste ragioni. Certo ci sono zone dove la tradizione era molto forte e che resistono, ma il trend è questo.

v99716
v99716

Io sono stato ad Andalo-Molveno nell’estate 2016 e mi son dievertito moltissimo sia come bike park che escursioni nel comprensorio
Molto molto bello e divertente senza spendere una follia detto da un Genovese di provincia 😉