Shimano brevetta il cambio a tre pulegge per aumentarne la distanza da terra

100

Shimano ha recentemente depositato un brevetto piuttosto interessante riguardante un deragliatore posteriore. Il brevetto è molto ben dettagliato e sembra quindi trattarsi di un componente molto ben definito e pronto alla produzione.

Fondamentalmente si tratta di un deragliatore posteriore in cui invece di una gabbia che si estende verso il basso dalla puleggia superiore questa si estende in avanti fino a un punto di rotazione, in cui è infulcrata una seconda gabbia che ospita altre due pulegge, per un totale di tre.

 

Il motivo di questa scelta tecnica è esplicitamente chiarito nel brevetto stesso, ovvero è motivata dall’esigenza di “[…] aumentare la distanza tra la guida della catena (inteso, gabbia del cambio -ndr-) del deragliatore posteriore e la superficie stradale“, e al contempo di “fornire un deragliatore posteriore che può essere applicato a un gruppo di pignoni posteriori con un’ampia gamma di ingranaggi”.

Infatti, con questa soluzione Shimano va incontro ad un’esigenza di lunga data dei bikers: ovvero rendere meno esposto il deragliatore a sassi ed altri ostacoli contro cui possa scontrarsi e danneggiarsi. Con questa soluzione dovrebbe riuscire a limitare l’estensione del deragliatore verso il basso facendo lavorare la doppia puleggia sotto il fodero destro.

Chiaramente, per poter essere compatibile con i pacchi pignoni odierni (con pignoni ormai enormi) la doppia puleggia deve poter essere libera di ruotare attorno al fulcro su cui è collegata, e Shimano nel brevetto precisa che questa rotazione ha un range di 0°- 25°. Un cavo che si incrocia attorno al fulcro accoppia le due pulegge ed in questo modo si varia l’angolo delle due pulegge variando la tensione del cavo del cambio

 

Non è esplicitata nel brevetto la capacità di denti del sistema, ma da un disegno è chiaro che il tutto deve essere stato previsto con precisione

 

Questo sistema sembra concepito chiaramente per utilizzo MTB, ma anche gravel. E qualcuno forse si ricorderà che una soluzione analoga era stata presentata negli anni ’90 proprio per un utilizzo in ambito Downhill, con il deragliatore ESG (Excellent Gear Systems) Up Cage, proposto dai francesi Franck Savard e Christian Gauthier

La EGS fece bancarotta dopo pochi anni dalla sua nascita (il supporto e le 4 viti di connessione col corpo del cambio erano in titanio, ma avvitate su un pezzo di alluminio, quindi la corrosione galvanica ha avuto la sua parte) , ma, guardacaso, i brevetti di Savard furono acquisiti proprio da….Shimano, nel 2002. Non sarà un caso anche che il cambio ESG era comandato da un comando rotante chiamato SynchroShift….suona famigliare?

Ad ogni modo lo scopo del cambio di Savard era proprio quello di aumentare (del 15%) lo spazio tra cambio stesso e terreno e ridurre anche gli sbattimenti della catena (chain slap) sul fodero basso del telaio. Cosa che oggi Shimano evidentemente potrebbe riproporre in modo aggiornato.

Già SRAM ha presentato un brevetto per rendere più protetto il deragliatore posteriore, cercando di farlo sporgere meno verso l’esterno, mentre ora Shimano cerca di fare lo stesso diminuendo la luce tra lo stesso ed il terreno. Cosa che curiosamente faceva egregiamente un deragliatore degli anni ’30 di cui avevo parlato molti anni fa, è che andava incontro proprio a queste esigenze, anche se fondamentalmente staccandosi dall’idea (puramente incidentale) del vincolo al perno della ruota posteriore, e che nel frattempo è stato rimesso in commercio aggiornato.

Commenti

  1. torakiki.gt:

    Non è affatto vero, in e-bike il cambio lo si deve usare praticamente come su una muscolare, magari un 12 o 13 v è forse esagerato x una e-bike, ma un 10-11v con 30 o 32 di corona e pignoni con almeno il 46-50 servono anche sulla e-bike
    Per forza: se lavorano anche le gambe, il cambio deve adattarsi anche a loro.

    torakiki.gt:


    Poi è vero che a volte al posto di scalare un rapporto si può anche passare momentaneamente all assistenza superiore, ma farsi tutta una salita con assistenza massima e rapporti lunghi vuol dire solo sforzare di più il motore, consumare più batteria e stressare di più la trasmissione
    Questo esempio però non torna per quanto riguarda la parte elettrica.

    Con "al posto di scalare un rapporto" mi sa che tu intenda andare su più forte, non variare la cadenza per mantenere la velocità. Quindi stai chiedendo più watt al motore: è normale che tu consumi più batteria.

    Sull'elettrico ha ragione lui: a differenza delle nostre gambe (e dei motori a scoppio), riesce a sviluppare una buona coppia lungo tutta la gamma.
    Nota che le auto elettriche non hanno il cambio.
  2. impeto72:

    Io lo trovo sempre troppo esposto lateralmente. Tutti i cambi li segno proprio in prossimità del parallelogramma…
    Motivo per cui nelle
    Mtb anni 90 non mancava mai la protezione in acciaio…
Storia precedente

Una montagna di 20.000 pneumatici riciclati

Storia successiva

Le Alpi in Toscana: Apuane

Gli ultimi articoli in News

Corona in titanio 5DEV

5DEV è una piccola divisione che si occupa di prodotti MTB all’interno dell’azienda 5thAxis di San…