6 errori che tutti abbiamo fatto

81

6 errori in cui vi riconoscerete sicuramente. O almeno – almeno –  in uno di essi.

D’altronde chi non ha mai girato con le gomme dure come il marmo perché così la bici scorre meglio in salita? Per poi chiaramente dimenticarsi di regolare la pressione una volta che inizia la discesa e arrivando in fondo con le otturazioni saltate e i polsi che urlano pietà. Ahi ahi ahi, non hai visto il video sulla corretta pressione delle gomme?

Oppure eccoci la domenica mattina, tutti gasati per la libidinosa giornata di riding davanti a noi, mentre carichiamo la bici in macchina. Togliamo la ruota anteriore per farcela stare, incastriamo quelle degli amici di fianco alla nostra, facendo attenzione a non graffiare i telai da zig milioni di Euro e poi ecco che quel maledetto manubrio è lì pronto a sfondare il lunotto posteriore. Allora lo giriamo verso l’interno, inavvertitamente mettendo la leva del freno anteriore contro la parete interna della macchina. Arrivati a destinazione non riusciamo a rimettere la ruota anteriore perchè le pastiglie sono diventate un conglomerato di kriptonite, inseparabile per qualche misteriosa reazione chimica.

Come poi non ridere del tizio che pedala seduto come sulla tazza del cesso, secondo la regola della nonna che i piedi devono toccare saldamente per terra quando si sta in sella? Le rotule sono lì lì per saltar fuori e dirigersi verso valle, ma stoicamente il nostro eroe non molla. Mai.

Non dimentichiamoci poi di chi usa la catena come campanello: per far sentire che sta arrivando, il cigolio è così forte che i gatti scappano e le galline poppano uova una dietro l’altra.

Ammettetelo, anche a voi è capitato. Fateci sapere nei commenti gli errori più grossolani della vostra vita di biker. Se non i vostri, almeno quelli degli amici.

In collaborazione con Bike Lab Torino.

Non dimenticatevi del 15% di sconto per tutto dicembre 2021 su Maciag! Ecco come ottenerlo.

 

Commenti

  1. BRS1978:

    Uscire con compagni che ne hanno tre volte te
    quello però è il sale del ciclismo.
    le reazioni possono essere di tre tipi:

    1 - se voglio fare questo sport devo mangiare un bel po' di pagnotte, ed è bene che cominci subito;
    2 - mi do' al badminton;
    3 - compro un'assistita ma tengo ancora la mtb, che dopo che mi sono allenato poi la uso di nuovo (barzelletta dell'anno, in genere).
  2. Io dal basso della mia inesperienza vado sul classico.
    Non ho il reggisella telescopico per regolare l'altezza si scende.
    Puntualmente prima di iniziare una discesa penso che dovrei abbassarla, poi vincono la pigrizia e la fiducia nei santi e penso che me la caverò lo stesso.
    Non appena la pendenza diventa maggiore mi ritrovo a maledire me stesso e a mettere gli zebedei dal lato sbagliato della sella.
    Non sia mai che decida di scendere proprio ora...
  3. lollo72:

    Magari meglio stamparsi direttamente la " Certificazione verde COVID-19 " (così c'è scritto sul frontespizio , non Green Pass ! ) in caso non funzioni bene il telefono su cui è scaricata , inoltre sarebbe opportuno tenere con sé anche un documento di identità valido .
    P.S. spero non si giunga ad una situazione in cui per girare in mtb tra boschi e montagne ci voglia il famigerato pass , capisco in park o dove ci sono risalite meccanizzato "comuni" , ma con distanziamento ed all'aperto!
    Eh si' , ma e' indicato anche Green Pass in versione Base e in quella di Rafforzata !
    Fonte :https://www.governo.it/it/articolo/domande-frequenti-sulle-misure-adottate-dal-governo/15638
    View attachment
Storia precedente

[Video] L’Orbea Factory Team alla Cape Epic

Storia successiva

Trans Varaita Bike 2022: aperte le iscrizioni

Gli ultimi articoli in Tech Corner